I potenziali successori di Buffett nominati vicepresidenti di Berkshire

Il 55ennne Gregory Abel e il 66enne Ajit Jain entrano anche nel cda. Per ora l'oracolo di Omaha mantiene i suoi incarichi di Ceo e presidente: "Godo di ottima salute". Ha 87 anni
AP

Warren Buffett ha promosso due manager di lunga data della sua Berkshire Hathaway confermando anni di voci secondo cui uno dei due gli succederà come Ceo. Il 55ennne Gregory Abel e il 66enne Ajit Jain sono stati nominati nel consiglio di amministrazione della conglomerata americana portando a 14 da 12 il numero di membri che ne fanno parte. Tutti e due sono stati anche nominati vicepresidenti, il primo per le attività non assicurative e il secondo per quelle assicurative. L'oracolo di Omaha, al comando dell'azienda da oltre 50 anni, manterrà i suoi ruoli di amministratore delegato e presidente e il suo partner storico Charlie Munger resterà vicepresidente.

Per chi segue le sorti di un gruppo attivo nei settori più disparati, dalle assicurazioni alle ferrovie, la promozione di Abel e Jain conferma quanto era implicitamente emerso due anni fa nella lettera annuale agli azionisti; in essa il 94enne Munger aveva fatto capire che Abel (Ceo di Berkshire Hathaway Energy) e Jain (l'executive più importante del ramo assicurativo dell'azienda) potevano giocarsi la successione di Buffett. L'azienda non aveva mai confermato. Nell'assemblea annuale con i soci, Buffett aveva suggerito che il passaggio di testimone sarebbe avvenuto con lui ancora in vita e che il suo successore dovrà spendere il cash del gruppo, cresciuto a colpi di acquisizioni.

Oggi, in una intervista a Cnbc, Buffett ha ammesso che i due executive "sono figure chiave" nel piano di successione e che lui non si aspetta di essere al comando del gruppo per più di 10 anni. Il celebre investitore, 87 anni, ha spiegato di godere di "un'ottima salute" e che comunicherebbe immediatamente ai soci qualsiasi problema su questo fronte (nel 2012 fu curato per un cancro alla prostata). Alla sua età, ha ammesso, "10 anni sarebbero tanti" per restare nel suo ruolo attuale. "Quando vedo il dottore, gli dico 'garantiscimi i prossimi cinque anni'". Buffett non sembra dunque spaventato dalla sua età, visto che ha detto che "il periodo di transizione potrebbe durate per molto tempo". La mossa annunciata oggi è giudicata "positiva sia per Berkshire sia per lui".

Wall Street sembra credere che il futuro Ceo di Berkshire sarà il più giovane dei due potenziali successori di Buffett. "Secondo noi, il probabile successore, lodato regolarmente da Warren Buffett, è Greg Abel", scrisse JP Morgan in un rapporto lo scorso settembre. Allora Sarah DeWitt, analista della banca guidata da Jamie Dimon, scrisse anche che "Ajit Jain potrebbe essere a sua volta un potenziale successore ma la sua età potrebbe preculedere" un tale scenario.

Chiunque prenderà le redini di un groppo composto da una sessantina di aziende si occuperà delle attività operative della conglomerata. Come fu già indicato da Buffett in passato, le sue attuali responsabilità verranno divise in tre: le scelte di investimento finiranno nelle mani di due hedge fund manager reclutati dal celebre investitore, Todd Combs e Ted Weschler. Il figlio dell'oracolo di Omaha, Howard, diventerà presidente. Resta da capire chi si siederà sulla poltrona di Ceo.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.