Onu: Italia pronta a difendere il suo agroalimentare

Il 27 settembre incontro di capi di stato e di governo su proposte dell'Organizzazione mondiale della sanità che rischiano di colpire il Made in Italy. Dieci giorni prima il premier Conte vede il d.g. dell'Oms
A24

Monta la preoccupazione del settore alimentare italiano in vista del 27 settembre prossimo, quando nell'ambito dell'assemblea generale delle Nazioni Unite i capi di stato e di governo si riuniranno in un incontro di alto livello sulle malattie non trasmissibili come l'obesità, il diabete, le condizioni cardiovascolari e i tumori. In quell'occasione, i partecipanti saranno chiamati a esprimersi su una serie di proposte dell'Organizzazione mondiale della sanità che rischiano di colpire negativamente vari prodotti alimentari italiani al centro della dieta mediterranea. Nella peggiore delle ipotesi, prodotti come olio di oliva, Parmigiano reggiano, Prosciutto di Parma, i dolci, i vini - tacciati come "non salutari" - potrebbero finire per essere paragonati alle sigarette, bollati con etichette giudicate "discriminatorie e dissuasive all'acquisto".

Nel corso di una conferenza in collegamento video organizzata a New York, il presidente di Federalimentare, Luigi Scordamaglia, e quello di Coldiretti, Roberto Moncalvo, hanno dato voce alla loro preoccupazione. Perché l'impegno a ridurre la diffusione e l'impatto delle malattie non trasmissibili è condiviso; a non esserlo è il modo per combatterle.

"La strada scelta non solo non è utile ma è anche controproducente", ha dichiarato Scordamaglia. "Nessuno ha scritto nero su bianco che le eccellenze italiane saranno penalizzate", ha aggiunto il presidente di Federalimentare, "ma le politiche lanciate in questi anni dall’Oms sono deleterie per il Made in Italy".

Contro le malattie non trasmissibili, infatti, l’Oms suggerisce agli Stati tre mosse: una tassazione pesante su prodotti alimentari più ricchi di sale, grassi o zuccheri per disincentivarne l’acquisto; l'adozione di un sistema di etichettatura dissuasivo e discriminante e di norme che restringano o vietino la possibilità per le aziende di pubblicizzare i suddetti prodotti. Per il direttore di Coldiretti è in corso un "attacco alla nostra produzione agro-alimentare", che costituisce una voce fondamentale delle esportazioni italiane e conta per il 13% del nostro Pil. "Siamo molto preoccupati", ha aggiunto Moncalvo.

E' vero infatti che le richieste più pericolose per la filiera agro-alimentare sembrano essere state respinte o fortemente mitigate dagli Stati membri. Tuttavia serve essere in allerta perché alcuni funzionari dell’Oms non vogliono rassegnarsi. Sembra che sia il Nord Europa e l’America Latina ad avere proposto provvedimenti draconiani contro la filiera agro-alimentare italiana. Non a caso in Cile le eccellenze alimentari italiane vengono penalizzate con un ottagono nero di “warning” che assomiglia alle avvertenze di pericolo usate sui pacchetti di sigarette. E le etichette a semaforo nel Regno Unito, benché facoltative, hanno già provocato una contrazione delle vendite dei prodotti italiani di qualità, a favore di prodotti “italian sounding” di qualità inferiore e con largo uso di ingredienti chimici.

L'Italia e i Paesi del Mediterraneo si presentano compatti al vertice Onu. Perché è vero che la salute viene prima degli interessi economici e commerciali ma nessun dato scientifico conferma che i provvedimenti ventilati portino benefici alla salute pubblica. Anzi.

Ora i fari si spostano sul 17 settembre, quando il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà a Roma il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. L'occasione sarà il Convegno dell’Ufficio Regionale Oms per l’Europa e servirà per dare voce alle preoccupazioni dell'agro-alimetare italiano, che genera oltre 140 miliardi di fatturato con 400mila impiegati. E' vero infatti che le raccomandazioni nutrizionali dell'Onu non sono vincolanti ma potrebbero avere un effetto di "moral suasion" verso gli Stati membri, che potrebbero tradurle in normative locali.

Altri Servizi

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.