Obama punisce la Russia per l'hacking alle elezioni. Putin pronto al contrattacco

Espulsione per 35 diplomatici considerati "persona non grata". Sanzioni contro funzionari e gruppi che hanno aiutato l'intelligence a Mosca. Individuati due hacker. Chiusura forzata di due complessi russi in Maryland e a New York

Barack Obama lo aveva promesso nella sua ultima conferenza stampa del 2016 prima delle vacanze di Natale. Tredici giorni dopo è arrivata la conferma: il presidente americano uscente ha annunciato una serie di misure pesantissime con cui intente punire la Russia per avere interferito nelle elezioni americane vinte a sorpresa dal repubblicano Donald Trump attraverso cyber-attività "aggressive": la tesi è che le intrusioni illecite dei pirati informatici arruolati da Mosca abbiano danneggiato la candidata democratica Hillary Clinton e messo a repentaglio il processo elettorale e le istituzioni democratiche della prima economia al mondo. E questo nonostante "ripetuti avvertimenti fatti privatamente e in pubblico", ha tuonato il presidente uscente facendo riferimento al monito lanciato a settembre a Vladimur Putin durante il G20 in Cina e poi il 16 dicembre scorso davanti alle telecamere riunite alla Casa Bianca prima di andare alle Hawaii. Il Cremlino ha negato tutto definendo le accuse "prive di fondamento" e le ritorsioni "illegali". E per questo prepara il contrattacco.

Usa pronti a sguinzagliare i loro hacker (in segreto)
Proprio alla luce del comportamento di Mosca, il 44esimo presidente Usa ha minacciato il Cremlino e ha lanciato un appello al popolo americano e agli alleati. Alla Russia ha detto che gli Usa continueranno "ad adottare una serie di azioni quando e dove lo vogliamo, alcune delle quali non saranno pubblicizzate", un altro modo per dire che Washington risponderà all'hackeraggio di Mosca con i suoi pirati informatici. Ai concittadini ha spiegato: "Tutti dovrebbero essere allarmati dalle azioni della Russia". E alle nazioni partner ha chiesto di lavorare "insieme per contrastare gli sforzi della Russia volti a danneggiare norme di comportamento costituite su scala internazionale e volte a interferire la governance democratica".

In vista della consegna "nei prossimi giorni" al Congresso di un rapporto centrato sugli sforzi del Cremlino volti a interferire "nelle nostre elezioni", Obama ha ampliato la sua autorità inserendo un emendamento a un ordine esecutivo dell'aprile 2015 che ha funzionato da deterrente con la Cina ma non con la Russia in campo di cyber-intrusioni.

Le misure punitive contro la Russia
Con i nuovi poteri, il presidente Usa ha annunciato l'espulsione di 35 diplomatici considerati "persona non grata": dovranno lasciare gli Usa entro 72 ore; attualmente sono sparsi tra l'ambasciata russa a Washington e il consolato russo a San Francisco. Il dipartimento di Stato inoltre si appresta a chiudere due complessi a uso ricreativo di proprietà della Russia presenti su suolo americano (in Maryland e a New York): nessuno del personale russo potrà metterci piede a partire da domani quando in Italia saranno le 18

Obama ha inoltre comunicato sanzioni contro due servizi di intelligence russi (Gru e Fsb), quattro funzionari della Gru e tre aziende che hanno fornito materiale di sostegno alle cyber-attività. Di tutti loro la Casa Bianca ha fornito nomi e cognomi. Il Tesoro ha inoltre individuato due hacker russi (di cui sono state diffuse anche le fotografie).

Infine il dipartimento della Sicurezza nazionale e l'Fbi hanno pubblicato un rapporto congiunto che contiene informazioni tecniche (in alcuni casi erano top secret) sulle intrusioni informatiche eseguite dai servizi d'intelligence militari e civili della Russia. L'obiettivo è "aiutare a meglio proteggere le reti Usa e a identificare e fare saltare la campagna globale della Russia data dalle cyber-attività illecite". Ora non resta che aspettare le ritorsioni russe contro gli Usa. Come ha fatto sapere il Cremlino "vale il principio di reciprocità"; sta a Putin decidere come reagire alle nuove sanzioni nella speranza che con l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca le relazioni tra le due nazioni migliorino. Il 45esimo presidente Usa aveva ha capire di lasciarsi alle spalle l'incidente russo: "Dobbiamo andare avanti con le nostre vite". 

Altri Servizi

Wall Street guarda al fronte economico Usa

Focus sul Pil Usa e sulle notizie dal fronte del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione.
AP

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Altro che la battaglia tra il presidente americano Donald Trump e il Congresso Usa, dove venerdì 24 marzo è stata ritirata la proposta di riforma sanitaria perché priva dei voti necessari per la sua approvazione alla Camera. Secondo un articolo del Wall Street Journal, è l'Italia a rappresentare la principale minaccia politica all'orizzonte per gli investitori.

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Dopo il flop del Note 7, Samsung torna con Galaxy S8

Presentato a New York il nuovo smartphone del gruppo sudcoreano: schermo più grande, addio al pulsante home e assistente vocale Bixby per sfidare Siri di Apple e Google Assistant

Samsung prova a ripartire dal Lincoln Center di New York, per dimenticare il fallimento dei tablet Note 7 che prendevano fuoco e per provare a dare una nuova spallata ad Apple, nell'anno del decimo anniversario di iPhone. Da Manhattan il gruppo coreano ha presentato il Galaxy S8, uno smartphone con uno schermo più grande rispetto a il precedente S7 e con un assistente vocale, Bixby, nato come risposta a Siri di Apple e a Google Assistant.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Economia Usa cresce a passo più rapido, Pil rivisto a +2,1%

Insieme al dato sul Pil sono stati diffusi i numeri sui profitti aziendali, che hanno guadagnato slancio negli ultimi mesi del 2016, mentre più in generale la crescita economica è rimasta costante, ma modesta.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel quarto trimestre a passo più rapido di quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura finale del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto del 2,1%, contro l'1,9% della stima preliminare e di quella intermedia. Il dato è superiore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione del 2%. Il Pil era salito del 3,5% nel terzo trimestre, dell'1,4% nel secondo e dello 0,8% nel primo.

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Ivanka Trump ha deciso di formalizzare il suo ruolo alla Casa Bianca confermando di essere una "first daughter" con una visibilità certamente maggiore della first lady, Melania. La figlia maggiore del presidente americano Donald diventa ufficialmente un dipendente federale non retribuito andando a unirsi al marito Jared Kushner, consigliere del presidente e a sua volta non pagato al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington.

La Casa Bianca dice no a un incontro Trump-Putin a maggio

Il Cremlino aveva proposto di approfittare della presenza in Europa del presidente Usa, che parteciperà al vertice della Nato in Belgio. Difficile un faccia a faccia prima del G20 di luglio in Germania
iStock

Chi credeva in un miglioramento immediato delle relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti con l'arrivo di Donald Trump alla presidenza americana, forse si deve ricredere. Stando al Wall Street Journal, la Casa Bianca ha detto no alla proposta avanzata da funzionari russi di un faccia a faccia tra il 45esimo Commander in chief e il presidente Vladimir Putin a fine maggio, approfittando della partecipazione del presidente Usa al vertice Nato previsto il 25 maggio a Bruxelles (Belgio).

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).