Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.

Negli Stati Uniti sono andati in fumo 33.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 80.000 unità. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è sceso dal 4,4% al 4,2%, mentre la previsione era per un dato invariato.

Secondo gli esperti, la perdita di posti di lavoro di settembre è appunto legata agli uragani e non deve essere interpretata come una battuta d'arresto strutturale dell'occupazione americana: sul dato ha pesato il cattivo andamento della ristorazione e di altri settori che risentono del passaggio di Harvey e Irma. Infatti, i numeri di agosto sono stati rivisti al rialzo da +156.000 a +169.000 posti di lavoro creati, con una media mensile di 172.000 unità nei dodici mesi ad agosto.

Inoltre, escludendo il calo di settembre, negli Stati Uniti sono stati creati posti di lavoro ogni mese da ottobre 2010, cosa che ha consentito di riassorbire i quasi 16 milioni di posti andati in fumo durante la recessione (è stata la serie migliore da quella registrata tra il 1986 e il 1990).

A questo si aggiunge il fatto che, come detto, il tasso di disoccupazione è calato dal 4,4 al 4,2%, un livello che non si vedeva dall'inizio del 2001 e che è del 3% più basso rispetto da agosto 2013, quando si attestava al 7,2%, ed è all'interno della media tra il 4 e il 5% di prima della recessione.  La Federal reserve considera come tollerabile un valore di lungo termine non superiore al 5,5%.

In buona sostanza, secondo gli analisti il dato non modifica lo scenario economico, motivo per cui la Banca centrale americana continua ad avere basi solide per proseguire con la progressiva normalizzazione della politica monetaria (la Banca centrale ha alzato due volte i tassi quest'anno, a marzo e giugno, all'attuale range tra 1 e 1,25% e potrà stringere ulteriormente le maglie entro fine anno). Nel 2016 erano stati creati in media 187.000 posti al mese, contro la media di 225.000 del 2015 e di 260.000 del 2014 (2014 e 2015 sono stati gli anni migliori dal 1999). Secondo gli analisti occorrono circa 145.000 nuovi posti al mese per rafforzare in modo adeguato il mercato del lavoro.

La partecipazione alla forza lavoro, che si attesta attorno ai minimi in 40 anni, è salita al 63,1%, sopra il minimo da ottobre 1977, pari a 62,4%, ma al di sotto del 66% di prima della recessione. In rialzo i salari orari, che sono saliti di 12 centesimi, lo 0,45%, a 26,55 dollari rispetto al mese precedente, mentre su base annuale sono saliti del 2,9%, sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è rimasta ferma a 34,4 ore, livello attorno a cui si attesta da vari mesi.

Da segnalare che le perdite più consistenti di posti di lavoro si sono avute nel settore della ristorazione (-105.000) e manifatturiero (-1.000), mentre sono stati creati nuovi occupati nella sanità (+23.000), nelle attività finanziarie (+10.000) e nei trasporti (+22.000).

Includendo anche i 5,1 milioni di americani che si accontentano di un lavoro part-time (in calo dai 5,3 milioni precedenti) e i 421.000 scoraggiati (132.000 in meno dal mese precedente) il tasso disoccupazione si è attestato all'8,3%, contro l'8,6% del mese precedente. I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) erano circa 1,7 milioni, come il mese precedente, e rappresentano il 25,5% del totale, meno del 25,9% del mese precedente.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP