Peter Thiel: la pecora nera della Silicon Valley che ha vinto scommettendo su Trump

Da lui potrebbe dipendere parte del futuro del settore tecnologico, dalla net neutrality ai veicoli autonomi passando per i droni commerciali. Il suo investimento sul miliardario renderà quanto quello su Facebook? Aria di conflitti di interesse

La pecora nera della Silicon Valley si trova catapultata sul palcoscenico della politica nazionale americana. E la Silicon Valley che fino ad ora ne ha preso le distanza sta scoprendo di averne forse bisogno in vista di un'amministrazione, quella di Donald Trump, che potrebbe rivoluzionare le regole del gioco.

Una scommessa su Trump come quella redditizia su Facebook?
La "black sheep" si chiama Peter Thiel, ha 49 anni, e ha stupito tutti nel mondo tecnologico statunitense promuovendo e finanziando la candidatura del repubblicano. Mentre in California c'è chi rilancia l'idea di una secessione dopo la vittoria di Trump alle elezioni presidenziali dell'8 novembre, nel mondo tech circola una domanda: la scomessa di Thiel su Trump gli garantirà gli stessi lauti rendimenti di quella fatta su Facebook, il social network in cui investì ai suoi albori mezzo milione di dollari per una quota del 10% che lo ha poi reso un miliardario?

Thiel, storicamente un libertario, ha dato il suo endorsement al miliardario di New York dal palco della convention del partito repubblicano a luglio. Trump però non era stata la sua prima scelta: durante la stagione delle primarie aveva finanziato con 2 milioni di dollari la candidatura della repubblicana Carly Fiorina, ex amministratore delegato di Hewlett-Packard. Alla campagna di Trump ha poi donato 1,25 milioni di dollari e lo ha fatto nelle sue ore più buie: quelle in cui stava cercando di arginare i danni provocati da un video del 2005 in cui un 59enne Trump si vantava di potere fare di tutto alle donne, anche "prenderle per i genitali".

Tre giorni dopo l'Election Day, colui che ha co-fondato il sistema di pagamenti online PayPal (un tempo parte del sito di aste eBay) è entrato a fare parte insieme ad altre 16 persone del comitato esecutivo della squadra chiamata a curare il passaggio dall'amministrazione Obama a quella del 45esimo presidente. Thiel, un prodigio degli scacchi nato in Germania e trasferitosi in Usa con i genitori all'età di un anno, sembra destinato a dettare la politica americana in campo tecnologico.

La posta in gioco
In gioco ci sono la net neutrality (che garantisce la stessa velocità di internet per vari tipo di siti e contenuti), i programmi di sorveglianza del governo e il rimpatrio della montagna di cash parcheggiata all'estero di giganti come Apple non disposti a portare a casa quel denaro a causa delle tasse che sarebbero costretti a versare al Fisco Usa (Trump ha promesso di abbassare l'aliquota in questione, pari attualmente al 35%, a un 10% una tantum). Gli anni a venire saranno cruciali anche per l'impianto regolatorio legato alle auto autonome (non a caso un'associazione che rappresenta gruppi come Fca e Gm ha già scritto a Trump fornendo proposte) e ai droni commerciali (quelli con cui Amazon vorrebbe recapitare i pacchi ordinati dai suoi clienti).

A preoccupare non è la contrarietà di Thiel al Patriot Act (la legge firmata 45 giorni dopo l'attacco alle Torri Gemelle del 2001 dall'allora presidente George W. Bush e che ha legalizzato la sorveglianza di americani ordinari nel nome della sicurezza nazionale) ma semmai la contrarierà alla net neutrality. Ma soprattutto gli osservatori temono un attacco al Primo emendamento della Costituzione Usa, quello che garantisce la libertà di parola ed espressione. Perché? Per capirlo, bisogna risalire al caso legale che ha portato il gruppo media Gawker alla bancarotta. L'omonimo sito era stato denunciato per avere fatto circolare un video sessuale del campione di wrestling Hulk Hogan, che ha vinto il braccio di ferro in tribunale. Il punto è che la causa legale di Hogan è stata finanziata per 10 milioni di dollari da Thiel, che ha così attuato una sorta di vendetta contro Gawker per avere svelato un decennio prima che era gay.

Essendo parte della Silicon Valley, Thiel potrebbe tranquillizzare le aziende americane timorose di non riuscire più a reclutare talenti stranieri. Non è un caso che nella settimana della vittoria elettorale di Trump i titoli cosiddetti FANG abbiano perso quota. Si tratta di Facebook, Amazon, Netflix e Google, controllata di Alphabet. Nel mirino di Trump ci sono i visti H-1B. Una stretta su questo fronte, avvertono alcuni osservatori, potrebbe essere controproducente per gli Usa visto che i gruppi potrebbero scegliere di assumere personale all'estero impedento a Trump di tenere fede al suo motto "Make America Great Again".

Conflitto di interessi?
Si temono poi conflitti di interesse, già sorti non appena Trump ha affidato ai suoi figli più grandi la gestione del suo impero imprenditoriale ma allo stesso tempo li ha fatti entrare nel suo transition team: si tratta del 38enne Donald Junior, della 35enne Ivanka e del 32enne Eric ai quali si aggiunge Jared Kushner, il marito di Ivanka. Come se non bastasse in quella squadra è finita anche Pam Bondi, il procuratore generale della Florida il cui comitato politico ha ricevuto da Donald una donazione nel 2013 per 25.000 dollari (non denunciata al Fisco ed elargita, guarda caso, quando Bondi stava valutando se aprire un'inchiesta su presunte frodi nell'ormai defunta Trump University).

Anche per Thiel c'è un rischio di conflitto di interesse. E' cofondatore di Palantir Technologies, azienda specializzata in big data con stretti legami con la Cia. Attraverso la sua società di venture capital Founders Fund, ha inoltre investimenti in SpaceX, Airbnb, Spotify e Lyft, l'anti Uber americana.

Perché Trump
Per un uomo come Thiel che crede nel progetto del Seasteading Institute - creare città nell'oceano su cui i governi non possono mettere le mani - una carriera politica sembra improbabile. Almeno stando a quanto da lui spiegato al Wall Street Journal all'indomani dell'Election Day: sono "abbastanza felice" come venture capitalist. "Non ho alcuna intenzione di avere un lavoro a tempo pieno" a Washington tanto più che è da 20 anni che non pratica legge.

Certo è che Thiel ha avvertito il malumore di quell'America che ha votato per Trump. Al National Press Club di Washington il 31 ottobre parlò di fronte a un pubblico folto dicendo che "dove lavoro nella Silicon Valley, le persone stanno alla grande ma molti americani non hanno partecipato a quella prosperità". Secondo lui gli Usa "sono in stagnazione se non in netto declino" mentre le elite "non hanno il senso di quello che sta accadendo".

La pecora nera della Silicon Valley se l'è presa con i media proprio al National Press Club perché secondo lui "non hanno mai preso sul serio" Trump "ma lo hanno preso sempre alla lettera". Per Thiel "molti elettori che hanno votato per Trump lo hanno preso sul serio e non alla lettera". Un altro modo per dire che quando il magnate del mattone dice di volere costruire un muro lungo il confine tra Usa e Messico in realtà sta indicando che si avrà una politica migliore sull'immigrazione. E per quanto non avrebbe detto o fatto cose di cui Trump è stato criticato pesantemente, Thiel è convinto che ci sia "una grande differenza tra fare campagna elettorale e governare". E' un po' quello su cui ha scommesso Wall Street, che il venerd" successivo all'Election Day ha visto il Dow Jones archiviare per il secondo giorno di fila un record chiudendo la migliore settimana dal 2011 proprio grazie all'effetto Trump.

Thiel spera - e non è certo il solo - in un Trump che sappia essere il presidente di tutti. E scommette che il miliardario di New York sarà "socialmente moderato su molte questioni" come i diritti dei gay. Ora resta da vedere se la scommessa di Thiel si rivelerà corretta. Come riferito da un suo amico al WSJ, lui "fa scommesse contrarian non quando sa che vincerà ma quando sa che le probabilità di vincere sono molto superiori di quello che pensa la maggioranza della gente".

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Dalla Puglia agli Usa: il pane Altamura di Oropan vuole fare gola agli americani (e a Trump)

Piano di espansione per raddoppiare il fatturato in due anni
Vito Forte e la figlia Lucia Forte

Il pane di Altamura Dop della Oropan alla conquista dell’America. Il prodotto è stato scelto come simbolo della Puglia al galà annuale della National Italian American Foundation (associazione che rappresenta circa 20 milioni di italo-americani residenti negli Stati Uniti), in calendario a Washington domani con 1.300 invitati. Anche il presidente, Donald Trump, è stato invitato ma non è ancora chiaro se vi parteciperà. Certo è che al leader Usa il pane a lievitazione naturale di Oropan arriverà comunque attraverso la sua delegazione presente all'evento.