L'occupazione americana frena, si scommette su taglio tassi Fed

Creati solo 75mila posto contro i 180mila attesi. Tasso di disoccupazione fermo al 3,6%, vicino ai minimi da 50 anni. Settore manifatturiero al palo. Colpa delle tensioni commerciali?

A maggio l'occupazione americana ha subito una netta frenata alimentando le attese degli analisti per un taglio dei tassi da parte della Federal Reserce. Il mese scorso sono stati creati solo 75mila posti di lavoro contro i 180mila attesi. Si tratta di un netto rallentamento rispetto ai 224mila posti creati ad aprile, dato rivisto al ribasso (da 263mila) come anche quello di marzo (a153mila da 189mila).

Quella frenata potrebbe essere dovuta alle tensioni commerciali e al rallentamento dell'economia mondiale, cose che potrebbe spingere i datori di lavoro alla cautela. Non a caso il settore manifatturiero, particolarmente sensibile alla guerra dei dazi, è rimasto invariato in termini di posti di lavoro creati. Inoltre, il tasso di disoccupazione è rimasto come atteso al 3,6%, vicino ai minimi da 50 anni, e ciò potrebbe lasciare i datori di lavoro senza il personale che desiderano. Questo alimenta il mistero dei salari orari cresciuti meno del previsto (+0,22% mensile), indicando che l'inflazione non si scalda. Su base annuale l'incremento è stato solido (+3,1%) ma comunque inferiore al picco del 3,4% raggiunto a febbraio.

Anche per questo il mercato scommette su un taglio dei tassi da parte della Federal Reserve, che con un'inflazione contenuta ha più spazio di manovra. Difficilmente, però, la banca centrale americana agirà sulla base di un solo dato. Per giustificare la mossa che il mercato chiede a gran voce sin da gennaio, l'istituto centrale ha bisogno di più indicatori. Anche per questo le probabilità di un taglio a giugno sono più basse rispetto a luglio. Stando ai future sui Fed Funds, c'è il 30,8% di probabilità che il 19 giugno prossimo i tassi siano ridotti di 25 punti base al 2-2,25%; le chance salgono al 57% per un simile taglio nella riunione che si concluderà il 31 luglio.

Tornando al rapporto, maggio è stato comunque il mese numero 104 di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record invista di quello che l'economia americana metterà a segno a luglio, quando l'espansione avrà raggiunto il suo decimo anno.

La partecipazione alla forza lavoro è rimasta al 62,8% del mese precedente. Era al 66% prima dell'ultima recessione. Tenuto conto delle revisioni al ribasso di aprile e marzo pari a 75mila posti di lavoro, in media da inizio anno sono stati creati 164mila posti al mese contro i 223mila del 2018.

Il numero di americani che si accontentano di un lavoro part-time è sceso di 299mila unità a 4,4 milioni; si tratta di persone che avrebbero preferito un lavoro a tempo pieno ma che non sono riuscite a trovarlo o le cui ore di lavoro sono state ridotte. Su base annuale il dato è calato di 565mila unità. A maggio 1,4 milioni di persone erano "marginalmente attaccate alla forza lavoro", pressoché invariato rispetto a un anno prima. Si tratta di individui che non fanno parte della forza lavoro ma erano teoricamente disponibili a lavorare e che hanno cercato lavoro qualche volta nei 12 mesi precedenti. Non sono stati contati tra i disoccupati perché non hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti al rapporto. Tra di loro 338mila erano scoraggiati dal cercare un'occupazione e le altre persone non hanno cercato un lavoro o perché frequentavano una scuola o per via di responsabilità famigliari.

A livello settoriale, i servizi professionali ha aggiunto 33mila posti portando il totale degli ultimi 12 mesi a 498mila. Nella sanità l'incremento è stato di 16mila unità e di 391mila nell'ultimo anno. Nelle costruzioni c'è stato un +4mila dopo il +30mila di aprile; in 12 mesi sono stati creati 215mila posti. Altri settori inclusi quelli manifatturiero, minerario, retail, alberghiero e dei trasporti sono rimasti poco mossi.

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Ricominciati i negoziati dopo quasi due mesi
AP

Google investe 3 mld di euro in data center in Europa

Lancia anche 10 progetti di energie rinnovabili da 1 miliardo di euro

Nei prossimi due anni Google investirà 3 miliardi di euro in data center sparsi in Europa portando a 15 miliardi gli euro investiti dal 2007 nelle infrastrutture internet europee. Lo ha annunciato la controllata di Alphabet, precisando che altri 600 milioni di euro verranno investiti nel 2020 per espandere la presenza di data center a Hamina, in Finlandia, dove il totale investito dal 2009 raggiungerà i due miliardi.

Trump ha chiesto all'Ucraina di indagare sul figlio di Biden

Secondo il Wsj il presidente americano ha fatto "ripetutamente" pressioni su Zelensky affinchè la giustizia di Kiev indagasse Hunter Biden
ap

Il presidente americano Donald Trump avrebbe "ripetutamente" fatto pressioni sul suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, affinché la giustizia di Kiev aprisse un’indagine sul figlio di Joe Biden. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti informate sui fatti secondo cui, nel corso di una telefonata avvenuta lo scorso luglio, il Tycoon avrebbe chiesto a Zelensky per ben "otto volte" di lavorare con il suo legale personale, Rudolph Giuliani, sull’inchiesta contro Hunter Biden. Come ricordano i media americani il figlio di Biden è un uomo d’affari che ha lavorato per una società energetica ucraina.

La Fed intensifica le iniezioni di liquidità nel mercato monetario

Operazioni repo da 75 mld di dollari al giorno fino al 10 ottobre.

La Federal Reserve di New York ha annunciato che ogni giorno fino al prossimo 10 ottobre compierà iniezioni di liquidità nel mercato monetario statunitense da "almeno" 75 miliardi di dollari l'una. Si tratta del valore massimo offerto negli ultimi quattro giorni, oggi incluso, in operazioni overnight.

Walmart ferma la vendita di sigarette elettroniche nei suoi store americani

La decisione è stata presa per via delle incertezze sui reali danni per la salute che la e-cigarette può causare
iStock

Il colosso della grossa distribuzione Walmart ha annunciato che smetterà di vendere sigarette elettroniche nei suoi store americani per via dell’enorme incertezza sui reali danni alla saluta che la e-cigarette può causare. "Date le crescenti complessità e incertezza che circondano la regolamentazione delle sigarette elettroniche a livello federale, statale e locale, smetteremo di vendere prodotti elettronici contenenti nicotina nei siti statunitensi di Walmart e Sam's Club", ha dichiarato l’azienda in una nota in cui ha specificato che le attuali scorte rimarranno sugli scaffali fino a esaurimento.

Amazon: svolta verde per Bezos

Investe 440 milioni di dollari in Rivian, a cui ordina 100mila furgoni elettrici per le consegne. Entro il 2040 conta di non produrre emissioni, 10 anni prima del target dell'accordo di Parigi sul clima
Amazon

Svolta verde in Amazon. Il Ceo del colosso americano del commercio elettronico ha annunciato un piano per affrontare il cambiamento climatico. E ha annunciato un'iniziativa rivolta ad altre aziende.

Walgreens primo retailer Usa a effettuare consegne con droni

Test insieme a controllata di Alphabet. Si comincia da una città della Virginia
Walgreens

Walgreens Boots Alliance, il colosso della distribuzione farmaceutica guidato da Stefano Pessina, sta per diventare il primo retailer americano a testare consegne con droni. Come spiegato in un comunicato, il gruppo intende consegnare nel giro di pochi minuti i prodotti ordinati dai suoi clienti e per farlo ha unito le forze con Alphabet (e la sua divisione Wing Aviation). Si comincerà il mese prossimo da Christiansburg, in Virginia.

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.