Pace in Medio Oriente, israeliani e palestinesi attendono il piano di Trump

Non si conosce nulla del progetto di Washington, a cui lavora un team di cinque persone. Netanyahu e Abu Mazen si aspettano di ricevere il piano degli Stati Uniti all'inizio del prossimo anno
iStock

Israeliani e palestinesi attendono il piano di pace che il presidente statunitense, Donald Trump, dovrebbe presentare all'inizio del prossimo anno. Un piano di cui ancora non si sa nulla, nemmeno se si baserà sulla creazione di uno Stato palestinese, concetto su cui si fonda la politica di Washington in Medio Oriente da 20 anni.

Il 'peace team' statunitense è relativamente piccolo e discreto: comprende cinque persone, tra cui il genero del presidente, Jared Kushner, e l'inviato speciale Jason Greenblatt. Trump è personalmente coinvolto nel lavoro e fa pressioni per avere al più presto un piano, secondo il giornalista israeliano Barak Ravid, che ha scritto un articolo sul tema per il sito Axios.

Negli ultimi nove mesi, Trump ha incontrato separatamente il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Abu Mazen, in tre occasioni ciascuno, per discutere del piano di pace. Il suo inviato, Greenblatt, gira costantemente tra Gerusalemme, Ramallah e le capitali arabe e il suo ultimo viaggio nella regione è durato tre settimane; Kushner, che ufficialmente guida il 'peace team', è andato in Medio Oriente in tre occasioni, trascorrendo ogni volta ore e ore al telefono con i leader arabi per ottenere il loro appoggio, ha scritto Ravid.

Il piccolo e compatto team evita fughe di notizie e scandali, errori e imbarazzi. Gli altri componenti del gruppo sono la viceconsigliera per la Sicurezza nazionale, Dina Powell, l'ambasciatore statunitense in Israele, David Friedman, e il console generale di Gerusalemme, Don Blome.

Netanyahu, la scorsa settimana, ha detto alla prima ministra del Regno Unito, Theresa May, di essere in modalità "aspettiamo e vediamo" e di aspettarsi una proposta tra la fine dell'anno e l'inizio del prossimo, secondo fonti israeliane e britanniche di Ravid. "Non so che piano stia per presentare Trump e non sono sicuro che qualcuno lo sappia, ma sono felice - avrebbe detto - che lo staff di Trump stia portando idee nuove e fuori dagli schemi sulla questione".

Abu Mazen avrebbe detto a un gruppo di ex membri della Knesset, il parlamento monocamerale israeliano, di aspettarsi un piano entro la fine dell'anno e che Trump gli ha assicurato di sostenere la soluzione a due Stati; inoltre, il presidente statunitense gli avrebbe detto che presto sosterrà pubblicamente questa posizione.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto che non c'è una data limite per la presentazione del piano e che l'obiettivo è di "facilitare un accordo che funzioni per israeliani e palestinesi, non imporre qualcosa a qualcuno".

Trump conta sull'Arabia Saudita per ottenere l'approvazione di israeliani e palestinesi alla sua iniziativa. Kushner punta sui suoi stretti rapporti con il principe Mohamed bin Salman per convincerlo ad avere un ruolo maggiore, e mai avuto prima, nel processo di pace. L'incontro tra i due, avvenuto un paio di settimane fa, era incentrato soprattutto su questa questione. All'inizio di questa settimana, invece, Abu Mazen è stato a Riad per parlare del processo di pace con alcuni leader sauditi. Il vicepresidente statunitense, Mike Pence, sarà in Medio Oriente a metà dicembre e incontrerà Netanyahu e Abu Mazen, chiedendo probabilmente a entrambi di tornare al tavolo delle trattative.

La situazione politica di Netanyahu potrebbe essere destabilizzata da un piano di pace che includa concessioni israeliani su temi molto sentiti, come i confini, gli insediamenti in Cisgiordania e il futuro di Gerusalemme. Le indagini in corso su Netanyahu, accusato di corruzione, rende la situazione più complicata.

Abu Mazen, invece, sta mettendo in pratica il piano di riconciliazione con Hamas: uno sforzo condotto dall'Egitto, con il sostegno tacito della Casa Bianca, che prevede il graduale trasferimento del controllo della Striscia di Gaza all'autorità palestinese. Il collasso di questo accordo potrebbe avere serie conseguenze su qualsiasi spinta per un processo di pace con Israele, secondo Ravid.

Altri Servizi

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.