Obama blocca le trivellazioni nell'Artico e nell'Atlantico

Grazie a provvedimento contenuto in una legge del 1953 che sarà molto difficile da invertire per Donald Trump

Nonostante la sua eredità sia a forte rischio, nonostante Donald Trump abbia promesso di ridare spazio ai combustibili fossili, Barack Obama ha assestato l'ultimo colpo in tema di ambiente. Un colpo forte, destinato a restare visto che sarà molto complesso per il suo successore ribaltare la decisione. Obama ha infatti vietano in modo permanente le trivellazioni di petrolio e di gas naturale offshore nell'Artico e nell'Atlantico.

In che modo? L'amministrazione Obama fa riferimento a una misura contenuta in una legge del 1953 (Outer Continental Shelf Lands Act) che dà al presidente la possibilità di agire in modo unilaterale sulla questione. E se alcuni presidenti hanno deciso di applicare questo provvedimento sono su piccole aree, Obama ha deciso di estendere il divieto dalla Virginia al Maine e lungo la maggior parte della costa dell'Alaska.

Per ora, scrive il New York Times, la certezza è che il provvedimento firmato dal presidente Usa possa oltre che attirare l'ira di Trump, finire in un tribunale e aprire una battaglia legale. Ma soprattutto per far saltare la decisione di Obama la nuova amministrazione dovrà preparare un rapporto dettagliato per cui potrebbero servire almeno due anni. Poi bisognerebbe organizzare le concessioni con le multinazionali, operazione che potrebbe richiedere altro tempo. A questo punto, Trump, dovrebbe presentarsi alle elezioni per cercare il suo secondo termine.

Quindi il piano di Obama sarebbe un ultimo tentativo finale per cercare di tamponare l'azione di Trump nei prossimi quattro anni, sperando in un nuovo presidente ambientalista e democratico nelle elezioni del 2020. Il New York Times fa notare come la partita nei prossimi anni sarà molto combattuta, anche se il team di legali ed esperti di Obama si sia studiato tutte le possibilità e abbia usato uno strumento molto potente per temporeggiare.

La nuova legge prevede che le perforazioni siano messe al bando nel 98% delle acque dell'Artico di proprietà dello stato federali, circa 46 milioni di ettari: una regione che contiene decine di specie animali a rischio, tra cui l'orso polare e le balene della Groenlandia. Allo stesso tempo vieta le perforazioni lungo la costa atlantica in corrispondenza dei canyon sottomarini, dove vivono specie di coralli e di pesci molto rari. Oltre a Obama anche il primo ministro canadese, Justin Trudeau, ha annunciato un provvedimento simile per le acque dei mari del suo paese.

Da anni i grandi gruppi petroliferi tentano esplorazioni dell'Artico: sono molto costose e difficili e spesso si sono concluse senza alcun risultato. Ad esempio Royal Dutch Shell ha scoperto un pozzo nel 2015 dopo anni di analisi. Il risultato? Ha speso più di 7 miliardi anche se alla fine il giacimento era vuoto. Tra i sostenitori di Trump tuttavia c'è chi spera che il miliardario possa intraprendere azioni legali per bloccare la decisione di Obama.

Bill Clinton ad esempio aveva usato la stessa misura di Obama mettendo in sicurezza 121 milioni di ettari. Il presidente George W. Bush in otto anni alla Casa Bianca era riuscito a riaprire alle trivellazioni 20 milioni di ettari che invece erano protetti dalla decisione di Clinton.

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento