O. J. Simpson fu "solo" il mandante? Un condannato a morte si auto-accusa del famoso omicidio

Un documentario propone una nuova verità, 17 anni dopo i processi

Sarebbe stato lui ad assassinare nel giugno del 1994 Nicole Brown, la ex moglie trentacinquenne di O. J. Simpson, ed il suo amico Ronald Lyle Goldman: questa la sorprendente auto-accusa che Glen Rogers, un serial killer galeotto già condannato a morte avrebbe espresso, stando ad un nuovo documentario televisivo.

Quello di O. J. Simpson è probabilmente il più controverso caso giudiziario americano degli ultimi decenni: quando l'ex moglie e l'amico vennero trovati barbaramente trucidati con decine di coltellate, l'allora popolarissimo ex supercampione di football americano (era stato la superstar dei San Francisco 49ers) e modesto attore (molti lo ricorderanno per una particina nei film della serie Una Pallottola Spuntata) anziché fornire un alibi si diede alla fuga, ingaggiando quello che ad oggi rimane l'inseguimento stradale in diretta televisiva più celebre della storia: oltre 100 milioni di telespettatori lo guardarono in tempo reale mentre tantava a lungo la fuga per le strade di Los Angeles a bordo di una Ford Bronco bianca, per poi arrendersi e consegnarsi alle manette.

Quello spettacolare tentativo di fuga rese colpevolista la gran parte dell'opinione pubblica, ragion per cui il verdetto di innocenza che venne pronunciato nel dicembre del 1995 venne accolto con indignazione. Sotto le unghie delle vittime era stato rinvenuto il DNA di O. J., ma il suo team di super-avvocati era riuscito a sollevare dubbi sulla attendibilità dell'esame; fatale era stata la incauta decisione del giovane ed inesperto procuratore di far provare all'imputato i guanti insanguinati rinvenuti sulla scena del crimine, che risultarono troppo piccoli per le sue mani, suggestionando la giuria con un "effetto Cenerentola" al contrario. Alla assoluzione in sede penale fece peraltro seguito nel 1997 una severissima condanna nel separato processo civile, dove Simpson, non potendo più contare sull'onere a carico dell'accusa di provare la sua colpevolezza "al di là di ogni ragionevole dubbio", venne condannato non solo al risarcimento di 8 milioni e mezzo di dollari, ma anche ad una sanzione (punitive damage) di ben venticinque milioni. Nell'immaginario collettivo quei processi sono rimasti un emblema di come la giustizia possa essere inquinata dal pregiudizio razziale: l'imputato afroamericano, le due vittime bianche, la giuria penale che lo assolse composta in maggioranza da giurati afroamericani, quella civile che lo condannò composta invece in maggioranza da bianchi.

Ora, stando alle anticipazioni di Discovery Channel che stasera lo manderà in onda, un nuovo documentario dal titolo "Mio fratello, il serial killer" rivela che Glen Rogers, arrestato nel 1995 appena un mese dopo la prima sentenza sul caso O. J. Simpson per l'omicidio di una donna in Florida, condannato a morte per quell'omicidio e quello di un'altra donna in California, indagato senza esito per gli omicidi di altre tre donne in altri tre Stati ed autoaccusatosi complessivamente di ben settanta omicidi, avrebbe confidato al fratello e ad un criminologo che l'ha esaminato di essere l'autore anche dell'omicidio della Brown e di Goldman, ma anche di averlo commesso su commissione dello stesso O. J. Simpson che lo avrebbe pagato per trafugare dei preziosissimi orecchini dall'abitazione dell'ex moglie, incoraggiandolo ad uccidere "se necessario", e verificando il suo operato subito dopo il delitto (donde le tracce sulla scena del crimine).

Non si hanno ancora commenti dallo stesso O. J. Simpson, il quale è attualmente detenuto in un penitenziario del Nevada per scontare una condanna per tutt'altro crimine, una rapina a mano armata in una camera d'hotel a Las Vegas nel 2007, a suo dire per riappropriarsi di cimeli della sua carriera sportiva trafugatigli tempo addietro.

Altri Servizi

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, esperti di antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Gli Stati Uniti stanno studiando delle soluzioni per limitare le ingerenze di Russia e Cuba nell'attuale crisi in Venezuela. "È un obiettivo principale del dipartimento di Stato, quello di tenere russi e cubani fuori dal Venezuela" ha detto un funzionario del dipartimento al Miami Herald.

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Da oggi al 23 maggio l’Italia dell’High Tech è protagonista con 19 aziende a uno degli eventi di innovazione e tecnologia più importanti al mondo e che per la prima volta nella sua storia fa tappa in Canada. Al Enercare Centre di Toronto il nostro Paese si mette in mostra alla edizione 2019 di Collision, spin off del Web Summit di Lisbona e versione nordamericana della principale conferenza mondiale dedicata ad innovazione e tecnologia, web, ICT ed elettronica, che si svolge, a cadenza annuale, in varie città nordamericane. Las Vegas e New Orleans hanno ospitato le ultime cinque edizioni. A Collision 2019 sono attesi oltre 25.000 partecipanti da 120 paesi. Sono circa 6 mila le aziende presenti fra cui Ibm, Intel, Amazon, General Electric, Facebook, Verizon, Salesforce, Coca Cola e Allianz. L'iniziativa tricolore si colloca nell'ambito del Progetto Speciale Alta Tecnologia, Piano Straordinario Made in Italy 2017.

Wall Street, si guarda sempre ai rapporti Usa-Cina

Nuove tensioni, dopo l'ordine esecutivo di Trump contro Huawei
AP