Pompeo al posto di Tillerson, l'idea che Trump aveva da mesi

Il nuovo segretario di Stato ha posizioni simili a quelle del presidente, al contrario dell'ormai ex ministro. A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha rivoluzionato il proprio gabinetto
Ap

La notizia fa rumore a Washington, ma di certo non stupisce gli addetti ai lavori, che la aspettavano da mesi: con un tweet, Donald Trump ha fatto fuori il segretario di Stato, Rex Tillerson, sostituito dal capo della Cia, Mike Pompeo. Tillerson è rientrato anticipatamente dal suo viaggio in Africa, dopo che il presidente degli Stati Uniti, secondo il Washington Post, gli aveva chiesto, venerdì scorso, di dimettersi. "Auguro a Rex tante belle cose. Credo che lui sarà molto più felice ora" ha commentato Trump, prima di lasciare la Casa Bianca per raggiungere la California. Tillerson, ha fatto sapere un portavoce, non ha parlato con il presidente e non conosce i motivi della sua decisione.

A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha stravolto la squadra di governo, ma ora il presidente crede di essere vicino al gabinetto perfetto e, parlando con i giornalisti, ha detto che vuole "avere un team nuovo in tempo per l'inizio dei negoziati sul commercio", la nuova battaglia che vuole combattere contro nemici e alleati, ma anche prima dei possibili colloqui con la Corea del Nord. Con Tillerson erano evidenti i contrasti su molti temi di politica estera, a partire dall'accordo sul nucleare iraniano, e solo poche ore fa l'ormai ex ministro aveva accusato la Russia per l'avvelenamento dell'ex spia Sergei Skripal e di sua figlia, nel Regno Unito, dopo che la Casa Bianca aveva evitato di puntare il dito contro Mosca. I motivi della sostituzione sono stati sinteticamente esposti da Trump: "Eravamo in disaccordo su delle cose...l'accordo iraniano. Non pensavamo le stesse cose. Io e Pompeo facciamo gli stessi ragionamenti". Fa sorridere che Trump abbia fatto fuori Tillerson proprio dopo aver deciso di sposare la linea del dialogo con la Corea del Nord, sempre sostenuta dall'ormai ex segretario di Stato, lasciato fuori da questo avvicinamento a Pyongyang.

Il destino di Tillerson sembrava segnato da tempo, almeno da quel "non ci sono annunci da fare, al momento" pronunciato dalla portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, lo scorso 30 novembre, rispondendo alle indiscrezioni della stampa sulla possibile sostituzione di Tillerson. Quel giorno, il New York Times affermava che la Casa Bianca aveva deciso di sostituire Tillerson con Pompeo e che avrebbe annunciato la novità nel giro di qualche settimana. Tillerson, a quel tempo, definì "risibili" le indiscrezioni di stampa.

Pompeo ha un profilo che lo rende molto compatibile con Trump: è un ex ufficiale dell'esercito ed ex deputato ed è stato, in Congresso, una voce del Tea Party. È un 'falco', che si è fatto conoscere a livello nazionale come membro della Commissione della Camera sull'attacco di Bengasi, in Libia, nel 2012, in cui morirono l'ambasciatore Christopher Stevens e altri tre cittadini statunitensi. Un attacco per cui i repubblicani hanno accusato l'allora segretario di Stato, Hillary Clinton, di cui Pompeo è un feroce critico.

Grande sostenitore del Patriot Act, la legge voluta per espandere il potere dei corpi di polizia e di spionaggio, ha appoggiato, per ragioni di sicurezza nazionale, la raccolta indiscriminata di dati da parte della National Security Agency, la cui rete di sorveglianza è stata svelata da Edward Snowden, che per lui "dovrebbe essere condannato a morte". Pompeo è stato molto critico nei confronti dell'amministrazione Obama per l'accordo sul nucleare iraniano ed è stato spesso criticato per la sua retorica contro i musulmani.

Pompeo è membro della National Rifle Association, la lobby delle armi, è contrario alla chiusura del centro di detenzione di Guantanamo e ai provvedimenti che regolano l'emissione di gas serra. Presbiteriano, è contro l'aborto, che dovrebbe essere consentito solo se la vita della donna incinta fosse a rischio, e reso illegale in caso di stupro o incesto. Ha forti legami con le Koch Industries dei fratelli Koch, tra i principali finanziatori del partito repubblicano, che contribuirono alla sua elezione nel 2010 e che da allora lo hanno sempre sostenuto.

Già all'inizio di ottobre, il sito Axios scriveva che i rapporti tra Tillerson e Trump erano "irrecuperabili". Tillerson sarebbe stato in passato vicino alle dimissioni, nonostante le smentite e le accuse dell'amministrazione contro i media che diffondono 'notizie false'.

La nomina di Tillerson era stato un esperimento sin dall'inizio, visto che nessun presidente degli Stati Uniti aveva mai nominato come segretario di Stato una persona senza esperienze governative, politiche e militari. Trump, che a sua volta è entrato alla Casa Bianca senza esperienza, sperava che Tillerson potesse portare le sue qualità di manager al servizio della diplomazia, dopo 41 anni alla Exxon Mobil. Così non è stato, almeno per il presidente. La scelta di Pompeo, che già siede al tavolo della Situation Room (dove si discute di sicurezza e intelligence), renderà la sostituzione meno caotica.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock