Oggi l'inaugurazione dell'ambasciata Usa a Gerusalemme, Trump: "Un grande giorno per Israele"

La decisione rischia di alimentare le tensioni. A Gaza 28 palestinesi uccisi

"Un grande giorno per Israele!". Così il presidente Donald Trump ha voluto commentare l'inizio di una giornata molto importante per lui, caratterizzata dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme, fortemente voluta. Nel suo primo tweet di giornata, Trump ha consigliato di seguire l'evento su Fox News e Fox Business, i suoi canali televisivi preferiti.

Si realizza così la promessa di Trump, con il rischio di innescare proteste da parte dei palestinesi, in particolare a Gaza. All'inaugurazione saranno presenti Ivanka Trump e Jared Kushner, figlia e genero e consiglieri del presidente americano, insieme a centinaia di personalità dei due paesi, mentre il presidente americano interverrà in videoconferenza. La cerimonia avrà inizio alle 16 (15 italiane). L'esercito israeliano ha quasi raddoppiato i propri uomini attorno alla Striscia di Gaza e in Cisgiordania, dove sono previsti comizi. Un migliaio i poliziotti israeliani mobilitati a Gerusalemme per garantire la sicurezza dell'ambasciata e delle zone circostanti.

L'inaugurazione si tiene in occasione del 70simo anniversario della fondazione di Israele, nel 1948. "Gerusalemme è stata la capitale del popolo ebraico per 3.000 anni. E' stata la capitale del nostro Stato negli ultimi 70 anni e rimarrà la nostra capitale per sempre, non importa quale accordo di pace voi immaginiate", ha detto ieri il premier israeliano Benjamin Netanyahu davanti a Ivanka Trump e Jared Kushner. Domani i palestinesi commemoreranno la Nakba, vale a dire l'inizio dell'esodo e della cacciata di centinaia di migliaia di palestinesi dalle loro terre.

Almeno 28 palestiesi sono stati uccisi negli scontri scoppiati al confine tra la Striscia di Gaza e Israele, a poche ore dall'inaugurazione a Gerusalemme dell'ambasciata americana, in programma alle 16 (le 15 in Italia). Questa mattina l'aviazione israeliana aveva lanciato volantini sulla Striscia di Gaza invitando i palestinesi a tenersi lontano dal confine e a non partecipare ad attività violente.

 

Le parole di Mnuchin

"Il presidente sta mantenendo una promessa fatta in campagna elettorale, una cosa che aveva detto che avrebbe fatto. Altri presidenti hanno detto che lo avrebbero fatto [...] Sono molto emozionato di essere qui in un giorno incredibile". Lo ha detto il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, parlando a una giornalista di Fox News a meno di un'ora dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. Sarà proprio Mnuchin a tirare la corda che scoprirà la targa della nuova ambasciata, come ha lui stesso aggiunto parlando con Fox News.

"Il presidente Trump vuole assolutamente la pace in Medio Oriente, è il suo obiettivo [...] Il presidente agisce e lo sta facendo perché è la cosa giusta da fare" ha aggiunto, riferendosi allo spostamento dell'ambasciata. "Questa è la capitale d'Israele, che è uno dei nostri maggiori alleati e sta combattendo il terrorismo insieme a noi" ha aggiunto Mnuchin, affermando che, "nel settantesimo anniversario [di Israele] Trump sta facendo una cosa che avremmo dovuto fare molto tempo fa".

 

Le critiche di Romney

Mitt Romney ha criticato la decisione di scegliere un controverso leader evangelico per la benedizione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. L'ex candidato repubblicano alla presidenza statunitense ha definito il reverendo Robert Jeffress un "fanatico religioso". Jeffress è il pastore della First Baptist Church di Dallas ed è anche un consigliere del presidente Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele lo scorso anno. Romney, su Twitter, ha scritto che Jeffress afferma che "non puoi essere salvato come ebreo" e che "il mormonismo (Romney è mormone, ndr) è un'eresia proveniente dalla fossa dell'inferno". "Dice le stesse cose anche dell'Islam. A un tale fanatico religioso non doveva essere data la preghiera che inaugura l'ambasciata statunitense a Gerusalemme" ha scritto Romney, candidato per un seggio nel Senato federale alle prossime elezioni di metà mandato. Jeffress è un forte sostenitore di Israele, della scelta di Trump di spostare l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme ed è contrario alla soluzione a due Stati per il conflitto con i palestinesi in base alla sua interpretazione della Bibbia.

 

L'omaggio del Beitar

Una delle squadre di calcio più titolate d'Israele ha deciso di modificare il proprio nome in onore del presidente statunitense. Ieri, l'annuncio su Facebook del Beitar 'Trump' Gerusalemme, alla vigilia dell'inaugurazione dell'ambasciata statunitense: "Per 70 anni, Gerusalemme ha atteso il riconoscimento internazionale, finché il presidente Donald Trump, con un gesto coraggioso, ha riconosciuto Gerusalemme come capitale eterna di Israele. Il presidente Trump ha mostrato coraggio e vero amore per gli israeliani e la loro capitale". "Il football club Beitar Gerusalemme, uno dei simboli più importanti della città, è felice di onorare il presidente per il suo amore e il sostegno con un gesto". Il Beitar ha vinto il campionato israeliano per sei volte; i suoi tifosi più accesi intonano cori contro arabi e musulmani durante le partite, motivo per cui la squadra è stata più volte penalizzata. La società non ha mai tesserato giocatori arabi e i suoi uffici sono stati dati alle fiamme dai tifosi, nel 2013, dopo l'acquisto di due giocatori musulmani dal Terek Grozny, squadra cecena che milita nel massimo campionato russo.

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap