Osteria San Carlo, un angolo di Torino a Soho

Ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese
America24

Un angolo di Torino trapiantato nel cuore di Soho, a Manhattan, dove i sapori italiani sono quelli delle ricette del nord Italia. L'Osteria San Carlo, che ha aperto i battenti a Thompson Street a febbraio 2016 e offre ai clienti piatti della tradizione piemontese, ricorda l'omonimo ristorante torinese, anche per il fatto che, per entrare, si passa sull’effigie del torello, simbolo di Torino.

Tutto è iniziato nel 2015 nella pianura Padana, dall'idea di sei amici diventati soci. Tre degli investitori, Teresa Rolle, Andrea Dellavalle e Giorgio Pochettino, continuano a vivere a Torino, mentre a New York ci sono Carlo Rolle, già partner di due ristoranti di Torino, Moreno Cerutti, con un passato nelle pubbliche relazioni di ristoranti e locali italiani, e Davide Poggi, alessandrino, residente da sette anni a New York e impiegato nella ristorazione. America24 ha intervistato per Moreno Cerutti.

Con che criteri avete scelto ed adattato il locale?

Abbiamo allestito l'ambiente riproponendo nell’eleganza dei salotti che ricordano i storici locali di piazza San Carlo. Abbiamo a disposizione una cinquantina di posti a sedere. L'atmosfera ricercata, ma che richiama il calore casalingo, ci ha permesso di distinguerci e Soho ci ha accolto benissimo. Molti dei nostri abituali clienti abitano in zona.

Parliamo del cibo. Quale filosofia vi ispira?

Il chilometro zero è uno dei concetti che vogliamo diffondere negli Stati Uniti, partendo dalla convinzione che ogni luogo possa offrire eccellenze, per cui i prodotti che utilizziamo in cucina sono selezionati e importati a New York prestando la massima attenzione. Inoltre vogliamo differenziarci proponendo piatti tipici della tradizione culinaria piemontese.

Come è stato percepito il concetto da chi frequenta il ristorante ?

Direi molto bene. Si è giocato anche sul fatto che il Piemonte è diventato un brand , di alta qualità e di grande offerta sia enogastronomica che culturale grazie anche ai riconoscimenti dell’Unesco. Abbiamo esordito a marzo 2016 con due serate, una per gli amici, l’altra riservata alla stampa ed agli addetti ai lavori. In questi mesi ci hanno fatto visita molti critici gastronomici e giornalisti oltre che Jovanotti, che si è fermato due volte a cena.

Lavorare in un ristorante italiano all’estero è il sogno di molti. Come si struttura il lavoro?

Ci siamo organizzati come un’azienda vera e propria siamo: 25 impiegati tra addetti alla cucina, chef, sous-chef, bartender, manager e altre figure fondamentali. Ognuno ha il suo compito ma ci si aiuta a vicenda e tutto funziona con orari precisi, dalla gestione della cucina e degli uffici, all’accoglienza, alla cura degli arredi. Siamo tutti istruiti ad illustrare ai clienti non solo le ricette e le origini dei vini che proponiamo, ma anche le tradizioni e la storia di quella che fu la prima capitale d’Italia.

E cosa proponete in tavola?

Seguiamo la stagionalità e, quest’autunno, serviremo ad esempio il tartufo. La bagna cauda farà comunque da padrona, e la serviremo nei cocci tipici. La proposta in versione estiva, sopra l’aragosta, ha avuto grosso successo. Per quel che riguarda la carne ci rivolgiamo a Pat La Frieda, nel Montana, unico ranch americano certificato ad allevare e distribuire manzo piemontese; per il Castelmagno o altri formaggi collaboriamo con Eataly che ci rifornisce di ottimi prodotti.

E per quanto riguarda la scelta dei vini come si orientano gli americani?

Sono abbastanza preparati, ma si lasciano consigliare volentieri. La lista è stata definita dal nostro sommelier, e consente una vasta scelta ovviamente includendo Barolo, Barbaresco e vari cocktail a base di vermouth Cocchi. Vanno per la maggiore anche gli Spirits e i cocktails come il Milano-Torino (simile al “negroni”) e il francese “pastis” . Per l’estate proponiamo anche una scelta di rosè e di bianchi fermi”.

Su cosa occorre puntare, oltre che sulla buona cucina, se si vuol avere successo in campo enogastronomico negli Stati Uniti?

Sicuramente sul design, sull'estro e la creatività. Loro amano molto il nostro senso estetico e noi ci siamo divertiti a proporre ambienti ricercati ma accoglienti, ricorrendo a Design italiano per gli interni, con sedie e tavolini di Pedrali e luci Flos e, sulla parete, a un disegno di piazza San Carlo di Alessio Primavera, architetto torinese e amico dei proprietari.

A Riccardo Zebro, milanese di nascita di origini biellesi, con anni di ristorazione internazionale alle spalle, chiediamo: cosa piace agli Americani?

I clienti familiarizzano facilmente con piatti inusuali dalle loro parti, come il fritto misto o i fiori di zucchine in pastella ripieni di mozzarella. Gli americani amano il nostro “fried” ed un menù che prevede piatti introvabili a Manhattan come battuta di fassone, tajarin fatti con quaranta tuorli d’uovo, vitello tonnato, risotto al Castelmagno, e stanno scoprendo il tonno di coniglio, piatto dalla preparazione molto articolata e lunga, cotto,sfilacciato e servito in un vasetto di vetro con olio e aromi. Tutti i piatti sono cucinati al momento, senza nulla di preparato o conservato. Molto apprezzato il «bonet» torinese, o la torta di nocciole, che come consistenza e ricchezza di ingredienti ricorda il loro crumble.

