Colavita punta sull'online per crescere in Usa

I cugini Giovanni e Paolo Colavita spiegano i piani dell'azienda, al quarto posto nel mercato americano dell'olio di oliva

Rafforzare la presenza sull'online e abbattere i costi della distribuzione per l'olio prodotto negli Usa. E' così che Colavita vuole crescere nella prima economia al mondo. A descrivere gli obiettivi del gruppo italiano che produce ed esporta olio di oliva in 80 Paesi nel mondo sono Giovanni e Paolo Colavita, rispettivamente Ceo e presidente di Colavita Usa e vicepresidente di Colavita in California.

Secondo gli imprenditori, "l’e-commerce è il trend del momento" ma "fino a due anni fa i volumi di vendita erano insignificanti. Oggi parliamo di milioni di dollari”. Su Amazon l'olio prodotto dalla società è al primo posto nelle vendite, mentre nel mercato Usa il gruppo si posiziona al quarto posto con tre milioni e mezzo di litri venduti lo scorso anno, equivalenti a una quota di mercato del 2,3%. Al terzo posto c'è il marchio California Oil Ranch con 4,4 milioni di litri, il 3% della quota; al secondo posto si trova Bertolli con 18,5 milioni di litri e al primo posto a pari merito figurano i marchi Filippo Berio e Pompeian con 20 milioni di litri ciascuno, ossia una quota del 13%.

"Abbiamo cominciato a investire nell'online nove anni fa, in tempi non sospetti", hanno spiegato gli imprenditori. "Abbiamo creato una struttura e un team ad hoc, senza fatturare nulla per molto tempo fino a quando due anni fa il mercato è esploso. Oggi siamo il primo brand italiano nei negozi Whole Food e il primo su Amazon". L'anno scorso il gruppo ha anche investito in Hello Fresh, una start up alimentare tedesca che consegna a domicilio ingredienti per ricette.

Per Colavita, l'America è sempre stata la terra promessa: “Fin dalla fondazione dell’impresa, la nostra famiglia si è proiettata di più sul mercato estero che su quello italiano, dove pure siamo presenti ma non certo come marchio storico”, hanno spiegato i due cugini Paolo e Giovanni Colavita. L'azienda ancora oggi produce il proprio olio nello stabilimento di Sant’Elia a Pianisi, un piccolo centro del Molise. Della produzione proveniente dallo stabilimento centrale “il 50% arriva proprio negli Stati Uniti, il restante 50% negli altri 79 Paesi”, hanno precisato gli eredi del gruppo.

“Abbiamo anche alcuni prodotti che realizziamo esclusivamente qui, come l'olio di Canola, utilizzato soprattutto nella ristorazione”. Questo tipo di olio viene prodotto nello stabilimento aziendale del New Jersey e da lì viene distribuito in tutto il Paese. "L'obiettivo è di abbattere i costi per il trasporto. E' un olio che vendiamo principalmente in California e il trasporto dal New Jersey alla West Coast richiede molte risorse. Per questo motivo puntiamo a produrlo direttamente in quell'area", ha aggiunto Paolo Colavita.

Considerando la distribuzione su scala globale, i due imprenditori hanno detto che “il 90% è destinata alla vendita al dettaglio, il restante 10% al food service”.

La principale differenza tra il mercato Usa e quello italiano, secondo gli eredi del gruppo, sta nel fatto che "l'Italia è un mercato guidato dal prezzo; quello Usa è più interessato a conoscere la varietà ed è pronto a pagare di più per avere un prodotto di maggiore qualità". Motivo per cui l'azienda continuerà a investire negli Stati Uniti, puntando anche sulle acquisizioni, "in modo da rafforzare ulteriormente la nostra presenza qui".

Si tratta di un processo che non esclude l'Italia in quanto, hanno continuato i due cugini, "vogliamo entrare nelle piccole realtà aziendali italiane che abbiano le potenzialità per poter crescere, per portare il nostro know how, in modo da aiutarle a entrare nel mercato americano". Negli Usa, Colavita si occupa anche della distribuzione di prodotti per conto di altri brand italiani. Tra questi i Baci Perugina, ed è in trattativa per la distribuzione di altri marchi, sempre Made in Italy.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione, preoccupano la crescita mondiale e le tensioni commerciali

Oggi il rapporto Jolts sui posti vacanti per il mese di ottobre
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.

Cristiana Pegoraro: come "toccare" (e ringiovanire) la musica classica

Dall'infanzia ai palcoscenici di tutto il mondo. La concertista di Terni trapiantata a New York racconta la fisicità associata al pianoforte e come "narrare" un genere nato nel diciannovesimo secolo

A quattro anni iniziò a suonare in un asilo pubblico di Terni ma ricorda ancora "le note colorate del pentagramma". A 10 sapeva già che voleva fare la concertista. Al posto di ascoltare la madre, che la esortava a "non studiare così tanto e a stare con gli altri bambini", lei giocava con il pianoforte. E se le pareti delle stanze delle sue amichette erano tappezzate dai volti dei cantati più gettonati del momento, quelle di lei ospitavano compositori come Frédéric Chopin e poster delle loro mani. Perché è nelle mani che Cristiana Pegoraro conserva con cura il suo talento, "che è solo un punto di partenza", oltre che la sua passione. Quella di suonare il pianoforte.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.

O'Rourke pensa alle presidenziali Usa, ha incontrato Obama

 Il deputato, dopo la sconfitta contro Cruz, resta tra i democratici papabili
Ap

Beto O'Rourke, che sta riflettendo su una possibile candidatura alle presidenziali statunitensi del 2020, ha recentemente incontrato Barack Obama negli uffici dell'ex presidente a Washington. Lo scrive il Washington Post, secondo cui l'incontro sarebbe avvenuto il 16 novembre, dieci giorni dopo la sconfitta di O'Rourke contro il repubblicano Ted Cruz in Texas, per un seggio nel Senato federale.