L'occupazione americana vola, Fed destinata ad alzare i tassi

L'inflazione fa meno paura: i salari orari sono cresciuti meno del previsto. Posti creati ai massimi di metà 2016. Tasso di disoccupazione fermo ai minimi di fine 2000

Il mercato del lavoro americano è in ottima salute ma ha ancora spazio per crescere. E' sostanzialmente questa la chiave di lettura del rapporto sull'occupazione Usa di febbraio, che dà a Donald Trump una scusa in più per vantarsi della ripresa dell'economia (iniziata ben prima del suo arrivo alla Casa Bianca) e che giustifica la normalizzazione della politica monetaria della Federal Reserve (già dal mese in corso).

A febbraio negli Stati Uniti sono stati creati ben 313mila posti di lavoro, oltre le stime pari a 'solo' 205.000 unità; il dato corrisponde a massimi che non si vedevano dalla metà 2016. Non a caso il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, ha parlato di un rapporto "impressionante" e Charles Evans, presidente della Fed di Chicago, di un numero "molto alto". Dal canto suo la Casa Bianca rimasta ormai senza il suo consigliere economico Gary Cohn, dimissionario da martedì 6 marzo, ha detto che il rapporto "è un altro segno di un'economia in ripresa" che "va ad aggiungersi a dati recenti di salari in aumento, ottimismo in volata e un'economia americana risuscitata". Il presidente americano fresco di firma di due proclamazioni che il 23 marzo faranno scattare i dazi su acciaio e alluminio stranieri in arrivo in Usa (ma non quelli canadesi e messicani) si è limitato a twittare dicendo "Lavoro, lavoro, lavoro!".

Motivi per festeggiare ce ne sono. Il tasso di disoccupazione è rimasto per il quinto mese di fila al 4,1%, minimi del dicembre 2000, anche se le previsioni erano per un ulteriore calo al 4% (non si vede un tale valore da quando, oltre 17 anni fa, Amazon era semplicemente un rivenditore di libri). Nonostante i pensionamenti dei baby boomer, la partecipazione alla forza lavoro è arrivata al 63% grazie a una salita (la prima dopo quattro mesi) dello 0,3%, la più rapida da quasi 8 anni. Il dato però resta sotto il 66% di prima della recessione, cosa che indica che c'è spazio per portare più americani al lavoro.

E' soprattutto un dato ad avere soddisfatto gli investitori che un mese fa erano andati nel panico nell'analizzare il precedente rapporto sull'occupazione Usa, quello di gennaio: il rialzo mensile dei salari orari è stato inferiore alle stime e su base annua è cresciuto del 2,6% dopo il +2,9% del mese precedente (quando raggiunse il top del 2009). Questo significa che i datori di lavoro stanno s" dando più incentivi per reclutare le figure professionali che in alcune aree scarseggiano ma non al punto da indicare un aumento delle tanto temute pressioni inflative che potrebbero spingere la Fed a essere meno accomodante del previsto. E' esattemente quanto Jerome Powell, da inizio febbraio al comando della Fed, disse nel corso del suo secondo giorno di testimonianza al Congresso il primo marzo scorso (quando suonò più "colomba" rispetto al debutto a Capitol Hill da "falco" di due giorni prima).

Insomma, per una volta a Wall Street le buone notizie vengono interpretate come tali. E non a caso gli indici hanno messo il turbo, cosa che ha permesso al Nasdaq Composite di raggiungere un nuovo record intraday. Nel frattempo, i Treasury sono stati venduti a piene mani visto il ritorno dell'appetito per asset più rischiosi. Nonostante ciò sono cresciute vicino al 30% le probabilità che la Fed alzi i tassi quattro volte e non solo tre come fino ad ora indicato dall'istituto e sperato dagli investitori. Bisognerà aspettare la fine della riunione del 20 e 21 marzo prossimi per conoscere le nuove previsioni della banca centrale (le ultime risalgono al dicembre 2017). Una stretta in quell'occasione è data per sconta ma quante ne seguiranno nel 2018? Lo spiegherà Powell quando per la prima volta affronterà la stampa in quel giorno. Nel frattempo i mercati avranno tempo di abituarsi all'idea che se l'economia continua a crescere, un altro ritocco all'insù del costo del denaro ne è una semplice conseguenza.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione di Trump

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.