Oskar Landi: il fotografo 'migrante' in cerca della luce lunare

Originario di Varese, vive a New York dal 1998. Da una notte di Capodanno nel deserto del Sahara è nata l'idea del progetto "Plenilunium": scatti della natura incontaminata, lontana dall'illuminazione artificiale

Scoprire il fascino della natura incontaminata, illuminata dalla luce lunare: questo è l’elemento che ha ispirato la carriera di Oskar Landi, fotografo originario di Varese, che vive a New York dal 1998. Proprio la luna o, meglio, il suo riflesso sul paesaggio è il soggetto principale del suo progetto "Plenilunium", che ha sviluppato nel corso di 15 anni, viaggiando in 15 paesi e quattro continenti. Un’idea nata proprio in una notte di plenilunio, nel deserto del Sahara.

L’idea di Landi è quella di immortalare paesaggi lunari negli angoli più remoti della terra, dalla Death Valley alle cascate di Kaieteur, passando per la foresta amazzonica della Guyana, arrivando alla zona rurale dei Vinales di Cuba alla Valle della Luna in Cile.

L'artista ha frequentato l’International Center of Photography, ha studiato cinematografia alla New York University ed è stato assistente della fotografa Mary Ellen Mark. Ha immortalato alcuni dei più conosciuti artisti della scena mondiale e pubblicato per The New York Times, Wired, Discover Magazine, Rolling Stone, L’Espresso, Il Corriere della Sera, La Stampa e PBS. Lo abbiamo incontrato nel suo studio di New York City, tra un viaggio e l’altro.

Come, dove e quando è nata l’idea di immortalare i paesaggi illuminati dalla luna?
L’atmosfera suggestiva delle notti di luna piena è un ricordo che mi porto dietro dall’infanzia. Circa 15 anni fa, tornato da un viaggio in Africa, un’immagine scattata la notte di Capodanno nel deserto del Sahara, in Mauritania, mi ha rivelato un concetto interessante da perseguire. Uso la luce della luna come uno strumento, un riflettore che illumina paesaggi incantevoli, che evocano un senso di pace ma anche di inquietudine, dove il silenzio assoluto è quasi palpabile.

Dove hai viaggiato con questo progetto e quando hai capito che ti avrebbe portato lontano?
Per la maggior parte nelle Americhe e in zone buie d’Europa. Dall’Artico all’Amazzonia, deserti e tropici, sulle Alpi, sull’Etna, fino all’arcipelago norvegese delle Svalbard, dieci gradi a Sud del Polo Nord. Ho fatto qualche tappa in Africa e in India, e vorrei in futuro toccare tutti i continenti. La strada da percorrere è ancora lunga, spero di trovare la casa editrice ideale e pubblicare un libro quando riterrò il lavoro completato.

Come scegli i luoghi da immortalare e il momento e la luce giusti per farlo?
Cerco paesaggi isolati dall’inquinamento luminoso in continua crescita, che è evidente nelle immagini satellitari notturne. Scelgo zone distanti dai centri urbani, abbastanza da essere illuminate esclusivamente dalla luna. La luna effettivamente è un riflettore che di rado appare nell’inquadratura. Il momento giusto è tutto da vedersi una volta sul posto. Dipende da una combinazione di fattori: le condizioni meteorologiche, la posizione della luna, la mia stanchezza e determinazione; a volte ho camminato otto ore per raggiungere un punto ideale o ne ho dovute aspettare quattro prima che un temporale finisse. Il viaggio è uno dei temi ricorrenti nel mio lavoro, per questo credo che la mia arte venga percepita nella stessa maniera ovunque; esplorare, scoprire, migrare, fanno parte del nostro essere, indipendentemente dalla nazionalità.

Da quanto vivi e lavori a New York City e come ti ha accolto la città a livello umano professionale ed artistico?
Sono arrivato a New York nel 1998 e non avrei mai pensato di rimanerci così a lungo. Nella mia esperienza, è una città unica in quanto ad opportunità e possibilità di crescita, una città che non finisce mai di sorprenderti sotto tutti gli aspetti. Ciò premesso bisogna anche dire che viverci non è sempre facile, i ritmi, gli spazi e il rumore possono diventare estenuanti.

Con quali strumenti hai cominciato a fotografare e come utilizzi le nuove tecnologie nel tuo lavoro? Ho cominciato nell’era analogica della fotografia, quando si doveva imparare meticolosamente a esporre le pellicole e aspettare che venissero sviluppate. Passavo ore a stampare. Sembra incredibile, pensando all’immediatezza di oggi, ma forse è proprio in camera oscura dove Plenilunium ha le radici: luce appena sufficiente per vedere e lunghe esposizioni. La fotografia ha sempre prontamente adottato le ultime tecnologie. Prima o poi i materiali diventano obsoleti, le attrezzature si rompono o vengono radicalmente migliorate. Mai come oggi ce ne rendiamo conto, con tutti i nostri gadget paradossalmente progettati per non durare a lungo. Detto ciò, ci sono ancora grandi artisti che usano il dagherrotipo o la pellicola. Anch’io recentemente mi sono trovato a fotografare negativi di 20×25 centimetri con una macchina a soffietto di legno.

