PepsiCo: il primo Ceo donna lascia dopo 12 anni, Ramon Laguarta nuovo a.d.

La 62enne Indra Nooyi di origini indiana cede il vertice al suo numero due, lo spagnolo 54anne da 22 anni nel colosso americano di bibite e snack
Indra Nooyi PepsiCo

La prima donna ad avere conquistato il vertice di PepsiCo lascia la carica di amministratore delegato. Indra Nooyi, 62 anni e Ceo dal 2006, cederà la carica dal prossimo ottobre ma resterà presidente del consiglio di amministrazione fino all'inizio del 2019. Il primo Ceo di PepsiCo nato all'estero (in India) verrà sostituito da Ramon Laguarta, nato in Spagna, 54 anni di cui 22 nel colosso del beverage e dal settembre 2017 suo presidente. Laguarta sarà solo il sesto Ceo nei 53 anni di storia del gruppo, che Nooyi ha trasformato da un gigante concentrato sulle bevande zuccherate a uno più focalizzato su drink più salutari e snack.

Nooyi ha trascorso 24 anni in PepsiCo, un gruppo che lo scorso anno ha generato 63,5 miliardi di ricavi contro i 35 miliardi del 2006. In una nota lei ha spiegato che "guidare PepsiCo è stato davvero l'onore della mia vita e sono incredibilmente orgogliosa di tutto quello che abbiamo fatto negli ultimi 12 anni per portare avanti non solo l'interesse dei soci ma anche di tutti gli stakeholder nelle comunità che serviamo".

Dal 31 dicembre 2006 allo stesso giorno del 2017 gli azionisti dell'azienda hanno guadagnato il 162%. Dall'inizio del 2006 alla fine del 2017, i capitali distribuiti ai soci attraverso dividendi e riacquisto di titoli propri sono stati pari a 79,4 miliardi di dollari; in particolare, le cedole sono quasi triplicate da 1,16 dollari nel 2006 a 3,17 dollari per titolo nel 2017.

Secondo Nooyi, PepsiCo "oggi di trova in una posizione forte per continuare a crescere e i suoi giorni migliori devono ancora arrivare". Il Ceo uscente è convinta che Laguarta, nato a Barcellona, "sia la persona giusta" per succederle e un "executive straordinario" capace di comprendere il cambiamento dei gusti dei consumatori. Per questo Nooyi si è detta "fiduciosa" che con lui PepsiCo "raggiungerà nuovi massimi negli anni a venire".

Parlando per conto del cda, che oggi ha annunciato il cambio ai vertici, il membro Ian Cook ha sottolineato che con Nooyi, "i ricavi sono cresciuti di oltre l'80%, una performance migliore di quella dei nostri rivali", quasi ogni anno è stato aggiunto un marchio miliardario al portafoglio dell'azienda e i soci ne hanno beneficiato: "mille dollari investiti in PepsiCo nel 2006 ora valgano oltre due volte e mezzo". La prima Fortune 100 CEO ad avere introdotto target sulla sostenibilità nelle attività del gruppo ora passa il testimone a un uomo che ha ricoperto vari ruoli manageriali nei suoi 22 anni in PepsiCo.

Prima di essere promosso alla presidenza, ruolo che lo ha fatto trasferire in Usa da Ginevra (Svizzera), Laguarta è stato Ceo per la regione Europa e Africa subsahariana e prima ancora è stato presidente per l'Europa orientale. Prima di arrivare in PepsiCo, il top manager ha lavorato per la spagnola Chupa Chups. Ha un Mba ottenuto alla ESADE Business School in Spagna e un master in International Management ottenuto nell'americana Thunderbird School of Global Management. Parla inglese, spagnolo, francese, tedesco e greco. E' lui ad avere avuto un ruolo chiave nel realizzare la seconda maggiore acquisizione di PepsiCo dopo quella del 2001 di Quaker Oats: quella per la russa Wimm-Bill-Dann, produttrice di succhi e lattici, avvenuta nel 2010 per 5,4 miliardi di dollari. Come spiegato da lui in un video recentemente pubblicato online, l'azienda punta a crescere di un 5% annuo.

Nel pre-mercato a Wall Street il titolo PepsiCo sale dello 0,7%. Venerdì aveva chiuso in aumento dell'1,4% a 116,30 dollari. Nel 2018 ha perso il 3% e negli ultimi 12 mesi ha avuto un andamento piatto.

Ramon Laguarta PepsiCo
Altri Servizi

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Trump pronto a cancellare la protezione per i migranti bambini irregolari

Vuole detenerli a tempo indefinito, contro l'accordo Flores
AP

Wall Street, investitori concentrati sui rapporti Usa-Cina

Giornata priva di spunti macroeconomici
AP