Obama is back

Il 44esimo presidente torna sulla scena internazionale, e lo fa partendo da Milano. Nel suo futuro la volontà di aiutare le nuove generazioni e creare una rete internazionale di giovani attivisti. Intervista con Maurizio Molinari, direttore della Stampa'

Nessuna cravatta e camicia sbottonata: Barack Obama torna a calcare il palcoscenico internazionale nei panni del privato cittadino, e lo fa partendo da Milano. Dal palco del convegno ‘Seeds and Chips’, la manifestazione pensata da Marco Gualtieri che ambisce a diventare un punto di riferimento per la discussione sull’innovazione alimentare, Obama parla in particolare delle sfide future sull’ambiente e sull’alimentazione, ma offre anche uno spaccato su di sé. Dopo otto anni di presidenza, e con molti capelli bianchi in più, il 44esimo presidente si dice ora pronto dedicarsi ad una nuova sfida: lavorare con le nuove generazioni per creare una rete internazionale di giovani attivisti, la prossima classe dirigenziale.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

“Questo fatto di voler essere il punto di riferimento dell’evoluzione e delle sfide dei millennials è ciò che lo contraddistingue, ciò che segna ad esempio una svolata con il suo predecessore liberal più nobile, Bill Clinton, più attento invece a grandi temi come la globalizzazione e lo sviluppo”. Con queste parole il direttore della Stampa Maurizio Molinari commenta dai microfoni di America24 il ‘nuovo Obama’; un Obama che parte dal basso, dai più giovani appunto, ma che tuttavia - sostiene sempre Molinari - risulta meno autorevole in questo look più sportivo. “Capisco che voglia sembrare più giovane e in sintonia con le nuove generazioni”, spiega il direttore, “Ma la realtà è che l’aspetto più forte della figura di Obama è legato proprio alla sua oratoria presidenziale”.

Tra le pieghe del discorso del presidente americano è emersa anche una critica al populismo dilagante, alle ricette politiche semplicistiche che promuovono il protezionismo e l’isolazionismo come la soluzione ai problemi economici e sociali del nostro tempo. “Obama ha fatto un’analisi economica che va al cuore della minaccia del populismo”, spiega Molinari, “Ha messo infatti in guardia dal rischio di una perdita dei posti di lavoro legata all’avanzare delle nuove tecnologie. 'Prima bisogna pensare a chi resta senza un impiego', ha detto. Ed è proprio questa la risposta capace di disinnescare la protesta populista, in questo si è dimostrato un leader visionario”.


Canzone del giorno: Pink Martini - But Now I'm Back

Altri Servizi

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

L'inchiesta pensata per indagare sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sulla potenziale collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi sta subendo un nuovo attacco. A lanciarlo, con l'intento di screditare il Russiagate, è un gruppo di repubblicani convinti che il procuratore speciale Robert Mueller - colui che è a capo delle indagini - abbia ottenuto illegalmente email scambiate dalle persone di cui Trump si era circondato durante il periodo di transizione tra la sua elezione e il suo arrivo alla Casa Bianca.

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.