I primi 100 giorni di 'apprendistato' di Donald Trump

Nonostante i pochi risultati concreti Trump sta 'imparando' a fare il presidente, ne sono una prova soprattutto le sue nuovi posizioni in politica estera. A Steve Bannon si sono sostituiti i generali e i professionisti della politica

A mezzanotte saranno 100. I primi cento giorni di presidenza di Donald Trump: tre mesi e mezzo decisamente intensi e ricchi di colpi di scena. Se è vero che i risultati concreti sono stati piuttosto scarsi, è però altrettanto vero che Donald Trump è cambiato molto nel corso di questo periodo, seguendo una curva di apprendimento molto rapida.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Dalle indagini dell’Fbi sull’interferenze russe ai fallimenti sui decreti sull'immigrazione e sulla riforma sanitaria, dagli attacchi verbali ai media e alle ‘fake news’ a quello militare di una base siriana. 'L'apprendistato' di Donald Trump è passato attraverso diverse prove, che lo hanno trasformato da magnate dell’edilizia newyorchese a Commander in Chief degli Stati Uniti d’America. E’ lungo questo percorso infatti che ha maturato le scelte di ribadire il proprio impegno alla Nato, il ruolo della leadership americana a livello internazionale, il sostegno all’Europa e la rottura con Mosca. Una svolta di 180° rispetto alle posizioni espresse durante la campagna elettorale e i primi giorni alla Casa Bianca.

A ricoprire un ruolo fondamentale in questa metamorfosi sono state le persone di cui si è circondato. Ad affiancare il Trump 'acerbo' dei primi tempi erano l’ideologo dell’estrema destra Steve Bannon e la sua squadra, a cui si sono però lentamente sostituiti i tecnici: Steve Mnuchin, segretario al Tesoro e Gary Cohn, capo del consiglio per la Sicurezza Economica; Jim Mattis al dipartimento di Stato, HR McMaster al consiglio per la Sicurezza Nazionale e John Kelly alla Sicurezza Interna. Rispettivamente gli economisti e i militari, a cui si è unito anche l'ex Ceo di Exxon Mobil Rex Tillerson, nei panni del segretario di Stato. I familiari di Trump, in un primo momento vicini al nazionalismo di Bannon, hanno contribuito a spostare gli equilibri unendosi proprio alle file dei tecnici.

Non si può dimenticare tuttavia l’imprevedibilità della figura di Donald Trump, con i suoi repentini cambi di opinione spesso veicolati da un tweet graffiante. Difficile dunque prevedere come saranno i prossimi 100 giorni, ma una cosa è certa: se vorrà portare a termine la riforma fiscale, quella sanitaria e gli altri punti della sua agenda, dovrà essere disposto a collaborare. Perfino con i democratici. Una delle cose che Trump ha imparato nei suoi primi 100 giorni - e soprattutto nelle sue prime sconfitte - è che il bilanciamento dei poteri in America funziona. In poche parole: il presidente propone, ma è il Congresso che dispone.


Canzone del giorno: Sharon Jones & The Dap-Kings -100 Days, 100 Nights

Altri Servizi

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo