Omicidio su Facebook, il sospetto si è suicidato

Giunta al terzo giorno, la caccia di Steve Stephens è terminata. Il 37enne ha sparato contro se stesso dopo un breve inseguimento in Pennsylvania. La polizia di Cleveland (luogo della tragedia): avremmo preferito catturarlo vivo

L'uomo accusato di avere ucciso a colpi di pistola un 74enne nel giorno di Pasqua a Cleveland (Ohio) e di avere poi pubblicato su Facebook il video dell'omicidio si è suicidato. E' terminata così la ricerca - giunta al terzo giorno - di Steve Stephens, il sospetto 37enne. A dare la notizia su Twitter è stata la polizia della Pennsylvania, dove l'uomo ha sparato contro sé stesso dopo un breve inseguimento nella contea di Erie, a circa 160 chilometri dal luogo della tragedia. Ora si passerà alla sua identificazione formale, anche con test del Dna, e alla ricostruzione degli ultimi tre giorni.

Il commissario di polizia di Cleveland, Calvin Williams, ha spiegato in una conferenza stampa che "siamo grati" che la ricerca dell'omicida sia finita ma "avremmo preferito che non finisse così visto che ci sono tante domande a cui dare ancora risposta". Le autorità preferivano catturarlo vivo: "Avremmo voluto parlargli, capire cosa sia successo. Perché c'è tanta gente nelle sue condizioni". Proprio per questo Williams si è rivolto indirettamente a uno specifico gruppo di persone: "Se non vi sentite bene, se le cose nella vostra vita non vanno bene, se avete bisogno di aiuto, chiamate. Qualcuno vi assisterà". Perché tragedie come quella del giorno di Pasqua vanno appunto evitate.

Stando alla ricostruzione di quanto accaduto, alle 11 ora locale (le 17 in Italia), Stephens è stato visto e segnalato alla polizia della Pennsylvania: la sua Ford Fusion bianca era stata notata vicino a un parcheggio di un ristorante McDonald's. "La polizia lo ha avvicinato e lui si è ucciso", ha aggiunto Williams.

La ricerca di Stephens aveva raggiunto una scala "nazionale" e le forze dell'ordine avevano chiesto aiuto a tutta l'America: "Se pensate di averlo visto, se avete notato il suo veicolo, se credete di avere informazioni utili" per la sua cattura, "chiamate il 911" (il numero per le telefonate di emergenza). Nel frattempo erano salite le pressioni su Facebook, che aveva impiegato quasi tre ore prima di rimuovere dal social network il video dell'omicidio; il gruppo ha promesso una revisione del processo di gestioni di contenuti controversi. Il capo della polizia di Cleveland ha detto di "non avere avuto alcun rapporto diretto con i social media".

Mark Zuckerberg, il numero uno del gruppo di Menlo Park (California), durante la conferenza annuale degli sviluppatori, ha ammesso che il social network "ha ancora molto lavoro da fare". E ha promesso: "Continueremo a fare tutto quello che possiamo per prevenire tragedie come questa".

Da ieri veniva offerta una ricompensa si 50.000 dollari per chiunque avesse fornito informazioni utili. In una conferenza tenutasi prima della notizia del suicidio dell'omicida, il commissario di polizia di Clevelandaveva fornito una notizia incoraggiante: "Non abbiamo scoperto altre vittime, quindi siamo fiduciosi che non ce ne siano ma continuiamo a cercare". Il riferimento era a un altro video dello stesso Stephens in cui diceva a qualcuno con cui era al telefono di avere già ucciso 13 persone.

Lo stesso Williams aveva spiegato di avere ricevuto quasi 400 segnalazioni in arrivo da tutti gli Stati, "anche dal Texas". "Riceviamo chiamate da tutto il Paese", aveva spiegato precisando di "prenderle tutte seriamente in considerazione".

A chi aveva insinuato che l'inchiesta fosse in panne, Williams aveva risposto: "Queste cose possono richiedere due giorni, due settimane, due anni. Dipende dall'individuo in fuga, dal loro modo di pensare, dal fatto che ricevano o meno assistenza. Le persone in fuga come in questo caso, a un certo punto hanno bisogno di aiuto". Per la risoluzione del caso, non servirà cos" tanto visto che l'omicida ha scelto di togliersi la vita.

Altri Servizi

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Fendi

Perché in Italia esistono ancora così tanti monumenti di epoca fascista? A chiederselo è il New Yorker, in un articolo dal titolo secco e provocatorio firmato da Ruth Ben-Ghiat, docente di storia e studi italiani presso la New York University. Mentre in Usa continua il dibattito sui monumenti sudisti e sulle statue di Cristoforo Colombo, nel suo pezzo Ben-Ghiat esprime tutto il suo stupore non solo per il fatto che questi monumenti siano rimasti ma soprattutto perché sono ancora oggi ben visibili.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Google va in aiuto di Porto Rico, l'isola devastata dall'uragano Maria. La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite per ovviare al fatto che l'83% della popolazione è attualmente senza servizio.