Cosa consiglieresti a un aspirate fotografo italiano che vuole, come te, crearsi una professionalità negli Usa?
Studiare arte o fotografia, come anche assistere professionisti affermati, può aiutare a inserirsi e far risparmiare tempo prezioso. Internet è diventato una grande risorsa dove è possibile trovare contatti, lezioni, interviste, recensioni, pubblicazioni scientifiche gratis. Inoltre ci vogliono tanta passione e pazienza, indispensabili per continuare sul proprio percorso e per arrivare a capire quali soggetti ci interessano veramente.

Qual è stato il paesaggio immortalato che più ti ha emozionato?
L’inverno scorso, accompagnato da una guida professionista, Adrian Walchli, ho passato la notte sullo Jungfrau in Svizzera, a circa 3.800 metri, con 20 gradi sotto lo zero. Il silenzio quasi assoluto riempito dal cigolare meccanico delle ciaspole, la vista adattata al bianco della neve registrava il cielo come quasi completamente nero, profondo, infinito. D’un tratto una piccola valanga, per fortuna distante da noi! Ricordo con commozione quando sono andato a scattare sull’Etna: ci sono volute otto ore per scalarlo e ricordo quell’esperienza come un momento surreale; arrancavo al buio con il rumore del vulcano e avvertivo il calore della sabbia mentre il fumo usciva dalle crepe. Ne è valsa la pena però: una delle foto è stata acquistata da Reinhold Messner, ed è in mostra nel suo museo del Sud Tirolo. E ora si trova nel castello di Firmiano. Ogni volta è un’esperienza emozionante e indimenticabile, impossibile descriverla nella sua totalità.

Progetti per il futuro?
Sono appena tornato da un programma di arte e scienza nell’Artico, dove ho iniziato un nuovo lavoro sui rifiuti di plastica negli oceani. Al momento sto sviluppando il progetto con il supporto di organizzazioni ambientaliste e ricercatori; sta diventando molto interessante e sono curioso di vedere dove mi porterà: la nuova frontiera dell’esplorazione è un progetto multimediale sulle microplastiche negli oceani.

Oskar landi
Oskar landi
Altri Servizi

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Attesi i dati di Campbell Soup, Dollar Tree, DSW, Guess, Hewlett Packard Enterprise, HP e Salesforce
AP

Charlie Rose accusato di molestie. Pbs sospende il programma

Lui ammette: sono colpevole e chiede scusa. Le accuse da parte di otto donne sono contenute in un articolo del Washington Post

Lo storico giornalista americano, Charlie Rose, è stato coinvolto in uno scandalo sessuale: almeno otto donne lo hanno sostenuto di essere state molestate dal settantacinquenne. Per questo motivo, Cbs ha deciso di sospenderlo dalla conduzione della trasmissione "CBS This Morning" e da "60 Minutes", a cui contribuisce regolarmente. PBS e Bloomberg Television ha annunciato lo stop alla produzione e alla distribuzione del programma "Charlie Rose" che il 75enne conduce dal 1991.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Apple: fornitore Foxconn sfrutta studenti in fabbrica cinese (FT)

Lavorano fino a 11 ore al giorno, oltre il limite previsto dalla legge per i stagisti

Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

L'ex segretario al Tesoro Jacob Lew torna alla finanza

Lavorò nell'amministrazione Obama. Diventa partner della società di private equity Lindsay Goldberg. Avrà un ruolo attivo. Mossa simile a quella del suo precessore Timothy Geithner
United States Government Work

Jack Lew è diventato l'ultimo esempio di chi ha ricoperto incarichi di alto livello dentro il governo Usa e che ha poi deciso di darsi al settore privato. L'ex segretario al Tesoro durante il secondo mandato del presidente americano Barack Obama ha deciso di unirsi alla squadra della società di private equity Lindsay Goldberg nei panni di partner. Lo ha annunciato il gruppo con sede a New York con circa 130 dipendenti e che vanta capitali per 15 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti bloccano la fusione tra At&t e Time Warner

Il dipartimento di Giustizia sostiene che avrebbe eliminato l'innovazione e avrebbe fatto alzare i costi per i consumatori. Adesso i due colossi si preparano a ricorrere. Dubbi sulle pressioni di Trump per vendicarsi con CNN

Il dipartimento di Giustizia americano dice no alla fusione tra At&t e Time Warner, che avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari e dato vita a un colosso verticale dei media e delle telecomunicazioni. La decisione delle autorità americane è stata fortemente criticata da At&t, che si prepara a fare ricorso, aprendo una delle più grandi cause antitrust della storia degli Stati Uniti. La decisione raggiunta ieri nel pomeriggio dal dipartimento di Giustizia è stata definita come "inspiegabile" rispetto ai precedenti casi, che in passato non erano stati bloccati.

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.