Pressing di oltre 100 Ceo sul Congresso Usa per salvare i Dreamers

C'è tempo fino al 19 gennaio, quando va trovato un accordo per evitare la paralisi del governo Usa. Intanto retate in un centinaio di minimarket a caccia di lavoratori illegali

Gli amministratori delegati di oltre 100 tra grandi aziende e organizzazioni commerciali americane stanno intensificando il loro pressing sul Congresso Usa affinché approvi entro la fine della settimana prossima una legislazione che protegga le persone che vivono in Usa senza permesso di soggiorno e dove vi arrivarono da bambini. Il tutto succede mentre le forze dell'ordine chiamate a lottare contro l'immigrazione illegale ieri hanno compiuto una serie di retate in quasi un centinaio di negozi a marchio 7-Eleven in 18 Stati americani per stanare chi dà lavoro a migranti privi dei documenti necessari. Ventuno persone sospettate di trovarsi illecitamente in Usa sono state arrestate. E' stata l'azione più forte ad essere stata compiuta direttamente nei posti di lavoro da quando Donald Trump è diventato presidente Usa il 20 gennaio 2017.

La lettera al Congresso dei Ceo d'America
Sul primo fronte, i numeri uno di gruppi come Apple, Amazon, Ibm, General Motors, Facebook, Dropbox e Blackstone hanno inviato una lettera alla leadership del Parlamento statunitense nella quale calcolano un impatto negativo di 215 miliardi di dollari sul Pil americano se verrà permessa la scadenza di Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), un programma in vigore dal 2012 e voluto da Barack Obama per proteggere dall'espulsione i cosiddetti "Dreamers".

Nella missiva, che oggi comparirà sulle pagine dei principali quotidiani statunitensi, si legge che "il termine imminente del programma Daca sta creando una crisi incombente per la forza lavoro in tutto il Paese. Se non si agisce in tempo, le aziende perderanno talento di valore provocando problemi nella forza lavoro e risultando in costi significativi".

C'è tempo fino al 19 gennaio prossimo anche se Daca sarà in vigore fino al 5 marzo prossimo. La scadenza più vicina è dovuta al fatto che tra due venerdì i legislatori Usa dovranno trovare una soluzione per evitare una paralisi di governo, il cosiddetto shutdown. Il punto è che l'immigrazione è diventato un nocciolo duro delle trattative tra la maggioranza repubblicana a Capitol Hill e la minoranza democratica, trattative con cui si punta a continuare a finanziare il governo. I democratici vogliono usare lo spettro dello shutdown - che avrebbe ricadute sui mercati finanziari - per infilare nella legislazione una soluzione sui Dreamers. I repubblicani preferirebbero tenere le due questioni separate.

A complicare il quadro è stata una decisione di un tribunale della California, che ha bloccato temporaneamente l'abrogazione, decisa dalla nuova amministrazione nel settembre 2017, di Daca. Trump ha reagito dicendo che il sistema giudiziario statunitense è "guasto e ingiusto". E ha reso ancora più confusa la situazione dicendo che ogni accordo deve comprendere i fondi per finanziare il suo "bellissimo muro" che vorrebbe costruire lungo il confine tra Usa e Messico.

Retate in un centinaio di minimarket
Tornando alle retate nei negozi 7-Eleven, Thomas Homan, direttore ad interim dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE) - agenzia parte del dipartimento per la Sicurezza nazionale - ha dichiarato in una nota che "le azioni di oggi (ieri, ndr) inviano un messaggio forte alle aziende americane che assumono e danno lavoro a una forza lavoro illegale: l'Ice farà applicare la legge e se qualcuno viene beccato mentre viola la legge, ne pagherà le conseguenze". Questo vale anche per i proprietari di esercizi commerciali.

Altri Servizi

Wall Street attende il summit Trump-Kim

Venerdì, si è conclusa la migliore settimana da marzo
iStock

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

AP

"Gli attivisti per definizione hanno una visione di breve termine ma molte delle cose in cui siamo coinvolti non sono soluzioni di breve termine, al contrario di quanto si pensi". Lo ha detto Paul Singer, l'investitore attivista a capo di Elliott e particolarmente dinamico in Europa (Italia inclusa).

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

Dalla Puglia al Diamond district a Manhattan. Sara Greco, 35enne designer di gioielli ha scelto New York per concretizzare una passione coltivata sin da adolescente nei laboratori di provincia intorno a Lecce, da dove viene. Con una velocità tipica della città che non dorme mai, Greco si è adattata all'arte americana del gioiello per promuovere il suo motto: “Arte Sensibile. Perfezione Irregolare”.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.