Pepsi si ispira anche agli ufo in vista del Super Bowl

Non lontano dallo stadio dell'Arizona dove si giocherà la finale di football americano, spunta un cerchio nel grano

Non sono stati gli extraterrestri. L'enorme cerchio nei campi di grano alle porte di Phoenix, in Arizona, è opera di Pepsi. Con questa e altre trovate, il colosso delle bibite gassate vuole fare parlare di sé in vista dell'appuntamento sportivo (e promozionale) dell'anno: il Super Bowl, la finalissima del campionato di football americano che domenica si celebrerà proprio in questo angolo degli Stati Uniti.

Con un diametro di cento metri e ispirato al logo dell'azienda, il cerchio nel grano è stato piazzato lì non a caso: è ben visibile da chi atterra nella capitale dell'Arizona e magari sarà tra il pubblico del Super Bowl. L'idea è fare crescere l'entusiasmo legato all'evento non solo sul campo da gioco ma in giro per l'America e sui social network. E per stuzzicare il pubblico Pepsi sta già facendo circolare un mini spot ispirato agli ufo in cui un distributore di bibite e un camion vengono letteralmente prelevati da terra e portati in cielo da un raggio di luce misterioso.

"Se vuoi essere parte della cultura e della vita quotidiana di un Paese – ha spiegato al New York Times Simon Lowden, responsabile marketing delle attività beverage di Pepsi per il Nord America – allora devi essere parte per forza di un evento come il Super Bowl, nel modo più prorompente possibile".

Per centrare l'obiettivo Pepsi vuole giocare in grande. Per il terzo anno di fila sponsorizzerà lo spettacolo dell'intervallo di metà partita in cui si esibirà la cantante pop Kate Perry, investimento non da poco visto che negli ultimi anni quella fascia oraria ha attratto il maggiore numero di spettatori di tutta la partita. Il gruppo manderà anche in onda uno spot da 30 secondi per il cui spazio è stata versata la cifra record di 4,5 milioni di dollari. Non solo.

Gli sforzi della rivale di Coca Cola - al lavoro da quando è finito il Super Bowl dell'anno scorso - comprendono più di una quarantina di attività promozionali come concerti, serie tv basate sul web e appunto i "fenomeni straordinari" da ufo nell'Arizona.

Pepsi spera così di garantirsi un ritorno sull'investimento: dal 2010 al 2014 l'azienda è rimasta tra i primi tre top spender in pubblicità al Super Bowl con spese che solo per gli spot hanno raggiunto i 76,6 milioni di dollari. La competizione è d'altra parte intensa: Nbc, il canale che trasmetterà l'evento sportivo, ha comunicato il tutto esaurito degli spazi pubblicitari in vendita. In totale gli inserizionisti pubblicitari hanno comprato poco più di 70 slot. Per 15 inserizionisti si tratta di una prima volta.

Altri Servizi

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Da quando Steve Bannon ha lasciato la Casa Bianca, abbandonando la sua posizione di super consigliere del presidente americano, sembra che sia ancora più presente nella vita di Donald Trump. Secondo diverse fonti interne citate dal Washington Post, i due si sentirebbero più volte ogni settimana, via telefono. In che modo? Secondo il quotidiano è Trump a chiamare Bannon, che è tornato a guidare il sito di estrema destra Breitbart e di recente ha dichiarato guerra all'establishment repubblicano, sostenendo candidati dell'alt-right. Le telefonate partono da Trump, che usa questo trucco per aggirare i controlli delle Casa Bianca, visto che tutte le chiamate in entrata passano dall'ufficio del capo dello staff, John Kelly.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Utile General Electric -10%, delude per prima volta da 2015

La conglomerata americana è stata penalizzata da costi di ristrutturazione: il nuovo Ceo Flannery ha fatto sapere che i cambiamenti proseguiranno, con la previsione di eliminare asset per oltre 20 miliardi di dollari in uno o due anni.
General Electric

Nel terzo trimestre General Electric ha deluso le aspettative sul fronte degli utili per la prima volta in due anni e mezzo, ma ha messo a segno un fatturato al di sopra delle previsioni. La conglomerata americana è stata penalizzata da costi di ristrutturazione nel primo trimestre di John Flannery come amministratore delegato: il nuovo Ceo ha fatto sapere che i cambiamenti proseguiranno, con la previsione di eliminare asset per oltre 20 miliardi di dollari in uno o due anni.

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft

Anche Microsoft ha deciso di mettere piede nel mercato in rapida crescita degli speaker per la casa. E lo ha fatto quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo, considerato il pioniere in questo ambito. Il gruppo informatico - la cui capitalizzazione ha rivisto i 600 miliardi di dollari per la prima volta dal gennaio 2000 - ha concretizzato quanto annunciato a maggio, quando disse che avrebbe lanciato Invoke insieme a Harman Kardon, divisione del colosso sudcoreano Samsung. Le casse Invoke useranno Cortana, l'assistente digitale di Microsoft che come Alexa di Amazon risponderà ai comandi ricevuti.

AP

Mentre gli investitori ricordano il trentesimo anniversario del Black Monday e temono un "Minsky Moment", è tornato a circolare un articolo del Wall Street Journal pubblicato il 20 ottobre del 1987 ossia all'indomani di una giornata storica in cui il Dow Jones Industrial Average perse quasi il 23%, un record. In esso Donald Trump disse di avere evitato il crash perché aveva venduto le azioni in suo possesso nel mese precedente. E così 30 anni dopo, trader e gestori si rileggono un pezzo da cui trapela un Trump che - come imparato nei suoi primi 10 mesi di presidenza - si vanta della sua bravura senza però fornire alcuna prova o risultato (basti dire che le vittorie legislative portate a casa sono pari a zero). E se forse sorridono rilleggendo quell'intervista, gli investitori restano concentrati su questioni ben più importanti: tornano infatti a domandarsi se l'azionario Usa sia destinato a una correzione, specialmente dopo gli ennesimi record raggiunti dai listini con il DJIA che ha conquistato i 23mila punti per la prima volta ieri. E digeriscono le parole del governatore della banca centrale cinese, che ha messo in guardia contro un potenziale sell-off degli asset cinesi provocato da un debito e da una crescita del credito eccessivi.

Ok del Senato al budget, Trump entusiasta: il taglio delle tasse è più vicino

Il presidente, su Twitter: "Avremo i tagli fiscali maggiori nella storia del nostro Paese!". Ieri sera, il Senato ha approvato il budget che li contiene, ora serve il 'sì' della Camera
AP

"Il budget è stato approvato la scorsa notte, 51 a 49. Abbiamo avuto ZERO voti dei democratici e solo Rand Paul (voterà per i tagli fiscali) contro. Questo ora permette il passaggio di tagli fiscali su larga scala (e riforma), che saranno i più grandi nella storia del nostro Paese!". Questo il commento, di prima mattina, del presidente statunitense, Donald Trump, dopo l'approvazione del bilancio federale per l'anno fiscale 2018 da parte del Senato, che apre la strada alla controversa riforma fiscale, che include tagli per 1.500 miliardi di dollari, che potrà essere approvata con la maggioranza semplice.

La Nfl ignora Trump, il presidente: "Manca di rispetto per il nostro Paese"

La lega ha deciso di permettere le proteste durante l'inno, nonostante le critiche e le pressioni della Casa Bianca
AP

"La Nfl ha deciso di non obbligare i giocatori a stare in piedi durante l'esecuzione del nostro inno nazionale. Una totale mancanza di rispetto per il nostro grande Paese!". Non si è fatta attendere, su Twitter, la risposta del presidente statunitense, Donald Trump, alla decisione della lega professionistica di football americano.

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Sembrano John Taylor e Jerome Powell i favoriti da Donald Trump per il vertice della Federal Reserve. Si tratta rispettivamente di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba' ma favorevole a un allentamento della regolamentazione finanziaria. Lo ha fatto capire il presidente americano stesso, chiamato a decidere se confermare l'attuale governatore Janet Yellen - il cui mandato scadrà a febbraio - o se sostituirla con qualcun altro.

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Il Senato e la Camera degli Stati Uniti hanno approvato entrambi una propria risoluzione sul budget per l'anno fiscale 2018, aprendo la strada alla controversa riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump. Saranno ancora necessari diversi passaggi, ma la speranza dei repubblicani è di far firmare a Trump la riforma fiscale alla fine dell'anno. Una riforma che Trump ha presentato come "il più grande taglio delle tasse nella storia del Paese", promettendo di aiutare la classe media, di rendere gli Stati Uniti più competitivi a livello internazionale e di creare una crescita economica senza precedenti negli anni a venire.