Pedalando per scrivere il teatro, Stefano Massini porta in Usa l'epopea dei Lehman

Il direttore artistico del Piccolo di Milano dà a New York un assaggio del testo in inglese del suo "Lehman Trilogy", che dopo il grande successo sta per andare in scena a Londra prodotto dal premio Oscar Sam Mendes

Un drammaturgo italiano ha scritto uno spettacolo su una banca d'investimento americana fondata da immigrati ebrei tedeschi e - ora che sta lavorando al suo allestimento londinese con un regista inglese premio Oscar - viene a presentarlo a New York: a detta sua questo è “il volto culturale e prezioso della globalizzazione”.

Di certo, però, lui non è un drammaturgo qualsiasi: Stefano Massini è il direttore artistico del più prestigioso teatro di prosa italiano, il Piccolo di Milano. Un ruolo che prima ricopriva il leggendario regista Luca Ronconi, che di Massini fu anche il maestro. “Io sono laureato in lettere classiche, non ho studiato drammaturgia in senso canonico: il teatro ha sempre fatto parte della mia vita fin da quando ero bambino, poi da ragazzo iniziai a collaborare con il Maggio Musicale Fiorentino e dopodiché feci come facevano gli aspiranti pittori nel Quattrocento: andai a bottega da un maestro. Il mio è stato Luca Ronconi, di cui divenni assistente al Piccolo”, ci ha raccontato al Martin Segal Theatre Center, dov’è stato invitato per l’Italian Playwrights Project, una collaborazione tra l’Istituto italiano di cultura di New York e l'agenzia culturale Umanism, fondata dagli italiani Valeria Orani, Tommaso Spinelli e Marco Calvani con l'obiettivo di far conoscere gli artisti europei in America.

A New York Massini ha presentato il suo “Lehman Trilogy”, andato in scena per la prima volta a Milano nel gennaio del 2015 ottenendo un successo straordinario (fu l’ultima regia di Ronconi, che morì il mese dopo, mentre lo spettacolo era in cartellone). Un successo che giunse a sorpresa nonostante la qualità altissima del testo, della regia e degli attori fosse chiara a chiunque. Un successo che sorprese perché certo non si pensava che uno spettacolo di cinque ore, diviso in due parti e che ruota tutto attorno alla banca d’investimenti fallita nel 2008 e divenuta il simbolo della crisi finanziaria, potesse non solo inchiodare alla poltrona, ma essere anche venduto e tradotto in mezzo mondo.

Forse questo è accaduto perché “Lehman Trilogy” è sì la storia di una banca, ma soprattutto l’epopea di ogni cosa umana che a quella banca stava dietro; e perché srotola centosessant’anni di storia del mondo e dell’economia attraverso il filo delle vite della famiglia Lehman, raccontando tutto ciò che quelle vite hanno generato. L’arrivo di Henry Lehman al porto di New York in una mattina di gabbiani e di vento del 1844, quello dei suoi fratelli Mendel e Mayer di lì a qualche anno, il piccolo emporio di tessuti che aprirono in Alabama, il commercio del cotone, quello del caffè, il trasferimento a New York, poi l’entrata in borsa e da lì quel che venne dopo, fino al fallimento definitivo - il 15 settembre 2008 - dell'istituto finanziario che nel frattempo era diventato uno dei più importanti del pianeta.

“Ho cercato di scrivere una storia epica. Non solo la storia di una famiglia e di una banca, ma di tutto l'ultimo secolo, e di come siamo arrivati alla crisi”, ci dice Massini. Quando gli chiediamo come gli sia giunta la spinta, ci risponde: “C'è stato un momento in cui ho sentito che le persone odiavano le banche. E ho riflettuto sul fatto che dietro a ogni banca c'è sempre una storia umana, anche se tendiamo a dimenticarlo: la storia dell'uomo o degli uomini che l'hanno fondata”.

Da quel momento, ha iniziato a fare ricerca: ha letto moltissimi libri, visto molte foto, si è fatto ispirare da certe immagini antiche dei fratelli Lehman appena arrivati in America. “È stato un grande viaggio, epico, umano, religioso. Onestamente, non so cosa ho scritto: so solo che ho scritto”.

Quello che all’inizio doveva essere un libro (e poi lo è anche diventato, pubblicato da Mondadori con il titolo “Qualcosa sui Lehman”, mentre il testo teatrale è uscito nella collana di teatro dell’Einaudi), si è trasformato in un’altra cosa quando Massini l’ha mostrato a Ronconi. “Luca, che era la mente più incredibile che abbia mai conosciuto, dopo averlo letto mi scrisse una lettera bellissima in cui mi invitava nella sua casa in Umbria per discuterne, e mi diceva: penso che questo possa essere grande teatro”, continua Massini.

“Alcuni hanno detto che non è una sceneggiatura in senso stretto: forse è il motivo per cui la amo tanto”.

“Lehman Trilogy” è nato infatti come un monologo unico, senza indicazioni su cosa dicesse un dato personaggio. “Ho chiesto a Ronconi 'Quanti attori?', e lui decise che dovevano essere dodici”, ci spiega. E quando lo spettacolo è stato tradotto all'estero, ci sono stati registi che l'hanno messo in scena con tre attori, con diciannove, con uno solo. Quello portoghese chiamò Massini e disse: "La parola banca è femminile: voglio che a recitare tutto sia un'unica attrice donna".

Adesso si sta preparando la versione inglese, che andrà in scena a Londra prodotta dall’ex marito di Kate Winslet, Sam Mendes, regista premio Oscar per "American Beauty". Non c'è ancora un produttore negli Usa, ma Umanism e l’Istituto italiano di cultura sperano che accada presto. Intanto, hanno regalato al pubblico del Martin Segal Theatre Center un assaggio del testo in inglese, interpretato dall’attore Robert Funaro con la direzione artistica di Marco Calvani (e tradotto da Allison Eikerenkoetter).

“Molte delle possibilità che abbiamo oggi le dobbiamo ai fratelli Lehman, e nemmeno lo sappiamo”, ci spiega Massini quando gli domandiamo che cosa, nella sua lunga e appassionata ricerca sulle vite di questa famiglia, l’abbia commosso ed emozionato di più. “Finanziarono per esempio l'idea che ha poi portato al personal computer. E Bobby Lehman fece importanti donazioni a Broadway, alla Radio City Music Hall, al Metropolitan Museum. Fu anche mecenate nel cinema: a lui dobbiamo la realizzazione di 'Via col vento', di 'King Kong'”. (Robert Lehman, nipote di Mendel, finanziò la Paramount Pictures e la 20th Century Fox, ndr).

La cosa che più gli dà gioia, da quando lo spettacolo è in scena, è sentirsi dire dalla gente “che l’economia improvvisamente appare come una cosa viva”, ci racconta. “E io rispondo: certo che è viva, dietro ci sono le persone”.

Portare “Lehman Trilogy” in teatro è stata una bellissima sfida, vinta tutte le volte. E questa fiducia negli spettatori e nel teatro come mezzo universale Massini la deve al principale insegnamento che gli diede il suo maestro quando era ancora il “ragazzo di bottega”: che col teatro e a teatro si può fare qualunque cosa.

Non riuscendo a smettere di fargli domande, gli chiediamo di raccontarci dove scrive, in quale luogo della casa produce i suoi migliori pezzi di scrittura. E lui ci sorprende un’altra volta: “Mai in casa: io pedalo. Declamo frasi e battute ad alta voce e mi registro mentre vado in bicicletta nella campagna fiorentina. Poi quando torno a casa trascrivo tutto”.

Prima di lasciarlo andare vogliamo sapere qual è stato il momento in cui, da bambino o da ragazzo, ha capito che questo era il mestiere che sognava: quando e come sia arrivata l’illuminazione che gli fece dire che la sua vita doveva essere il teatro. “Sinceramente? Non c’è mai stato. Nel senso che io non ricordo un momento in cui la mia vita non sia stata connessa con l'idea del teatro”.

Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

Una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra. Otto arresti. Il tweet di Trump: "Voglio elogiare le persone che si battono contro l'odio e l'intolleranza. Presto saremo un paese unito".

Migliaia di persone hanno manifestato pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America. Secondo la polizia di Boston sono state oltre 40.000, un numero ernome che ha eclissato la prima manifestazione organizzata nella città, quella per la libertà di espressione, voluta da un gruppo di destra.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Gab, il social network dell'estrema destra, ha raccolto un milione di dollari

Una spinta alla raccolta fondi l'hanno data gli ultimi eventi, a partire da Charlottesville: 500.000 dollari ottenuti questa settimana

Molte grandi società hi-tech, a partire dai social network, hanno deciso di bloccare i contenuti e gli account riconducibili ai suprematisti bianchi e agli altri gruppi di estrema destra negli Stati Uniti, soprattutto dopo le violenze di Charlottesville, in Virginia, dove una ragazza antirazzista è stata uccisa. Nel frattempo, il movimento 'alt-right' ha raccolto un milione di dollari per Gab, definito "un network per chi crede nella libertà di parola, nella libertà individuale e nel libero flusso di informazione online", che in realtà è un network di estrema destra, rifiutato dagli 'app stores'. Gab ha annunciato il risultato ottenuto su Twitter, dove ha attaccato "l'immondizia elitaria della Silicon Valley". L'avatar di Gab è la rana 'Pepe', simbolo del movimento 'alt-right'.

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.