Possibile multa miliardaria a Fca preoccupa gli investitori. Incertezza non passerà presto

L'Epa accusa la casa automobilistica di violazioni sulle emissioni diesel. Una conclusione non appare a portata di mano in tempi brevi, tanto più che, come previsto e come di consueto in questi casi, anche il dipartimento di Giustizia ha avviato un'indagi

I timori sulle possibili multe che Fiat Chrysler Automobiles rischia negli Stati Uniti sulla scia delle accuse dell'agenzia per la tutela ambientale su possibili violazioni degli standard sulle emissioni di circa 104.000 vetture diesel mettono sotto pressione gli investitori, che probabilmente non riusciranno a scacciare le preoccupazioni finché la vicenda non sarà archiviata.

Una conclusione non appare a portata di mano in tempi brevi, tanto più che, come previsto e come di consueto in questi casi, anche il dipartimento di Giustizia ha avviato un'indagine per fare chiarezza sulle accuse dell'Environmental Protection Agency (Epa), secondo cui la casa automobilistica ha commesso violazioni nel determinare e nel comunicare i livelli di emissioni nocive.

Fca, che ha negato con forza di avere commesso violazioni, rischia sanzioni fino a 4,6 miliardi di dollari, cosa che il 12 gennaio, quando sono emerse le accuse dell'Epa, ha fatto crollare de 16% il titolo a Milano e più del 10% a Wall Street. Il giorno successivo, le azioni sono risalite in Europa (+4,4%, non abbastanza per recuperare le perdite precedenti), ma non si sono riavvicinate ai massimi storici del marzo 2015 sfiorati nei giorni precedenti.

Se è vero che la vicenda di Fca appare diversa dal Dieselgate che ha travolto Volkswagen, che spenderà fino a 22 miliardi di dollari negli Stati Uniti per rispondere alle richieste di consumatori, autorità e concessionarie, è inoltre vero che è molto differente anche la posizione finanziaria della casa automobilistica guidata da Sergio Marchionne. Fca, che ha un debito netto di 6,5 miliardi di dollari, ha liquidità molto inferiore alla società tedesca.

Secondo l'Epa, Fca non ha comunicato la presenza di un software montato su circa 104.000 vetture, cosa che ha consentito di barare sui livelli di emissioni. Tuttavia, per il momento, mentre le indagini dell'agenzia sono ancora in corso, non si è parlato di "un dispositivo studiato per ingannare" clienti e autorità, come era stato fatto invece nel caso di Volkswagen.

Gli analisti stanno facendo del loro meglio per determinare lo scenario migliore e peggiore, stimando multe potenziali, che vanno da alcune centinaia di migliaia di dollari, se l'accusa si ridurrà a difetti di comunicazione, a oltre 4 miliardi, se ci saranno accuse penali e se la casa automobilistica sarà costretta a richiamare le vetture. "Lo scenario di base è che si arrivi a un patteggiamento per circa 140 milioni di dollari, cifra molto gestibile per Fca", ha detto Stuart Pearson, analista di Exane Bnp Paribas.

Va detto che, finché la questione non sarà chiusa, l'incertezza è destinata a restare significativa, con pressioni sull'andamento del titolo, che dopo l'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca, l'8 novembre, aveva guadagnato il 70% circa. Il presidente eletto, infatti, non ha mai fatto mistero della propria posizione molto meno rigida sui temi ambientali rispetto al suo predecessore Barack Obama.

Il braccio di ferro sull'ambiente tra l'amministrazione attuale e la futura amministrazione Trump è del resto destinato a continuare fino all'ultimo giorno di Obama alla Casa Bianca. Il 13 gennaio l'Epa ha confermato gli standard sulle emissione delle auto fino al 2025. La decisione che stabilisce livelli molto restrittivi è stata più volte contestata dall'industria automobilistica americana. Si tratta di un rush finale per rafforzare l'eredità sul clima di Obama: tuttavia le regole potranno essere riviste da Donald Trump.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP