Obama: nel 2030 andremo su Marte

Il presidente americano in un editoriale su Cnn spiega quali sono gli obiettivi e le sfide del nuovo programma spaziale degli Stati Uniti

Dopo le indecisioni degli anni passati, adesso il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha promesso che gli Stati Uniti inizieranno a collaborare con aziende private per portare l'uomo su Marte.

Il giorno? Non c'è ancora una data precisa, ma sarà nel decennio del 2030. Lo scrive Obama in un editoriale pubblicato oggi su Cnn in cui mescola le sue memorie di bambino con il programma spaziale americano che ha portato gli Usa a vincere la battaglia con Unione sovietica. "Continuo a conservare lo stesso senso di stupore per il programma spaziale che avevo quando ero un bambino", scrive il presidente.

Per questo, continua Obama, nel primo anno del mio governo abbiamo cercato di riportare la scienza ad avere un ruolo importante, l0'anno seguente abbiamo rivitalizzato il programma di ricerca scientifica alla Nasa. "Solo l'anno scorso la Nasa ha scoperto la presenza di acqua allo stato liquido su Marte e la prova della presenza di ghiaccio su una luna di Giove, e mappato Plutone - più di 3 miliardi di miglia di distanza dalla Terra - in alta risoluzione", scrive il presidente.

Poi l'annuncio. "Abbiamo stabilito un obiettivo concreto per il prossimo capitolo della storia americana nello spazio: mandare gli uomini su Marte entro il decennio del 2030 e farli ritornare in modo sicuro sulla terra, con l'ambizione finale che un giorno possano rimanere l" per un periodo prolungato", ha detto Obama nel suo editoriale.

"Il prossimo passo è quello di andare oltre l'orbita della Terra. Sono eccitato di annunciare che stiamo lavorando con i nostri partner commerciali per creare nuovi habitat che possano sostenere la vita e il trasporto degli astronauti nello spazio profondo,. Queste missioni ci insegneranno che gli uomini potranno vivere lontani dalla Terra - una cosa che ci servirà per il lungo viaggio verso Marte", ha concluso il presidente.

Altri Servizi

Russiagate: arriva il procuratore speciale chiesto dai democratici

Robert Mueller, il predecessore del capo dell'Fbi silurato dal presidente, guiderà l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa. Trump: avanti con l'inchiesta, nessuna collusione tra mia campagna e "soggetti stranieri"

Dopo tante polemiche, i democratici hanno ottenuto quello che volevano ma che la Casa Bianca reputava non necessario: il dipartimento americano di Giustizia ha scelto un procuratore speciale a cui affidare la guida delle indagini sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna di Trump e funzionari russi.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

La più antica Camera di Commercio del Nord America ritorna a svolgere un ruolo centrale nel coordinamento dell’area Nafta. La CCIE di New York è stata eletta a rappresentare tutte le nove camere di commercio dell’area area Nafta (Canada, Stati Uniti e Messico).

La riforma sanitaria approda in aula

Otto miliardi di dollari in più per risolvere il nodo delle polizze a chi ha già malattie preesistenti: i deputati Fred Upton e Billy Long sbloccano la situazione alla Camera. I repubblicani sono fiduciosi: "Abbiamo i voti".
AP

“Abbiamo i voti, si va in aula”. I repubblicani tentano un nuovo assalto alla riforma sanitaria, e questa volta sono fiduciosi. Sono passate solo 24 ore da quando sembrava che anche la terza bozza del disegno di legge dovesse naufragare come le precedenti, schiacciata dal peso del disaccordo di alcuni membri del Gop in merito alle regole sulle ‘precondizioni’. I cittadini affetti da malattie o malformazioni preesistenti, si evinceva dal testo, si sarebbero trovati a pagare premi assicurativi più salati, che sarebbero stati decisi dalle stesse compagnie; un’ipotesi questa su cui molti repubblicani sembravano convinti a non concedere il proprio voto. Ieri infine la svolta. I deputati Fred Upton e Billy Long hanno offerto un’alternativa: aggiungiamo 8 miliardi di dollari ai 115 già stanziati dall’amministrazione Obama per compensare le situazioni più svantaggiate. E finalmente per Donald Trump e il Gop i conti - quelli dei voti favorevoli e contrari - sembrano tornare.

Obama is back

Il 44esimo presidente torna sulla scena internazionale, e lo fa partendo da Milano. Nel suo futuro la volontà di aiutare le nuove generazioni e creare una rete internazionale di giovani attivisti. Intervista con Maurizio Molinari, direttore della Stampa'

Nessuna cravatta e camicia sbottonata: Barack Obama torna a calcare il palcoscenico internazionale nei panni del privato cittadino, e lo fa partendo da Milano. Dal palco del convegno ‘Seeds and Chips’, la manifestazione pensata da Marco Gualtieri che ambisce a diventare un punto di riferimento per la discussione sull’innovazione alimentare, Obama parla in particolare delle sfide future sull’ambiente e sull’alimentazione, ma offre anche uno spaccato su di sé. Dopo otto anni di presidenza, e con molti capelli bianchi in più, il 44esimo presidente si dice ora pronto dedicarsi ad una nuova sfida: lavorare con le nuove generazioni per creare una rete internazionale di giovani attivisti, la prossima classe dirigenziale.

Medicine che uccidono

Al Tribeca film festival il documentario di Perri Peltz sugli antidolorifici a base di oppio. Vicodin, Ossicodone, Opana, Ossimorfone: in America è emergenza. Il Congresso approva il bilancio, all’orizzonte un nuovo scontro sulla riforma sanitaria.

Dalla Motor Valley alla Silicon Valley, il viaggio di Lamborghini a caccia di talenti e innovazione

Il Ceo Stefano Domenicali a un evento alla Stanford University; presentato studente che farà tirocino nel gruppo. Esclude supercar self-driving o elettriche e lo sbarco nella F1. Preannuncia altro anno record. Attesa per super Suv Urus
Lamborghini

Stanford - Una Lamborghini che si guida da sola? "Assolutamente no". Una in versione elettrica? "Non la vediamo nel breve termine". La tecnologia? Importante, purché sia usata per migliorare la performance mantenendo le supercar Lamborghini "fun to drive", sempre. Stefano Domenicali, amministratore delegato e presidente del gruppo di Sant'Agata Bolognese, non ha dubbi: "Nel segmento delle supercar non mi aspetto grandi cambiamenti". E anche se assimilerà tecnologie sempre più avanzate ma comuni nel settore automotive, Lamborghini intende continuare a differenziarsi per essere percepito come un gruppo che vende non solo auto di altissima gamma ma anche "un'esperienza unica".

Wall Street, crescono le preoccupazioni su Trump

I problemi politici del presidente rischiano di bloccare la sua agenda economica
AP

Attivista democratico ucciso era una talpa di WikiLeaks?

Fonti di Fox News: "Seth Rich ha consegnato e-mail interne del partito"; la famiglia nega. I responsabili dell'omicidio non sono stati arrestati, così aumentano i complottisti

Seth Rich, un membro dello staff del Comitato nazionale democratico, avrebbe consegnato a WikiLeaks migliaia di e-mail tra membri del partito prima di essere ucciso, lo scorso luglio, con due colpi di pistola a pochi metri da casa sua, a Washington. A sostenerlo è Fox News, citando una fonte delle forze dell'ordine, il cui racconto è stato confermato anche dall'investigatore privato assunto dalla famiglia della vittima. Famiglia che, invece, ha smentito, parlando di "prove false".

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.