Paura di attacchi terroristici, Trump vieta laptop e tablet da otto nazioni del Medio Oriente

Dispositivi ammessi solo in stiva. La norma chiama in causa alleati come Giordania e Arabia Saudita ma anche Emirati Arabi Uniti ed Egitto. Emirates rischia di essere la compagnia più colpita
© 2017 Royal Jordanian Airlines

Laptop, tablet e qualsiasi altro dispositivo elettronico le cui dimensioni sono più grandi di quelle di uno smartphone dovranno viaggiare nei bagagli da stiva e non in cabina nei voli diretti negli Stati Uniti e in arrivo da otto nazioni prevalentemente musulmane. Questa misura di sicurezza, volta in teoria a prevenire attacchi terroristici, non varrà per chi parte dalla prima economia al mondo avendo come destinazione quei Paesi. Lo ha deciso l'amministrazione Trump.

La misura entrerà in vigore da oggi, 21 marzo, e chiama in causa anche alleati come Giordania e Arabia Saudita, oltre a Emirati Arabi Uniti, Egitto, Qatar, Kuwait, Turchia e Marocco. Nella 'lista nera', l'ennesima messa a punto dalla Casa Bianca, ci sono 10 aeroporti in queste nazioni: il 27 gennaio scorso Trump aveva firmato un ordine esecutivo che sospendeva temporaneamente l'ingresso nella nazione dei cittadini di sette nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Iraq, Somalia, Sudan, Siria e Yemen); dopo una battaglia legale, il decreto fu sospeso e sostituito il 6 marzo con una nuova versione da cui - tra le altre cose - è stata eliminata Baghdad; ma anche il 'muslim ban' bis è stato bloccato da un giudice a livello nazionale a poche ore dalla sua entrata in vigore, prevista il 16 marzo.

A comunicare la decisione del dipartimento americano della Sicurezza nazionale è stata la compagnia aerea Royal Jordanian Airlines. Lo ha fatto ieri con un tweet, poi misteriosamente cancellato. In esso diceva che i "cellurari e i dispostivi medici sono esclusi" dalla nuova misura di sicurezza, che vale per i voli del gruppo diretti nelle città americane di "New York, Chicago, Detroit e Montreal", in Canada. La compagnia aerea ha poi detto a Cnn che ulteriori aggiornamenti verranno forniti, una risposta simile a quella fornita inizialmente dal ministero guidato da John F. Kelly: "Non abbiamo commenti su potenziali precauzioni per la sicurezza ma forniremo aggiornamenti quando sarà necessario".

Le compagnie aeree toccate dalla decisione voluta da Trump sono le seguenti: Saudi Arabian Airlines, Royal Jordanian Airlines, Emirates, Etihad Airways, Qatar Airways, Kuwait Airways, Turkish Airlines, EgyptAir e Royal Air Maroc; quelle americane non sono condizionate: nessuna di loro vola direttamente in Usa dai Paesi presi di mira. A subire il colpo più duro rischia di essere Emirates, che da Dubai (dove ha sede) conta 119 volti settimanali verso gli Usa oltre a quelli in arrivo dall'Asia e diretti in America ma che fanno scalo nella città. Etihad, con quartier generale ad Abu Dhabi e nel capitale di Alitalia, ne farà a sua volta le spese.

A preoccupare Washington pare sia al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP), che secondo quanto riferisce Cnn sta cercando di costruire bombe che contengono pochi ingredienti metallici proprio per attaccare aerei commerciali. Stando a funzionari citati dall'emittente Usa, AQAP è l'unica organizzazione terroristica che ha dimostrato di avere fatto sforzi costanti per attaccare compagnie aeree.

Altri Servizi

Charlie Rose accusato di molestie. Pbs sospende il programma

Lui ammette: sono colpevole e chiede scusa. Le accuse da parte di otto donne sono contenute in un articolo del Washington Post

Lo storico giornalista americano, Charlie Rose, è stato coinvolto in uno scandalo sessuale: almeno otto donne lo hanno sostenuto di essere state molestate dal settantacinquenne. Per questo motivo, Cbs ha deciso di sospenderlo, mentre Pbs ha annunciato la produzione e la distribuzione del suo programma.

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Gli Stati Uniti bloccano la fusione tra At&t e Time Warner

Il dipartimento di Giustizia sostiene che avrebbe eliminato l'innovazione e avrebbe fatto alzare i costi per i consumatori. Adesso i due colossi si preparano a ricorrere. Dubbi sulle pressioni di Trump per vendicarsi con CNN

Il dipartimento di Giustizia americano dice no alla fusione tra At&t e Time Warner, che avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari e dato vita a un colosso verticale dei media e delle telecomunicazioni. La decisione delle autorità americane è stata fortemente criticata da At&t, che si prepara a fare ricorso, aprendo una delle più grandi cause antitrust della storia degli Stati Uniti. La decisione raggiunta ieri nel pomeriggio dal dipartimento di Giustizia è stata definita come "inspiegabile" rispetto ai precedenti casi, che in passato non erano stati bloccati.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Su Facebook un mercato parallelo di oppiacei vietati in Usa

Lo rivela una inchiesta di Cnbc. Questo mentre Zuckerberg ha detto di essere rimasto impressionato dalla grandezza del fenomeno dell'abuso di questi farmaci

L'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha detto che la cosa che lo ha più sorpreso nel corso del suo tour negli Stati Uniti è la grandezza della crisi degli oppiacei, che da tempo sta distruggendo piccole comunità rurali degli Stati Uniti. Tuttavia sul social network esiste un mercato parallelo per la sponsorizzazione di questi prodotti, e spesso sono venditori internazionali che fanno pubblicità, visto che alcune medicinali sono vietati negli Usa.

Steven Mnuchin: "Non pensavo che quelle foto diventassero virali"

Il segretario al Tesoro americano ha commentato gli scatti che lo ritraggono con la moglie mentre tiene in mano le nuove banconote da un dollaro
Ap

Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha affermato di non aver realizzato che la foto di lui e sua moglie, l’attrice Louise Linton, con in mano un foglio di banconote da un dollaro appena stampato sarebbe diventata pubblica, né tanto meno virale. Ad immortalare la coppia è stata la fotografa di Ap, Jacquelyn Martin, che ha scattato la foto nel Bureau of Engraving and Printing, l’agenzia governativa incaricata di stampare ed emettere le banconote sul mercato.

Riforma fiscale: maggioranza degli americani contrari agli sforzi dei repubblicani

Oggi si vota la bozza del Gop alla Camera. Un primo senatore conservatore contro la proposta del Senato

Gli sforzi del partito repubblicano per approvare entro fine anno una riforma fiscale stanno incontrando ostacoli non solo al Congresso ma anche nell'opinione pubblica.