L'occupazione americana frena, si spera in una Fed più cauta sui tassi

A novembre creati 155mila posti di lavoro dopo i 237mila di ottobre. Tasso di disoccupazione fermo al 3,7%, minimi del 1969. Rialzo annuo dei salari al 3,1%, top del 2009
AP

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere ma lo hanno fatto a un passo più lento delle stime. Il tasso di disoccupazione è rimasto come previsto sui minimi del 1969 e i salari hanno continuato a crescere su base annua al passo più rapido dal 2009 ma senza sollevare timori di un balzo inatteso dell'inflazione. L'economia americana, dunque, sta crescendo senza dare segni di surriscaldamento. E questo potrebbe convicere la Federal Reserve ad adottare per il 2019 un approccio attendista in materia di tassi, visti comunque salire nel mese in corso (sarebbe la quarta volta del 2018). E' questa l'interpretazione degli investitori del rapporto sull'occupazione di novembre, che segue le dichiarazioni ottimiste della vigilia del governatore della Fed, Jerome Powell. Al momento sono al 34% le probabilità che la banca centrale non tocchi i tassi l'anno prossimo e al 36% le chance che lo faccia una volta.

Negli Stati Uniti sono stati creati 155.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 198.000 unità dopo il +237mila di ottobre (rivisto da +250mila) e il +119mila di settembre (dato rivisto da +118mila). Seppur più contenuto delle stime, secondo alcuni a causa del protezionismo voluto da Donald Trump, il rialzo segna il 98esimo mese di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record. Il tasso di disoccupazione è rimasto per il terzo mese di fila al 3,7%.

Stando a quanto riferito dal dipartimento al Lavoro, i salari orari - attentamente monitorati perché indicano l'assenza o meno di pressioni inflative - sono cresciuti dello 0,22% (o di 0,06 dollari) su base mensile a 27,35 dollari; le previsioni erano per un +0,3%. Su base annuale sono rimasti in rialzo del 3,1% (top del 2009), sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è scesa di 0,1 ore a 34,4 ore.

In media dall'inizio del 2018 sono stati creati ogni mese 206mila posti di lavoro, oltre la media mensile del 2017 pari a 182mila posti. La partecipazione alla forza lavoro è rimasta al 62,9% per il secondo mese di fila dopo essere stata inchiodata per mesi al 62,7%, pari ai minimi degli anni '70; il dato resta comunque al di sotto del 66% di prima della recessione.

I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) sono calati di 120mila unità a 1,3 milioni e rappresentano il 20,8% del totale. Il numero di americani che si accontentano di un lavoro part-time è salito a 4,8 milioni da 4,6 milioni di ottobre; si tratta di persone che avrebbero preferito un lavoro a tempo pieno ma che non sono riuscite a trovarlo o le cui ore di lavoro sono state ridotte. A novembre 1,7 milioni di persone erano "marginalmente attaccate alla forza lavoro", dato in rialzo di 197mila unità rispetto all'anno prima. Si tratta di individui che non fanno parte della forza lavoro ma erano teoricamente disponibili a lavorare e che hanno cercato lavoro qualche volta nei 12 mesi precedenti. Non sono stati contati tra i disoccupati perché non hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti al rapporto.

A livello settoriale, il comparto manifatturiero ha aggiunto 27.000 posti portando il totale da inizio anno a un +288.000. Nella sanità c'è stato un +32.000 unità e nei trasporti un +25mila. Nelle costruzioni c'è stato l'incremento più basso dallo scorso marzo (+5mila). Nel settore minerario e in quello alberghiero non ci sono stati grossi cambiamenti. Nel retail sono stati creati 18mila posti.

Altri Servizi

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Trump attacca Maduro e corteggia il voto latinoamericano

Il presidente Usa alla Florida International University per parlare a due platee: gli espatriati e i generali venezuelani

Il presidente statunitense Donald Trump, durante un discorso in programma a Miami, chiederà a Nicolas Maduro di lasciare il potere in Venezuela. Lo farà parlando a due diversi pubblici: i generali che mantengono alla guida del Paese il presidente non più riconosciuto dagli Stati Uniti e le decine di migliaia di venezuelani espatriati, che potrebbero essere decisivi, in Florida, alle elezioni presidenziali del 2020.