Più carceri per i migranti, più affari per i sostenitori di Trump

Buone notizie per le società che hanno sostenuto il presidente

La decisione del presidente Donald Trump di creare nuovi centri di detenzione per migranti irregolari negli Stati Uniti darà una notevole spinta agli affari degli operatori di carceri private che hanno sostenuto il capo di Stato. A parlarne è il Wall Street Journal. Il valore delle azioni di CoreCivic e Geo Group, che hanno donato 250.000 dollari ciascuno per le celebrazioni in occasione dell'inaugurazione del mandato di Trump, è notevolmente aumentato lo scorso mese, dopo che l'Immigation and Customs Enforcement (Ice) ha annunciato che potrebbe chiedere 15.000 nuovi letti per le famiglie, dopo che Trump ha imposto, con un ordine esecutivo, che i bambini non siano separati dai genitori, in attesa del procedimento penale nei loro confronti. Dall'inizio dell'anno, il valore delle azioni di Geo è cresciuto del 14%, quello dei titoli di CoreCivic del 4,8 per cento.

L'amministrazione Trump vuole aumentare il numero di letti per i migranti da 40.000 a 52.000 (49.500 adulti e 2.500 per le famiglie), per cui chiederà 2,8 miliardi di dollari per il budget 2019. I centri di detenzione per migranti sono diventati un'importante fonte di reddito per le società che gestiscono le prigioni private sin dall'amministrazione Obama, ha ricordato il Wall Street Journal. Nel 2016, un rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia aveva affermato che le prigioni private fossero più pericolose di quelle governative, spingendo le autorità ad annunciare che non avrebbero rinnovato i contratti con gli operatori privati; le società, naturalmente, contestarono il rapporto. L'amministrazione Trump ha poi revocato il piano di ridurre il ricorso a carceri private.


Famiglie divise

Lasciare gli Stati Uniti, con o senza i propri figli. È il bivio che l'amministrazione Trump ha deciso di porre davanti ai migranti irregolari separati dai loro figli, in applicazione della 'tolleranza zero' al confine con il Messico. Dopo che un tribunale ha ordinato che gli oltre 2.00 bambini separati dai genitori, tra maggio e giugno, siano riuniti ai familiari, l'amministrazione statunitense ha indicato agli agenti dell'immigrazione che dovranno lasciare ai migranti solo due possibilità: lasciare gli Stati Uniti con i figli, o lasciare il Paese senza di loro. Lo riporta Nbc News, che ha ottenuto una copia del documento governativo.

La nuova direttiva non permette ai genitori di riabbracciare i figli e, con loro, di aspettare la decisione di un tribunale sulla loro richiesta di asilo e sulla loro detenzione. Le famiglie entrate negli Stati Uniti dopo il 20 giugno, invece, resteranno insieme, in detenzione. Gli avvocati che si occupano dei diritti dei migranti hanno già manifestato la loro opposizione, perché la direttiva obbliga di fatto i genitori a rinunciare alla richiesta di asilo. "Un bambino non dovrebbe mai essere tenuto in ostaggio per forzare un genitore a rinunciare al suo diritto legale di chiedere asilo" ha detto Wendy Young, presidente di Kids in Need of Defense.

Altri Servizi

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.