Obama punisce la Russia per l'hacking alle elezioni. Putin pronto al contrattacco

Espulsione per 35 diplomatici considerati "persona non grata". Sanzioni contro funzionari e gruppi che hanno aiutato l'intelligence a Mosca. Individuati due hacker. Chiusura forzata di due complessi russi in Maryland e a New York

Barack Obama lo aveva promesso nella sua ultima conferenza stampa del 2016 prima delle vacanze di Natale. Tredici giorni dopo è arrivata la conferma: il presidente americano uscente ha annunciato una serie di misure pesantissime con cui intente punire la Russia per avere interferito nelle elezioni americane vinte a sorpresa dal repubblicano Donald Trump attraverso cyber-attività "aggressive": la tesi è che le intrusioni illecite dei pirati informatici arruolati da Mosca abbiano danneggiato la candidata democratica Hillary Clinton e messo a repentaglio il processo elettorale e le istituzioni democratiche della prima economia al mondo. E questo nonostante "ripetuti avvertimenti fatti privatamente e in pubblico", ha tuonato il presidente uscente facendo riferimento al monito lanciato a settembre a Vladimur Putin durante il G20 in Cina e poi il 16 dicembre scorso davanti alle telecamere riunite alla Casa Bianca prima di andare alle Hawaii. Il Cremlino ha negato tutto definendo le accuse "prive di fondamento" e le ritorsioni "illegali". E per questo prepara il contrattacco.

Usa pronti a sguinzagliare i loro hacker (in segreto)
Proprio alla luce del comportamento di Mosca, il 44esimo presidente Usa ha minacciato il Cremlino e ha lanciato un appello al popolo americano e agli alleati. Alla Russia ha detto che gli Usa continueranno "ad adottare una serie di azioni quando e dove lo vogliamo, alcune delle quali non saranno pubblicizzate", un altro modo per dire che Washington risponderà all'hackeraggio di Mosca con i suoi pirati informatici. Ai concittadini ha spiegato: "Tutti dovrebbero essere allarmati dalle azioni della Russia". E alle nazioni partner ha chiesto di lavorare "insieme per contrastare gli sforzi della Russia volti a danneggiare norme di comportamento costituite su scala internazionale e volte a interferire la governance democratica".

In vista della consegna "nei prossimi giorni" al Congresso di un rapporto centrato sugli sforzi del Cremlino volti a interferire "nelle nostre elezioni", Obama ha ampliato la sua autorità inserendo un emendamento a un ordine esecutivo dell'aprile 2015 che ha funzionato da deterrente con la Cina ma non con la Russia in campo di cyber-intrusioni.

Le misure punitive contro la Russia
Con i nuovi poteri, il presidente Usa ha annunciato l'espulsione di 35 diplomatici considerati "persona non grata": dovranno lasciare gli Usa entro 72 ore; attualmente sono sparsi tra l'ambasciata russa a Washington e il consolato russo a San Francisco. Il dipartimento di Stato inoltre si appresta a chiudere due complessi a uso ricreativo di proprietà della Russia presenti su suolo americano (in Maryland e a New York): nessuno del personale russo potrà metterci piede a partire da domani quando in Italia saranno le 18

Obama ha inoltre comunicato sanzioni contro due servizi di intelligence russi (Gru e Fsb), quattro funzionari della Gru e tre aziende che hanno fornito materiale di sostegno alle cyber-attività. Di tutti loro la Casa Bianca ha fornito nomi e cognomi. Il Tesoro ha inoltre individuato due hacker russi (di cui sono state diffuse anche le fotografie).

Infine il dipartimento della Sicurezza nazionale e l'Fbi hanno pubblicato un rapporto congiunto che contiene informazioni tecniche (in alcuni casi erano top secret) sulle intrusioni informatiche eseguite dai servizi d'intelligence militari e civili della Russia. L'obiettivo è "aiutare a meglio proteggere le reti Usa e a identificare e fare saltare la campagna globale della Russia data dalle cyber-attività illecite". Ora non resta che aspettare le ritorsioni russe contro gli Usa. Come ha fatto sapere il Cremlino "vale il principio di reciprocità"; sta a Putin decidere come reagire alle nuove sanzioni nella speranza che con l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca le relazioni tra le due nazioni migliorino. Il 45esimo presidente Usa aveva ha capire di lasciarsi alle spalle l'incidente russo: "Dobbiamo andare avanti con le nostre vite". 

Altri Servizi

Corea del Nord ritira minaccia contro Guam, Seul avverte gli Usa

Pyongyang tenta di calmare le tensioni con Washington, che controlla l'isola nel Pacifico. La Corea del Sud avverte: nessuna azione militare senza il nostro consenso

Dopo un duello di parole acceso tra il regime di Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump e all'indomani di nuove sanzioni imposte dalla Cina, la Corea del Nord sembra avere ritirato la sua minaccia contro Guam ossia l'isola nel Pacifico occidentale che è un territorio Usa con circa 7.000 soldati.

