Osteria San Carlo, un angolo di Torino a Soho

Ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese
America24

Un angolo di Torino trapiantato nel cuore di Soho, a Manhattan, dove i sapori italiani sono quelli delle ricette del nord Italia. L'Osteria San Carlo, che ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese, ricorda l'omonimo ristorante torinese, anche per il fatto che, per entrare, si passa sull’effigie del torello, simbolo di Torino.

Tutto è iniziato nel 2015 nella pianura Padana, dall'idea di sei amici diventati soci. Tre degli investitori, Teresa Rolle, Andrea Dellavalle e Giorgio Pochettino, continuano a vivere a Torino, mentre a New York ci sono Carlo Rolle, già partner di due ristoranti di Torino, Moreno Cerutti, con un passato nelle pubbliche relazioni di ristoranti e locali italiani, e Davide Poggi, alessandrino, residente da sette anni a New York e impiegato nella ristorazione. America24 ha intervistato per Moreno Cerutti.

Con che criteri avete scelto ed adattato il locale?

Abbiamo allestito l'ambiente riproponendo nell’eleganza dei salotti che ricordano i storici locali di piazza San Carlo. Abbiamo a disposizione una cinquantina di posti a sedere. L'atmosfera ricercata, ma che richiama il calore casalingo, ci ha permesso di distinguerci e Soho ci ha accolto benissimo. Molti dei nostri abituali clienti abitano in zona.

Parliamo del cibo. Quale filosofia vi ispira?

Il chilometro zero è uno dei concetti che vogliamo diffondere negli Stati Uniti, partendo dalla convinzione che ogni luogo possa offrire eccellenze, per cui i prodotti che utilizziamo in cucina sono selezionati e importati a New York prestando la massima attenzione. Inoltre vogliamo differenziarci proponendo piatti tipici della tradizione culinaria piemontese.

Come è stato percepito il concetto da chi frequenta il ristorante ?

Direi molto bene. Si è giocato anche sul fatto che il Piemonte è diventato un brand , di alta qualità e di grande offerta sia enogastronomica che culturale grazie anche ai riconoscimenti dell’Unesco. Abbiamo esordito a marzo 2016 con due serate, una per gli amici, l’altra riservata alla stampa ed agli addetti ai lavori. In questi mesi ci hanno fatto visita molti critici gastronomici e giornalisti oltre che Jovanotti, che si è fermato due volte a cena.

Lavorare in un ristorante italiano all’estero è il sogno di molti. Come si struttura il lavoro?

Ci siamo organizzati come un’azienda vera e propria siamo: 25 impiegati tra addetti alla cucina, chef, sous-chef, bartender, manager e altre figure fondamentali. Ognuno ha il suo compito ma ci si aiuta a vicenda e tutto funziona con orari precisi, dalla gestione della cucina e degli uffici, all’accoglienza, alla cura degli arredi. Siamo tutti istruiti ad illustrare ai clienti non solo le ricette e le origini dei vini che proponiamo, ma anche le tradizioni e la storia di quella che fu la prima capitale d’Italia.

E cosa proponete in tavola?

Seguiamo la stagionalità e, quest’autunno, serviremo ad esempio il tartufo. La bagna cauda farà comunque da padrona, e la serviremo nei cocci tipici. La proposta in versione estiva, sopra l’aragosta, ha avuto grosso successo. Per quel che riguarda la carne ci rivolgiamo a Pat La Frieda, nel Montana, unico ranch americano certificato ad allevare e distribuire manzo piemontese; per il Castelmagno o altri formaggi collaboriamo con Eataly che ci rifornisce di ottimi prodotti.

E per quanto riguarda la scelta dei vini come si orientano gli americani?

Sono abbastanza preparati, ma si lasciano consigliare volentieri. La lista è stata definita dal nostro sommelier, e consente una vasta scelta ovviamente includendo Barolo, Barbaresco e vari cocktail a base di vermouth Cocchi. Vanno per la maggiore anche gli Spirits e i cocktails come il Milano-Torino (simile al “negroni”) e il francese “pastis” . Per l’estate proponiamo anche una scelta di rosè e di bianchi fermi”.

Su cosa occorre puntare, oltre che sulla buona cucina, se si vuol avere successo in campo enogastronomico negli Stati Uniti?

Sicuramente sul design, sull'estro e la creatività. Loro amano molto il nostro senso estetico e noi ci siamo divertiti a proporre ambienti ricercati ma accoglienti, ricorrendo a Design italiano per gli interni, con sedie e tavolini di Pedrali e luci Flos e, sulla parete, a un disegno di piazza San Carlo di Alessio Primavera, architetto torinese e amico dei proprietari.

A Riccardo Zebro, milanese di nascita di origini biellesi, con anni di ristorazione internazionale alle spalle, chiediamo: cosa piace agli Americani?

I clienti familiarizzano facilmente con piatti inusuali dalle loro parti, come il fritto misto o i fiori di zucchine in pastella ripieni di mozzarella. Gli americani amano il nostro “fried” ed un menù che prevede piatti introvabili a Manhattan come battuta di fassone, tajarin fatti con quaranta tuorli d’uovo, vitello tonnato, risotto al Castelmagno, e stanno scoprendo il tonno di coniglio, piatto dalla preparazione molto articolata e lunga, cotto,sfilacciato e servito in un vasetto di vetro con olio e aromi. Tutti i piatti sono cucinati al momento, senza nulla di preparato o conservato. Molto apprezzato il «bonet» torinese, o la torta di nocciole, che come consistenza e ricchezza di ingredienti ricorda il loro crumble.

Che approccio hanno gli americani con il cibo?

Mangiano molto spesso fuori, e a casa non cucinano quasi mai. Sono molto affascinati dalla preparazione dei piatti, ma sono anche curiosi sull’educazione alimentare, e fanno caso alla leggerezza e alla semplicità di ciò checonsumano. Si sta verificando un’inversione di tendenza, con la preferenza di cibi meno elaborati ed abbondanti, e una maggiore attenzione verso l’alimentazione salutare e biologica.

Tra ristoratori italiani, magari nella stessa zona della città come sono i rapporti?

Ottimi. Si è creata una sorta di grande famiglia. Spesso a fine turno ci si ritrova tra colleghi e si va a mangiare la pizza in qualche locale della zona gestito da altri amici napoletani, o ci si serve dalla panetteria gestita da italiani che ha prodotti di importazione. Collaboriamo anche scambiandoci clienti.

Il tuo piatto americano preferito?

Un buon hamburger dry aged, con frollatura a temperatura controllata ed utilizzando lampade UV a ventilazione forzata e controllata. Il risultato è una lenta e superficiale disidratazione dei tagli destinati a diventare bistecche. Alla maturazione a secco si deve il sapore tipico del manzo.

Potresti suggerire una ricetta piemontese gustosa ma facile ed adattabile per un menù natalizio italo americano?

La battuta di carne al coltello è semplice da realizzare ma richiede ottime materie prime, in particolare la carne di fassone, che deve essere di ottima qualità. Ne servono 250 gr. per una porzione, e deve essere tagliatafinemente con il coltello. Poi si aggiungono mezzo cucchiaio di capperi e uno di acciughe (sott’olio di oliva), mezzo cucchiaio di mostarda, un cucchiaio di olio d’oliva, infine sale e pepe per condire. Visto che siamo in stagione e gli americani apprezzano moltissimo i sapori autunnali che le terre piemontesi offrono in questo periodo proporrei un'abbondante grattata di tartufo magari bianco a completare il tutto.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.