Pompeo al posto di Tillerson, l'idea che Trump aveva da mesi

Il nuovo segretario di Stato ha posizioni simili a quelle del presidente, al contrario dell'ormai ex ministro. A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha rivoluzionato il proprio gabinetto
Ap

La notizia fa rumore a Washington, ma di certo non stupisce gli addetti ai lavori, che la aspettavano da mesi: con un tweet, Donald Trump ha fatto fuori il segretario di Stato, Rex Tillerson, sostituito dal capo della Cia, Mike Pompeo. Tillerson è rientrato anticipatamente dal suo viaggio in Africa, dopo che il presidente degli Stati Uniti, secondo il Washington Post, gli aveva chiesto, venerdì scorso, di dimettersi. "Auguro a Rex tante belle cose. Credo che lui sarà molto più felice ora" ha commentato Trump, prima di lasciare la Casa Bianca per raggiungere la California. Tillerson, ha fatto sapere un portavoce, non ha parlato con il presidente e non conosce i motivi della sua decisione.

A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha stravolto la squadra di governo, ma ora il presidente crede di essere vicino al gabinetto perfetto e, parlando con i giornalisti, ha detto che vuole "avere un team nuovo in tempo per l'inizio dei negoziati sul commercio", la nuova battaglia che vuole combattere contro nemici e alleati, ma anche prima dei possibili colloqui con la Corea del Nord. Con Tillerson erano evidenti i contrasti su molti temi di politica estera, a partire dall'accordo sul nucleare iraniano, e solo poche ore fa l'ormai ex ministro aveva accusato la Russia per l'avvelenamento dell'ex spia Sergei Skripal e di sua figlia, nel Regno Unito, dopo che la Casa Bianca aveva evitato di puntare il dito contro Mosca. I motivi della sostituzione sono stati sinteticamente esposti da Trump: "Eravamo in disaccordo su delle cose...l'accordo iraniano. Non pensavamo le stesse cose. Io e Pompeo facciamo gli stessi ragionamenti". Fa sorridere che Trump abbia fatto fuori Tillerson proprio dopo aver deciso di sposare la linea del dialogo con la Corea del Nord, sempre sostenuta dall'ormai ex segretario di Stato, lasciato fuori da questo avvicinamento a Pyongyang.

Il destino di Tillerson sembrava segnato da tempo, almeno da quel "non ci sono annunci da fare, al momento" pronunciato dalla portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, lo scorso 30 novembre, rispondendo alle indiscrezioni della stampa sulla possibile sostituzione di Tillerson. Quel giorno, il New York Times affermava che la Casa Bianca aveva deciso di sostituire Tillerson con Pompeo e che avrebbe annunciato la novità nel giro di qualche settimana. Tillerson, a quel tempo, definì "risibili" le indiscrezioni di stampa.

Pompeo ha un profilo che lo rende molto compatibile con Trump: è un ex ufficiale dell'esercito ed ex deputato ed è stato, in Congresso, una voce del Tea Party. È un 'falco', che si è fatto conoscere a livello nazionale come membro della Commissione della Camera sull'attacco di Bengasi, in Libia, nel 2012, in cui morirono l'ambasciatore Christopher Stevens e altri tre cittadini statunitensi. Un attacco per cui i repubblicani hanno accusato l'allora segretario di Stato, Hillary Clinton, di cui Pompeo è un feroce critico.

Grande sostenitore del Patriot Act, la legge voluta per espandere il potere dei corpi di polizia e di spionaggio, ha appoggiato, per ragioni di sicurezza nazionale, la raccolta indiscriminata di dati da parte della National Security Agency, la cui rete di sorveglianza è stata svelata da Edward Snowden, che per lui "dovrebbe essere condannato a morte". Pompeo è stato molto critico nei confronti dell'amministrazione Obama per l'accordo sul nucleare iraniano ed è stato spesso criticato per la sua retorica contro i musulmani.

Pompeo è membro della National Rifle Association, la lobby delle armi, è contrario alla chiusura del centro di detenzione di Guantanamo e ai provvedimenti che regolano l'emissione di gas serra. Presbiteriano, è contro l'aborto, che dovrebbe essere consentito solo se la vita della donna incinta fosse a rischio, e reso illegale in caso di stupro o incesto. Ha forti legami con le Koch Industries dei fratelli Koch, tra i principali finanziatori del partito repubblicano, che contribuirono alla sua elezione nel 2010 e che da allora lo hanno sempre sostenuto.

Già all'inizio di ottobre, il sito Axios scriveva che i rapporti tra Tillerson e Trump erano "irrecuperabili". Tillerson sarebbe stato in passato vicino alle dimissioni, nonostante le smentite e le accuse dell'amministrazione contro i media che diffondono 'notizie false'.

La nomina di Tillerson era stato un esperimento sin dall'inizio, visto che nessun presidente degli Stati Uniti aveva mai nominato come segretario di Stato una persona senza esperienze governative, politiche e militari. Trump, che a sua volta è entrato alla Casa Bianca senza esperienza, sperava che Tillerson potesse portare le sue qualità di manager al servizio della diplomazia, dopo 41 anni alla Exxon Mobil. Così non è stato, almeno per il presidente. La scelta di Pompeo, che già siede al tavolo della Situation Room (dove si discute di sicurezza e intelligence), renderà la sostituzione meno caotica.

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Il dipartimento del Tesoro statunitense è disposto a rimuovere le sanzioni che pesano su Rusal, colosso russo dell'alluminio. Lo ha dichiarato il segretario Steven Mnuchin da San Paolo, in Brasile, in esclusiva all'agenzia Reuters. L'obiettivo di Washington "non è di far fallire Rusal".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, ha segretamente registrato l'attuale presidente prima delle elezioni del 2016, mentre parlavano del pagamento a un'ex modella di Playboy, Karen McDougal, che sosteneva pubblicamente di aver avuto una relazione con lui. Lo rivela una fonte al New York Times, secondo cui la registrazione sarebbe stata sequestrata dall'Fbi nel raid compiuto recentemente nell'ufficio di Cohen.

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Dan Coats, il direttore dell'intelligence nazionale (Dni) degli Stati Uniti, ha detto che avrebbe preferito che il presidente Donald Trump non avesse incontrato, da solo, l'omologo russo, Vladimir Putin, come avvenuto luned" al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il capo dello spionaggio statunitense ha poi detto di non avere idea di cosa si siano detti i due leader. "Se mi avesse chiesto come fare, gli avrei suggerito un modo diverso" ha detto, intervistato all'Aspen Security Forum, ieri. "Ma non è il mio ruolo, non è il mio lavoro".

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Frasi pesanti di avvertimento da parte del presidente iraniano Hassan Rouhani nei confronti di Donald Trump, messo in guardia dal voler perseguire politiche ostili nei confronti di Teheran. "L'America dovrebbe sapere che la pace con l'Iran è la madre di ogni pace e la guerra con l'Iran è la madre di tutte le guerre", ha dichiarato Rouhani parlando davanti ad un gruppo di diplomatici.

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.