Ponte Verrazano o Verrazzano? La meraviglia ingegneristica al centro delle controversie

Da sempre il nome è scritto in modo sbagliato (una zeta al posto di due). E' dedicato al navigatore italiano Giovanni da Verrazzano
Zepfanman.com - Flickr

Il ponte Verrazano-Narrows Bridge, che collega Brooklyn a Staten Island, è una delle meraviglie ingegneristiche di New York. Una delle icone della città, un motivo di orgoglio per gli italo-americani della Grande Mela. Ed è anche al centro di un'accesa diatriba "linguistica". Il motivo? Il nome del ponte, inaugurato nel 1964, è da sempre scritto nel modo sbagliato.

Infatti The Verrazano, come lo chiamano i newyorkesi, punto di partenza della celeberrima maratona di New York e fino al 1981 il ponte sospeso più lungo del mondo, è dedicato al navigatore italiano Giovanni da Verrazzano (due zeta, non una soltanto), il primo europeo a raggiungere, nel 1524, la zona della foce del fiume Hudson e quindi l'area di New York.

In molti chiedono che l'errore sia corretto, come segno di rispetto per la nutrità comunità italoamericana newyorkese e americana. Proprio per questo è partita una raccolta firme online, con una petizione che chiede di mettere fine per sempre alla discrepanza. Nel dibattito è entrato anche Joseph Scelsa, direttore dell'Italian American Museum di Lower Manhattan: "Rettificare il nome del ponte, da Verrazano a Verrazzano, vorrebbe dire veramente a tutti gli italiani e italoamericani che li rispettiamo e li apprezziamo", ha detto.

Per il momento, la questione non è tra le priorità della Metropolitan Transportation Authority (Mta), l'autorità che gestisce i trasporti urbani newyorkesi, tanto più che cambiare il nome non sarebbe solo una formalità, ma comporterebbe anche notevoli costi (per esempio, andrebbe corretta tutta la segnaletica stradale dell'area metropolitana). "In questo momento non stiamo valutando nessun cambiamento di nome per il Verrazano Bridge", ha detto Christopher McKniff, portavoce dell'Mta, liquidando la vicenda in modo secco.

L'Mta non ha tutti i torti. Quando il Triborough Bridge, che collega Manhattan, Queens e Bronx, è stato ribattezzato nel 2008 Robert F. Kennedy Bridge, in onore dell'ex senatore di New York, sono stati spesi 4 milioni di dollari per cambiare il nome su tutti i cartelli stradali. E lo stesso vale per il Queensboro Bridge, ora chiamato Ed Koch Queensboro Bridge a ricordo dell'ex sindaco della città, e per il Brooklyn-Battery Tunnel, che ora è denominato Hugh L. Carey Tunnel, come l'ex governatore.

La città non preclude dunque a prescindere la possibilità di un cambio di nome, ma, giusto o sbagliato che sia, sembra privilegiare motivazioni più "alte", come appunto il ricordo di un personaggio importante per la città o lo stato di New York, rispetto alla correzione di un refuso, che comunque è l" da oltre cinquant'anni.

Tanto più che le autorità newyorkesi non sono mai state d'accordo a passare per sbadate: nel 1960, John LaCorte, allora direttore esecutivo dell'Italian Historical Society of America e la persona che più aveva premuto perché il ponte fosse intitolato a un italiano, aveva sostenuto di essersi consultato con le autorità italiane e di avere scelto la grafia latina del nome del navigatore, Janus Verrazanus. Peccato che il nome dato al ponte, Verrazano appunto, non sia né latino né italiano.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.