Perché Snapchat è la nuova Tv

L’app di messaggistica vuole essere il nuovo Facebook ma l’esperienza che offre è più simile a quella di una televisione

Snap Inc, società a cui fa capo Snapchat, è ormai pronta allo sbarco a Wall Street atteso per il prossimo primo marzo che porterebbe la società ad un valore di 25 miliardi di dollari. L’iter che si conclude con la quotazione al Nyse prevede che ogni società depositi alla Sec (Security Exchange Commission, autorità americana di controllo sui mercati equivalente alla Consob) una serie di documenti tra cui alcuni in cui descrive il proprio core business.

Stando a quanto riporta il Wall Street Journal, Snapchat, che ha da poco depositato quei documenti, si è definita una società di fotocamere e sostiene che "reinventarle è la maggiore opportunità per migliorare le modalità in cui la gente vive e comunica". "Il nostro prodotto permette alle persone di esprimersi, vivere il momento, conoscere il mondo e divertirsi con gli altri", sostiene ancora la società che identifica i suoi competitor in un range che include Google, Apple, Facebook ma anche le app di messaggistica istantanea asiatiche come Kakao e Line. Eppure, come sottolinea il giornale di New York, non c’è alcun riferimento a media company come Fox News o Viacom. Una mancanza strana visto che secondo il Wall Street Journal Snapchat è sicuramente un app di messaggistica ma allo stesso modo una nuova forma di televisione.

Si tratta di un confronto nato proprio dall’analisi dei dati depositati da Snapchat alla Sec. Secondo quanto dichiarato dalla società, i suoi utenti guardano quotidianamente 10 miliardi di video, molti di più di quanto facciano gli iscritti a Facebook (secondo gli ultimi dati risalenti al 2015 erano 8 miliardi di video al giorno ndr). Va però specificato che i video di Snapchat hanno una durata massima di dieci secondi e sono spesso legati tra di loro da "storie" che si estendono anche per diversi minuti. Secondo il Wsj l’esperienza fornita da Snapchat, una volta che si è costruita una rete di amicizie abbastanza grande, è molto simile a quella della tv differenziandosi da quella fornita da altri social. La caratteristica principale dell’app del "fantasmino" è quella di rendere più semplice per l’utente scorrere le storie dei propri contatti che vengono percepite come una sorta di reality tv.

"La gente usa Snapchat nei tempi morti", ha dichiarato Mike Germano, direttore digitale di Vice e amministratore delegato di Carrot Creative, un'agenzia di proprietà di Vice che crea annunci per le principali piattaforme sociali. Secondo Germano "in un'epoca in cui, guardare il tuo feed Twitter e Facebook è deprimente come l'inferno, Snapchat è un posto divertente dove c’è un po’ di evasione".

Si tratta di un elemento chiave associato alla creazione di storie dai contenuti più disparati, dagli eventi come il Coachella passando per le trasmissioni dei telegiornali o dei programmi tv fino alle cose divertenti che dicono le nonne. Un binomio di successo anche perché sono diverse le celebrità che interagiscono in prima persona sul social o collaborano direttamente con Snapchat. Tratti che rendono Snapchat molto più simile a media televisivi che al suo competitor Facebook. Gli stessi banner pubblicitari d’altronde sono molto più simili ai commercial che si vedono sul piccolo schermo piuttosto che a quelli che appaiono sugli altri social.

L’unica critica che però si muove alla creatura di Evan Spiegel è la difficoltà a raggiungere quella fascia di utenti over 30 molto più attratti da Twitter o Instagram. Eppure, secondo Catherine Boyle, analista di eMarketer, "a differenza di Twitter, Snapchat sta continuando ad avanzare e approfondire ciò che si può fare sul cellulare, attirando sempre più utenti e marchi". Un fuoco che potrebbe diventare un incendio spinto dal carburante della prossima Ipo.

Altri Servizi

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti