Polemica all'Onu sul rapporto contro Israele, si dimette la sottosegretaria Khalaf

Il report accusa lo Stato ebraico di aver imposto un "regime di apartheid" ai palestinesi; il segretario Guterres ne ha chiesto la cancellazione dal sito

La polemica sul rapporto che accusa Israele di aver imposto un "regime di apartheid" ai palestinesi ha provocato le dimissioni di Rima Khalaf, sottosegretaria generale delle Nazioni Unite e direttrice della Commissione economica e sociale per l'Asia occidentale (Escwa), che mercoled" ha pubblicato le accuse allo Stato ebraico.

Oggi, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha chiesto la cancellazione dal sito del rapporto, da cui aveva già preso le distanze. "In base a questo, gli presento le mie dimissioni dalle Nazioni Unite" ha detto Khalaf, durante una conferenza stampa a Beirut, in Libano, sede della Commissione.

"Ci si aspettava che Israele e i suoi alleati avrebbero messo un'enorme pressione sul segretario generale delle Nazioni Unite affinché rinunciasse al rapporto" ha commentato Khalaf, difendendo il documento, "il primo di questo genere" da un'agenzia delle Nazioni Unite che fa luce sui "crimini che Israele continua a commettere contro i palestinesi, dai crimini di guerra a quelli contro l'umanità".

L'Escwa è una delle cinque commissioni economiche regionali che riportano al Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite, ha sede a Beirut, in Libano, e raggruppa 18 Stati arabi. Dopo la pubblicazione, avvenuta mercoled", Guterres aveva preso le distanze dal rapporto; anche gli Stati Uniti ne avevano chiesto la cancellazione. Il documento afferma che "Israele ha istituito un regime di apartheid che controlla il popolo palestinese nel suo insieme".

Altri Servizi

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.

Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro
AP

Russiagate, tutto quello che sappiamo sui rapporti con Mosca

Flynn, Comey e l'Fbi, i segreti di Israele sull'Isis. Trump rischia l'impeachment?
Ap

Trump mette in vendita mega tenuta ai Caraibi per 28 milioni di dollari

La proprietà affaccia sulla spiaggia dell’isola di St Martin. Potrebbe garantire al presidente americano una plusvalenza di oltre 8 milioni di dollari
Sotheby’s International Realty

Indebitamento delle famiglie americane supera il picco pre-crisi

Vale 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. La Fed di New York: non c'è da festeggiare né da allarmarsi

Trump in Arabia Saudita svelerà il progetto di una 'Nato araba'

L'idea non è nuova, ma è apertamente sostenuta dal governo statunitense per la prima volta. Il presidente annuncerà anche un accordo per la vendita di armi del valore di circa 100 miliardi di dollari

Ford taglia 1.400 posti in Usa e Asia per compiacere Wall Street. E Trump?

Dopo iniziali tensioni con la nuova amministrazione, il gruppo aveva deciso di annullare un investimento da 1,6 miliardi di dollari in Messico. Cosa dirà il presidente di questa mossa pensata per abbassare i costi?
Ford Motor

Wall Street, crescono le preoccupazioni su Trump

I problemi politici del presidente rischiano di bloccare la sua agenda economica
AP

Trump chiese al direttore dell'Fbi di chiudere inchiesta su Flynn

E' quanto emerge da un memo scritto a febbraio da James Comey, silurato il 9 maggio scorso. Il generale fu costretto a dimettersi da consigliere per la Sicurezza nazionale per avere fuoriviato l'amministrazione su funzionario russo