Obama is back

Il 44esimo presidente torna sulla scena internazionale, e lo fa partendo da Milano. Nel suo futuro la volontà di aiutare le nuove generazioni e creare una rete internazionale di giovani attivisti. Intervista con Maurizio Molinari, direttore della Stampa'

Nessuna cravatta e camicia sbottonata: Barack Obama torna a calcare il palcoscenico internazionale nei panni del privato cittadino, e lo fa partendo da Milano. Dal palco del convegno ‘Seeds and Chips’, la manifestazione pensata da Marco Gualtieri che ambisce a diventare un punto di riferimento per la discussione sull’innovazione alimentare, Obama parla in particolare delle sfide future sull’ambiente e sull’alimentazione, ma offre anche uno spaccato su di sé. Dopo otto anni di presidenza, e con molti capelli bianchi in più, il 44esimo presidente si dice ora pronto dedicarsi ad una nuova sfida: lavorare con le nuove generazioni per creare una rete internazionale di giovani attivisti, la prossima classe dirigenziale.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

“Questo fatto di voler essere il punto di riferimento dell’evoluzione e delle sfide dei millennials è ciò che lo contraddistingue, ciò che segna ad esempio una svolata con il suo predecessore liberal più nobile, Bill Clinton, più attento invece a grandi temi come la globalizzazione e lo sviluppo”. Con queste parole il direttore della Stampa Maurizio Molinari commenta dai microfoni di America24 il ‘nuovo Obama’; un Obama che parte dal basso, dai più giovani appunto, ma che tuttavia - sostiene sempre Molinari - risulta meno autorevole in questo look più sportivo. “Capisco che voglia sembrare più giovane e in sintonia con le nuove generazioni”, spiega il direttore, “Ma la realtà è che l’aspetto più forte della figura di Obama è legato proprio alla sua oratoria presidenziale”.

Tra le pieghe del discorso del presidente americano è emersa anche una critica al populismo dilagante, alle ricette politiche semplicistiche che promuovono il protezionismo e l’isolazionismo come la soluzione ai problemi economici e sociali del nostro tempo. “Obama ha fatto un’analisi economica che va al cuore della minaccia del populismo”, spiega Molinari, “Ha messo infatti in guardia dal rischio di una perdita dei posti di lavoro legata all’avanzare delle nuove tecnologie. 'Prima bisogna pensare a chi resta senza un impiego', ha detto. Ed è proprio questa la risposta capace di disinnescare la protesta populista, in questo si è dimostrato un leader visionario”.


Canzone del giorno: Pink Martini - But Now I'm Back

Altri Servizi

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock