Oggi l'inaugurazione dell'ambasciata Usa a Gerusalemme, Trump: "Un grande giorno per Israele"

La decisione rischia di alimentare le tensioni. A Gaza 28 palestinesi uccisi

"Un grande giorno per Israele!". Così il presidente Donald Trump ha voluto commentare l'inizio di una giornata molto importante per lui, caratterizzata dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme, fortemente voluta. Nel suo primo tweet di giornata, Trump ha consigliato di seguire l'evento su Fox News e Fox Business, i suoi canali televisivi preferiti.

Si realizza così la promessa di Trump, con il rischio di innescare proteste da parte dei palestinesi, in particolare a Gaza. All'inaugurazione saranno presenti Ivanka Trump e Jared Kushner, figlia e genero e consiglieri del presidente americano, insieme a centinaia di personalità dei due paesi, mentre il presidente americano interverrà in videoconferenza. La cerimonia avrà inizio alle 16 (15 italiane). L'esercito israeliano ha quasi raddoppiato i propri uomini attorno alla Striscia di Gaza e in Cisgiordania, dove sono previsti comizi. Un migliaio i poliziotti israeliani mobilitati a Gerusalemme per garantire la sicurezza dell'ambasciata e delle zone circostanti.

L'inaugurazione si tiene in occasione del 70simo anniversario della fondazione di Israele, nel 1948. "Gerusalemme è stata la capitale del popolo ebraico per 3.000 anni. E' stata la capitale del nostro Stato negli ultimi 70 anni e rimarrà la nostra capitale per sempre, non importa quale accordo di pace voi immaginiate", ha detto ieri il premier israeliano Benjamin Netanyahu davanti a Ivanka Trump e Jared Kushner. Domani i palestinesi commemoreranno la Nakba, vale a dire l'inizio dell'esodo e della cacciata di centinaia di migliaia di palestinesi dalle loro terre.

Almeno 28 palestiesi sono stati uccisi negli scontri scoppiati al confine tra la Striscia di Gaza e Israele, a poche ore dall'inaugurazione a Gerusalemme dell'ambasciata americana, in programma alle 16 (le 15 in Italia). Questa mattina l'aviazione israeliana aveva lanciato volantini sulla Striscia di Gaza invitando i palestinesi a tenersi lontano dal confine e a non partecipare ad attività violente.

 

Le parole di Mnuchin

"Il presidente sta mantenendo una promessa fatta in campagna elettorale, una cosa che aveva detto che avrebbe fatto. Altri presidenti hanno detto che lo avrebbero fatto [...] Sono molto emozionato di essere qui in un giorno incredibile". Lo ha detto il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, parlando a una giornalista di Fox News a meno di un'ora dall'inaugurazione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. Sarà proprio Mnuchin a tirare la corda che scoprirà la targa della nuova ambasciata, come ha lui stesso aggiunto parlando con Fox News.

"Il presidente Trump vuole assolutamente la pace in Medio Oriente, è il suo obiettivo [...] Il presidente agisce e lo sta facendo perché è la cosa giusta da fare" ha aggiunto, riferendosi allo spostamento dell'ambasciata. "Questa è la capitale d'Israele, che è uno dei nostri maggiori alleati e sta combattendo il terrorismo insieme a noi" ha aggiunto Mnuchin, affermando che, "nel settantesimo anniversario [di Israele] Trump sta facendo una cosa che avremmo dovuto fare molto tempo fa".

 

Le critiche di Romney

Mitt Romney ha criticato la decisione di scegliere un controverso leader evangelico per la benedizione dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme. L'ex candidato repubblicano alla presidenza statunitense ha definito il reverendo Robert Jeffress un "fanatico religioso". Jeffress è il pastore della First Baptist Church di Dallas ed è anche un consigliere del presidente Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele lo scorso anno. Romney, su Twitter, ha scritto che Jeffress afferma che "non puoi essere salvato come ebreo" e che "il mormonismo (Romney è mormone, ndr) è un'eresia proveniente dalla fossa dell'inferno". "Dice le stesse cose anche dell'Islam. A un tale fanatico religioso non doveva essere data la preghiera che inaugura l'ambasciata statunitense a Gerusalemme" ha scritto Romney, candidato per un seggio nel Senato federale alle prossime elezioni di metà mandato. Jeffress è un forte sostenitore di Israele, della scelta di Trump di spostare l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme ed è contrario alla soluzione a due Stati per il conflitto con i palestinesi in base alla sua interpretazione della Bibbia.

 

L'omaggio del Beitar

Una delle squadre di calcio più titolate d'Israele ha deciso di modificare il proprio nome in onore del presidente statunitense. Ieri, l'annuncio su Facebook del Beitar 'Trump' Gerusalemme, alla vigilia dell'inaugurazione dell'ambasciata statunitense: "Per 70 anni, Gerusalemme ha atteso il riconoscimento internazionale, finché il presidente Donald Trump, con un gesto coraggioso, ha riconosciuto Gerusalemme come capitale eterna di Israele. Il presidente Trump ha mostrato coraggio e vero amore per gli israeliani e la loro capitale". "Il football club Beitar Gerusalemme, uno dei simboli più importanti della città, è felice di onorare il presidente per il suo amore e il sostegno con un gesto". Il Beitar ha vinto il campionato israeliano per sei volte; i suoi tifosi più accesi intonano cori contro arabi e musulmani durante le partite, motivo per cui la squadra è stata più volte penalizzata. La società non ha mai tesserato giocatori arabi e i suoi uffici sono stati dati alle fiamme dai tifosi, nel 2013, dopo l'acquisto di due giocatori musulmani dal Terek Grozny, squadra cecena che milita nel massimo campionato russo.

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street, investitori innervositi da Trump

Il presidente Usa non contento delle trattative commerciali con la Cina. Possibile un rinvio del summit con Kim
iStock

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Nordcorea: Moon da Trump per salvare il summit con Kim

Nell'amministrazione Usa c'è chi dubita che l'incontro del 12 giugno a Singapore ci sarà. Oggi riunione tra il presidente sudcoreano e quello americano

Il presidente sudcoreano metterà piede oggi alla Casa Bianca con un obiettivo: convincere Donald Trump che il suo summit con il leader nordcoreano s'ha da fare e che può essere costruttivo. Questo, nonostante Pyongyang la settimana scorsa abbia rispolverato una retorica dura su un'esercitazione militare congiunta tra Washington e Seul e ha messo in guardia gli Stati Uniti facendo capire che l'incontro non è affatto scontato.