Patteggiamento a sorpresa tra Uber e Waymo, vale 245 milioni di dollari

Il servizio alternativo al taxi tradizionale si impegna a non usare la tecnologia della controllata di Alphabet nelle sue auto a guida autonoma. Un ex dipendente di Google poi passato in Uber fu accusato di furto di segreti commerciali
Fca

La battaglia legale tra Uber e Waymo è finita con un patteggiamento valutato 245 milioni di dollari, cosa che mette fine a un processo iniziato lunedì 5 febbraio e attentamente monitorato dalla Silicon Valley.

Il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale era stato accusato dalla controllata di Alphabet specializzata nello sviluppo di auto a guida autonoma di avere rubato - attraverso un ex dipendente di Google, da cui Waymo è stata poi scorporata, poi passato a Uber - segreti commerciali relativi a quella tecnologia. Tra le tecnologie rubate - secondo Waymo - ci sarebbe stato il sistema 'Lidar' (light detection and ranging), che consente a un veicolo self-driving di capire cosa gli sta succedendo intorno. Il patteggiamento prevede che Uber paghi a Waymo una quota dello 0,34% con un valore, appunto, di 245 milioni di dollari sulla base della valutazione recente di Uber di 72 miliardi di dollari.

"Abbiamo raggiunto un accordo con Uber che crediamo proteggerà la proprietà intellettuale di Waymo ora e in futuro", ha detto in una nota la controllata di Alphabet, quella a cui Fiat Chrysler consegnerà a partire dalla fine del 2018 migliaia di minivan ibridi a marchio Chrysler Pacifica in vista del lancio del primo servizio di taxi a guida autonoma di Waymo. "Siamo impegnati a lavorare con Uber per fare in modo che ogni azienda sviluppi una propria tecnologia. Questo include un accordo per garantire che qualsiasi informazione confidenziale di Waymo non sia usata nell'hardware e nel sofware di Uber", ha aggiunto Waymo precisando: "Abbiamo sempre creduto che la competizione debba essere alimentata dall'innovazione nei laboratori e sulle strade e siamo impazienti di portare auto a guida autonoma nel mondo".

Anche il Ceo di Uber, Dara Khosrowshahi, ha rilasciato una nota esprimendo "dispiacere per le azioni che mi hanno costretto a scrivere questa lettera. Anche se non crediamo che alcun segreto commerciale sia arrivato da Waymo a Uber e anche se non crediamo che Uber abbia utilizzato informazioni di proprietà di Waymo nella sua tecnologia self-driving, stiamo facendo passi con Waymo per garantire che il nostro Lidar e il nostro software riflettano solo il nostro lavoro". Rivolgendosi ai dipendenti - travolti da questo e molti altri casi imbarazzanti - Khosrowshahi ha aggiunto: Nell'ultimo anno ci siamo distratti dalla nostra missione. Di questo, mi scuso".

La fine del caso chiude un capitolo sordido nella relazione tra l'ex Ceo di Uber, Travis Kalanick, e quello di Alphabet, Larry Page. Nella sua deposizione, Kalanick - lo scorso anno cacciato dalla guida del gruppo per la sua leadership controversa e sessista - aveva espresso l'ambizione di collaborare con Waymo, dopo che Google ha investito in Uber. L'accordo tra le due aziende arriva mentre Uber si è impegnato a evolversi in Uber "2.0" sotto il nuovo Ceo. I termini del patteggiamento potrebbero influenzare il modo in cui Uber e Waymo porteranno avanti i loro progetti costosi e laboriosi di auto a guida autonoma, potenzialmente mettendo un'azienda davanti ai rivali.

Altri Servizi

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

Wall Street soffre a causa dei titoli tech

Ieri, lo S&P in ripresa dopo 5 cali consecutivi
iStock

Wall Street, attenzione rivolta al petrolio

L'Arabia Saudita ha annunciato un taglio della produzione per alzare i prezzi
AP

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

In vigore il blocco di Trump, che impedisce ai migranti irregolari di chiedere asilo in Usa

Proclamazione presidenziale firmata dal presidente: "Le persone possono venire, ma devono farlo legalmente". Intanto, 4.000 migranti centroamericani hanno ripreso la marcia verso il confine, lasciata Città del Messico
Immigration and Customs Enforcement

È entrato in vigore la proclamazione presidenziale, firmata venerdì dal presidente statunitense Donald Trump, che sospende la concessione dell'asilo ai migranti che attraversano il confine con il Messico illegalmente; una mossa decisa per scoraggiare le migliaia di persone attualmente in marcia verso il Paese. Questo significa che i migranti dovranno presentarsi ai posti di frontiera per poter chiedere l'asilo, salvo rare eccezioni. Gli avvocati che difendono i diritti dei migranti si sono messi subito al lavoro per cercare di bloccare l'ordine in tribunale.

Commercio: è di nuovo scontro tra Usa e Cina

Botta e risposta tra il vicepresidente americano Mike Pence e il presidente cinese Xi Jinping in Papua Nuova Guinea
Ap

Almeno a parole, né gli Stati Uniti né la Cina sembrano disposti a fare un passo indietro nella guerra commerciale che li vede protagonisti, e questo anche dopo il velato ottimismo espresso dal leader americano Donald Trump. I due Paesi hanno difeso le loro rispettive posizioni durante il summit Asia-Pacific Economic Cooperation a Papua Nuova Guinea, nell'Oceania. Lo hanno fatto attraverso, rispettivamente, il vicepresidente Mike Pence e il presidente Xi Jinping (che a fine mese vedrà Trump in Argentina a margine del G20).

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Wall Street, giornata di dati macro

Tra quelli in programma, sussidi di disoccupazione, prezzi all'importazione e vendite al dettaglio
AP

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

Warren Buffett scommette su JP Morgan e il settore bancario americano in generale. Berkshire Hathaway, la conglomerata controllata dal celebre investitore, ha annunciato una partecipazione nella banca di Jamie Dimon con cui all'inizio del 2018 aveva unito le forze insieme ad Amazon per lanciare una joint venture volta a ridurre i costi sanitari per i rispettivi dipendenti.

Nyt: Facebook ha cercato di insabbiare gli scandali

Il social network ha cercato di nascondere le prove su Russiagate e scandalo Cambridge Analytica; poi, ha lanciato una campagna per screditare i critici, a partire da Soros
AP

I massimi dirigenti di Facebook hanno a lungo negato e nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica. A Menlo Park, sapevano che degli hacker russi stavano usando il social network per cercare di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi nel 2016 e conoscevano bene anche gli errori commessi nella gestione della privacy degli utenti. Poi, una volta finiti al centro dello scandalo, hanno lanciato una campagna di lobbying per combattere i critici e screditarli, a partire dal miliardario George Soros, e spostare l'attenzione sulle società tech rivali, su cui hanno fatto uscire articoli negativi.