L'occupazione americana frena, si spera in una Fed più cauta sui tassi

A novembre creati 155mila posti di lavoro dopo i 237mila di ottobre. Tasso di disoccupazione fermo al 3,7%, minimi del 1969. Rialzo annuo dei salari al 3,1%, top del 2009
AP

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere ma lo hanno fatto a un passo più lento delle stime. Il tasso di disoccupazione è rimasto come previsto sui minimi del 1969 e i salari hanno continuato a crescere su base annua al passo più rapido dal 2009 ma senza sollevare timori di un balzo inatteso dell'inflazione. L'economia americana, dunque, sta crescendo senza dare segni di surriscaldamento. E questo potrebbe convicere la Federal Reserve ad adottare per il 2019 un approccio attendista in materia di tassi, visti comunque salire nel mese in corso (sarebbe la quarta volta del 2018). E' questa l'interpretazione degli investitori del rapporto sull'occupazione di novembre, che segue le dichiarazioni ottimiste della vigilia del governatore della Fed, Jerome Powell. Al momento sono al 34% le probabilità che la banca centrale non tocchi i tassi l'anno prossimo e al 36% le chance che lo faccia una volta.

Negli Stati Uniti sono stati creati 155.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 198.000 unità dopo il +237mila di ottobre (rivisto da +250mila) e il +119mila di settembre (dato rivisto da +118mila). Seppur più contenuto delle stime, secondo alcuni a causa del protezionismo voluto da Donald Trump, il rialzo segna il 98esimo mese di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record. Il tasso di disoccupazione è rimasto per il terzo mese di fila al 3,7%.

Stando a quanto riferito dal dipartimento al Lavoro, i salari orari - attentamente monitorati perché indicano l'assenza o meno di pressioni inflative - sono cresciuti dello 0,22% (o di 0,06 dollari) su base mensile a 27,35 dollari; le previsioni erano per un +0,3%. Su base annuale sono rimasti in rialzo del 3,1% (top del 2009), sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è scesa di 0,1 ore a 34,4 ore.

In media dall'inizio del 2018 sono stati creati ogni mese 206mila posti di lavoro, oltre la media mensile del 2017 pari a 182mila posti. La partecipazione alla forza lavoro è rimasta al 62,9% per il secondo mese di fila dopo essere stata inchiodata per mesi al 62,7%, pari ai minimi degli anni '70; il dato resta comunque al di sotto del 66% di prima della recessione.

I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) sono calati di 120mila unità a 1,3 milioni e rappresentano il 20,8% del totale. Il numero di americani che si accontentano di un lavoro part-time è salito a 4,8 milioni da 4,6 milioni di ottobre; si tratta di persone che avrebbero preferito un lavoro a tempo pieno ma che non sono riuscite a trovarlo o le cui ore di lavoro sono state ridotte. A novembre 1,7 milioni di persone erano "marginalmente attaccate alla forza lavoro", dato in rialzo di 197mila unità rispetto all'anno prima. Si tratta di individui che non fanno parte della forza lavoro ma erano teoricamente disponibili a lavorare e che hanno cercato lavoro qualche volta nei 12 mesi precedenti. Non sono stati contati tra i disoccupati perché non hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti al rapporto.

A livello settoriale, il comparto manifatturiero ha aggiunto 27.000 posti portando il totale da inizio anno a un +288.000. Nella sanità c'è stato un +32.000 unità e nei trasporti un +25mila. Nelle costruzioni c'è stato l'incremento più basso dallo scorso marzo (+5mila). Nel settore minerario e in quello alberghiero non ci sono stati grossi cambiamenti. Nel retail sono stati creati 18mila posti.

Altri Servizi

Huawei: Trump disposto a intervenire sul caso, la Cfo ottiene rilascio su cauzione

Il presidente Usa pronto a essere coinvolto pur di raggiungere un accordo commerciale con la Cina. Con Xi, non ne ha ancora parlato

Il presidente americano, Donald Trump, è disposto a intervenire nel caso Huawei se farlo rendesse più facile il raggiungimento di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e tutelasse la sicurezza della sua America.

Continua la volatilità a Wall Street

Oggi, in programma il dato sui prezzi alla produzione
AP

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Qualcomm ottiene divieto di vendita di iPhone in Cina

Apple: "mossa disperata", faremo ricorso.

Continua il braccio di ferro tra Qualcomm e Apple. E il produttore americano di microprocessori canta vittoria, sostenendo di avere ottenuto da un tribunale cinese una ingiunzione preliminare con la quale viene impedito al colosso tech di importare e vendere in Cina alcuni modelli vecchi di iPhone.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.