Obama sposta 81 milioni di fondi per finanziare le ricerche sul virus Zika

Soldi tolti ad altri settori della sanità; la decisione presa visto lo stallo in Congresso. Negli Usa, preoccupa la diffusione del virus in Florida

Visto lo stallo in Congresso, l'amministrazione Obama ha deciso di finanziare la ricerca sui vaccini contro il virus Zika con 81 milioni di dollari tolti alla ricerca biomedica e ai programmi sanitari e contro la povertà; si tratta di un trasferimento provvisorio di risorse, sempre all'interno del dipartimento della Salute e dei Servizi umani, hanno specificato le autorità. Secondo il segretario Sylvia Burwell, per i vaccini e altre ricerche sul virus Zika servirebbero altri 196 milioni di dollari nell'anno fiscale 2017.

L'amministrazione Obama aveva chiesto 1,8 miliardi di dollari al Congresso, dove però repubblicani e democratici non hanno trovato un accordo. Ad aprile, erano già stati trasferiti 589 milioni di dollari dai fondi destinati alla lotta contro l'ebola alle ricerche sul virus Zika. Negli ultimi quattro mesi, i Centers for Disease Control and Prevention, organismo di controllo sula sanità pubblica, hanno speso circa 101 milioni di dollari.

Il virus si trasmette attraverso le zanzare o tramite rapporti sessuali con persone infette e si è diffuso particolarmente nei Paesi dell'America Latina. Secondo le autorità statunitensi, un'ampia maggioranza dei 1.825 casi confermati di Zika negli Stati Uniti continentali è da attribuire ai viaggi compiuti nei Paesi dove il virus si è maggiormente diffuso, come il Brasile, ma i primi casi di trasmissione locale tramite puntura, in Florida, dimostrano che si può essere infettati anche da zanzare negli Stati Uniti.

Florida, Texas e altre zone costiere del Sud sono considerate a rischio, vista la presenza della zanzara Aedes aegypti, il principale vettore del virus Zika. Il virus è particolarmente pericoloso per le donne incinte: può essere trasmesso al feto e provocare la microcefalia e altri gravi danni cerebrali che possono anche portare alla morte, come successo giorni fa a un bimbo appena nato in Texas.

Altri Servizi

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Trump: andiamo avanti a lavorare con la Russia in modo costruttivo

Il presidente americano ritorna a parlare del rapporto con Mosca in una serie di tweet pubblicati domenica mattina. Nell'incontro di venerdì Putin aveva negato l'attacco hacker alle elezioni americane

Il presidente americano Donald Trump ha promesso di voler "andare avanti a lavorare in modo costruttivo con la Russia", compresa la costituzione di una "unità di sicurezza informatica" tra i due Paesi, dopo che il presidente russo Vladimir Putin, nel corso del faccia a faccia di venerdì, "ha profondamente negato" qualsiasi coinvolgimento nell'attacco hacker della Russia nelle elezioni statunitensi del 2016.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".