L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Arriverà anche in tempo per il Natale, ma la riforma fiscale tanto voluta da Donald Trump e dal partito repubblicano sarà un regalo non per la classe media - come i promotori tentato di fare credere - ma per le grandi aziende e i milionari come il 45esimo presidente americano. E mentre il dibattito sulle tasse continua, prima di Natale potrebbe arrivare un dono indesiderato: la paralisi del governo: il 22 dicembre scade la legislazione di emergenza che sta consentendo il continuo finanziamento del governo.

Presentata al pubblico venerdì 15 dicembre, la riforma fiscale da 503 pagine sta per essere messa al voto alla Camera e al Senato. Poi, una volta approvata, potrà essere inviata alla Casa Bianca per un firma finale di Trump, che così metterà a segno la sua prima vittoria legislativa in quasi un anno di presidenza. Anche se il Commander in chief sostiene che la riforma rappresenta "uno dei migliori regali di Natale di sempre per la classe media", sempre più americani pensano in contrario. Tra di loro c'è Michael Bloomberg, che un editoriale durissimo ha spiegato perché i miliardari come lui non hanno bisogno di un taglio alle tasse.

Per questo, con la riforma quasi in tasca, i repubblicani hanno lanciato una nuova missione: convincere un'America scettica che quella riforma è pensata per la famiglia comune.

Alla vigilia di una nuova settimana decisiva, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin è apparso su Cnn dicendo che la legislazione rappresenta una riforma enorme a un sistema "a pezzi" che darà benefici alle famiglie lavoratrici. Ai microfoni di Fox ha invece spiegato di "non avere dubbi" sull'approvazione di un provvedimento "straordinario" e che sarà in vigore a febbraio "perché l'Irs (l'Agenzia delle entrate americana, ndr) sta già lavorando alle nuove tabelle sui tributi".

L'opera di convincimento sarà difficile da portare avanti, visti anche i commenti di qualche repubblicano: il governatore dell'Ohio, John Kasich, ha chiesto durante la trasmissione domenicale "Meet the press" su Nbc: "Penso che si poteva fare meglio? Sì".

I vincitori
A trarre i maggiori benefici dall'approvazione della riforma fiscale saranno prima di tutto il presidente Trump con la sua famiglia, le grandi aziende tra cui le società di raffinazione di petrolio, le banche, le compagnie aeree e le conglomerate come quella di Warren Buffett, i multimilionari ei gestori di fondi.

Trump e il genero nonché consigliere Jared Kushner saranno avvantaggiati per via delle loro attività nel settore immobiliare commerciale. Perché? E' stata abbassata l'aliquota sugli utili delle aziende "pass-through", che finisce nella dichiarazione dei redditi del proprietario e che viene tassato come una persona fisica. Attualmente, l'aliquota in vigore è pari al 39,6%; in base alla nuova legislazione si arriverà al 29,6%. Con qualche aggiunta all'ultimo secondo, queste aziende saranno capaci di continuare a massimizzare gli sgravi fiscali in loro favore.

Per le grandi aziende americane, l'aliquota scenderà al 21% dal 35%. E per le multinazionali come Apple, Google, Facebook e Pfizer c'è un incentivo a riportare in patria i quasi 3.000 miliardi di dollari parcheggiati all'estero: sugli utili che torneranno in Usa verrà applicata un'aliqota che spazierà dall'8 al 15,5% contro il 35% attuale. Non solo. Il provvedimento è formulato in modo tale da incentivare la Corporate America a nascondere gli utili in controllate aventi sede in paradisi fiscali. E nonostante Trump abbia ripetutamente detto di volere riportare posti di lavoro in Usa, l'effetto della riforma potrebbe essere opposto.

Nonostante le minacce lanciate in campagna elettorale, Trump ha fatto ben poco per rimuovere scorciatoie fiscali di cui godono i gestori di fondi  e riguardanti "carried interest", ossia i profitti generati dopo la vendita di un'operazione di private equity. Questi guadagni in conto capitale sono tassati con aliquote più basse dei redditi normali e poco cambierà.

Esperti di contabilità, commercialisti e avvocati beneficeranno a loro volta di una riforma fiscale complessa. Anche in questo caso Trump non ha mantenuto la promessa di creare un sistema tributario così semplice da permettere ai contribuenti di compilare una dichiarazione dei redditi paragonabile a una cartolina.

I perdenti
I singoli contribuenti. chi compra un'assicurazione medica, le famiglie a basso reddito figurano tra i perdenti della riforma fiscale, tra cui anche l'Irs.

I tagli alle aliquote per le persone fisiche saranno solo temporanei mentre quelli delle aziende sono permanenti. In pratica, per non sforare i 1.500 miliardi di dollari di tagli alle tasse in 10 anni, la classe politica repubblicana ha preferito avvantaggiare la Corporate America e non i suoi concittadini, che dalla fine del 2025 vedranno risalire le loro aliquote. Il Gop spera che in futuro il Congresso possa estendere i tagli decisi ma non c'è alcuna garanzia che succeda, specialmente se il partito democratico riprenderà il controllo del Parlamento nelle elezioni del 2018, come la maggior parte degli americani vorrebbe.

Con la riforma fiscale, scompare l'obbligo - introdotto da Obama - in base al quale ogni americano era tenuto ad avere un'assicurazione medica. Questo significa che, come stimato da un organismo congressuale bipartisan, le persone in salute con ogni probabilità non compreranno più una polizza. Se così fosse, le compagnie assicurative si ritroverebbero a gestire soprattutto anziani e malati con il conseguente aumento dei premi assicurativi. In tutto, il Congressional Budget Office stima che 13 milioni di persone in più saranno senza assicurazione.

Tra i perdenti figurano anche coloro che possiedono una casa negli Stati ad alta tassazione come New York, California e New Jersey. E' stato posto un tetto di 10mila dollari alle detrazioni che si possono fare delle tasse statali e municipali versate.

In tutto ciò, l'agenzia delle entrate Usa - già alle prese con scarsi fondi e l'assenza di un numero uno - dovrà gestire contribuenti confusi, stampare nuovi manuali e aggiornare i propri sistemi informatici.

 

 

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.