Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

L'aumento della popolazione mondiale, il consumo eccessivo delle risorse disponibili sulla Terra, l'incremento delle disuguaglianze sono solo alcuni dei trend che, secondo il keynote speaker internazionale, dimostrano come "il sistema non ha funzionato, non funziona, non funzionerà". Per questo "dobbiamo innovare, alterare l'ordine stabilito delle cose per fare cose nuove". Perché, come diceva Gandhi, la velocità non conta se si va nella direzione sbagliata. E perché l'avanzata dei Millennials (che nel 2035 saranno il più grande gruppo di consumatori) non può essere ignorata essendo una fonte potenziale di "cambiamenti sismici" che andranno a condizionare pesantemente il business e la finanza.

Da New York, dove lo abbiamo incontrato, di Montigny ha invitato a "lottare in una rivoluzione delle coscienze". L'unico speaker europeo ad avere partecipato al WOBI - un summit annuale considerato tra i più influenti per i top executive che vi partecipano - ha spiegato dal palco del Lincoln Center che il sistema attuale "deve essere rotto da dentro" così come il guscio di un uovo che - se rotto da dentro - porta alla manifestazione della vita. 

Colui che è direttore marketing, comunicazione e innovazione di Banca Mediolanum - vesti che non ha formalmente indossato durante l'evento newyorchese - ha spiegato ad America24 che negli ultimi tre anni ha incontrato quasi 60mila persone e che "su alcuni temi registro sempre lo stesso riscontro". E' successo anche a New York, una città associata al business e al denaro. E questo per lui non è cosa da poco. Il motivo è (teoricamente) semplice: "Quando si entra nella parte più intima di sé stessi si annullano le diversità e si trova anche la parte più intima dell'altro". Per di Montigny "l'essere umano nasce buono, poi si corrompe crescendo". Ecco perché serve "ricontattare quella dimensione originaria della specie". Lui dice di non avere una soluzione se non quella di insistere affinché "ci si metta insieme, si faccia rete, si rifletta su questi temi che hanno nella loro semplicità e banalità la loro forza".

Nel cambiamento d'epoca in corso, che dunque non è un'epoca del cambiamento, l'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" (Mondadori) è convinto che i Millennials "saranno i grandi provocatori, magari un po' inconsapevoli perché è un po' come dire che un pesce ha la consapevolezza dell'acqua". Secondo lo speaker, "la consapevolezza a livello collettivo che loro hanno non è indifferente" e porterà a "domande forti" che - in un modo o nell'altro - ci costringeranno a essere migliori.

Stando a di Montigny, in Italia "c'è un sacco di gente che è pronta a mettersi in discussione". Decine di persone si sono proposte per sviluppare progetti imprenditoriali, educativi, divulgativi e filantropici in chiave 0.0; sono stati attivati migliaia di contatti con gli studenti incontrati in questi anni nelle scuole e nelle università; e anche le imprese e la pubblica amministrazione si sono fatte avanti. "Sto valutando come mettere a sistema questa riflessione. Sono un po' meno confidente delle istituzioni, della nostra capacità a livello istituzionale di stare alla velocità del cambiamento, di stare all'importanza delle domande che ci vengono fatte. Su quello non sono pessimista, forse solo realista. Non registro una prontezza, siamo un po' impantanati". Lui crede in una movimento dal basso che riuscirà ad affermare le proprie le volontà "senza fare rivoluzioni violente e senza essere volgare".

All'America di Trump, di Montigny chiede di essere un "esempio trainante per tutti gli altri Paesi del mondo nel giocare un ruolo di grande resposabilità, che è l'abilità di dare risposte". Come ci ha spiegato lo speaker "oggi il mondo sta facendo domande importanti, il pianeta si sta ridisegnando completamente dal punto di vista demografico, tecnolgico e ambientale. Per potere orientare questo grande cambiamento, l'America di Trump - che è il Paese leader - deve essere capace di essere leader non tanto nelle discipline dell'economia, della finanza, della politica ma anche dell'etica, dei valori, dei comportamenti. In questo deve essere un modello trainante, che sappia incarnare l'assolutezza di alcuni valori. Perché un valore è veramente assoluto solo se include, pur nelle diversità, e non esclude".

Anche per noi, l'autore de "Il tempo dei nuovi eroi", ha un messaggio: "Essendo la specie più evoluta su questo pianeta, dobbiamo assumerci la responsabilità di questo ruolo apicale". E chi fra di noi occupa ruoli di maggiore responabilità, "deve essere l'emblema di un nuovo possibile mondo, più buono, più sano, più genuino". E' banale? Chiede retoricamente lui. "Può essere. Però è necessario" per affrontare con la dovuta "giustezza" quella che lui considera "l'avventura eroica che è la nostra vita".

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.