Pepsi si ispira anche agli ufo in vista del Super Bowl

Non lontano dallo stadio dell'Arizona dove si giocherà la finale di football americano, spunta un cerchio nel grano

Non sono stati gli extraterrestri. L'enorme cerchio nei campi di grano alle porte di Phoenix, in Arizona, è opera di Pepsi. Con questa e altre trovate, il colosso delle bibite gassate vuole fare parlare di sé in vista dell'appuntamento sportivo (e promozionale) dell'anno: il Super Bowl, la finalissima del campionato di football americano che domenica si celebrerà proprio in questo angolo degli Stati Uniti.

Con un diametro di cento metri e ispirato al logo dell'azienda, il cerchio nel grano è stato piazzato lì non a caso: è ben visibile da chi atterra nella capitale dell'Arizona e magari sarà tra il pubblico del Super Bowl. L'idea è fare crescere l'entusiasmo legato all'evento non solo sul campo da gioco ma in giro per l'America e sui social network. E per stuzzicare il pubblico Pepsi sta già facendo circolare un mini spot ispirato agli ufo in cui un distributore di bibite e un camion vengono letteralmente prelevati da terra e portati in cielo da un raggio di luce misterioso.

"Se vuoi essere parte della cultura e della vita quotidiana di un Paese – ha spiegato al New York Times Simon Lowden, responsabile marketing delle attività beverage di Pepsi per il Nord America – allora devi essere parte per forza di un evento come il Super Bowl, nel modo più prorompente possibile".

Per centrare l'obiettivo Pepsi vuole giocare in grande. Per il terzo anno di fila sponsorizzerà lo spettacolo dell'intervallo di metà partita in cui si esibirà la cantante pop Kate Perry, investimento non da poco visto che negli ultimi anni quella fascia oraria ha attratto il maggiore numero di spettatori di tutta la partita. Il gruppo manderà anche in onda uno spot da 30 secondi per il cui spazio è stata versata la cifra record di 4,5 milioni di dollari. Non solo.

Gli sforzi della rivale di Coca Cola - al lavoro da quando è finito il Super Bowl dell'anno scorso - comprendono più di una quarantina di attività promozionali come concerti, serie tv basate sul web e appunto i "fenomeni straordinari" da ufo nell'Arizona.

Pepsi spera così di garantirsi un ritorno sull'investimento: dal 2010 al 2014 l'azienda è rimasta tra i primi tre top spender in pubblicità al Super Bowl con spese che solo per gli spot hanno raggiunto i 76,6 milioni di dollari. La competizione è d'altra parte intensa: Nbc, il canale che trasmetterà l'evento sportivo, ha comunicato il tutto esaurito degli spazi pubblicitari in vendita. In totale gli inserizionisti pubblicitari hanno comprato poco più di 70 slot. Per 15 inserizionisti si tratta di una prima volta.

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.