Pace in Medio Oriente, Trump spera nei sauditi

Jared Kushner sta cercando di coinvolgere il principe Mohamed bin Salman; le tensioni con l'Iran potrebbero far saltare tutto, o spingere i sauditi a chiudere il fronte palestinese per concentrarsi su Teheran

Il presidente Donald Trump lo ha definito "l'accordo definitivo" ed è quello a cui sta lavorando da mesi, insieme al piccolo gruppo di consiglieri creato per raggiungere l'obiettivo fallito da tutti: la pace tra israeliani e palestinesi.

Il piano - Washington sta lavorando a una bozza da presentare alle parti in causa, ma la possibilità di raggiungere l'obiettivo o fallire dipende da una serie intricata di altre questioni nella regione, a partire dallo scontro tra Arabia Saudita e Iran, che potrebbe sfociare in una guerra in Libano; i Paesi arabi, però, per concentrarsi sull'Iran, che considerano la minaccia maggiore, potrebbero decidere di aiutare Washington a trovare una soluzione per chiudere la questione palestinese. Anche se Trump non si è impegnato per la creazione di uno Stato palestinese, il suo piano dovrebbe ruotare intorno alla cosiddetta 'soluzione a due Stati', che è stata al centro delle trattative per anni. "Abbiamo trascorso un sacco di tempo ad ascoltare israeliani, palestinesi e leader regionali negli ultimi mesi per aiutarli a raggiungere un accordo di pace duraturo" ha commentato Jason Greenblatt, il capo negoziatore statunitense, al New York Times. "Non creeremo una tempistica artificiale sullo sviluppo o sulla presentazione di idee e non imporremo un accordo. Il nostro obiettivo è facilitare, non imporre, un accordo di pace duraturo per migliorare la vita di israeliani e palestinesi e la sicurezza nella regione".

Trump, che si considera un 'dealmaker', uno capace di trovare sempre un accordo, ha deciso di accettare la sfida appena entrato alla Casa Bianca, a gennaio, intrigato dall'idea di riuscire dove gli altri hanno fallito, e ha assegnato il compito di lavorare all'intesa al genero, Jared Kushner.

I negoziatori - Il 'peace team' statunitense è relativamente piccolo e discreto. Comprende Kushner, Greenblatt e altre tre persone: la viceconsigliera per la Sicurezza nazionale, Dina Powell, l'ambasciatore statunitense in Israele, David Friedman, e il console generale di Gerusalemme, Don Blome. Trump è personalmente coinvolto nel lavoro e fa pressioni per avere al più presto un piano, secondo il giornalista israeliano Barak Ravid, che ha scritto un articolo sul tema per il sito Axios.

Negli ultimi nove mesi, Trump ha incontrato separatamente il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Abu Mazen, in tre occasioni ciascuno, per discutere del piano di pace. Il suo inviato, Greenblatt, gira costantemente tra Gerusalemme, Ramallah e le capitali arabe e il suo ultimo viaggio nella regione è durato tre settimane; Kushner, che ufficialmente guida il peace team, è andato in Medio Oriente in tre occasioni, trascorrendo ogni volta ore e ore al telefono con i leader arabi per ottenere il loro appoggio, ha scritto Ravid. Il piccolo e compatto team evita fughe di notizie e scandali, errori e imbarazzi.

Netanyahu ha recentemente detto alla prima ministra del Regno Unito, Theresa May, di essere in modalità "aspettiamo e vediamo" e di aspettarsi una proposta tra la fine dell'anno e l'inizio del prossimo, secondo fonti israeliane e britanniche di Ravid. "Non so che piano stia per presentare Trump e non sono sicuro che qualcuno lo sappia, ma sono felice - avrebbe detto - che lo staff di Trump stia portando idee nuove e fuori dagli schemi sulla questione".

Abu Mazen avrebbe detto a un gruppo di ex membri della Knesset, il parlamento monocamerale israeliano, di aspettarsi un piano entro la fine dell'anno e che Trump gli ha assicurato di sostenere la soluzione a due Stati; inoltre, il presidente statunitense gli avrebbe detto che presto sosterrà pubblicamente questa posizione.

Il ruolo di Riad - Trump conta sull'Arabia Saudita per ottenere l'approvazione di israeliani e palestinesi alla sua iniziativa. Kushner punta sui suoi stretti rapporti con il principe Mohamed bin Salman per convincerlo ad avere un ruolo maggiore, e mai avuto prima, nel processo di pace. L'incontro tra i due, avvenuto un paio di settimane fa, era incentrato soprattutto su questa questione. Giorni fa, Abu Mazen è stato a Riad per parlare del processo di pace con alcuni leader sauditi.

Il vicepresidente statunitense, Mike Pence, sarà in Medio Oriente a metà dicembre e incontrerà Netanyahu e Abu Mazen, chiedendo probabilmente a entrambi di tornare al tavolo delle trattative. La situazione politica di Netanyahu potrebbe essere destabilizzata da un piano di pace che includa concessioni israeliane su temi molto sentiti, come i confini, gli insediamenti in Cisgiordania e il futuro di Gerusalemme. Le indagini in corso su Netanyahu, accusato di corruzione, rende la situazione più complicata.

Abu Mazen, invece, sta mettendo in pratica il piano di riconciliazione con Hamas: uno sforzo condotto dall'Egitto, con il sostegno tacito della Casa Bianca, che prevede il graduale trasferimento del controllo della Striscia di Gaza all'autorità palestinese. Il collasso di questo accordo potrebbe avere serie conseguenze su qualsiasi spinta per un processo di pace con Israele, secondo Ravid.

"Non c'è nulla di nuovo sotto il sole quando si parla di pace in Medio Oriente" ha detto Philip Gordon, coordinatore della Casa Bianca per il Medio Oriente sotto il presidente Barack Obama, al New York Times. Per Tamara Cofman Wittes, funzionaria del dipartimento di Stato nella precedente amministrazione statunitense, la debolezza politica attuale di Netanyahu e Abu Mazen rende "difficile la possibilità che facciano delle grandi concessioni".

Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.