Fmi segnala altro taglio delle stime di crescita globale. G20 agisca

Il d.g. Lagarde chiede azioni vigorose. I mercati finanziari sono in migliore forma, ma resta il problema degli Npl, a cui bisogna trovare soluzione rapida. Pressioni sulle banche italiane

L'outlook globale rimane sottotono in termini di crescita, con un rallentamento dell'aumento degli scambi commerciali e un'inflazione molto bassa, tutti segnali che "suggeriscono un ritmo di crescita globale ancora più modesto quest'anno". Il Fondo monetario internazionale entra nel dibattito sulla traiettoria dell'economia globale, tema che sarà ampiamente discusso durante il G20 che si terrà a Hangzhou, in Cina, il 4 e 5 settembre. Il problema è che, nonostante tassi di interesse ai minimi, "gli investimenti continuano a deludere", a causa delle condizioni della domanda, l'alto indebitamento del settore aziendale e i conti deboli del settore finanziario in molti Paesi, e questo "può ulteriormente penalizzare la crescita potenziale, già bassa a causa di trend scarsi sulla produttività e di fattori demografici".

Secondo il Fmi, l'outlook di più lungo termine "rimane deludente" e si profila in linea con la media storica per i Paesi emergenti, attorno al 5,5%, e un punto percentuale al di sotto della media storica per le economie avanzate del G20 (1,5% anziché 2,5%). A pesare sono anche l'aumento delle disuguaglianze, la bassa crescita dei redditi in molti Paesi e la maggiore ansia sulle riforme a causa del peggioramento del clima politico. "Queste dinamiche minacciano di innescare altre dinamiche negative, in cui l'azione politica non produce riforme strutturali necessarie per sostenere la crescita e si orienta verso assalti al libero scambio orientati verso l'interno".

Il pendolo politico globale "rischia di muoversi contro l'apertura economica e, senza azioni decise, il mondo potrebbe dovere fare i conti con una crescita deludente per un lungo periodo", fermandosi nel 2016 al di sotto della media di lungo termine (3,7%) per il quinto anno di fila e poi ancora nel 2017, ha detto il direttore generale del Fmi Christine Lagarde, spiegando che "la debole crescita globale interagisce con un aumento delle disuguaglianze, che alimentano un clima politico in cui le riforme sono in stallo e i Paesi si chiudono verso il loro interno". Per questo occorrono "azioni vigorose per evitare quella che potrebbe diventare una trappola di bassa crescita", ha detto Lagarde, facendo riferimento in particolare a misure a sostegno della domanda, a riforme strutturali, a politiche a sostegno degli scambi commerciali e di una maggiore condivisione della crescita economica.

In questo contesto i rischi geopolitici e le incertezze sui passi che seguiranno la Brexit "continueranno a minacciare l'outlook, soprattutto in Europa, dove gli istituti finanziari devono fare i conti con una serie di problemi". Minacce possono venire dalla bassa inflazione, dall'aumento dei tassi di interesse reali e dai minori incentivi all'investimento, oltre che dalla transizione della Cina verso un percorso di crescita più equilibrato. Per quanto riguarda i rischi non economici, il Fmi mette in luce quelli legati "al terrorismo, alle malattie contagiose e agli shock collegati al clima, come le siccità" e "alla tragedia su larga scala dei rifugiati", che crea problemi anche da un punto di vista umanitario.

Per il Fondo, "una crescita più alta, inclusiva e sostenibile richiede politiche vigorose, organiche e ben comunicate, compresa una maggiore collaborazione sull'agenda politica globale". In particolare, dati i molti fattori interconessi che rallentano la crescita, "gli attori politici devono usare tutte le leve possibili" e, allo stesso tempo, "spiegare al pubblico i benefici di azioni decisive, fornendo supporto efficace a chi porta in modo sproporzionato il fardello degli aggiustamenti".

Per quanto riguarda invece i mercati finanziari, nonostante la ripresa dai minimi toccati dopo il referendum sulla Brexit, "restano potenziali debolezze", anche a causa dell'incertezza sull'evoluzione dei rapporti tra Regno Unito e Unione europea. Tuttavia, "i titoli bancari restano sotto pressione, con particolare tensione attorno alle banche italiane". I recenti stress test dell'Autorità bancaria europea hanno messo in luce possibili vulnerabilità in uno scenario di stress, cosa che sottolinea "i problemi posti alla salute finanziaria delle banche dall'ampia quantità di non performing loan (stimata a circa l'8% del Pil dell'Eurozona a metà 2015), dalla crescita debole e dai bassi tassi di interesse". Secondo il Fmi, "varie politiche possono essere utilizzate ora per sostenere le riforme e contenere il rischio". In particolare, in Europa, la soluzione del problema degli Npl "dovrebbe essere accelerata tramite una combinazione di più stretta supervisione, riforma delle insolvenze e facilitazione dei mercati secondari sul debito in sofferenza", un processo che può trarre vantaggio dal continuo sostegno macroeconomico. Infine, per il Fmi, "è anche una priorità tutelare la stabilità del sistema bancario".

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP