Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

"C'è un risultato chiaro e incontrovertibile: Bernie Sanders è il favorito e gli attuali numeri non rappresentano il suo tetto, ma la sua base, con spazio ancora per crescere" ha commentato il sondaggista democratico Peter Hart, che ha condotto la rilevazione insieme al repubblicano Bill McInturff di Public Opinion Strategies. Nel sondaggio, Sanders risulta in testa con il sostegno del 27% degli elettori, come a gennaio; Biden, invece, è sceso dal 26 al 15 per cento. Il sondaggio ha un margine di errore del 4,75 per cento.

Al terzo posto, con il 14%, la senatrice Elizabeth Warren (che ha perso un punto percentuale) è stata raggiunta da Bloomberg (+5 punti). In crescita anche Pete Buttigieg, il candidato che finora ha ottenuto più delegati nella corsa verso la nomination, salito di 6 punti al 13 per cento. Guadagna consensi anche la senatrice Amy Klobuchar, convincente nell'ultimo dibattito e capace di conquistare dei delegati in Iowa e New Hampshire, salita dal 5 al 7 per cento.

Biden resta in testa tra gli elettori afroamericani, ma il suo consenso è sceso dal 52 al 38 per cento, un segnale non confortante in vista delle primarie in South Carolina del 29 febbraio. Per quanto riguarda Trump, il tasso di approvazione è salito dal 46 al 47 per cento, toccando i massimi nei sondaggi condotti da Nbc News/Wall Street Journal.

Stasera, intanto, è in programma il nono dibattito tra i candidati democratici a Las Vegas, in vista dei caucus del Nevada del 22 febbraio. Per ottenere la nomination durante la convention nazionale, serve conquistare 1.990 delegati "impegnati". Al momento, dopo i caucus in Iowa e le primarie in New Hampshire, Buttigieg è in testa con 22 delegati; seguono Sanders con 21, Warren con 8, Klobuchar con 7 e Biden con 6.

Altri Servizi

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Il mese scorso, le aziende statunitensi hanno cominciato a licenziare, a cauda dell'emergenza coronavirus, i cui effetti saranno più visibili nei prossimi mesi; la disoccupazione è salita dai minimi degli ultimi 50 anni a un livello superiore a quello atteso dagli esperti. Negli Stati Uniti, a marzo sono stati persi 701.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una riduzione di 10.000 posti di lavoro. La disoccupazione è salita dal 3,5% al 4,4%, contro attese per un 3,7 per cento.

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP