L’oncologo Carlo Croce, un ‘solo andata’ che ha rivoluzionato la ricerca sul cancro, respinge le accuse del Nyt

"Il Nyt ha cercato di fare del sensazionalismo senza avere alcuna prova", ha detto ad America24, respingendo le critiche sui dati falsificati e la scarsa deontologia professionale. In America dal 1970, Croce ripercorre la sua carriera e le sue scoperte.

Dai microfoni di America24 l’oncologo italiano di fama internazionale Carlo Croce respinge le critiche del New York Times, che ha ripercorso i successi e sopratutto le controversie della sua carriera professionale in un lungo articolo intitolato ‘Anni di accuse in ambito etico, ma una star della ricerca del cancro la fa franca’. All’interno del pezzo il quotidiano ha raccolto tutte le accuse mosse alla sua attività di ricerca nel corso degli anni: plagio, dati falsificati e scarsa deontologia professionale.

 ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

“Mi sembra che l’autore dell’articolo abbia cercato di fare del sensazionalismo senza avere alcuna prova”, ha detto Croce, respingendo in blocco queste insinuazioni. “Ho pubblicato moltissimi lavori, ma nessuno di questi è stato contestato criticamente", spiega l'oncologo di origine milanese. “Lo stesso pezzo del Nyt in effetti non fornisce prove, riporta semplicemente un paio di immagini di un articolo che ho pubblicato dodici o tredici anni fa, affermando che un paio di bande sono state aggiustate. Di fatto tutta l’accusa si riassume in questo”. Citando il presidente Donald Trump, archivia la questione con una battuta: “In questo caso si tratta di fake news”

 Oggi direttore dell'Istituto di Genetica presso il Comprehensive Cancer Center dell’Ohio State University e membro dell’Accademia delle Scienze, Carlo Croce ha comprato un biglietto di 'solo andata' nel giugno del 1970, e oggi ha al suo attivo oltre 1.000 studi e circa 60 premi scientifici. “Le scoperte che ho fatto nel corso di questi anni in America hanno contribuito ad ampliare la comprensione del cancro”, spiega, raccontando i suoi successi nel settore della genetica. Croce è convinto che i risultati della scienza offrano ottime prospettive nella lotta contro il cancro, ma invita alla prudenza: “I progressi sono enormi, ma non possiamo aspettarci di essere in grado di curare malattie complesse come i tumori al polmone o al cervello dall’oggi al domani”.

 

 Canzone del giorno: Leonard Bernstein - America (da West Side Story)

 

L’Intervista di Mario Platero a Carlo Croce

 Mario Platero: Qual’è stata la sua reazione quando ha visto questo articolo sul new York Times che criticava il suo lavoro?

 Carlo Croce: Di completo shock, perché di fatto questo articolo non presentava nessuna prova per queste accuse. Io ho pubblicato moltissimi lavori, ma nessuno di questi lavori è stato contestato criticamente. Infatti lo stesso pezzo del Nyt non dice che un qualche mio lavoro non fosse vero, riportano semplicemente un paio di immagini di un articolo che ho pubblicato dodici o tredici anni fa, dicendo che un paio di bande sono state aggiustate.

 Mario Platero: Dicono infatti che ci sono queste bande di tre, e che una di queste bande è una duplicazione. Lei cosa dice?

 Carlo Croce: Potrebbe anche essere. Il fatto è che quelle bande sono bande di controllo, e sono tutte uguali. Potrebbe essere che uno dei post-doc che ha fatto gli esperimenti per quel lavoro abbia messo le bande in una maniera irregolare. In quel caso si tratterebbe però di uno sbaglio, e questo è senz’altro possibile: quando si ha a che fare con delle bande che sono identiche si possono fare degli errori. Di fatto tutta l’accusa dunque si riduce a questo: un paio di bande, in una pubblicazione di dodici anni fa, pubblicazione che non è stata contestata da nessuno, ma al contrario è stata confermata in diversi lavori successivi. In effetti mi sembra che l’autore dell’articolo abbia cercato di fare del sensazionalismo senza avere alcuna prova.

 Mario Platero: Beh, allora scusi ma potremmo usare un termine che il presidente Trump, soprattutto nei confronti del New York Times, continua a ripetere: ‘fake news’.

Carlo Croce: In questo caso si, mi sembrerebbe una ‘fake news’.

 Mario Platero: Ma ci racconti la sua storia. Lei come arriva in America? La sua carriera l’ha portata a vincere addirittura 60 premi e diversi riconoscimenti mondiali; lei è considerato uno dei più importanti ricercatori sul cancro al mondo, e il presidente Carlo Azeglio Ciampi le ha conferito perfino l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce. Insomma, ci vuole ben altro che un articolo del Nyt per smontare questa carriera. Come è cominciata? Quand’è che ha comprato questo biglietto di ‘solo andata’?

