Pompeo: "Gli Usa sospenderanno il trattato Inf, se la Russia continuerà a non rispettarlo"

La decisione degli Stati Uniti è appoggiata dagli alleati della Nato
Ap

Gli Stati Uniti sospenderanno tra 60 giorni la loro adesione al trattato Inf, a meno che la Russia non torni a rispettarlo. Lo ha annunciato il segretario di Stato, Mike Pompeo, dopo gli incontri a Bruxelles con gli alleati della Nato. La sospensione durerà sei mesi, poi sarà valutato il comportamento della Russia.

L'accordo fu firmato nel 1987 dall'allora presidente statunitense, Ronald Reagan, e dall'omologo sovietico, Mikhail Gorbacev, e prevedeva l'eliminazione di tutti i missili nucleari e convenzionali  a gittata intermedia e i relativi apparati di lancio, oltre al divieto di testare nuovi missili. L'accordo è da allora considerato uno dei passaggi più importanti verso la fine della Guerra fredda, punto di svolta nel processo negoziale legato al controllo degli armamenti.

"La Russia è responsabile per la fine del trattato" ha detto Pompeo, durante la conferenza stampa organizzata dopo il summit dei ministri degli Esteri. "Solo loro possono salvare questo trattato. Se la Russia ammetterà le sue violazioni e tornerà a rispettare pienamente l'accordo, di certo accoglieremo positivamente le loro azioni". Il segretario di Stato ha poi aggiunto che "non ci sono indicazioni" sul fatto che la Russia tornerà a rispettare l'accordo. L'uscita degli Stati Uniti dal trattato Inf è appoggiata dagli alleati: "C'è totale unità su questo argomento, crediamo sia il giusto esito".

Poco più di un mese fa, il presidente Donald Trump aveva annunciato di voler ritirare gli Stati Uniti dal trattato Inf, sostenendo che Mosca "ha violato l’accordo per molti anni". "La Russia non ha rispettato il trattato, quindi concluderemo l'accordo e svilupperemo queste armi" aveva detto il presidente. Ipotesi confermata oggi da Pompeo, che ha detto che gli Stati Uniti, se la Russia non rispetterà il limite di 60 giorni imposto da Washington, si sentiranno liberi di sviluppare e testare una serie di armi; la Russia, secondo il segretario di Stato, è in "flagrante violazione" dell'accordo.

"Non so perché il presidente (Barack) Obama non lo abbia rinegoziato o non si sia ritirato" aveva aggiunto Trump, alla fine di ottobre. "Non lasceremo che violino l'accordo sul nucleare e producano armi quando noi non siamo autorizzati. Noi abbiamo rispettato l'accordo, abbiamo onorato l'accordo, ma purtroppo la Russia non lo ha rispettato". Mosca aveva risposto, negando di aver violato il trattato: "Si tratta di un passo molto pericoloso che, ne sono sicuro, non sarà compreso dalla comunità internazionale e attirerà anche serie condanne"; il trattato, aveva aggiunto il governo russo, "è significativo per la sicurezza internazionale, la sicurezza nucleare e per il mantenimento della stabilità strategica".

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street, giornata di dati macro

Agenda piena di appuntamenti: nuovi cantieri, prezzi delle case e fiducia dei consumatori tra i più importanti in programma
AP

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.