Omicidio Khashoggi, indagine Onu: Arabia Saudita colpevole, indagare sul principe MbS

"Un'esecuzione deliberata e premeditata". Da capire il ruolo di Mohammed bin Salman nell'uccisione del giornalista dissidente
Ap

"Il signor Khashoggi è stato vittima di un'esecuzione deliberata e premeditata, di un omicidio extragiudiziale per cui lo Stato dell'Arabia Saudita è responsabile sotto le leggi internazionali sui diritti umani". È quanto emerge dal rapporto di Agnes Callamard, incaricata dalle Nazioni Unite di indagare sull'omicidio del giornalista, avvenuto nel consolato saudita di Istanbul, in Turchia, lo scorso ottobre.

Nel rapporto, lungo 101 pagine e il più accurato fin qui elaborato sul caso, c'è scritto che "ci sono indizi credibili, che giustificano ulteriori indagini, del coinvolgimento di funzionari sauditi di alto livello, compreso il principe ereditario Mohammed bin Salman". Callamard ha poi affermato che le Nazioni Unite dovrebbero avviare un'indagine penale internazionale per assicurarsi che i colpevoli rispondano dei crimini commessi.

Pur non avendo trovato "prove schiaccianti" contro il principe saudita, l'esperta ha scritto che MbS ha avuto un ruolo fondamentale nella campagna di repressione del dissenso e che quasi sicuramente sapeva che era stata pianificata un'azione contro Khashoggi, giornalista critico con la famiglia reale.

Secondo Callamard, le colpe per l'omicidio del giornalista residente negli Stati Uniti andrebbero al di là degli undici sauditi incriminati; le autorità avrebbero poi partecipato, secondo l'esperta, alla distruzione delle prove. "È impossibile che un'operazione del genere potesse essere attuata senza che il principe ereditario fosse a conoscenza, almeno, di un certo tipo di missione di natura criminale contro Khashoggi" ha scritto.

Callamard ha poi aggiunto di aver trovato prove insufficienti per concludere che la Turchia o gli Stati Uniti avessero avvisato Khashoggi dei pericoli cui andava incontro. Inoltre, non ha trovato prove su presunte intercettazioni dell'intelligence statunitense da cui emergerebbe la volontà del principe di vedere morto Khashoggi.

Il governo degli Stati Uniti sta dalla parte dell'Arabia Saudita, nonostante definisca l'uccisione di Khashoggi "inaccettabile" e "orribile", perché "potremmo non conoscere mai i fatti" relativi all'assassinio, si è giustificato in passato il presidente Donald Trump, non intenzionato a rovinare i suoi rapporti con Riad e a fermare gli investimenti sauditi negli Stati Uniti. Secondo la Cia, Mohammed bin Salman "ha probabilmente ordinato" l'omicidio del giornalista dissidente.

Altri Servizi

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

L'avvocato del whistleblower conferma: "C'è un secondo segnalatore"

Dopo le indiscrezioni del New York Times, la conferma del legale su Abc News
Ap

L'avvocato che rappresenta il whistleblower che ha denunciato il comportamento del presidente statunitense Donald Trump durante la sua telefonata con l'omologo ucraino Volodymyr Zelensky, dando di fatto il via all'inchiesta dei democratici per il possibile impeachment del capo di Stato, ha confermato che ora rappresenta un secondo whistleblower, un altro membro dell'intelligence statunitense, con "conoscenze di prima mano" su alcune delle accuse.

Caso Ucraina, Trump blocca la deposizione al Congresso di un testimone chiave

L'ambasciatore Sondland era atteso da tre commissioni della Camera

L'amministrazione Trump ha ordinato a un alto diplomatico statunitense di non presentarsi oggi in Congresso, dove era atteso per testimoniare nell'ambito delle indagini della Camera su un possibile impeachment del presidente Donald Trump.

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP