Obama: nel 2030 andremo su Marte

Il presidente americano in un editoriale su Cnn spiega quali sono gli obiettivi e le sfide del nuovo programma spaziale degli Stati Uniti

Dopo le indecisioni degli anni passati, adesso il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha promesso che gli Stati Uniti inizieranno a collaborare con aziende private per portare l'uomo su Marte.

Il giorno? Non c'è ancora una data precisa, ma sarà nel decennio del 2030. Lo scrive Obama in un editoriale pubblicato oggi su Cnn in cui mescola le sue memorie di bambino con il programma spaziale americano che ha portato gli Usa a vincere la battaglia con Unione sovietica. "Continuo a conservare lo stesso senso di stupore per il programma spaziale che avevo quando ero un bambino", scrive il presidente.

Per questo, continua Obama, nel primo anno del mio governo abbiamo cercato di riportare la scienza ad avere un ruolo importante, l0'anno seguente abbiamo rivitalizzato il programma di ricerca scientifica alla Nasa. "Solo l'anno scorso la Nasa ha scoperto la presenza di acqua allo stato liquido su Marte e la prova della presenza di ghiaccio su una luna di Giove, e mappato Plutone - più di 3 miliardi di miglia di distanza dalla Terra - in alta risoluzione", scrive il presidente.

Poi l'annuncio. "Abbiamo stabilito un obiettivo concreto per il prossimo capitolo della storia americana nello spazio: mandare gli uomini su Marte entro il decennio del 2030 e farli ritornare in modo sicuro sulla terra, con l'ambizione finale che un giorno possano rimanere l" per un periodo prolungato", ha detto Obama nel suo editoriale.

"Il prossimo passo è quello di andare oltre l'orbita della Terra. Sono eccitato di annunciare che stiamo lavorando con i nostri partner commerciali per creare nuovi habitat che possano sostenere la vita e il trasporto degli astronauti nello spazio profondo,. Queste missioni ci insegneranno che gli uomini potranno vivere lontani dalla Terra - una cosa che ci servirà per il lungo viaggio verso Marte", ha concluso il presidente.

Altri Servizi

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc

Il senatore repubblicano, John McCain, è intervenuto in difesa della stampa e ha attaccato nuovamente Donald Trump che, dopo i vari scontri delle ultime settimane con i giornalisti, aveva definito su Twitter i media statunitensi "nemici degli americani". Parole durissime, che hanno creato spaccature anche fra i suoi uomini con il segretario alla Difesa, John Mattis, che ha preso le distanze dal presidente. ''Sono preoccupato'', ha invece dichiarato McCain che ha poi tuonato sostenendo che è cos" che iniziano e hanno iniziato tutti i dittatori.

Gli Usa dicono addio a Norma McCorvey, l'attivista "accidentale" che aprì la strada alla legalizzazione dell'aborto

Nota come Jane Roe, si è spenta all’età di 69 anni per un problema al cuore

Il 18 febbraio è morta per un problema al cuore a Katy, in Texas, Norma Leah McCorvey, la cameriera texana che ha contribuito a cambiare il corso dei diritti delle donne statunitensi. McCorvey divenne famosa negli anni settanta con lo pseudonimo Jane Roe, usato in uno dei più famosi e importanti processi andati in scena nei tribunali americani negli ultimi decenni (Roe contro Wade) e che si concluse, con una sentenza emessa il 22 gennaio del 1973 che sancì di fatto il diritto all’aborto.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Ivanka Trump Eau de Parfum, il profumo prodotto dalla figlia del presidente degli Stati Uniti, è il più venduto su Amazon da almeno tre giorni. Effetto della decisione della catena Nordstrom di non vendere più i vestiti e i profumi di Ivanka Trump nei suoi grandi magazzini di lusso. Altri prodotti Trump stanno ottenendo grande successo su Amazon, anche perché, come si legge in una recensione sul sito di e-commerce, "questo prodotto, prima, lo compravo da Nordstrom".

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.

Pence: "L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è incrollabile, ma gli alleati facciano di più"

Il vicepresidente degli Stati Uniti è a Monaco di Baviera, dove è in corso la Conferenza per la Sicurezza. Washington vuole cercare un "nuovo terreno comune" con la Russia, ma Mosca deve rispettare gli accordi di Minsk

L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è "incrollabile". L'ha detto oggi il vicepresidente statunitense, Mike Pence, parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. Un discorso con cui l'ex governatore dell'Indiana ha voluto rassicurare gli alleati, dopo alcune dichiarazioni del presidente Donald Trump che sembravano poter mettere in discussione il ruolo di Washington.

Azionario da record grazie a Trump ma i rialzi sono stati migliori con altri presidenti Usa

Nel primo mese con il miliardario alla Casa Bianca, Dj +4,02%: è la migliore performance dal 1945; S&P 500 +3,5%: rialzo maggiore dal 1997
AP

Donald Trump se ne vanta spesso: l'azionario americano è stato protagonista di un bel rialzo da quando è stato eletto. Gli indici hanno inanellato una serie di record con gli investitori che hanno scommesso su un taglio alle tasse, che ancora deve essere annunciato, e su uno stimolo fiscale che teoricamente permetterà all'economia Usa di crescere ancora di più. L'effetto Trump su Wall Street nel suo primo mese alla Casa Bianca lo ha misurato Dow Jones.

Trump vuole la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari? Non sarebbe il primo presidente Usa

Per l'Ap, ci sarebbe un piano senza precedenti per mobilitare 100.000 soldati. Esistono, comunque, dei precedenti con Bush figlio e Obama
iStock

Donald Trump vuole davvero inviare 100.000 militari della Guardia nazionale negli Stati al confine con il Messico (e non solo) per rafforzare la lotta contro gli immigrati irregolari? La Casa Bianca ha smentito l'Associated Press, che ha rivelato in esclusiva il contenuto di un documento di 11 pagine che svelerebbe i piani dell'amministrazione Trump, affermando, attraverso il portavoce Sean Spicer, che "non si tratta di un documento della Casa Bianca" ed è "al 100% non vero"; Spicer, però, non ha categoricamente negato che tale proposta sia stata presa in considerazione dall'amministrazione. L'ipotetico piano ha già scatenato i media nazionali e internazionali, ma Trump non sarebbe il primo presidente statunitense a usare la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari.