Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.

Negli Stati Uniti sono andati in fumo 33.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 80.000 unità. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è sceso dal 4,4% al 4,2%, mentre la previsione era per un dato invariato.

Secondo gli esperti, la perdita di posti di lavoro di settembre è appunto legata agli uragani e non deve essere interpretata come una battuta d'arresto strutturale dell'occupazione americana: sul dato ha pesato il cattivo andamento della ristorazione e di altri settori che risentono del passaggio di Harvey e Irma. Infatti, i numeri di agosto sono stati rivisti al rialzo da +156.000 a +169.000 posti di lavoro creati, con una media mensile di 172.000 unità nei dodici mesi ad agosto.

Inoltre, escludendo il calo di settembre, negli Stati Uniti sono stati creati posti di lavoro ogni mese da ottobre 2010, cosa che ha consentito di riassorbire i quasi 16 milioni di posti andati in fumo durante la recessione (è stata la serie migliore da quella registrata tra il 1986 e il 1990).

A questo si aggiunge il fatto che, come detto, il tasso di disoccupazione è calato dal 4,4 al 4,2%, un livello che non si vedeva dall'inizio del 2001 e che è del 3% più basso rispetto da agosto 2013, quando si attestava al 7,2%, ed è all'interno della media tra il 4 e il 5% di prima della recessione.  La Federal reserve considera come tollerabile un valore di lungo termine non superiore al 5,5%.

In buona sostanza, secondo gli analisti il dato non modifica lo scenario economico, motivo per cui la Banca centrale americana continua ad avere basi solide per proseguire con la progressiva normalizzazione della politica monetaria (la Banca centrale ha alzato due volte i tassi quest'anno, a marzo e giugno, all'attuale range tra 1 e 1,25% e potrà stringere ulteriormente le maglie entro fine anno). Nel 2016 erano stati creati in media 187.000 posti al mese, contro la media di 225.000 del 2015 e di 260.000 del 2014 (2014 e 2015 sono stati gli anni migliori dal 1999). Secondo gli analisti occorrono circa 145.000 nuovi posti al mese per rafforzare in modo adeguato il mercato del lavoro.

La partecipazione alla forza lavoro, che si attesta attorno ai minimi in 40 anni, è salita al 63,1%, sopra il minimo da ottobre 1977, pari a 62,4%, ma al di sotto del 66% di prima della recessione. In rialzo i salari orari, che sono saliti di 12 centesimi, lo 0,45%, a 26,55 dollari rispetto al mese precedente, mentre su base annuale sono saliti del 2,9%, sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è rimasta ferma a 34,4 ore, livello attorno a cui si attesta da vari mesi.

Da segnalare che le perdite più consistenti di posti di lavoro si sono avute nel settore della ristorazione (-105.000) e manifatturiero (-1.000), mentre sono stati creati nuovi occupati nella sanità (+23.000), nelle attività finanziarie (+10.000) e nei trasporti (+22.000).

Includendo anche i 5,1 milioni di americani che si accontentano di un lavoro part-time (in calo dai 5,3 milioni precedenti) e i 421.000 scoraggiati (132.000 in meno dal mese precedente) il tasso disoccupazione si è attestato all'8,3%, contro l'8,6% del mese precedente. I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) erano circa 1,7 milioni, come il mese precedente, e rappresentano il 25,5% del totale, meno del 25,9% del mese precedente.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

Russiagate, Trump pagherà le spese dei suoi collaboratori (mentre le sue le paga il partito)

Il comitato nazionale repubblicano ha speso circa 430.000 dollari per gli avvocati del presidente e del figlio maggiore; Trump ha promesso di fornire la stessa cifra per pagare una parte dei conti legali del suo staff

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe promesso di pagare personalmente una parte delle spese legali che i suoi collaboratori stanno sostenendo per difendersi, nell'ambito delle indagini sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali. Si tratterebbe di almeno 430.000 dollari, secondo la fonte del sito Axios.

Carter, l'ex presidente Usa pronto a lavorare con Trump

Il 39esimo capo di Stato vorrebbe aiutare la Casa Bianca con la Corea del Nord, ma finora il suo aiuto è stato rifiutato. In un'intervista al New York Times, ha poi criticato Obama. E sulla protesta nella Nfl: "Vorrei i giocatori in piedi per l'inno"

C'è un ex presidente degli Stati Uniti che non vede l'ora di lavorare con Donald Trump. Eppure è un democratico, tra l'altro etichettato dall'attuale presidente come "uno dei peggiori presidenti nella storia del Paese". Ma i miracoli possono accadere e nessuno lo sa meglio di Jimmy Carter, che 40 anni fa, contro tutte le previsioni, passò dalla sua azienda di arachidi alla Casa Bianca e, due anni fa, ancora contro tutte le previsioni, ha sconfitto un cancro al cervello.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Da quando Steve Bannon ha lasciato la Casa Bianca, abbandonando la sua posizione di super consigliere del presidente americano, sembra che sia ancora più presente nella vita di Donald Trump. Secondo diverse fonti interne citate dal Washington Post, i due si sentirebbero più volte ogni settimana, via telefono. In che modo? Secondo il quotidiano è Trump a chiamare Bannon, che è tornato a guidare il sito di estrema destra Breitbart e di recente ha dichiarato guerra all'establishment repubblicano, sostenendo candidati dell'alt-right. Le telefonate partono da Trump, che usa questo trucco per aggirare i controlli delle Casa Bianca, visto che tutte le chiamate in entrata passano dall'ufficio del capo dello staff, John Kelly.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Da settimana prossima saranno disponibili per la consultazione oltre 3.000 documenti finora classificati che fanno riferimento all'assassinio del presidente John Kennedy, avvenuto nel 1963. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump su Twitter. I documenti fanno parte del National Archive americano e hanno avuto il via libera alla pubblicazione dal Congresso. Tuttavia alcune agenzie federali - di cui non sono stati rivelati i nomi - avevano dato il loro parere contrario alla declassificazione.

Scandalo sessuale, il futuro della Weinstein Company resta incerto

I successi del passato non contano più. Ci sono due possibilità: dichiarare bancarotta o essere acquistati da un'altra società

Le donne che accusano Harvey Weinstein di molestie e violenze sessuali sono ormai più di sessanta, dopo il reportage del New York Times del 5 ottobre, che ha scoperchiato un vaso di Pandora. Il comportamento del produttore cinematografico era così noto a tutti, a Hollywood, che persino il suo contratto di lavoro con la società che aveva fondato con il fratello, la Weinstein Co., era stato scritto in modo che gli consentisse di mantenere il suo incarico anche in caso di cause legali contro di lui per molestie sessuali, come ha reso noto, giorni fa, il sito Tmz. Dopo lo scoppio dello scandalo, la Weinstein Co. lo ha però licenziato, nella speranza di prenderne le distanze e salvarsi; lo scandalo, però, sta ricadendo pesantemente sulla società: progetti accantonati, dipendenti che fuggono, consiglio di amministrazione abbandonato da due membri su tre.

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Sembrano John Taylor e Jerome Powell i favoriti da Donald Trump per il vertice della Federal Reserve. Si tratta rispettivamente di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba' ma favorevole a un allentamento della regolamentazione finanziaria. Lo ha fatto capire il presidente americano stesso, chiamato a decidere se confermare l'attuale governatore Janet Yellen - il cui mandato scadrà a febbraio - o se sostituirla con qualcun altro.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.