Che approccio hanno gli americani con il cibo?

Mangiano molto spesso fuori, e a casa non cucinano quasi mai. Sono molto affascinati dalla preparazione dei piatti, ma sono anche curiosi sull’educazione alimentare, e fanno caso alla leggerezza e alla semplicità di ciò checonsumano. Si sta verificando un’inversione di tendenza, con la preferenza di cibi meno elaborati ed abbondanti, e una maggiore attenzione verso l’alimentazione salutare e biologica.

Tra ristoratori italiani, magari nella stessa zona della città come sono i rapporti?

Ottimi. Si è creata una sorta di grande famiglia. Spesso a fine turno ci si ritrova tra colleghi e si va a mangiare la pizza in qualche locale della zona gestito da altri amici napoletani, o ci si serve dalla panetteria gestita da italiani che ha prodotti di importazione. Collaboriamo anche scambiandoci clienti.

Il tuo piatto americano preferito?

Un buon hamburger dry aged, con frollatura a temperatura controllata ed utilizzando lampade UV a ventilazione forzata e controllata. Il risultato è una lenta e superficiale disidratazione dei tagli destinati a diventare bistecche. Alla maturazione a secco si deve il sapore tipico del manzo.

Potresti suggerire una ricetta piemontese gustosa ma facile ed adattabile per un menù natalizio italo americano?

La battuta di carne al coltello è semplice da realizzare ma richiede ottime materie prime, in particolare la carne di fassone, che deve essere di ottima qualità. Ne servono 250 gr. per una porzione, e deve essere tagliatafinemente con il coltello. Poi si aggiungono mezzo cucchiaio di capperi e uno di acciughe (sott’olio di oliva), mezzo cucchiaio di mostarda, un cucchiaio di olio d’oliva, infine sale e pepe per condire. Visto che siamo in stagione e gli americani apprezzano moltissimo i sapori autunnali che le terre piemontesi offrono in questo periodo proporrei un'abbondante grattata di tartufo magari bianco a completare il tutto.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Oggi, attesa quella di Netflix dopo la chiusura dei mercati
AP

Google entra nel Russiagate: scoperte pubblicità comprate da Mosca per influenzare voto 2016

Secondo fonti vicine alle indagini interne di Google, agenti russi avrebbero speso decine di migliaia di dollari per diffondere notizie non accurate. Emerge da un'esclusiva dal Washington Post.
AP

Anche Google, come Facebook, entra nel Russiagate. Il colosso di Mountain View, secondo indiscrezioni riportate in esclusiva dal Washington Post, ha scoperto pubblicità comprate da soggetti russi sulle piattaforme della società per interferire con le elezioni presidenziali americane di novembre 2016.

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

La storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine s'intitola "Why Are More American Teenagers Than Ever [Are] Suffering From Severe Anxiety?", riguarda il numero record di adolescenti che soffrono di pesanti stati d'ansia ed è la storia più letta della settimana sul sito nytimes.com.

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan

 Amazon entrerà nel mercato dell'abbigliamento sportivo con il proprio marchio. La società di Jeff Bezos, infatti, sta mettendo sotto contratto alcuni dei maggiori fornitori di abbigliamento sportivo per creare una propria linea, secondo le fonti di Bloomberg, preparando così il terreno per una nuova rivoluzione in un settore già in tumulto.

Visco al Wsj: felici della ripresa in Italia. Bce su Npl? Il diavolo è nei dettagli

Il governatore di Banca d'Italia a Washington per i lavori del Fondo monetario internazionale

La ripresa economica si sta verificando anche in Italia, a tassi simili a quelli nel resto dell'Eurozona. I rischi principali per il sistema bancario del nostro Paese sono stati affrontati ma "l'Italia può e deve fare di più". Di certo, sono eccessive le preoccupazioni relative alla Penisola in vista di una Banca centrale europea meno accomodante ma che preferisce essere flessibile piuttosto che fissare una data precisa per la fine del suo programma di acquisto di bond. Lo crede Ignazio Visco, governatore di Banca d'Italia nonché membro del consiglio direttivo dell'Eurotower, sul cui addendum alle linee guida sulla gestione dei non performing loan prende tempo nonostante il polverone sollevato (perché sembra fatto su misura per penalizzare le nostre banche). "Il diavolo si nasconde nei dettagli"; meglio aspettare la fine delle consultazioni. Visco ha parlato a braccio in una intervista al Wall Street Journal. Lo ha fatto nell'ambito dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale in corso a Washington.

Draghi: il problema dei Npl è in Italia, va risolto. Visco: verso misure non destabilizzanti per le banche

Il governatore della Bce commenta le reazioni sull'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati. Il governatore di Bankitalia: è manifestazione della forte volontà a mettere in sicurezza le banche. Padoan chiede chiarezza

Da Washington, Mario Draghi cerca di riportare la calma sull'asse Roma-Francoforte-Bruxelles. Dieci giorni dopo la pubblicazione dell'addendum della Banca centrale europea alle linee guida per la gestione dei crediti deteriorati - da molti visto come un modo per penalizzare l'Italia e le sue banche - il governatore dell'Eurotower ha spiegato che quanto fatto dal consiglio direttivo è stato "pubblicare un documento e chiedere reazioni". Per quelle c'è tempo fino alla mezzanotte (Central European Time) dell'8 dicembre. Poi, come detto da Ignazioni Visco - che oltre a essere governatore di Banca d'Italia è anche membro del consiglio direttivo della Bce - "vedremo cosa emergerà dalle consultazioni. In quel momento faremo le considerazioni necessarie".