P&G: i mercati in via di sviluppo preferiscono la barba, svalutazione di 8 mld di dollari per Gillette

Il quarto trimestre fiscale è finito per questo in perdita di oltre 5 miliardi. Bene le vendite

Procter & Gamble ha chiuso in perdita il suo quarto trimestre fiscale ma a livello pro forma il gruppo ha battuto le stime degli analisti.

Il gigante americano dei prodotti al consumo ha terminato i tre mesi al 30 giugno scorso con una perdita di 5,24 miliardi di dollari, o 2,12 dollari ad azione, contro profitti per 1,89 miliardi, o 72 centesimi ad azione, dello stesso periodo del 2018. Sul risultato hanno pesato 8 miliardi di dollari di svalutazione delle attività legate a Gillette.

L'azienda ha attribuito la svalutazione in parte all'andamento del mercato di rasoi e lamette nei mercati in via di sviluppo dovuto a un aumento della competizione e al fatto che gli uomini si tagliano la barba con meno frequenza.

Al netto di questa e di altre voci straordinarie, P&G ha messo a segno 1,10 dollari di utili per azione (+17%), 5 centesimi sopra le stime degli analisti. Il fatturato netto è cresciuto nel trimestre del 4% annuo a 17,1 miliardi, sopra le stime del mercato pari a 16,86 miliardi.

Il produttore di detersivi e prodotti per la cura della persona ha visto le vendite organiche - quelle che escludono fluttuazioni valutarie, acquisizioni e disinvestimenti - salire del 7% grazie a un aumento dei prezzi e dei volumi. P&G ha spiegato che cambi valutari sfavorevoli hanno pesato sulle vendite per il 4%.

Per l'anno fiscale 2020 il gruppo si aspetta ricavi in aumento del 3-4%, vendite organiche in crescita a loro volta del 3-4%, utili per azione pro forma in aumento del 4-9% rispetto ai 4,52 dollari messi a segno nell'anno fiscale appena concluso (+7%). Sempre nell'esercizio 2019 i ricavi sono saliti dell'1% a 67,7 miliardi. Nel nuovo esercizio P&G conta di pagare oltre 7,5 miliardi di dollari di dividendi e di ricomprare titoli propri per 6-8 miliardi.

Da gennaio il titolo P&G ha guadagnato il 26% e negli ultimi 12 mesi il 44%.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap