Oskar Landi: il fotografo 'migrante' in cerca della luce lunare

Originario di Varese, vive a New York dal 1998. Da una notte di Capodanno nel deserto del Sahara è nata l'idea del progetto "Plenilunium": scatti della natura incontaminata, lontana dall'illuminazione artificiale

Scoprire il fascino della natura incontaminata, illuminata dalla luce lunare: questo è l’elemento che ha ispirato la carriera di Oskar Landi, fotografo originario di Varese, che vive a New York dal 1998. Proprio la luna o, meglio, il suo riflesso sul paesaggio è il soggetto principale del suo progetto "Plenilunium", che ha sviluppato nel corso di 15 anni, viaggiando in 15 paesi e quattro continenti. Un’idea nata proprio in una notte di plenilunio, nel deserto del Sahara.

L’idea di Landi è quella di immortalare paesaggi lunari negli angoli più remoti della terra, dalla Death Valley alle cascate di Kaieteur, passando per la foresta amazzonica della Guyana, arrivando alla zona rurale dei Vinales di Cuba alla Valle della Luna in Cile.

L'artista ha frequentato l’International Center of Photography, ha studiato cinematografia alla New York University ed è stato assistente della fotografa Mary Ellen Mark. Ha immortalato alcuni dei più conosciuti artisti della scena mondiale e pubblicato per The New York Times, Wired, Discover Magazine, Rolling Stone, L’Espresso, Il Corriere della Sera, La Stampa e PBS. Lo abbiamo incontrato nel suo studio di New York City, tra un viaggio e l’altro.

Come, dove e quando è nata l’idea di immortalare i paesaggi illuminati dalla luna?
L’atmosfera suggestiva delle notti di luna piena è un ricordo che mi porto dietro dall’infanzia. Circa 15 anni fa, tornato da un viaggio in Africa, un’immagine scattata la notte di Capodanno nel deserto del Sahara, in Mauritania, mi ha rivelato un concetto interessante da perseguire. Uso la luce della luna come uno strumento, un riflettore che illumina paesaggi incantevoli, che evocano un senso di pace ma anche di inquietudine, dove il silenzio assoluto è quasi palpabile.

Dove hai viaggiato con questo progetto e quando hai capito che ti avrebbe portato lontano?
Per la maggior parte nelle Americhe e in zone buie d’Europa. Dall’Artico all’Amazzonia, deserti e tropici, sulle Alpi, sull’Etna, fino all’arcipelago norvegese delle Svalbard, dieci gradi a Sud del Polo Nord. Ho fatto qualche tappa in Africa e in India, e vorrei in futuro toccare tutti i continenti. La strada da percorrere è ancora lunga, spero di trovare la casa editrice ideale e pubblicare un libro quando riterrò il lavoro completato.

Come scegli i luoghi da immortalare e il momento e la luce giusti per farlo?
Cerco paesaggi isolati dall’inquinamento luminoso in continua crescita, che è evidente nelle immagini satellitari notturne. Scelgo zone distanti dai centri urbani, abbastanza da essere illuminate esclusivamente dalla luna. La luna effettivamente è un riflettore che di rado appare nell’inquadratura. Il momento giusto è tutto da vedersi una volta sul posto. Dipende da una combinazione di fattori: le condizioni meteorologiche, la posizione della luna, la mia stanchezza e determinazione; a volte ho camminato otto ore per raggiungere un punto ideale o ne ho dovute aspettare quattro prima che un temporale finisse. Il viaggio è uno dei temi ricorrenti nel mio lavoro, per questo credo che la mia arte venga percepita nella stessa maniera ovunque; esplorare, scoprire, migrare, fanno parte del nostro essere, indipendentemente dalla nazionalità.

Da quanto vivi e lavori a New York City e come ti ha accolto la città a livello umano professionale ed artistico?
Sono arrivato a New York nel 1998 e non avrei mai pensato di rimanerci così a lungo. Nella mia esperienza, è una città unica in quanto ad opportunità e possibilità di crescita, una città che non finisce mai di sorprenderti sotto tutti gli aspetti. Ciò premesso bisogna anche dire che viverci non è sempre facile, i ritmi, gli spazi e il rumore possono diventare estenuanti.

Con quali strumenti hai cominciato a fotografare e come utilizzi le nuove tecnologie nel tuo lavoro? Ho cominciato nell’era analogica della fotografia, quando si doveva imparare meticolosamente a esporre le pellicole e aspettare che venissero sviluppate. Passavo ore a stampare. Sembra incredibile, pensando all’immediatezza di oggi, ma forse è proprio in camera oscura dove Plenilunium ha le radici: luce appena sufficiente per vedere e lunghe esposizioni. La fotografia ha sempre prontamente adottato le ultime tecnologie. Prima o poi i materiali diventano obsoleti, le attrezzature si rompono o vengono radicalmente migliorate. Mai come oggi ce ne rendiamo conto, con tutti i nostri gadget paradossalmente progettati per non durare a lungo. Detto ciò, ci sono ancora grandi artisti che usano il dagherrotipo o la pellicola. Anch’io recentemente mi sono trovato a fotografare negativi di 20×25 centimetri con una macchina a soffietto di legno.

Cosa consiglieresti a un aspirate fotografo italiano che vuole, come te, crearsi una professionalità negli Usa?
Studiare arte o fotografia, come anche assistere professionisti affermati, può aiutare a inserirsi e far risparmiare tempo prezioso. Internet è diventato una grande risorsa dove è possibile trovare contatti, lezioni, interviste, recensioni, pubblicazioni scientifiche gratis. Inoltre ci vogliono tanta passione e pazienza, indispensabili per continuare sul proprio percorso e per arrivare a capire quali soggetti ci interessano veramente.

Qual è stato il paesaggio immortalato che più ti ha emozionato?
L’inverno scorso, accompagnato da una guida professionista, Adrian Walchli, ho passato la notte sullo Jungfrau in Svizzera, a circa 3.800 metri, con 20 gradi sotto lo zero. Il silenzio quasi assoluto riempito dal cigolare meccanico delle ciaspole, la vista adattata al bianco della neve registrava il cielo come quasi completamente nero, profondo, infinito. D’un tratto una piccola valanga, per fortuna distante da noi! Ricordo con commozione quando sono andato a scattare sull’Etna: ci sono volute otto ore per scalarlo e ricordo quell’esperienza come un momento surreale; arrancavo al buio con il rumore del vulcano e avvertivo il calore della sabbia mentre il fumo usciva dalle crepe. Ne è valsa la pena però: una delle foto è stata acquistata da Reinhold Messner, ed è in mostra nel suo museo del Sud Tirolo. E ora si trova nel castello di Firmiano. Ogni volta è un’esperienza emozionante e indimenticabile, impossibile descriverla nella sua totalità.

Progetti per il futuro?
Sono appena tornato da un programma di arte e scienza nell’Artico, dove ho iniziato un nuovo lavoro sui rifiuti di plastica negli oceani. Al momento sto sviluppando il progetto con il supporto di organizzazioni ambientaliste e ricercatori; sta diventando molto interessante e sono curioso di vedere dove mi porterà: la nuova frontiera dell’esplorazione è un progetto multimediale sulle microplastiche negli oceani.

Oskar landi
Oskar landi
Altri Servizi

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Wall Street, nuovi timori di guerre commerciali

I dazi di Trump alla Cina pesano sui mercati
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

Nuove rivelazioni sul Russiagate. Roger Stone, consigliere informale di Donald Trump e suo confidente di lunga data, ha infatti rilasciato un’intervista al Washington Post nella quale ha ammesso di aver incontrato nel maggio 2016 un emigrato russo che gli avrebbe promesso informazioni "compromettenti" sull’allora candidata democratica Hillary Clinton.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Usa 2018: si voterà anche per dividere la California in tre Stati

Gli elettori dello Stato, al momento, bocciano la proposta, secondo l'ultimo sondaggio

Alle elezioni statunitensi di metà mandato a novembre, i californiani dovranno anche decidere se dividere la California in tre Stati. La campagna referendaria 'Cal-3' ha infatti consegnato alle autorità quasi 420.000 firme valide, più di quelle necessarie per sottoporre il quesito alle elezioni.