Obama sposta 81 milioni di fondi per finanziare le ricerche sul virus Zika

Soldi tolti ad altri settori della sanità; la decisione presa visto lo stallo in Congresso. Negli Usa, preoccupa la diffusione del virus in Florida

Visto lo stallo in Congresso, l'amministrazione Obama ha deciso di finanziare la ricerca sui vaccini contro il virus Zika con 81 milioni di dollari tolti alla ricerca biomedica e ai programmi sanitari e contro la povertà; si tratta di un trasferimento provvisorio di risorse, sempre all'interno del dipartimento della Salute e dei Servizi umani, hanno specificato le autorità. Secondo il segretario Sylvia Burwell, per i vaccini e altre ricerche sul virus Zika servirebbero altri 196 milioni di dollari nell'anno fiscale 2017.

L'amministrazione Obama aveva chiesto 1,8 miliardi di dollari al Congresso, dove però repubblicani e democratici non hanno trovato un accordo. Ad aprile, erano già stati trasferiti 589 milioni di dollari dai fondi destinati alla lotta contro l'ebola alle ricerche sul virus Zika. Negli ultimi quattro mesi, i Centers for Disease Control and Prevention, organismo di controllo sula sanità pubblica, hanno speso circa 101 milioni di dollari.

Il virus si trasmette attraverso le zanzare o tramite rapporti sessuali con persone infette e si è diffuso particolarmente nei Paesi dell'America Latina. Secondo le autorità statunitensi, un'ampia maggioranza dei 1.825 casi confermati di Zika negli Stati Uniti continentali è da attribuire ai viaggi compiuti nei Paesi dove il virus si è maggiormente diffuso, come il Brasile, ma i primi casi di trasmissione locale tramite puntura, in Florida, dimostrano che si può essere infettati anche da zanzare negli Stati Uniti.

Florida, Texas e altre zone costiere del Sud sono considerate a rischio, vista la presenza della zanzara Aedes aegypti, il principale vettore del virus Zika. Il virus è particolarmente pericoloso per le donne incinte: può essere trasmesso al feto e provocare la microcefalia e altri gravi danni cerebrali che possono anche portare alla morte, come successo giorni fa a un bimbo appena nato in Texas.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

In programma i conti di Gm, Fca, Amazon e Microsoft
iStock

General Motors ha chiuso il primo trimestre del 2018 con un tonfo degli utili attribuibili ai soci di circa il 60% annuo a 1 miliardo di dollari contro i 2,6 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Il risultato è stato condizionato negativamente per quasi 1 miliardo di dollari da oneri da ristrutturazione pari a 900 milioni di dollari nella Corea del Sud, dove il gruppo di Detroit sta chiudendo un impianto e dove sta negoziando con il governo per ottenere aiuti e continuare le sue attività nel Paese. Al netto di voci straordinarie, GM ha registrato utili per azione pari a 1,43 dollari, in calo del 18% sull'anno precedente ma oltre le stime degli analisti per 1,24 dollari per titolo.

Divieto di viaggio, Trump vicino alla vittoria davanti alla Corte Suprema

La terza versione del cosiddetto 'Muslim ban' dovrebbe essere confermato dai giudici del massimo tribunale; la decisione attesa a giugno

La Corte Suprema degli Stati Uniti sarebbe pronta ad approvare la versione modificata del divieto di viaggio imposto dal presidente Donald Trump ai cittadini di Paesi in gran parte a maggioranza musulmana e, per questo, definito dai critici un 'Muslim ban', un divieto per i musulmani. È quanto emerge dall'audizione di ieri in tribunale sul caso Trump V. Hawaii, secondo il resoconto di New York Times e Scotusblog, un blog dedicato al lavoro della Corte Suprema.

Draghi e G20 contro il protezionismo. In Eurozona crescita robusta

Il governatore della Bce promette "pazienza" nella politica monetaria. Fmi "fiducioso" su Italia post elezioni. Padoan: Mattarella guiderà "trattative di successo" per la formazione del nuovo governo

Washington - C'è un tema che sta tenendo banco a Washington, dove i ministri delle finanze e i banchieri centrali da tutto il mondo sono riuniti sotto il tetto del Fondo monetario internazionale: le tensioni commerciali e il rischio che possano ledere lo slancio economico di cui sta godendo tutto il mondo, inclusa l'Eurozona. Lo sguardo è rivolto alla non lontana Casa Bianca, da dove il presidente americano Donald Trump vuole usare i dazi come leva per negoziare accordi commerciali più favorevoli per gli Stati Uniti.

Visa: utili trimestrale +505% grazie a Visa Europe, alza l'outlook

Utili +505% a 2,6 miliardi di dollari. Ricavi +13% a 5,1 miliardi. Bene la crescita dei volumi di pagamento (+11%) e delle transazioni gestite (+12%)

Visa ha guadagnato terreno ieri nel dopo mercato a Wall Street grazie a una trimestrale migliore delle stime degli analisti e una revisione al rialzo del suo outlook.

Amazon

Non solo presso il portiere o dentro la propria abitazione. Amazon si mette a fare consegne anche dentro l'auto dei propri clienti a cominciare da 37 località Usa.

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.

Lo scandalo dei dati non spaventa. Facebook continua a crescere, ricavi +50%

Anche gli utenti aumentano del 13% rispetto all'ultimo trimestre dell'anno. A Wall Street il titolo riprende fiato nel dopo mercato, con rialzi di quasi il 5%. Ma la questione Cambridge Analytica è stata resa nota a due settimane dalla fine del trimestre
Facebook

Facebook risponde alle critiche sul modo in cui gestisce i dati dei suoi utenti con conti del primo trimestre del 2018 sopra le attese sia per gli utili che per i ricavi. I risultati hanno dato un po' di ossigeno al gruppo, che nelle ultime settimane aveva perso terreno a Wall Street. Ieri nel dopo mercato, quando sono stati pubblicati i conti, il titolo è salito con rialzi fino al 5%.

Macron al Congresso Usa: la Francia non lascerà l'accordo sul nucleare iraniano

Mogherini (Ue): l'intesa funziona, va preservata. Il presidente iraniano: Trump "non ha il diritto di riscriverla". Il leader francese sul clima: "non c'è un Pianeta B". No a guerre commerciali
AP

"La Francia non lascerà il Joint Comprehensive Plan of Action" (JCPA), lo storico accordo sul nucleare iraniano siglato nell'estate del 2015 tra Teheran e i cinque membri permanenti del consiglio di sicurezza dell'Onu (Usa, Regno Unito, Francia, Cina e Russia) più la Germania. Lo ha detto Emmanuel Macron, il presidente francese, nel suo discorso al Congresso Usa.

Nel primo trimestre At&t non batte le stime. Titolo crolla a Wall Street

Nonostante gli utili siano cresciuti di quasi il 15%, il colosso delle telecomunicazioni non convince gli analisti. Resta in sospeso il super acquisto di Time Warner per 85 miliardi di dollari

At&t delude il mercato mettendo a segno conti trimestrali sotto le attese del mercato si negli utili che nei ricavi. Nel periodo che si è concluso lo scorso 31 marzo il colosso delle telecomunicazioni americano ha registrato ricavi per 38,91 miliardi di dollari in ribasso rispetto ai 39,37 miliardi dello stesso periodo del 2017 e sotto le attese del mercato, ferme a 39,31 miliardi.