Pedalando per scrivere il teatro, Stefano Massini porta in Usa l'epopea dei Lehman

Il direttore artistico del Piccolo di Milano dà a New York un assaggio del testo in inglese del suo "Lehman Trilogy", che dopo il grande successo sta per andare in scena a Londra prodotto dal premio Oscar Sam Mendes

Un drammaturgo italiano ha scritto uno spettacolo su una banca d'investimento americana fondata da immigrati ebrei tedeschi e - ora che sta lavorando al suo allestimento londinese con un regista inglese premio Oscar - viene a presentarlo a New York: a detta sua questo è “il volto culturale e prezioso della globalizzazione”.

Di certo, però, lui non è un drammaturgo qualsiasi: Stefano Massini è il direttore artistico del più prestigioso teatro di prosa italiano, il Piccolo di Milano. Un ruolo che prima ricopriva il leggendario regista Luca Ronconi, che di Massini fu anche il maestro. “Io sono laureato in lettere classiche, non ho studiato drammaturgia in senso canonico: il teatro ha sempre fatto parte della mia vita fin da quando ero bambino, poi da ragazzo iniziai a collaborare con il Maggio Musicale Fiorentino e dopodiché feci come facevano gli aspiranti pittori nel Quattrocento: andai a bottega da un maestro. Il mio è stato Luca Ronconi, di cui divenni assistente al Piccolo”, ci ha raccontato al Martin Segal Theatre Center, dov’è stato invitato per l’Italian Playwrights Project, una collaborazione tra l’Istituto italiano di cultura di New York e l'agenzia culturale Umanism, fondata dagli italiani Valeria Orani, Tommaso Spinelli e Marco Calvani con l'obiettivo di far conoscere gli artisti europei in America.

A New York Massini ha presentato il suo “Lehman Trilogy”, andato in scena per la prima volta a Milano nel gennaio del 2015 ottenendo un successo straordinario (fu l’ultima regia di Ronconi, che morì il mese dopo, mentre lo spettacolo era in cartellone). Un successo che giunse a sorpresa nonostante la qualità altissima del testo, della regia e degli attori fosse chiara a chiunque. Un successo che sorprese perché certo non si pensava che uno spettacolo di cinque ore, diviso in due parti e che ruota tutto attorno alla banca d’investimenti fallita nel 2008 e divenuta il simbolo della crisi finanziaria, potesse non solo inchiodare alla poltrona, ma essere anche venduto e tradotto in mezzo mondo.

Forse questo è accaduto perché “Lehman Trilogy” è sì la storia di una banca, ma soprattutto l’epopea di ogni cosa umana che a quella banca stava dietro; e perché srotola centosessant’anni di storia del mondo e dell’economia attraverso il filo delle vite della famiglia Lehman, raccontando tutto ciò che quelle vite hanno generato. L’arrivo di Henry Lehman al porto di New York in una mattina di gabbiani e di vento del 1844, quello dei suoi fratelli Mendel e Mayer di lì a qualche anno, il piccolo emporio di tessuti che aprirono in Alabama, il commercio del cotone, quello del caffè, il trasferimento a New York, poi l’entrata in borsa e da lì quel che venne dopo, fino al fallimento definitivo - il 15 settembre 2008 - dell'istituto finanziario che nel frattempo era diventato uno dei più importanti del pianeta.

“Ho cercato di scrivere una storia epica. Non solo la storia di una famiglia e di una banca, ma di tutto l'ultimo secolo, e di come siamo arrivati alla crisi”, ci dice Massini. Quando gli chiediamo come gli sia giunta la spinta, ci risponde: “C'è stato un momento in cui ho sentito che le persone odiavano le banche. E ho riflettuto sul fatto che dietro a ogni banca c'è sempre una storia umana, anche se tendiamo a dimenticarlo: la storia dell'uomo o degli uomini che l'hanno fondata”.

Da quel momento, ha iniziato a fare ricerca: ha letto moltissimi libri, visto molte foto, si è fatto ispirare da certe immagini antiche dei fratelli Lehman appena arrivati in America. “È stato un grande viaggio, epico, umano, religioso. Onestamente, non so cosa ho scritto: so solo che ho scritto”.

Quello che all’inizio doveva essere un libro (e poi lo è anche diventato, pubblicato da Mondadori con il titolo “Qualcosa sui Lehman”, mentre il testo teatrale è uscito nella collana di teatro dell’Einaudi), si è trasformato in un’altra cosa quando Massini l’ha mostrato a Ronconi. “Luca, che era la mente più incredibile che abbia mai conosciuto, dopo averlo letto mi scrisse una lettera bellissima in cui mi invitava nella sua casa in Umbria per discuterne, e mi diceva: penso che questo possa essere grande teatro”, continua Massini.

“Alcuni hanno detto che non è una sceneggiatura in senso stretto: forse è il motivo per cui la amo tanto”.

“Lehman Trilogy” è nato infatti come un monologo unico, senza indicazioni su cosa dicesse un dato personaggio. “Ho chiesto a Ronconi 'Quanti attori?', e lui decise che dovevano essere dodici”, ci spiega. E quando lo spettacolo è stato tradotto all'estero, ci sono stati registi che l'hanno messo in scena con tre attori, con diciannove, con uno solo. Quello portoghese chiamò Massini e disse: "La parola banca è femminile: voglio che a recitare tutto sia un'unica attrice donna".

Adesso si sta preparando la versione inglese, che andrà in scena a Londra prodotta dall’ex marito di Kate Winslet, Sam Mendes, regista premio Oscar per "American Beauty". Non c'è ancora un produttore negli Usa, ma Umanism e l’Istituto italiano di cultura sperano che accada presto. Intanto, hanno regalato al pubblico del Martin Segal Theatre Center un assaggio del testo in inglese, interpretato dall’attore Robert Funaro con la direzione artistica di Marco Calvani (e tradotto da Allison Eikerenkoetter).

“Molte delle possibilità che abbiamo oggi le dobbiamo ai fratelli Lehman, e nemmeno lo sappiamo”, ci spiega Massini quando gli domandiamo che cosa, nella sua lunga e appassionata ricerca sulle vite di questa famiglia, l’abbia commosso ed emozionato di più. “Finanziarono per esempio l'idea che ha poi portato al personal computer. E Bobby Lehman fece importanti donazioni a Broadway, alla Radio City Music Hall, al Metropolitan Museum. Fu anche mecenate nel cinema: a lui dobbiamo la realizzazione di 'Via col vento', di 'King Kong'”. (Robert Lehman, nipote di Mendel, finanziò la Paramount Pictures e la 20th Century Fox, ndr).

La cosa che più gli dà gioia, da quando lo spettacolo è in scena, è sentirsi dire dalla gente “che l’economia improvvisamente appare come una cosa viva”, ci racconta. “E io rispondo: certo che è viva, dietro ci sono le persone”.

Portare “Lehman Trilogy” in teatro è stata una bellissima sfida, vinta tutte le volte. E questa fiducia negli spettatori e nel teatro come mezzo universale Massini la deve al principale insegnamento che gli diede il suo maestro quando era ancora il “ragazzo di bottega”: che col teatro e a teatro si può fare qualunque cosa.

Non riuscendo a smettere di fargli domande, gli chiediamo di raccontarci dove scrive, in quale luogo della casa produce i suoi migliori pezzi di scrittura. E lui ci sorprende un’altra volta: “Mai in casa: io pedalo. Declamo frasi e battute ad alta voce e mi registro mentre vado in bicicletta nella campagna fiorentina. Poi quando torno a casa trascrivo tutto”.

Prima di lasciarlo andare vogliamo sapere qual è stato il momento in cui, da bambino o da ragazzo, ha capito che questo era il mestiere che sognava: quando e come sia arrivata l’illuminazione che gli fece dire che la sua vita doveva essere il teatro. “Sinceramente? Non c’è mai stato. Nel senso che io non ricordo un momento in cui la mia vita non sia stata connessa con l'idea del teatro”.

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.