Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).

Nel suo "Economic Survey of the United States", presentato oggi a Washington, l'Ocse ha descritto prospettive di breve termine "robuste" ma i rischi per l'outlook della prima economia al mondo "restano notevoli".

Sul primo fronte, l'organizzazazione parigina ha citato consumi privati che "rimangono solidi" grazie a un mercato del lavoro "forte" e ad "alti livelli di fiducia" tra i consumatori. Alla luce di questi elementi, l'Ocse stima un Pil in rialzo del 2,9% nel 2018, a un soffio dal +3% stimato dall'amministrazione Trump (che soltanto ieri si è detta convinta che quel tasso di crescita sarà la normalità). Per il 2019 è attesa una crescita del Pil del 2,8%.

L'istituzione guidata da Angel Gurria ha spiegato che gli stimoli fiscali adottati in Usa (la riforma fiscale e un aumento della spesa pubblica nell'anno in corso e nel prossimo) forniranno un contributo di circa l'1% in tutti e due gli anni. Si tratta di una "notevole spinta alla crescita nel breve termine". Per l'Ocse, anche i piani per la deregulation "dovrebbero alimentare il dinamismo aziendale". Tuttavia, avverte l'Ocse, non mancano i rischi. "Ratio elevati di indebitamento nel settore aziendale necessiteranno di un monitoraggio attento". Non solo. "I differenziali nei tassi di interesse tra gli Usa e le principali valute potrebbe contribuire a un apprezzamento del dollaro". Anche "tensioni commerciali in aumento con i partner commerciali chiave "minacciano di mandare in tilt la catena di approvigionamento globale ledendo la crescita". In aggiunta, "la sostenibilità fiscale nel lungo termine resta fonte di preoccupazione".

La ripresa e l'espansione dell'economia statunitense "è stata notevole e sembra destinata a continuare per i prossimi due anni" ma all'orizzonte "ci sono rischi seri", ha detto Gurria, segretario generale dell'Ocse. Gurria ha citato tra i rischi la politica commerciale degli Usa, "che potrebbe minacciare la tanto necessaria crescita, sia in Usa che in molti altri membri dell'Ocse". Per l'uomo a capo dell'istituzione parigina, "ulteriori riforme sono necessarie per sostenere l'espansione e garantire che tutti gli americani beneficino di una crescita più sostenibile e più forte".

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati