Colavita punta sull'online per crescere in Usa

I cugini Giovanni e Paolo Colavita spiegano i piani dell'azienda, al quarto posto nel mercato americano dell'olio di oliva

Rafforzare la presenza sull'online e abbattere i costi della distribuzione per l'olio prodotto negli Usa. E' così che Colavita vuole crescere nella prima economia al mondo. A descrivere gli obiettivi del gruppo italiano che produce ed esporta olio di oliva in 80 Paesi nel mondo sono Giovanni e Paolo Colavita, rispettivamente Ceo e presidente di Colavita Usa e vicepresidente di Colavita in California.

Secondo gli imprenditori, "l’e-commerce è il trend del momento" ma "fino a due anni fa i volumi di vendita erano insignificanti. Oggi parliamo di milioni di dollari”. Su Amazon l'olio prodotto dalla società è al primo posto nelle vendite, mentre nel mercato Usa il gruppo si posiziona al quarto posto con tre milioni e mezzo di litri venduti lo scorso anno, equivalenti a una quota di mercato del 2,3%. Al terzo posto c'è il marchio California Oil Ranch con 4,4 milioni di litri, il 3% della quota; al secondo posto si trova Bertolli con 18,5 milioni di litri e al primo posto a pari merito figurano i marchi Filippo Berio e Pompeian con 20 milioni di litri ciascuno, ossia una quota del 13%.

"Abbiamo cominciato a investire nell'online nove anni fa, in tempi non sospetti", hanno spiegato gli imprenditori. "Abbiamo creato una struttura e un team ad hoc, senza fatturare nulla per molto tempo fino a quando due anni fa il mercato è esploso. Oggi siamo il primo brand italiano nei negozi Whole Food e il primo su Amazon". L'anno scorso il gruppo ha anche investito in Hello Fresh, una start up alimentare tedesca che consegna a domicilio ingredienti per ricette.

Per Colavita, l'America è sempre stata la terra promessa: “Fin dalla fondazione dell’impresa, la nostra famiglia si è proiettata di più sul mercato estero che su quello italiano, dove pure siamo presenti ma non certo come marchio storico”, hanno spiegato i due cugini Paolo e Giovanni Colavita. L'azienda ancora oggi produce il proprio olio nello stabilimento di Sant’Elia a Pianisi, un piccolo centro del Molise. Della produzione proveniente dallo stabilimento centrale “il 50% arriva proprio negli Stati Uniti, il restante 50% negli altri 79 Paesi”, hanno precisato gli eredi del gruppo.

“Abbiamo anche alcuni prodotti che realizziamo esclusivamente qui, come l'olio di Canola, utilizzato soprattutto nella ristorazione”. Questo tipo di olio viene prodotto nello stabilimento aziendale del New Jersey e da lì viene distribuito in tutto il Paese. "L'obiettivo è di abbattere i costi per il trasporto. E' un olio che vendiamo principalmente in California e il trasporto dal New Jersey alla West Coast richiede molte risorse. Per questo motivo puntiamo a produrlo direttamente in quell'area", ha aggiunto Paolo Colavita.

Considerando la distribuzione su scala globale, i due imprenditori hanno detto che “il 90% è destinata alla vendita al dettaglio, il restante 10% al food service”.

La principale differenza tra il mercato Usa e quello italiano, secondo gli eredi del gruppo, sta nel fatto che "l'Italia è un mercato guidato dal prezzo; quello Usa è più interessato a conoscere la varietà ed è pronto a pagare di più per avere un prodotto di maggiore qualità". Motivo per cui l'azienda continuerà a investire negli Stati Uniti, puntando anche sulle acquisizioni, "in modo da rafforzare ulteriormente la nostra presenza qui".

Si tratta di un processo che non esclude l'Italia in quanto, hanno continuato i due cugini, "vogliamo entrare nelle piccole realtà aziendali italiane che abbiano le potenzialità per poter crescere, per portare il nostro know how, in modo da aiutarle a entrare nel mercato americano". Negli Usa, Colavita si occupa anche della distribuzione di prodotti per conto di altri brand italiani. Tra questi i Baci Perugina, ed è in trattativa per la distribuzione di altri marchi, sempre Made in Italy.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Dalla Puglia agli Usa: il pane Altamura di Oropan vuole fare gola agli americani (e a Trump)

Piano di espansione per raddoppiare il fatturato in due anni
Vito Forte e la figlia Lucia Forte

Il pane di Altamura Dop della Oropan alla conquista dell’America. Il prodotto è stato scelto come simbolo della Puglia al galà annuale della National Italian American Foundation (associazione che rappresenta circa 20 milioni di italo-americani residenti negli Stati Uniti), in calendario a Washington domani con 1.300 invitati. Anche il presidente, Donald Trump, è stato invitato ma non è ancora chiaro se vi parteciperà. Certo è che al leader Usa il pane a lievitazione naturale di Oropan arriverà comunque attraverso la sua delegazione presente all'evento.