Osteria San Carlo, un angolo di Torino a Soho

Ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese
America24

Un angolo di Torino trapiantato nel cuore di Soho, a Manhattan, dove i sapori italiani sono quelli delle ricette del nord Italia. L'Osteria San Carlo, che ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese, ricorda l'omonimo ristorante torinese, anche per il fatto che, per entrare, si passa sull’effigie del torello, simbolo di Torino.

Tutto è iniziato nel 2015 nella pianura Padana, dall'idea di sei amici diventati soci. Tre degli investitori, Teresa Rolle, Andrea Dellavalle e Giorgio Pochettino, continuano a vivere a Torino, mentre a New York ci sono Carlo Rolle, già partner di due ristoranti di Torino, Moreno Cerutti, con un passato nelle pubbliche relazioni di ristoranti e locali italiani, e Davide Poggi, alessandrino, residente da sette anni a New York e impiegato nella ristorazione. America24 ha intervistato per Moreno Cerutti.

Con che criteri avete scelto ed adattato il locale?

Abbiamo allestito l'ambiente riproponendo nell’eleganza dei salotti che ricordano i storici locali di piazza San Carlo. Abbiamo a disposizione una cinquantina di posti a sedere. L'atmosfera ricercata, ma che richiama il calore casalingo, ci ha permesso di distinguerci e Soho ci ha accolto benissimo. Molti dei nostri abituali clienti abitano in zona.

Parliamo del cibo. Quale filosofia vi ispira?

Il chilometro zero è uno dei concetti che vogliamo diffondere negli Stati Uniti, partendo dalla convinzione che ogni luogo possa offrire eccellenze, per cui i prodotti che utilizziamo in cucina sono selezionati e importati a New York prestando la massima attenzione. Inoltre vogliamo differenziarci proponendo piatti tipici della tradizione culinaria piemontese.

Come è stato percepito il concetto da chi frequenta il ristorante ?

Direi molto bene. Si è giocato anche sul fatto che il Piemonte è diventato un brand , di alta qualità e di grande offerta sia enogastronomica che culturale grazie anche ai riconoscimenti dell’Unesco. Abbiamo esordito a marzo 2016 con due serate, una per gli amici, l’altra riservata alla stampa ed agli addetti ai lavori. In questi mesi ci hanno fatto visita molti critici gastronomici e giornalisti oltre che Jovanotti, che si è fermato due volte a cena.

Lavorare in un ristorante italiano all’estero è il sogno di molti. Come si struttura il lavoro?

Ci siamo organizzati come un’azienda vera e propria siamo: 25 impiegati tra addetti alla cucina, chef, sous-chef, bartender, manager e altre figure fondamentali. Ognuno ha il suo compito ma ci si aiuta a vicenda e tutto funziona con orari precisi, dalla gestione della cucina e degli uffici, all’accoglienza, alla cura degli arredi. Siamo tutti istruiti ad illustrare ai clienti non solo le ricette e le origini dei vini che proponiamo, ma anche le tradizioni e la storia di quella che fu la prima capitale d’Italia.

E cosa proponete in tavola?

Seguiamo la stagionalità e, quest’autunno, serviremo ad esempio il tartufo. La bagna cauda farà comunque da padrona, e la serviremo nei cocci tipici. La proposta in versione estiva, sopra l’aragosta, ha avuto grosso successo. Per quel che riguarda la carne ci rivolgiamo a Pat La Frieda, nel Montana, unico ranch americano certificato ad allevare e distribuire manzo piemontese; per il Castelmagno o altri formaggi collaboriamo con Eataly che ci rifornisce di ottimi prodotti.

E per quanto riguarda la scelta dei vini come si orientano gli americani?

Sono abbastanza preparati, ma si lasciano consigliare volentieri. La lista è stata definita dal nostro sommelier, e consente una vasta scelta ovviamente includendo Barolo, Barbaresco e vari cocktail a base di vermouth Cocchi. Vanno per la maggiore anche gli Spirits e i cocktails come il Milano-Torino (simile al “negroni”) e il francese “pastis” . Per l’estate proponiamo anche una scelta di rosè e di bianchi fermi”.

Su cosa occorre puntare, oltre che sulla buona cucina, se si vuol avere successo in campo enogastronomico negli Stati Uniti?

Sicuramente sul design, sull'estro e la creatività. Loro amano molto il nostro senso estetico e noi ci siamo divertiti a proporre ambienti ricercati ma accoglienti, ricorrendo a Design italiano per gli interni, con sedie e tavolini di Pedrali e luci Flos e, sulla parete, a un disegno di piazza San Carlo di Alessio Primavera, architetto torinese e amico dei proprietari.

A Riccardo Zebro, milanese di nascita di origini biellesi, con anni di ristorazione internazionale alle spalle, chiediamo: cosa piace agli Americani?

I clienti familiarizzano facilmente con piatti inusuali dalle loro parti, come il fritto misto o i fiori di zucchine in pastella ripieni di mozzarella. Gli americani amano il nostro “fried” ed un menù che prevede piatti introvabili a Manhattan come battuta di fassone, tajarin fatti con quaranta tuorli d’uovo, vitello tonnato, risotto al Castelmagno, e stanno scoprendo il tonno di coniglio, piatto dalla preparazione molto articolata e lunga, cotto,sfilacciato e servito in un vasetto di vetro con olio e aromi. Tutti i piatti sono cucinati al momento, senza nulla di preparato o conservato. Molto apprezzato il «bonet» torinese, o la torta di nocciole, che come consistenza e ricchezza di ingredienti ricorda il loro crumble.

Che approccio hanno gli americani con il cibo?

Mangiano molto spesso fuori, e a casa non cucinano quasi mai. Sono molto affascinati dalla preparazione dei piatti, ma sono anche curiosi sull’educazione alimentare, e fanno caso alla leggerezza e alla semplicità di ciò checonsumano. Si sta verificando un’inversione di tendenza, con la preferenza di cibi meno elaborati ed abbondanti, e una maggiore attenzione verso l’alimentazione salutare e biologica.

Tra ristoratori italiani, magari nella stessa zona della città come sono i rapporti?

Ottimi. Si è creata una sorta di grande famiglia. Spesso a fine turno ci si ritrova tra colleghi e si va a mangiare la pizza in qualche locale della zona gestito da altri amici napoletani, o ci si serve dalla panetteria gestita da italiani che ha prodotti di importazione. Collaboriamo anche scambiandoci clienti.

Il tuo piatto americano preferito?

Un buon hamburger dry aged, con frollatura a temperatura controllata ed utilizzando lampade UV a ventilazione forzata e controllata. Il risultato è una lenta e superficiale disidratazione dei tagli destinati a diventare bistecche. Alla maturazione a secco si deve il sapore tipico del manzo.

Potresti suggerire una ricetta piemontese gustosa ma facile ed adattabile per un menù natalizio italo americano?

La battuta di carne al coltello è semplice da realizzare ma richiede ottime materie prime, in particolare la carne di fassone, che deve essere di ottima qualità. Ne servono 250 gr. per una porzione, e deve essere tagliatafinemente con il coltello. Poi si aggiungono mezzo cucchiaio di capperi e uno di acciughe (sott’olio di oliva), mezzo cucchiaio di mostarda, un cucchiaio di olio d’oliva, infine sale e pepe per condire. Visto che siamo in stagione e gli americani apprezzano moltissimo i sapori autunnali che le terre piemontesi offrono in questo periodo proporrei un'abbondante grattata di tartufo magari bianco a completare il tutto.

Altri Servizi

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap

Israele avrebbe piazzato dei dispositivi vicino alla Casa Bianca e in altri luoghi sensibili di Washington per spiare l'amministrazione Trump, secondo tre ex funzionari statunitensi a conoscenza della questione, che hanno parlato con Politico. Negli ultimi due anni, il governo statunitense è arrivato alla conclusione che Israele sarebbe il probabile autore del posizionamento di diversi dispositivi di sorveglianza delle comunicazioni telefoniche, ma al contrario di quanto avvenuto in altri casi di spionaggio scoperti su suolo statunitense, l'amministrazione Trump non ha attaccato quella israeliana e non ci sono state conseguenze per l'alleato, secondo una delle fonti. 

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

Trump: "Hamza bin Laden ucciso in un'operazione Usa"

Il presidente conferma la morte del figlio ed erede del leader di al Qaida e il coinvolgimento statunitense
Ap

Hamza bin Laden, come il padre Osama, è stato ucciso dagli Stati Uniti. A confermare la notizia della sua morte e del coinvolgimento statunitense è stato il presidente Donald Trump. "Hamza Bin Laden, alto responsabile di al Qaida e figlio di Osama Bin Laden, è stato ucciso in un'operazione antiterrorismo compiuta dagli Stati Uniti nella regione dell'Afghanistan/Pakistan" ha dichiarato il presidente, in un comunicato.

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Mondiali di basket, peggior risultato di sempre per gli Usa. Ma Popovich difende la squadra

Il coach contro l'arroganza in patria, dopo il settimo posto ai campionati iridati: "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci, ma non è scritto nella pietra che gli Usa debbano vincere"
Ap

Gli Stati Uniti hanno chiuso i Mondiali di basket al settimo posto, battendo la Polonia 87-74. Guai, però, a parlare di spedizione cinese fallimentare - come fatto da tutti i media statunitensi, e non solo - secondo l'allenatore Gregg Popovich. "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci perché non abbiamo vinto la medaglia d'oro. Questo è un atteggiamento ridicolo, immaturo, arrogante, che mostra mancanza di rispetto per le altre squadre e per questi ragazzi, che hanno dato il massimo". Gli Stati Uniti hanno perso nei quarti di finale contro la Francia (89-79), perdendo poi (94-89) contro la Serbia - altra delusa del Mondiale in Cina - nella partita per l'accesso alla finale per il quinto posto.  "Ci sono molte grandi squadre al mondo. Non è scritto nella pietra che gli Stati Uniti debbano vincere" ha aggiunto Popovich, l'allenatore con più partite vinte nella storia della Nba, il massimo campionato professionistico nordamericano. 

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

Nessun accordo sul contratto collettivo, sciopero alla General Motors

La protesta coinvolgerà circa 50.000 lavoratori. Presto le trattative del sindacato Uaw anche con Ford e Fca
AP

Attacchi agli impianti sauditi, produzione petrolifera dimezzata. Gli Usa sicuri: "È stato l'Iran"

L'attacco con i droni rivendicato dai ribelli yemeniti, ma per Washington è stata Teheran. Attese ripercussioni sui mercati