Pompeo al posto di Tillerson, l'idea che Trump aveva da mesi

Il nuovo segretario di Stato ha posizioni simili a quelle del presidente, al contrario dell'ormai ex ministro. A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha rivoluzionato il proprio gabinetto
Ap

La notizia fa rumore a Washington, ma di certo non stupisce gli addetti ai lavori, che la aspettavano da mesi: con un tweet, Donald Trump ha fatto fuori il segretario di Stato, Rex Tillerson, sostituito dal capo della Cia, Mike Pompeo. Tillerson è rientrato anticipatamente dal suo viaggio in Africa, dopo che il presidente degli Stati Uniti, secondo il Washington Post, gli aveva chiesto, venerdì scorso, di dimettersi. "Auguro a Rex tante belle cose. Credo che lui sarà molto più felice ora" ha commentato Trump, prima di lasciare la Casa Bianca per raggiungere la California. Tillerson, ha fatto sapere un portavoce, non ha parlato con il presidente e non conosce i motivi della sua decisione.

A poco più di un anno dal suo insediamento, Trump ha stravolto la squadra di governo, ma ora il presidente crede di essere vicino al gabinetto perfetto e, parlando con i giornalisti, ha detto che vuole "avere un team nuovo in tempo per l'inizio dei negoziati sul commercio", la nuova battaglia che vuole combattere contro nemici e alleati, ma anche prima dei possibili colloqui con la Corea del Nord. Con Tillerson erano evidenti i contrasti su molti temi di politica estera, a partire dall'accordo sul nucleare iraniano, e solo poche ore fa l'ormai ex ministro aveva accusato la Russia per l'avvelenamento dell'ex spia Sergei Skripal e di sua figlia, nel Regno Unito, dopo che la Casa Bianca aveva evitato di puntare il dito contro Mosca. I motivi della sostituzione sono stati sinteticamente esposti da Trump: "Eravamo in disaccordo su delle cose...l'accordo iraniano. Non pensavamo le stesse cose. Io e Pompeo facciamo gli stessi ragionamenti". Fa sorridere che Trump abbia fatto fuori Tillerson proprio dopo aver deciso di sposare la linea del dialogo con la Corea del Nord, sempre sostenuta dall'ormai ex segretario di Stato, lasciato fuori da questo avvicinamento a Pyongyang.

Il destino di Tillerson sembrava segnato da tempo, almeno da quel "non ci sono annunci da fare, al momento" pronunciato dalla portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, lo scorso 30 novembre, rispondendo alle indiscrezioni della stampa sulla possibile sostituzione di Tillerson. Quel giorno, il New York Times affermava che la Casa Bianca aveva deciso di sostituire Tillerson con Pompeo e che avrebbe annunciato la novità nel giro di qualche settimana. Tillerson, a quel tempo, definì "risibili" le indiscrezioni di stampa.

Pompeo ha un profilo che lo rende molto compatibile con Trump: è un ex ufficiale dell'esercito ed ex deputato ed è stato, in Congresso, una voce del Tea Party. È un 'falco', che si è fatto conoscere a livello nazionale come membro della Commissione della Camera sull'attacco di Bengasi, in Libia, nel 2012, in cui morirono l'ambasciatore Christopher Stevens e altri tre cittadini statunitensi. Un attacco per cui i repubblicani hanno accusato l'allora segretario di Stato, Hillary Clinton, di cui Pompeo è un feroce critico.

Grande sostenitore del Patriot Act, la legge voluta per espandere il potere dei corpi di polizia e di spionaggio, ha appoggiato, per ragioni di sicurezza nazionale, la raccolta indiscriminata di dati da parte della National Security Agency, la cui rete di sorveglianza è stata svelata da Edward Snowden, che per lui "dovrebbe essere condannato a morte". Pompeo è stato molto critico nei confronti dell'amministrazione Obama per l'accordo sul nucleare iraniano ed è stato spesso criticato per la sua retorica contro i musulmani.

Pompeo è membro della National Rifle Association, la lobby delle armi, è contrario alla chiusura del centro di detenzione di Guantanamo e ai provvedimenti che regolano l'emissione di gas serra. Presbiteriano, è contro l'aborto, che dovrebbe essere consentito solo se la vita della donna incinta fosse a rischio, e reso illegale in caso di stupro o incesto. Ha forti legami con le Koch Industries dei fratelli Koch, tra i principali finanziatori del partito repubblicano, che contribuirono alla sua elezione nel 2010 e che da allora lo hanno sempre sostenuto.

Già all'inizio di ottobre, il sito Axios scriveva che i rapporti tra Tillerson e Trump erano "irrecuperabili". Tillerson sarebbe stato in passato vicino alle dimissioni, nonostante le smentite e le accuse dell'amministrazione contro i media che diffondono 'notizie false'.

La nomina di Tillerson era stato un esperimento sin dall'inizio, visto che nessun presidente degli Stati Uniti aveva mai nominato come segretario di Stato una persona senza esperienze governative, politiche e militari. Trump, che a sua volta è entrato alla Casa Bianca senza esperienza, sperava che Tillerson potesse portare le sue qualità di manager al servizio della diplomazia, dopo 41 anni alla Exxon Mobil. Così non è stato, almeno per il presidente. La scelta di Pompeo, che già siede al tavolo della Situation Room (dove si discute di sicurezza e intelligence), renderà la sostituzione meno caotica.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.