Pace in Medio Oriente, Trump spera nei sauditi

Jared Kushner sta cercando di coinvolgere il principe Mohamed bin Salman; le tensioni con l'Iran potrebbero far saltare tutto, o spingere i sauditi a chiudere il fronte palestinese per concentrarsi su Teheran

Il presidente Donald Trump lo ha definito "l'accordo definitivo" ed è quello a cui sta lavorando da mesi, insieme al piccolo gruppo di consiglieri creato per raggiungere l'obiettivo fallito da tutti: la pace tra israeliani e palestinesi.

Il piano - Washington sta lavorando a una bozza da presentare alle parti in causa, ma la possibilità di raggiungere l'obiettivo o fallire dipende da una serie intricata di altre questioni nella regione, a partire dallo scontro tra Arabia Saudita e Iran, che potrebbe sfociare in una guerra in Libano; i Paesi arabi, però, per concentrarsi sull'Iran, che considerano la minaccia maggiore, potrebbero decidere di aiutare Washington a trovare una soluzione per chiudere la questione palestinese. Anche se Trump non si è impegnato per la creazione di uno Stato palestinese, il suo piano dovrebbe ruotare intorno alla cosiddetta 'soluzione a due Stati', che è stata al centro delle trattative per anni. "Abbiamo trascorso un sacco di tempo ad ascoltare israeliani, palestinesi e leader regionali negli ultimi mesi per aiutarli a raggiungere un accordo di pace duraturo" ha commentato Jason Greenblatt, il capo negoziatore statunitense, al New York Times. "Non creeremo una cronologia artificiale sullo sviluppo o sulla presentazione di idee e non imporremo un accordo. Il nostro obiettivo è facilitare, non imporre, un accordo di pace duraturo per migliorare la vita di israeliani e palestinesi e la sicurezza nella regione".

Trump, che si considera un 'dealmaker', uno capace di trovare sempre un accordo, ha deciso di accettare la sfida appena entrato alla Casa Bianca, a gennaio, intrigato dall'idea di riuscire dove gli altri hanno fallito, e ha assegnato il compito di lavorare all'intesa al genero, Jared Kushner.

I negoziatori - Il 'peace team' statunitense è relativamente piccolo e discreto. Comprende Kushner, Greenblatt e altre tre persone: la viceconsigliera per la Sicurezza nazionale, Dina Powell, l'ambasciatore statunitense in Israele, David Friedman, e il console generale di Gerusalemme, Don Blome. Trump è personalmente coinvolto nel lavoro e fa pressioni per avere al più presto un piano, secondo il giornalista israeliano Barak Ravid, che ha scritto un articolo sul tema per il sito Axios.

Negli ultimi nove mesi, Trump ha incontrato separatamente il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Abu Mazen, in tre occasioni ciascuno, per discutere del piano di pace. Il suo inviato, Greenblatt, gira costantemente tra Gerusalemme, Ramallah e le capitali arabe e il suo ultimo viaggio nella regione è durato tre settimane; Kushner, che ufficialmente guida il peace team, è andato in Medio Oriente in tre occasioni, trascorrendo ogni volta ore e ore al telefono con i leader arabi per ottenere il loro appoggio, ha scritto Ravid. Il piccolo e compatto team evita fughe di notizie e scandali, errori e imbarazzi.

Netanyahu ha recentemente detto alla prima ministra del Regno Unito, Theresa May, di essere in modalità "aspettiamo e vediamo" e di aspettarsi una proposta tra la fine dell'anno e l'inizio del prossimo, secondo fonti israeliane e britanniche di Ravid. "Non so che piano stia per presentare Trump e non sono sicuro che qualcuno lo sappia, ma sono felice - avrebbe detto - che lo staff di Trump stia portando idee nuove e fuori dagli schemi sulla questione".

Abu Mazen avrebbe detto a un gruppo di ex membri della Knesset, il parlamento monocamerale israeliano, di aspettarsi un piano entro la fine dell'anno e che Trump gli ha assicurato di sostenere la soluzione a due Stati; inoltre, il presidente statunitense gli avrebbe detto che presto sosterrà pubblicamente questa posizione.

Il ruolo di Riad - Trump conta sull'Arabia Saudita per ottenere l'approvazione di israeliani e palestinesi alla sua iniziativa. Kushner punta sui suoi stretti rapporti con il principe Mohamed bin Salman per convincerlo ad avere un ruolo maggiore, e mai avuto prima, nel processo di pace. L'incontro tra i due, avvenuto un paio di settimane fa, era incentrato soprattutto su questa questione. Giorni fa, Abu Mazen è stato a Riad per parlare del processo di pace con alcuni leader sauditi.

Il vicepresidente statunitense, Mike Pence, sarà in Medio Oriente a metà dicembre e incontrerà Netanyahu e Abu Mazen, chiedendo probabilmente a entrambi di tornare al tavolo delle trattative. La situazione politica di Netanyahu potrebbe essere destabilizzata da un piano di pace che includa concessioni israeliani su temi molto sentiti, come i confini, gli insediamenti in Cisgiordania e il futuro di Gerusalemme. Le indagini in corso su Netanyahu, accusato di corruzione, rende la situazione più complicata.

Abu Mazen, invece, sta mettendo in pratica il piano di riconciliazione con Hamas: uno sforzo condotto dall'Egitto, con il sostegno tacito della Casa Bianca, che prevede il graduale trasferimento del controllo della Striscia di Gaza all'autorità palestinese. Il collasso di questo accordo potrebbe avere serie conseguenze su qualsiasi spinta per un processo di pace con Israele, secondo Ravid.

"Non c'è nulla di nuovo sotto il sole quando si parla di pace in Medio Oriente" ha detto Philip Gordon, coordinatore della Casa Bianca per il Medio Oriente sotto il presidente Barack Obama, al New York Times. Per Tamara Cofman Wittes, funzionaria del dipartimento di Stato nella precedente amministrazione statunitense, la debolezza politica attuale di Netanyahu e Abu Mazen rende "difficile la possibilità che facciano delle grandi concessioni".

Altri Servizi

Wall Street aspetta indicazioni dalla Fed

Tra oggi e i prossimi giorni, attesi i discorsi di sette dirigenti della Federal Reserve
AP

Di Maio a Washington: contatto duraturo con Usa, ma con noi Italia via da Afghanistan

Il vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle è in missione negli Stati Uniti. Incontri con parlamentari al Congresso e funzionari al dipartimento di Stato. E critica l'obiettivo del 2% del Pil alla Nato chiesto da Trump

"Il mio obiettivo qui a Washington è di stabilire un contatto diretto e duraturo con l'amministrazione Usa. Per questo inizio con il Dipartimento di Stato". Comincia con queste dichiarazioni la missione negli Stati Uniti del vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, che in mattinata incontrerà al Congresso parlamentari Democratici e Repubblicani.

Trump salta l'East Asia Summit, l'ultima tappa del tour in Asia

Il presidente rientra negli Usa saltando il vertice di Manila. "Abbiamo fatto - ha detto - un lavoro davvero fantastico"
Ap

Donald Trump ha detto di aver fatto "un lavoro davvero fantastico" e di essersi "fatto un sacco di amici ai più alti livelli" durante il suo tour di 12 giorni in Asia, interrotto però in anticipo, oggi, prima di partecipare a un summit in programma a Manila, nelle Filippine. "Credo che i frutti del nostro lavoro saranno incredibili" ha detto il presidente degli Stati Uniti, aggiungendo che gli accordi commerciali da 300 miliardi già svelati "si quadruplicheranno molto velocemente". "Sono stati 12 giorni incredibili, credo che abbiamo fatto un lavoro davvero fantastico".

Dopo l'Expo, 'Orgoglio Brescia' va a Chicago con l'opera Leosphere

Il consorzio confindustriale che ha piantato l'Albero della vita all'esposizione universale a Rho festeggia il 45esimo anniversario del gemellaggio tra Milano e la Windy City con la creazione di Florian Boje

Dopo avere piantato l’Albero della Vita all'Expo 2015 di Milano, il consorzio confindustriale “Orgoglio Brescia” dimostra le sue ambizioni internazionali con una nuova opera: Leosphere.  Si tratta di una sfera in legno alta 45 metri ispirata agli studi di Leonardo da Vinci, che la cordata composta da 18 aziende bresciane ad alta specializzazione porterà al centro di Chicago nel 2018 per celebrare il 45esimo anniversario del gemellaggio tra la città dell'Illinois e Milano. L'opera, creata da Florian Boje, è pensata per rappresentare l'incontro, la contaminazione, il dialogo tra l'ingegno italiano e tecnologia americana.

Aggressioni sessuali, le accuse sfiorano il Senato: McConnell chiede a Moore di rinunciare alla candidatura

Il candidato repubblicano per le elezioni in Alabama è stato accusato da quattro donne. Si prefigura una 'guerra per procura' tra l'establishment e Bannon, di cui potrebbero approfittare i democratici, che non eleggono un senatore in Alabama da 20 anni
AP

Il leader della maggioranza repubblicana nel Senato statunitense, Mitch McConnell, ha chiesto al candidato del suo partito alle elezioni speciali in Alabama per un seggio alla Camera alta, Roy Moore, di "farsi da parte", visto che è accusato di aggressione sessuale. "Io credo a queste donne" ha detto McConnell, riferendosi alle quattro accusatrici del candidato repubblicano.

Wall Street, pesano i contrasti sulla riforma fiscale

Venerdì, chiusa la prima settimana in rosso degli ultimi due mesi
AP

Ge presenta piano industriale: taglio dividendi e Cda, focus su tre settori chiave

General Electric si concentrerà su tre settori (aviazione, sanità ed energia) e uscirà progressivamente dalle altre aree in cui è attualmente impegnata.
General Electric

General Electric ha presentato il nuovo piano industriale. I punti chiave della strategia di rilancio, presentata dall'amministratore delegato John Flannery, che lo scorso giugno ha raccolto il testimone di Jeffrey Immelt, sono il taglio dei dividendi del 50%, la riduzione del consiglio di amministrazione da 18 a 12 membri, e l'impegno a diventare una società più snella e semplice, attenzione a tre settori chiave, ovvero aviazione, sanità ed energia, le tre più grandi. Da un punto di vista finanziario, i bonus saranno legati alla performance della divisione.

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.

Russiagate, gli ex capi dell'intelligence Usa contro Trump

Il comportamento del presidente "è vergognoso" ha detto Brennan, ex numero uno della Cia. Per Clapper, ex direttore dell'intelligence nazionale, "è sconcertante"
AP

I due maggiori ex capi dell'intelligence statunitense hanno aspramente criticato il presidente Donald Trump, reo di essersi fatto "prendere in giro" dal presidente russo Vladimir Putin sul ruolo del Cremlino nelle interferenze nelle scorse elezioni presidenziali. "Non affrontare direttamente la questione e non dicendo a Putin che noi sappiamo che è responsabile di tutto ciò, significa dare a Putin la possibilità di passarla liscia" ha commentato l'ex direttore della Cia, John Brennan, alla Cnn. "Credo dimostri a Putin che Trump possa essere preso in giro dai leader stranieri che cercano di approfittare delle sue insicurezze, cosa molto, molto preoccupante dal punto di vista della sicurezza nazionale".