Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Nei giorni precedenti, Trump aveva criticato fortemente la decisione di Pfizer, che ha invece ringraziato dopo l'annuncio di ieri. I rincari, però, sono stati solo rinviati e i prezzi di giugno erano già troppo alti, per Trump.

"Pfizer e altri - aveva scritto su Twitter due giorni fa - si dovrebbero vergognare di aver aumentato i prezzi dei farmaci senza motivo. Si stanno solo approfittando dei poveri e degli altri che sono incapaci di difendersi, mentre allo stesso tempo fanno prezzi da occasione agli altri Paesi in Europa e altrove. Reagiremo!".

All'inizio del mese, Pfizer aveva annunciato l'aumento dei prezzi su cento prodotti, tra cui il Viagra, in pieno contrasto con i ribassi volontari dell'industria farmaceutica annunciati poche settimane prima da Trump. Gli aumenti erano scattati il primo luglio e, nella maggior parte dei casi, superavano il 9 per cento. Pfizer ha ridotto i prezzi solo su cinque farmaci, con percentuali che variano tra il 16 e il 44 per cento.

L'aumento dei prezzi dei farmaci è un argomento molto sentito negli Stati Uniti e, per questo, Trump ha promesso di intervenire, dopo aver accusato le case farmaceutiche di "passarla liscia".

Altri Servizi

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock