L'occupazione americana vola, Fed destinata ad alzare i tassi

L'inflazione fa meno paura: i salari orari sono cresciuti meno del previsto. Posti creati ai massimi di metà 2016. Tasso di disoccupazione fermo ai minimi di fine 2000

Il mercato del lavoro americano è in ottima salute ma ha ancora spazio per crescere. E' sostanzialmente questa la chiave di lettura del rapporto sull'occupazione Usa di febbraio, che dà a Donald Trump una scusa in più per vantarsi della ripresa dell'economia (iniziata ben prima del suo arrivo alla Casa Bianca) e che giustifica la normalizzazione della politica monetaria della Federal Reserve (già dal mese in corso).

A febbraio negli Stati Uniti sono stati creati ben 313mila posti di lavoro, oltre le stime pari a 'solo' 205.000 unità; il dato corrisponde a massimi che non si vedevano dalla metà 2016. Non a caso il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, ha parlato di un rapporto "impressionante" e Charles Evans, presidente della Fed di Chicago, di un numero "molto alto". Dal canto suo la Casa Bianca rimasta ormai senza il suo consigliere economico Gary Cohn, dimissionario da martedì 6 marzo, ha detto che il rapporto "è un altro segno di un'economia in ripresa" che "va ad aggiungersi a dati recenti di salari in aumento, ottimismo in volata e un'economia americana risuscitata". Il presidente americano fresco di firma di due proclamazioni che il 23 marzo faranno scattare i dazi su acciaio e alluminio stranieri in arrivo in Usa (ma non quelli canadesi e messicani) si è limitato a twittare dicendo "Lavoro, lavoro, lavoro!".

Motivi per festeggiare ce ne sono. Il tasso di disoccupazione è rimasto per il quinto mese di fila al 4,1%, minimi del dicembre 2000, anche se le previsioni erano per un ulteriore calo al 4% (non si vede un tale valore da quando, oltre 17 anni fa, Amazon era semplicemente un rivenditore di libri). Nonostante i pensionamenti dei baby boomer, la partecipazione alla forza lavoro è arrivata al 63% grazie a una salita (la prima dopo quattro mesi) dello 0,3%, la più rapida da quasi 8 anni. Il dato però resta sotto il 66% di prima della recessione, cosa che indica che c'è spazio per portare più americani al lavoro.

E' soprattutto un dato ad avere soddisfatto gli investitori che un mese fa erano andati nel panico nell'analizzare il precedente rapporto sull'occupazione Usa, quello di gennaio: il rialzo mensile dei salari orari è stato inferiore alle stime e su base annua è cresciuto del 2,6% dopo il +2,9% del mese precedente (quando raggiunse il top del 2009). Questo significa che i datori di lavoro stanno s" dando più incentivi per reclutare le figure professionali che in alcune aree scarseggiano ma non al punto da indicare un aumento delle tanto temute pressioni inflative che potrebbero spingere la Fed a essere meno accomodante del previsto. E' esattemente quanto Jerome Powell, da inizio febbraio al comando della Fed, disse nel corso del suo secondo giorno di testimonianza al Congresso il primo marzo scorso (quando suonò più "colomba" rispetto al debutto a Capitol Hill da "falco" di due giorni prima).

Insomma, per una volta a Wall Street le buone notizie vengono interpretate come tali. E non a caso gli indici hanno messo il turbo, cosa che ha permesso al Nasdaq Composite di raggiungere un nuovo record intraday. Nel frattempo, i Treasury sono stati venduti a piene mani visto il ritorno dell'appetito per asset più rischiosi. Nonostante ciò sono cresciute vicino al 30% le probabilità che la Fed alzi i tassi quattro volte e non solo tre come fino ad ora indicato dall'istituto e sperato dagli investitori. Bisognerà aspettare la fine della riunione del 20 e 21 marzo prossimi per conoscere le nuove previsioni della banca centrale (le ultime risalgono al dicembre 2017). Una stretta in quell'occasione è data per sconta ma quante ne seguiranno nel 2018? Lo spiegherà Powell quando per la prima volta affronterà la stampa in quel giorno. Nel frattempo i mercati avranno tempo di abituarsi all'idea che se l'economia continua a crescere, un altro ritocco all'insù del costo del denaro ne è una semplice conseguenza.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.