Oggi l'inaugurazione dell'ambasciata Usa a Gerusalemme, Trump: "Un grande giorno per Israele"

La decisione rischia di alimentare le tensioni. A Gaza 28 palestinesi uccisi

"Un grande giorno per Israele!". Così il presidente Donald Trump ha voluto commentare l'inizio di una giornata molto importante per lui, caratterizzata dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme, fortemente voluta. Nel suo primo tweet di giornata, Trump ha consigliato di seguire l'evento su Fox News e Fox Business, i suoi canali televisivi preferiti.

Si realizza così la promessa di Trump, con il rischio di innescare proteste da parte dei palestinesi, in particolare a Gaza. All'inaugurazione saranno presenti Ivanka Trump e Jared Kushner, figlia e genero e consiglieri del presidente americano, insieme a centinaia di personalità dei due paesi, mentre il presidente americano interverrà in videoconferenza. La cerimonia avrà inizio alle 16 (15 italiane). L'esercito israeliano ha quasi raddoppiato i propri uomini attorno alla Striscia di Gaza e in Cisgiordania, dove sono previsti comizi. Un migliaio i poliziotti israeliani mobilitati a Gerusalemme per garantire la sicurezza dell'ambasciata e delle zone circostanti.

L'inaugurazione si tiene in occasione del 70simo anniversario della fondazione di Israele, nel 1948. "Gerusalemme è stata la capitale del popolo ebraico per 3.000 anni. E' stata la capitale del nostro Stato negli ultimi 70 anni e rimarrà la nostra capitale per sempre, non importa quale accordo di pace voi immaginiate", ha detto ieri il premier israeliano Benjamin Netanyahu davanti a Ivanka Trump e Jared Kushner. Domani i palestinesi commemoreranno la Nakba, vale a dire l'inizio dell'esodo e della cacciata di centinaia di migliaia di palestinesi dalle loro terre.

Almeno 28 palestiesi sono stati uccisi negli scontri scoppiati al confine tra la Striscia di Gaza e Israele, a poche ore dall'inaugurazione a Gerusalemme dell'ambasciata americana, in programma alle 16 (le 15 in Italia). Questa mattina l'aviazione israeliana aveva lanciato volantini sulla Striscia di Gaza invitando i palestinesi a tenersi lontano dal confine e a non partecipare ad attività violente.

 

Le parole di Mnuchin

"Il presidente sta mantenendo una promessa fatta in campagna elettorale, una cosa che aveva detto che avrebbe fatto. Altri presidenti hanno detto che lo avrebbero fatto [...] Sono molto emozionato di essere qui in un giorno incredibile". Lo ha detto il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, parlando a una giornalista di Fox News a meno di un'ora dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. Sarà proprio Mnuchin a tirare la corda che scoprirà la targa della nuova ambasciata, come ha lui stesso aggiunto parlando con Fox News.

"Il presidente Trump vuole assolutamente la pace in Medio Oriente, è il suo obiettivo [...] Il presidente agisce e lo sta facendo perché è la cosa giusta da fare" ha aggiunto, riferendosi allo spostamento dell'ambasciata. "Questa è la capitale d'Israele, che è uno dei nostri maggiori alleati e sta combattendo il terrorismo insieme a noi" ha aggiunto Mnuchin, affermando che, "nel settantesimo anniversario [di Israele] Trump sta facendo una cosa che avremmo dovuto fare molto tempo fa".

 

Le critiche di Romney

Mitt Romney ha criticato la decisione di scegliere un controverso leader evangelico per la benedizione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. L'ex candidato repubblicano alla presidenza statunitense ha definito il reverendo Robert Jeffress un "fanatico religioso". Jeffress è il pastore della First Baptist Church di Dallas ed è anche un consigliere del presidente Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele lo scorso anno. Romney, su Twitter, ha scritto che Jeffress afferma che "non puoi essere salvato come ebreo" e che "il mormonismo (Romney è mormone, ndr) è un'eresia proveniente dalla fossa dell'inferno". "Dice le stesse cose anche dell'Islam. A un tale fanatico religioso non doveva essere data la preghiera che inaugura l'ambasciata statunitense a Gerusalemme" ha scritto Romney, candidato per un seggio nel Senato federale alle prossime elezioni di metà mandato. Jeffress è un forte sostenitore di Israele, della scelta di Trump di spostare l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme ed è contrario alla soluzione a due Stati per il conflitto con i palestinesi in base alla sua interpretazione della Bibbia.

 

L'omaggio del Beitar

Una delle squadre di calcio più titolate d'Israele ha deciso di modificare il proprio nome in onore del presidente statunitense. Ieri, l'annuncio su Facebook del Beitar 'Trump' Gerusalemme, alla vigilia dell'inaugurazione dell'ambasciata statunitense: "Per 70 anni, Gerusalemme ha atteso il riconoscimento internazionale, finché il presidente Donald Trump, con un gesto coraggioso, ha riconosciuto Gerusalemme come capitale eterna di Israele. Il presidente Trump ha mostrato coraggio e vero amore per gli israeliani e la loro capitale". "Il football club Beitar Gerusalemme, uno dei simboli più importanti della città, è felice di onorare il presidente per il suo amore e il sostegno con un gesto". Il Beitar ha vinto il campionato israeliano per sei volte; i suoi tifosi più accesi intonano cori contro arabi e musulmani durante le partite, motivo per cui la squadra è stata più volte penalizzata. La società non ha mai tesserato giocatori arabi e i suoi uffici sono stati dati alle fiamme dai tifosi, nel 2013, dopo l'acquisto di due giocatori musulmani dal Terek Grozny, squadra cecena che milita nel massimo campionato russo.

Altri Servizi

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock
AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".