Osteria San Carlo, un angolo di Torino a Soho

Ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese
America24

Un angolo di Torino trapiantato nel cuore di Soho, a Manhattan, dove i sapori italiani sono quelli delle ricette del nord Italia. L'Osteria San Carlo, che ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese, ricorda l'omonimo ristorante torinese, anche per il fatto che, per entrare, si passa sull’effigie del torello, simbolo di Torino.

Tutto è iniziato nel 2015 nella pianura Padana, dall'idea di sei amici diventati soci. Tre degli investitori, Teresa Rolle, Andrea Dellavalle e Giorgio Pochettino, continuano a vivere a Torino, mentre a New York ci sono Carlo Rolle, già partner di due ristoranti di Torino, Moreno Cerutti, con un passato nelle pubbliche relazioni di ristoranti e locali italiani, e Davide Poggi, alessandrino, residente da sette anni a New York e impiegato nella ristorazione. America24 ha intervistato per Moreno Cerutti.

Con che criteri avete scelto ed adattato il locale?

Abbiamo allestito l'ambiente riproponendo nell’eleganza dei salotti che ricordano i storici locali di piazza San Carlo. Abbiamo a disposizione una cinquantina di posti a sedere. L'atmosfera ricercata, ma che richiama il calore casalingo, ci ha permesso di distinguerci e Soho ci ha accolto benissimo. Molti dei nostri abituali clienti abitano in zona.

Parliamo del cibo. Quale filosofia vi ispira?

Il chilometro zero è uno dei concetti che vogliamo diffondere negli Stati Uniti, partendo dalla convinzione che ogni luogo possa offrire eccellenze, per cui i prodotti che utilizziamo in cucina sono selezionati e importati a New York prestando la massima attenzione. Inoltre vogliamo differenziarci proponendo piatti tipici della tradizione culinaria piemontese.

Come è stato percepito il concetto da chi frequenta il ristorante ?

Direi molto bene. Si è giocato anche sul fatto che il Piemonte è diventato un brand , di alta qualità e di grande offerta sia enogastronomica che culturale grazie anche ai riconoscimenti dell’Unesco. Abbiamo esordito a marzo 2016 con due serate, una per gli amici, l’altra riservata alla stampa ed agli addetti ai lavori. In questi mesi ci hanno fatto visita molti critici gastronomici e giornalisti oltre che Jovanotti, che si è fermato due volte a cena.

Lavorare in un ristorante italiano all’estero è il sogno di molti. Come si struttura il lavoro?

Ci siamo organizzati come un’azienda vera e propria siamo: 25 impiegati tra addetti alla cucina, chef, sous-chef, bartender, manager e altre figure fondamentali. Ognuno ha il suo compito ma ci si aiuta a vicenda e tutto funziona con orari precisi, dalla gestione della cucina e degli uffici, all’accoglienza, alla cura degli arredi. Siamo tutti istruiti ad illustrare ai clienti non solo le ricette e le origini dei vini che proponiamo, ma anche le tradizioni e la storia di quella che fu la prima capitale d’Italia.

E cosa proponete in tavola?

Seguiamo la stagionalità e, quest’autunno, serviremo ad esempio il tartufo. La bagna cauda farà comunque da padrona, e la serviremo nei cocci tipici. La proposta in versione estiva, sopra l’aragosta, ha avuto grosso successo. Per quel che riguarda la carne ci rivolgiamo a Pat La Frieda, nel Montana, unico ranch americano certificato ad allevare e distribuire manzo piemontese; per il Castelmagno o altri formaggi collaboriamo con Eataly che ci rifornisce di ottimi prodotti.

E per quanto riguarda la scelta dei vini come si orientano gli americani?

Sono abbastanza preparati, ma si lasciano consigliare volentieri. La lista è stata definita dal nostro sommelier, e consente una vasta scelta ovviamente includendo Barolo, Barbaresco e vari cocktail a base di vermouth Cocchi. Vanno per la maggiore anche gli Spirits e i cocktails come il Milano-Torino (simile al “negroni”) e il francese “pastis” . Per l’estate proponiamo anche una scelta di rosè e di bianchi fermi”.

Su cosa occorre puntare, oltre che sulla buona cucina, se si vuol avere successo in campo enogastronomico negli Stati Uniti?

Sicuramente sul design, sull'estro e la creatività. Loro amano molto il nostro senso estetico e noi ci siamo divertiti a proporre ambienti ricercati ma accoglienti, ricorrendo a Design italiano per gli interni, con sedie e tavolini di Pedrali e luci Flos e, sulla parete, a un disegno di piazza San Carlo di Alessio Primavera, architetto torinese e amico dei proprietari.

A Riccardo Zebro, milanese di nascita di origini biellesi, con anni di ristorazione internazionale alle spalle, chiediamo: cosa piace agli Americani?

I clienti familiarizzano facilmente con piatti inusuali dalle loro parti, come il fritto misto o i fiori di zucchine in pastella ripieni di mozzarella. Gli americani amano il nostro “fried” ed un menù che prevede piatti introvabili a Manhattan come battuta di fassone, tajarin fatti con quaranta tuorli d’uovo, vitello tonnato, risotto al Castelmagno, e stanno scoprendo il tonno di coniglio, piatto dalla preparazione molto articolata e lunga, cotto,sfilacciato e servito in un vasetto di vetro con olio e aromi. Tutti i piatti sono cucinati al momento, senza nulla di preparato o conservato. Molto apprezzato il «bonet» torinese, o la torta di nocciole, che come consistenza e ricchezza di ingredienti ricorda il loro crumble.

Che approccio hanno gli americani con il cibo?

Mangiano molto spesso fuori, e a casa non cucinano quasi mai. Sono molto affascinati dalla preparazione dei piatti, ma sono anche curiosi sull’educazione alimentare, e fanno caso alla leggerezza e alla semplicità di ciò checonsumano. Si sta verificando un’inversione di tendenza, con la preferenza di cibi meno elaborati ed abbondanti, e una maggiore attenzione verso l’alimentazione salutare e biologica.

Tra ristoratori italiani, magari nella stessa zona della città come sono i rapporti?

Ottimi. Si è creata una sorta di grande famiglia. Spesso a fine turno ci si ritrova tra colleghi e si va a mangiare la pizza in qualche locale della zona gestito da altri amici napoletani, o ci si serve dalla panetteria gestita da italiani che ha prodotti di importazione. Collaboriamo anche scambiandoci clienti.

Il tuo piatto americano preferito?

Un buon hamburger dry aged, con frollatura a temperatura controllata ed utilizzando lampade UV a ventilazione forzata e controllata. Il risultato è una lenta e superficiale disidratazione dei tagli destinati a diventare bistecche. Alla maturazione a secco si deve il sapore tipico del manzo.

Potresti suggerire una ricetta piemontese gustosa ma facile ed adattabile per un menù natalizio italo americano?

La battuta di carne al coltello è semplice da realizzare ma richiede ottime materie prime, in particolare la carne di fassone, che deve essere di ottima qualità. Ne servono 250 gr. per una porzione, e deve essere tagliatafinemente con il coltello. Poi si aggiungono mezzo cucchiaio di capperi e uno di acciughe (sott’olio di oliva), mezzo cucchiaio di mostarda, un cucchiaio di olio d’oliva, infine sale e pepe per condire. Visto che siamo in stagione e gli americani apprezzano moltissimo i sapori autunnali che le terre piemontesi offrono in questo periodo proporrei un'abbondante grattata di tartufo magari bianco a completare il tutto.

Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

Una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra. Otto arresti. Il tweet di Trump: "Voglio elogiare le persone che si battono contro l'odio e l'intolleranza. Presto saremo un paese unito".

Migliaia di persone hanno manifestato pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America. Secondo la polizia di Boston sono state oltre 40.000, un numero ernome che ha eclissato la prima manifestazione organizzata nella città, quella per la libertà di espressione, voluta da un gruppo di destra.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Gab, il social network dell'estrema destra, ha raccolto un milione di dollari

Una spinta alla raccolta fondi l'hanno data gli ultimi eventi, a partire da Charlottesville: 500.000 dollari ottenuti questa settimana

Molte grandi società hi-tech, a partire dai social network, hanno deciso di bloccare i contenuti e gli account riconducibili ai suprematisti bianchi e agli altri gruppi di estrema destra negli Stati Uniti, soprattutto dopo le violenze di Charlottesville, in Virginia, dove una ragazza antirazzista è stata uccisa. Nel frattempo, il movimento 'alt-right' ha raccolto un milione di dollari per Gab, definito "un network per chi crede nella libertà di parola, nella libertà individuale e nel libero flusso di informazione online", che in realtà è un network di estrema destra, rifiutato dagli 'app stores'. Gab ha annunciato il risultato ottenuto su Twitter, dove ha attaccato "l'immondizia elitaria della Silicon Valley". L'avatar di Gab è la rana 'Pepe', simbolo del movimento 'alt-right'.

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.