O. J. Simpson fu "solo" il mandante? Un condannato a morte si auto-accusa del famoso omicidio

Un documentario propone una nuova verità, 17 anni dopo i processi

Sarebbe stato lui ad assassinare nel giugno del 1994 Nicole Brown, la ex moglie trentacinquenne di O. J. Simpson, ed il suo amico Ronald Lyle Goldman: questa la sorprendente auto-accusa che Glen Rogers, un serial killer galeotto già condannato a morte avrebbe espresso, stando ad un nuovo documentario televisivo.

Quello di O. J. Simpson è probabilmente il più controverso caso giudiziario americano degli ultimi decenni: quando l'ex moglie e l'amico vennero trovati barbaramente trucidati con decine di coltellate, l'allora popolarissimo ex supercampione di football americano (era stato la superstar dei San Francisco 49ers) e modesto attore (molti lo ricorderanno per una particina nei film della serie Una Pallottola Spuntata) anziché fornire un alibi si diede alla fuga, ingaggiando quello che ad oggi rimane l'inseguimento stradale in diretta televisiva più celebre della storia: oltre 100 milioni di telespettatori lo guardarono in tempo reale mentre tantava a lungo la fuga per le strade di Los Angeles a bordo di una Ford Bronco bianca, per poi arrendersi e consegnarsi alle manette.

Quello spettacolare tentativo di fuga rese colpevolista la gran parte dell'opinione pubblica, ragion per cui il verdetto di innocenza che venne pronunciato nel dicembre del 1995 venne accolto con indignazione. Sotto le unghie delle vittime era stato rinvenuto il DNA di O. J., ma il suo team di super-avvocati era riuscito a sollevare dubbi sulla attendibilità dell'esame; fatale era stata la incauta decisione del giovane ed inesperto procuratore di far provare all'imputato i guanti insanguinati rinvenuti sulla scena del crimine, che risultarono troppo piccoli per le sue mani, suggestionando la giuria con un "effetto Cenerentola" al contrario. Alla assoluzione in sede penale fece peraltro seguito nel 1997 una severissima condanna nel separato processo civile, dove Simpson, non potendo più contare sull'onere a carico dell'accusa di provare la sua colpevolezza "al di là di ogni ragionevole dubbio", venne condannato non solo al risarcimento di 8 milioni e mezzo di dollari, ma anche ad una sanzione (punitive damage) di ben venticinque milioni. Nell'immaginario collettivo quei processi sono rimasti un emblema di come la giustizia possa essere inquinata dal pregiudizio razziale: l'imputato afroamericano, le due vittime bianche, la giuria penale che lo assolse composta in maggioranza da giurati afroamericani, quella civile che lo condannò composta invece in maggioranza da bianchi.

Ora, stando alle anticipazioni di Discovery Channel che stasera lo manderà in onda, un nuovo documentario dal titolo "Mio fratello, il serial killer" rivela che Glen Rogers, arrestato nel 1995 appena un mese dopo la prima sentenza sul caso O. J. Simpson per l'omicidio di una donna in Florida, condannato a morte per quell'omicidio e quello di un'altra donna in California, indagato senza esito per gli omicidi di altre tre donne in altri tre Stati ed autoaccusatosi complessivamente di ben settanta omicidi, avrebbe confidato al fratello e ad un criminologo che l'ha esaminato di essere l'autore anche dell'omicidio della Brown e di Goldman, ma anche di averlo commesso su commissione dello stesso O. J. Simpson che lo avrebbe pagato per trafugare dei preziosissimi orecchini dall'abitazione dell'ex moglie, incoraggiandolo ad uccidere "se necessario", e verificando il suo operato subito dopo il delitto (donde le tracce sulla scena del crimine).

Non si hanno ancora commenti dallo stesso O. J. Simpson, il quale è attualmente detenuto in un penitenziario del Nevada per scontare una condanna per tutt'altro crimine, una rapina a mano armata in una camera d'hotel a Las Vegas nel 2007, a suo dire per riappropriarsi di cimeli della sua carriera sportiva trafugatigli tempo addietro.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.