Steve Bannon rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca

Dopo la condanna della base suprematista da parte di Trump, in molti all'interno del governo sperano che il presidente metta alla porta uno dei suoi più fidati consiglieri. Lo farà?
AP

La morte e la distruzione causata dai migliaia di estremisti bianchi che hanno manifestato sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, rappresentano una prova fondamentale per Donald Turmp e per la sua presidenza. Il miliardario ha aspettato 48 ore prima di condannare le violenze e il razzismo e il suprmastismo in modo univico.

L'alt-right sta creando la Silicon Valley ombra

I suprematisti bianchi, banditi da Uber, Airbnb e Twitter, hanno creato i loro servizi paralleli
AP

Dopo gli scontri avvenuti a Charlottesville, in Virginia, nel corso della manifestazione di migliaia di suprematisti bianchi, alcuni servizi della Silicon Valley hanno deciso espellere diverse persone che hanno partecipato alla giornata di violenza. Airbnb in particolare ha escluso tutti i neonazisti che avevano prenotato stanze nella città giorni prima della manifestazione di sabato 12 agosto. Allo stesso tempo anche Uber ha iniziato a comportarsi in modo molto più rigoroso verso gli estremisti di destra. Per questo motivo i gruppi dell'alt-right americana stanno creando servizi che ricalcano quelli della Silicon Valley, ai quali non possono più partecipare.

Charlottesville: Trump cambia idea, accusa anche "l'Alt-Left"

Il presidente Usa paragona manifestanti contro il razzismo ai suprematisti bianchi. Si difende dalle critiche post violenze in Virginia e dimostra di non volere sentirsi dire da nessuno che dichiarazioni rilasciare

Paragonare chi protesta contro il razzismo a neonazi e suprematisti bianchi. E paragonare Robert E Lee - leader delle forze confederate durante la guerra civile americana - al primo presidente americano George Washington. E' quello che ha fatto Donald Trump in riferimento alle violenze esplose sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia. Dall'ingresso della sua Trump Tower a New York, il presidente americano ha fatto inversione a U tornando a sposare le parole che aveva pronunciato sabato scorso parlando di "violenza da più parti" e a cui aveva aggiustato (controvoglia?) il tiro due giorni dopo condannando esplicitamente - ma solo dopo un forte pressing - il KKK, i neonazisti e i suprematisti bianchi, ora più galvanizzati dalle ultime dichiarazioni del miliardario di New York. 

Dopo il pressing, Trump condanna i suprematisti bianchi

Per il presidente Usa, il razzismo è il male. "Criminali" gli autori delle violenze a Charlottesville. Il segretario alla Giustizia lo aveva difeso. Il sito neonazi Daily Stormer cavalcava l'assenza di un messaggio duro. Il Ceo di Merck lo ha abbandonato
AP

Nel giorno in cui Donald Trump ha deciso di interrompere la sua "vacanza di lavoro" nel suo golf club in New Jersey per fare una tappa di qualche ora alla Casa Bianca prima di recarsi a New York City, l'America e i membri del suo partito hanno continuato a fare pressing su di lui. E lui li ha accontentati denunciando per nome i suprematisti bianchi.

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Sei leader scaricano Trump, lui: non fanno il loro lavoro seriamente

Dopo i Ceo di Merck, Intel e Under Armour, altri tre lasciano il consiglio per la manifattura voluto dal presidente Usa. L'ex segretario al Tesoro Summers chiede perché altri Ceo non facciano altrettanto
AP

Nel giro di 24 ore, quattro leader hanno deciso di silurare Donald Trump, reo di avere fornito con un ritardo di due giorni una condanna secca ed esplicita alle violenze di sabato 12 agosto esplose per colpa di suprematisti bianchi a Charlottesville, in Virginia. E tre giorni dopo i fatti, in una conferenza stampa in cui Trump è tornato sui suoi passi, parlando di una violenza da più parti e non solo dei suprematisti bianchi, altri due executive lo hanno abbandonato. Lui intanto aveva detto che quegli executive "non prendono seriamente il loro lavoro" e che "se ne stanno andando per imbarazzo, perché realizzano i loro prodotti all'estero" venendo dunque meno al suo caro motto "Make America Great Again".

Trump vuole inchiesta su furti proprietà intellettuale da parte della Cina

Pechino risponde: non ci sarebbero vincitori in una guerra commerciale. La mossa del presidente Usa mentre cerca dalla nazione asiatica un maggiore pressing sulla Corea del Nord
AP

Donald Trump alza il tiro contro la Cina su tecnologia e proprietà intellettuale. Come aveva fatto sapere la Casa Bianca, il presidente ha firmato un memorandum che riguarda pratiche, politiche e leggi cinesi, con particolare attenzione alle tematiche collegate appunto a innovazione, tecnologia e proprietà intellettuale. Così l'amministrazione americana intende rispondere a presunti furti di proprietà intellettuali, aumentando le pressioni su Pechino in quella che potrebbe trasformarsi in una rappresaglia commerciale in un momento in cui Washington vorrebbe dalla Cina maggiore collaborazione nella gestione della crisi nucleare nordcoreana.

Wall Street rimbalza, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP