Pedalando per scrivere il teatro, Stefano Massini porta in Usa l'epopea dei Lehman

Il direttore artistico del Piccolo di Milano dà a New York un assaggio del testo in inglese del suo "Lehman Trilogy", che dopo il grande successo sta per andare in scena a Londra prodotto dal premio Oscar Sam Mendes

Un drammaturgo italiano ha scritto uno spettacolo su una banca d'investimento americana fondata da immigrati ebrei tedeschi e - ora che sta lavorando al suo allestimento londinese con un regista inglese premio Oscar - viene a presentarlo a New York: a detta sua questo è “il volto culturale e prezioso della globalizzazione”.

Di certo, però, lui non è un drammaturgo qualsiasi: Stefano Massini è il direttore artistico del più prestigioso teatro di prosa italiano, il Piccolo di Milano. Un ruolo che prima ricopriva il leggendario regista Luca Ronconi, che di Massini fu anche il maestro. “Io sono laureato in lettere classiche, non ho studiato drammaturgia in senso canonico: il teatro ha sempre fatto parte della mia vita fin da quando ero bambino, poi da ragazzo iniziai a collaborare con il Maggio Musicale Fiorentino e dopodiché feci come facevano gli aspiranti pittori nel Quattrocento: andai a bottega da un maestro. Il mio è stato Luca Ronconi, di cui divenni assistente al Piccolo”, ci ha raccontato al Martin Segal Theatre Center, dov’è stato invitato per l’Italian Playwrights Project, una collaborazione tra l’Istituto italiano di cultura di New York e l'agenzia culturale Umanism, fondata dagli italiani Valeria Orani, Tommaso Spinelli e Marco Calvani con l'obiettivo di far conoscere gli artisti europei in America.

A New York Massini ha presentato il suo “Lehman Trilogy”, andato in scena per la prima volta a Milano nel gennaio del 2015 ottenendo un successo straordinario (fu l’ultima regia di Ronconi, che morì il mese dopo, mentre lo spettacolo era in cartellone). Un successo che giunse a sorpresa nonostante la qualità altissima del testo, della regia e degli attori fosse chiara a chiunque. Un successo che sorprese perché certo non si pensava che uno spettacolo di cinque ore, diviso in due parti e che ruota tutto attorno alla banca d’investimenti fallita nel 2008 e divenuta il simbolo della crisi finanziaria, potesse non solo inchiodare alla poltrona, ma essere anche venduto e tradotto in mezzo mondo.

Forse questo è accaduto perché “Lehman Trilogy” è sì la storia di una banca, ma soprattutto l’epopea di ogni cosa umana che a quella banca stava dietro; e perché srotola centosessant’anni di storia del mondo e dell’economia attraverso il filo delle vite della famiglia Lehman, raccontando tutto ciò che quelle vite hanno generato. L’arrivo di Henry Lehman al porto di New York in una mattina di gabbiani e di vento del 1844, quello dei suoi fratelli Mendel e Mayer di lì a qualche anno, il piccolo emporio di tessuti che aprirono in Alabama, il commercio del cotone, quello del caffè, il trasferimento a New York, poi l’entrata in borsa e da lì quel che venne dopo, fino al fallimento definitivo - il 15 settembre 2008 - dell'istituto finanziario che nel frattempo era diventato uno dei più importanti del pianeta.

“Ho cercato di scrivere una storia epica. Non solo la storia di una famiglia e di una banca, ma di tutto l'ultimo secolo, e di come siamo arrivati alla crisi”, ci dice Massini. Quando gli chiediamo come gli sia giunta la spinta, ci risponde: “C'è stato un momento in cui ho sentito che le persone odiavano le banche. E ho riflettuto sul fatto che dietro a ogni banca c'è sempre una storia umana, anche se tendiamo a dimenticarlo: la storia dell'uomo o degli uomini che l'hanno fondata”.

Da quel momento, ha iniziato a fare ricerca: ha letto moltissimi libri, visto molte foto, si è fatto ispirare da certe immagini antiche dei fratelli Lehman appena arrivati in America. “È stato un grande viaggio, epico, umano, religioso. Onestamente, non so cosa ho scritto: so solo che ho scritto”.

Quello che all’inizio doveva essere un libro (e poi lo è anche diventato, pubblicato da Mondadori con il titolo “Qualcosa sui Lehman”, mentre il testo teatrale è uscito nella collana di teatro dell’Einaudi), si è trasformato in un’altra cosa quando Massini l’ha mostrato a Ronconi. “Luca, che era la mente più incredibile che abbia mai conosciuto, dopo averlo letto mi scrisse una lettera bellissima in cui mi invitava nella sua casa in Umbria per discuterne, e mi diceva: penso che questo possa essere grande teatro”, continua Massini.

“Alcuni hanno detto che non è una sceneggiatura in senso stretto: forse è il motivo per cui la amo tanto”.

“Lehman Trilogy” è nato infatti come un monologo unico, senza indicazioni su cosa dicesse un dato personaggio. “Ho chiesto a Ronconi 'Quanti attori?', e lui decise che dovevano essere dodici”, ci spiega. E quando lo spettacolo è stato tradotto all'estero, ci sono stati registi che l'hanno messo in scena con tre attori, con diciannove, con uno solo. Quello portoghese chiamò Massini e disse: "La parola banca è femminile: voglio che a recitare tutto sia un'unica attrice donna".

Adesso si sta preparando la versione inglese, che andrà in scena a Londra prodotta dall’ex marito di Kate Winslet, Sam Mendes, regista premio Oscar per "American Beauty". Non c'è ancora un produttore negli Usa, ma Umanism e l’Istituto italiano di cultura sperano che accada presto. Intanto, hanno regalato al pubblico del Martin Segal Theatre Center un assaggio del testo in inglese, interpretato dall’attore Robert Funaro con la direzione artistica di Marco Calvani (e tradotto da Allison Eikerenkoetter).

“Molte delle possibilità che abbiamo oggi le dobbiamo ai fratelli Lehman, e nemmeno lo sappiamo”, ci spiega Massini quando gli domandiamo che cosa, nella sua lunga e appassionata ricerca sulle vite di questa famiglia, l’abbia commosso ed emozionato di più. “Finanziarono per esempio l'idea che ha poi portato al personal computer. E Bobby Lehman fece importanti donazioni a Broadway, alla Radio City Music Hall, al Metropolitan Museum. Fu anche mecenate nel cinema: a lui dobbiamo la realizzazione di 'Via col vento', di 'King Kong'”. (Robert Lehman, nipote di Mendel, finanziò la Paramount Pictures e la 20th Century Fox, ndr).

La cosa che più gli dà gioia, da quando lo spettacolo è in scena, è sentirsi dire dalla gente “che l’economia improvvisamente appare come una cosa viva”, ci racconta. “E io rispondo: certo che è viva, dietro ci sono le persone”.

Portare “Lehman Trilogy” in teatro è stata una bellissima sfida, vinta tutte le volte. E questa fiducia negli spettatori e nel teatro come mezzo universale Massini la deve al principale insegnamento che gli diede il suo maestro quando era ancora il “ragazzo di bottega”: che col teatro e a teatro si può fare qualunque cosa.

Non riuscendo a smettere di fargli domande, gli chiediamo di raccontarci dove scrive, in quale luogo della casa produce i suoi migliori pezzi di scrittura. E lui ci sorprende un’altra volta: “Mai in casa: io pedalo. Declamo frasi e battute ad alta voce e mi registro mentre vado in bicicletta nella campagna fiorentina. Poi quando torno a casa trascrivo tutto”.

Prima di lasciarlo andare vogliamo sapere qual è stato il momento in cui, da bambino o da ragazzo, ha capito che questo era il mestiere che sognava: quando e come sia arrivata l’illuminazione che gli fece dire che la sua vita doveva essere il teatro. “Sinceramente? Non c’è mai stato. Nel senso che io non ricordo un momento in cui la mia vita non sia stata connessa con l'idea del teatro”.

Altri Servizi

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Russiagate: anche il numero due del dipartimento di Giustizia potrebbe astenersi

E' un'ipotesi che circola e che riguarda Rod Rosenstein, preso di mira da un tweet di Trump. Una tale mossa seguirebbe quella del suo capo Jeff Sessions
AP

Anche il numero due del dipartimento della Giustizia potrebbe dovere tirarsi fuori dal Russiagate. E' un'ipotesi presa in considerazione dal diretto interessato Rod Rosenstein, l'uomo che ha la parola finale sul procuratore speciale da lui scelto e che sta gestendo l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna Trump e funzionari russi.

L'ordine allo staff di Trump: conservare il materiale utile alle indagini sulla Russia

Per il Nyt, è un'altra prova che l'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, si è ampliata

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo riferisce il New York Times, citando un documento ottenuto.

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Fmi: la ripresa dell'Eurozona si rafforza, Italia avanti con le riforme

Secondo l'istituto di Washington il contesto politico "favorevole" rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Bce promossa. Scoraggiante la compliance del Patto di stabilità

"Anche se restano debolezze strutturali con radici profonde", la ripresa dell'Eurozona "si sta rafforzando" e ciò - insieme a un contesto politico "favorevole" - rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Ma anche se gli sforzi fino ad ora fatti stanno dando frutti, "molto resta da fare sia a livello nazionale sia generale".

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Amazon compra Whole Foods Market per circa 13,7 mld $ in cash, debito incluso

Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e l'amministratore delegato John Mackey resterà in carica.
Shutterstock

Amazon si espande nel settore della grande distribuzione tradizionale. Come si legge in una nota, il colosso americano dell'e-commerce ha rilevato la catena di supermercati Whole Foods Markets per 42 dollari per azione, completamente in contanti, nell'ambito di un'operazione valutata circa 13,7 miliardi di dollari, compreso il debito netto del retailer.