Onu, Consiglio di sicurezza approva sanzioni contro la Corea del Nord

Votazione unanime dei 15 membri per colpire l’export di Pyongyang. Trump ringrazia Cina e Russia

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità nuove pesante sanzioni contro la Corea del Nord per i due test missilistici di luglio. I 15 stati membri hanno infatti votato per l’adozione di una risoluzione proposta dagli Stati Uniti che colpirà con decisione Pyongyang ed in particolar modo il suo export, privando il paese di un miliardo di dollari di introiti.

Sebbene questo nuovo testo non sia duro come in realtà avrebbero voluto gli Stati Uniti, il cui scopo era quello di impedire in via definitiva l’accesso della Corea del Nord ai mercati valutari internazionali e alle forniture di greggio, rappresenta comunque un duro colpo all’economia del regime di Kim Jong Un. Nello specifico, si tratta di misure che andranno ad intaccate il settore ittico, quello del ferro, del piombo e del carbone di Pyongyang.

Dopo mesi di discussioni e negoziati gli Stati Uniti segnano una vittoria importante anche per il significato di questa votazione, avvenuta, come detto, all’unanimità. Ciò significa che anche Russia e Cina, hanno cambiato atteggiamento nei confronti della Corea del Nord. Soprattutto il voto di Pechino assume un rilievo particolare essendo la Cina l’unico vero interlocutore di Pyongyang ed essendo soprattutto l’unico paese che fino ad oggi, come ricorda il New York Times, ha utilizzato il proprio potere di veto al Consiglio di Sicurezza per bloccare le varie risoluzioni proposte nei mesi scorsi contro la Corea del Nord.

Si tratta di un cambio netto che anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha voluto sottolineare sia su Twitter che con un comunicato diffuso dalla Casa Bianca: "Il presidente apprezza la cooperazione di Cina e Russia per assicurare l'adozione della risoluzione", si legge nella nota diffusa da Washington. Ancor più diretto è invece stato il presidente su Twitter: "Il Consiglio di Sicurezza ha appena passato, con 15 voti a 0, le sanzioni contro la Corea del Nord. Russia e Cina hanno votato con noi. Ci sarà un grande impatto finanziario".

Un impatto su cui anche l’ambasciatrice americana a Palazzo di Vetro, Nikki Haley, si è voluta soffermare: "Questa risoluzione è il più grande pacchetto singolo di sanzioni deciso nei confronti di un paese da generazioni". Secondo l’ambasciatrice, questa votazione rappresenta un "un passo unito e forte per rendere la Corea del Nord responsabile", ma non può essere considerata una soluzione definitiva. "Non bisogna pensare di aver risolto il problema" ha continuato Haley secondo cui "non siamo neppure vicini".

Parole che sono comunque meno dure e meno preoccupanti di quelle rilasciate dal consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster, che ai microfoni di Msnbc ha dichiarato che per contrastare la Corea del Nord gli Stati Uniti sono pronti a valutare tutte le opzioni, compresa quella di una guerra preventiva.

Altri Servizi

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Visa: una email anonima al Ceo porta al licenziamento di un top manager rubacuòri

Avrebbe scritto una email giudicata inopportuna a una dipendente di più basso livello

L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Putin ringrazia Trump: con aiuto Cia, sventati attacchi a San Pietroburgo

Seconda telefonata in quattro giorni tra i due leader
AP

Trump è il presidente Usa meno apprezzato dopo un anno di mandato

Sempre più elettori vogliono che il Congresso torni a essere controllato dai democratici. Lui si prepara a una campagna elettorale in giro per la nazione
AP

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP