Obama autore di libri dopo la Casa Bianca? Per lui contratti per 45 milioni di dollari

Potrebbe essere il presidente-autore di maggior successo da Theodore Roosevelt, che ha scritto 42 libri. Ha già firmato 3 volumi, incassando oltre 10 milioni di dollari
AP

Barack Obama si prepara a lasciare la Casa Bianca e, quando succederà il prossimo gennaio, vorrebbe diventare un venture capitalist, investire nell'Nba e smettere di dovere subire controlli estenuanti ogni volta che si muove. Lo ha detto più volte, tra il serio e il faceto. Ma c'è una passione che sicuramente si rivelerà molto redditizia: scrivere libri.

Secondo agenti letterari ed editori, il presidente americano, prossimo a diventare un ex, potrà firmare, insieme alla consorte Michelle, contratti per biografie post-presidenza milionari: qualcuno scommette su cifre tra i 20 e i 45 milioni di dollari. Una somma più che sufficiente per togliersi molti sfizi e pagare l'affitto da 22.000 dollari al mese previsto per la casa con nove stanze da letto dove la famiglia Obama vivrà nel quartiere di Kalorama, a Washington.

"E' molto facile che sarà il libro, o i libri, di memorie presidenziali più pagati di sempre", ha detto Raphael Sagalyn, agente di ICM/Sagalyn Literary Agency, secondo cui Obama potrà guadagnare fino a 30 milioni di dollari con un contratto per due o tre libri. E la futura ex first lady gli farà concorrenza: "Anche lei ha l'opportunità di firmare la biografia meglio pagata di una ex first lady", ha detto Sagalyn.

Molti agenti sono d'accordo con lui, mentre gli editori scommettono su cifre più basse, seppur comunque di tutto rispetto: per loro è probabile che Obama non porterà a casa più di 12 milioni e Michelle non oltre 10 milioni. Per ora la Casa Bianca nicchia: "Ci sarà tantissimo tempo dopo la fine del mandato per parladre di libri e contratti, per ora il presidente si concentra su tutto il progresso possibile che si può far fare al Paese nei prossimi cinque mesi", ha detto Jen Psaki, portavoce del presidente.

Obama potrebbe comunque essere il presidente-autore di maggior successo da Theodore Roosevelt, che ha scritto 42 libri, tra cui i famosissimi "Hunting Trips of a Ranchman", del 1885, e "The Wilderness Hunter", del 1993. L'attuale presidente ha già pubblicato tre volumi - "I sogni di mio padre", "L'audacia della speranza" e "Di voi io canto" - che hanno venduto oltre 4 milioni di copie, facendogli incassare oltre 10 milioni di dollari.

Una curiosità: dal 1952 in poi tutti i candidati che hanno vinto le elezioni hanno pubblicato almeno un libro prima di iniziare il primo mandato alla Casa Bianca e John F. Kennedy con il suo "Profiles in Courage" aveva vinto il premio Pulitzer. Quindi, forse, prima ancora della biografia post-presidenziale di Obama arriverà nelle librerie un libro firmato da Hillary Clinton o Donald Trump, i due candidati che si contendono il posto di Obama.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP