Colavita punta sull'online per crescere in Usa

I cugini Giovanni e Paolo Colavita spiegano i piani dell'azienda, al quarto posto nel mercato americano dell'olio di oliva

Rafforzare la presenza sull'online e abbattere i costi della distribuzione per l'olio prodotto negli Usa. E' così che Colavita vuole crescere nella prima economia al mondo. A descrivere gli obiettivi del gruppo italiano che produce ed esporta olio di oliva in 80 Paesi nel mondo sono Giovanni e Paolo Colavita, rispettivamente Ceo e presidente di Colavita Usa e vicepresidente di Colavita in California.

Secondo gli imprenditori, "l’e-commerce è il trend del momento" ma "fino a due anni fa i volumi di vendita erano insignificanti. Oggi parliamo di milioni di dollari”. Su Amazon l'olio prodotto dalla società è al primo posto nelle vendite, mentre nel mercato Usa il gruppo si posiziona al quarto posto con tre milioni e mezzo di litri venduti lo scorso anno, equivalenti a una quota di mercato del 2,3%. Al terzo posto c'è il marchio California Oil Ranch con 4,4 milioni di litri, il 3% della quota; al secondo posto si trova Bertolli con 18,5 milioni di litri e al primo posto a pari merito figurano i marchi Filippo Berio e Pompeian con 20 milioni di litri ciascuno, ossia una quota del 13%.

"Abbiamo cominciato a investire nell'online nove anni fa, in tempi non sospetti", hanno spiegato gli imprenditori. "Abbiamo creato una struttura e un team ad hoc, senza fatturare nulla per molto tempo fino a quando due anni fa il mercato è esploso. Oggi siamo il primo brand italiano nei negozi Whole Food e il primo su Amazon". L'anno scorso il gruppo ha anche investito in Hello Fresh, una start up alimentare tedesca che consegna a domicilio ingredienti per ricette.

Per Colavita, l'America è sempre stata la terra promessa: “Fin dalla fondazione dell’impresa, la nostra famiglia si è proiettata di più sul mercato estero che su quello italiano, dove pure siamo presenti ma non certo come marchio storico”, hanno spiegato i due cugini Paolo e Giovanni Colavita. L'azienda ancora oggi produce il proprio olio nello stabilimento di Sant’Elia a Pianisi, un piccolo centro del Molise. Della produzione proveniente dallo stabilimento centrale “il 50% arriva proprio negli Stati Uniti, il restante 50% negli altri 79 Paesi”, hanno precisato gli eredi del gruppo.

“Abbiamo anche alcuni prodotti che realizziamo esclusivamente qui, come l'olio di Canola, utilizzato soprattutto nella ristorazione”. Questo tipo di olio viene prodotto nello stabilimento aziendale del New Jersey e da lì viene distribuito in tutto il Paese. "L'obiettivo è di abbattere i costi per il trasporto. E' un olio che vendiamo principalmente in California e il trasporto dal New Jersey alla West Coast richiede molte risorse. Per questo motivo puntiamo a produrlo direttamente in quell'area", ha aggiunto Paolo Colavita.

Considerando la distribuzione su scala globale, i due imprenditori hanno detto che “il 90% è destinata alla vendita al dettaglio, il restante 10% al food service”.

La principale differenza tra il mercato Usa e quello italiano, secondo gli eredi del gruppo, sta nel fatto che "l'Italia è un mercato guidato dal prezzo; quello Usa è più interessato a conoscere la varietà ed è pronto a pagare di più per avere un prodotto di maggiore qualità". Motivo per cui l'azienda continuerà a investire negli Stati Uniti, puntando anche sulle acquisizioni, "in modo da rafforzare ulteriormente la nostra presenza qui".

Si tratta di un processo che non esclude l'Italia in quanto, hanno continuato i due cugini, "vogliamo entrare nelle piccole realtà aziendali italiane che abbiano le potenzialità per poter crescere, per portare il nostro know how, in modo da aiutarle a entrare nel mercato americano". Negli Usa, Colavita si occupa anche della distribuzione di prodotti per conto di altri brand italiani. Tra questi i Baci Perugina, ed è in trattativa per la distribuzione di altri marchi, sempre Made in Italy.

Altri Servizi

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap