I primi 100 giorni di 'apprendistato' di Donald Trump

Nonostante i pochi risultati concreti Trump sta 'imparando' a fare il presidente, ne sono una prova soprattutto le sue nuovi posizioni in politica estera. A Steve Bannon si sono sostituiti i generali e i professionisti della politica

A mezzanotte saranno 100. I primi cento giorni di presidenza di Donald Trump: tre mesi e mezzo decisamente intensi e ricchi di colpi di scena. Se è vero che i risultati concreti sono stati piuttosto scarsi, è però altrettanto vero che Donald Trump è cambiato molto nel corso di questo periodo, seguendo una curva di apprendimento molto rapida.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Dalle indagini dell’Fbi sull’interferenze russe ai fallimenti sui decreti sull'immigrazione e sulla riforma sanitaria, dagli attacchi verbali ai media e alle ‘fake news’ a quello militare di una base siriana. 'L'apprendistato' di Donald Trump è passato attraverso diverse prove, che lo hanno trasformato da magnate dell’edilizia newyorchese a Commander in Chief degli Stati Uniti d’America. E’ lungo questo percorso infatti che ha maturato le scelte di ribadire il proprio impegno alla Nato, il ruolo della leadership americana a livello internazionale, il sostegno all’Europa e la rottura con Mosca. Una svolta di 180° rispetto alle posizioni espresse durante la campagna elettorale e i primi giorni alla Casa Bianca.

A ricoprire un ruolo fondamentale in questa metamorfosi sono state le persone di cui si è circondato. Ad affiancare il Trump 'acerbo' dei primi tempi erano l’ideologo dell’estrema destra Steve Bannon e la sua squadra, a cui si sono però lentamente sostituiti i tecnici: Steve Mnuchin, segretario al Tesoro e Gary Cohn, capo del consiglio per la Sicurezza Economica; Jim Mattis al dipartimento di Stato, HR McMaster al consiglio per la Sicurezza Nazionale e John Kelly alla Sicurezza Interna. Rispettivamente gli economisti e i militari, a cui si è unito anche l'ex Ceo di Exxon Mobil Rex Tillerson, nei panni del segretario di Stato. I familiari di Trump, in un primo momento vicini al nazionalismo di Bannon, hanno contribuito a spostare gli equilibri unendosi proprio alle file dei tecnici.

Non si può dimenticare tuttavia l’imprevedibilità della figura di Donald Trump, con i suoi repentini cambi di opinione spesso veicolati da un tweet graffiante. Difficile dunque prevedere come saranno i prossimi 100 giorni, ma una cosa è certa: se vorrà portare a termine la riforma fiscale, quella sanitaria e gli altri punti della sua agenda, dovrà essere disposto a collaborare. Perfino con i democratici. Una delle cose che Trump ha imparato nei suoi primi 100 giorni - e soprattutto nelle sue prime sconfitte - è che il bilanciamento dei poteri in America funziona. In poche parole: il presidente propone, ma è il Congresso che dispone.


Canzone del giorno: Sharon Jones & The Dap-Kings -100 Days, 100 Nights

Altri Servizi

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

L'inchiesta pensata per indagare sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sulla potenziale collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi sta subendo un nuovo attacco. A lanciarlo, con l'intento di screditare il Russiagate, è un gruppo di repubblicani convinti che il procuratore speciale Robert Mueller - colui che è a capo delle indagini - abbia ottenuto illegalmente email scambiate dalle persone di cui Trump si era circondato durante il periodo di transizione tra la sua elezione e il suo arrivo alla Casa Bianca.

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.