 Carlo Croce: Il biglietto di solo andata l’ho comprato nel giugno del 1970, e mi ha portato in un bel laboratorio a Philadelphia. L" ho imparato a lavorare con lo stile americano, e mi sono trovato bene quasi subito; i primi due mesi sono stati abbastanza difficili in effetti, ma poi mi sono ambientato e in un anno e mezzo mi sono guadagnato una posizione all’interno della facoltà. In seguito, già durante il mio secondo anno negli Usa, ho ricevuto tre finanziamenti governativi per continuare con i miei studi, quindi ho cominciato a lavorare come un ricercatore indipendente.

 Mario Platero: Lei si era laureato in medicina a Roma, quindi è venuto qua per fare ricerca…

 Carlo Croce: Si, mi sono laureato nel luglio del 1969

 Mario Platero: Ha un po’ di nostalgia ogni tanto di Roma, dell’Italia?

 Carlo Croce: Io amo Roma, cos" come amo l’Italia. Anzi, probabilmente la amo molto più adesso di quando ci vivevo: l’Italia è un paese meraviglioso.

 Mario Platero: Lei è anche un collezionista di opere italiane…

 Carlo Croce: Si, colleziono opere di italiani o di stranieri che hanno lavorato in Italia, nel periodo compreso tra il 1500 e il1700.

 Mario Platero: Se lei dovesse dare un consiglio ad un giovane che sta pensando di venire in America, cosa gli direbbe? L’America è ancora quella frontiera dove si può andare per inseguire un sogno?

Carlo Croce: Assolutamente, lo vedo in prima persona con i miei giovani. Sono entusiasti, vengono negli Stati Uniti, si trovano bene e vogliono rimanere per sviluppare la loro carriera qui in America. Questo paese rimane un posto fantastico per la ricerca.

 Mario Platero: Al di là dell’articolo del Nyt, quali sono stati i suoi contributi principali alla ricerca sul cancro?

 Carlo Croce: I miei contributi sono stati sopratutto per gli studi di genetica sul cancro; ho fatto molte scoperte, ma probabilmente le più importanti sono quattro. La prima è stata quella che ha provato che le traslocazioni cromosomiche causano il cancro, e questa è stata la dimostrazione che il cancro è una malattia genetica, una malattia dei geni. In seguito ,nel 1984, ho scoperto l’esistenza di un gene che è diventato molto popolare: si chiama ‘Bcl2’ e la sua attivazione causa dei linfomi incurabili. Oggi finalmente è stata sviluppata una medicina, l’Ebt199, che è stata approvata dall’Fda nel 2016: 32 anni dopo. Ho anche scoperto che nella leucemia più comune dell’uomo, la leucemia linfocitica cronica, si perdono due geni per i micro Rna. Prima invece si pensava che i geni portanti per il cancro fossero gli onco-geni e gli onco-soppressori, che codificano per proteine. Nel 2002 in sostanza ho scoperto invece che la leucemia linfocitica cronica non è causata da alterazioni genetiche che codificano per proteine, ma dalla perdita di due micro Rna. Queste scoperte hanno mostrato per la prima volta che alterazioni genetiche - genoma non codificante, che non codifica proteine - possono dare origine alle malattie. E questo è un campo che si è sviluppato enormemente in questi ultimi anni: oggi ci sono migliaia di lavori sui micro Rna. Nella leucemia linfocitica cronica abbiamo anche notato che questi due micro Rna targhettano, o per meglio dire inibiscono, questo gene che ho scoperto nel 1984, il Bcl2; siccome questi micro Rna sono regolatori negativi dell’espressione dei geni, la perdita di questi due micro Rna causa la sovraespressione del Bcl2, che è la causa della Clr. La cosa fantastica è che questo nuovo farmaco, l’Ebt199, manda questi pazienti in remissione completa, e nemmeno con strumenti molto sensibili si riescono a vedere cellule leucemiche residue. Questa è veramente una cosa rivoluzionaria: ci stiamo avviando verso la cura di una malattia neoplastica fino ad oggi incurabile, e tutto questo grazie alla nostre scoperte.

 Mario Platero: Ecco, un’ultima domanda professore. Molti dei nostri ascoltatori probabilmente conoscono qualcuno che purtroppo soffre di cancro, che resta comunque una malattia molto ostica. Lei ci ha dato un barlume di speranza, ma per quanto riguarda i cancri più difficili - quello al cervello, quello al cancro - lei vede degli speragli che possano un giorno condurci alla vittoria contro questa malattia?

Carlo Croce: Certo, e questi spiragli si vedono ogni giorno. C’è un progresso enorme, ma non ci si deve illudere: non riusciremo a curare dall’oggi al domani malattie complesse come i tumori ai polmoni o al cervello.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.