Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.

Negli Stati Uniti sono andati in fumo 33.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano un aumento di 80.000 unità. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è sceso dal 4,4% al 4,2%, mentre la previsione era per un dato invariato.

Secondo gli esperti, la perdita di posti di lavoro di settembre è appunto legata agli uragani e non deve essere interpretata come una battuta d'arresto strutturale dell'occupazione americana: sul dato ha pesato il cattivo andamento della ristorazione e di altri settori che risentono del passaggio di Harvey e Irma. Infatti, i numeri di agosto sono stati rivisti al rialzo da +156.000 a +169.000 posti di lavoro creati, con una media mensile di 172.000 unità nei dodici mesi ad agosto.

Inoltre, escludendo il calo di settembre, negli Stati Uniti sono stati creati posti di lavoro ogni mese da ottobre 2010, cosa che ha consentito di riassorbire i quasi 16 milioni di posti andati in fumo durante la recessione (è stata la serie migliore da quella registrata tra il 1986 e il 1990).

A questo si aggiunge il fatto che, come detto, il tasso di disoccupazione è calato dal 4,4 al 4,2%, un livello che non si vedeva dall'inizio del 2001 e che è del 3% più basso rispetto da agosto 2013, quando si attestava al 7,2%, ed è all'interno della media tra il 4 e il 5% di prima della recessione.  La Federal reserve considera come tollerabile un valore di lungo termine non superiore al 5,5%.

In buona sostanza, secondo gli analisti il dato non modifica lo scenario economico, motivo per cui la Banca centrale americana continua ad avere basi solide per proseguire con la progressiva normalizzazione della politica monetaria (la Banca centrale ha alzato due volte i tassi quest'anno, a marzo e giugno, all'attuale range tra 1 e 1,25% e potrà stringere ulteriormente le maglie entro fine anno). Nel 2016 erano stati creati in media 187.000 posti al mese, contro la media di 225.000 del 2015 e di 260.000 del 2014 (2014 e 2015 sono stati gli anni migliori dal 1999). Secondo gli analisti occorrono circa 145.000 nuovi posti al mese per rafforzare in modo adeguato il mercato del lavoro.

La partecipazione alla forza lavoro, che si attesta attorno ai minimi in 40 anni, è salita al 63,1%, sopra il minimo da ottobre 1977, pari a 62,4%, ma al di sotto del 66% di prima della recessione. In rialzo i salari orari, che sono saliti di 12 centesimi, lo 0,45%, a 26,55 dollari rispetto al mese precedente, mentre su base annuale sono saliti del 2,9%, sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è rimasta ferma a 34,4 ore, livello attorno a cui si attesta da vari mesi.

Da segnalare che le perdite più consistenti di posti di lavoro si sono avute nel settore della ristorazione (-105.000) e manifatturiero (-1.000), mentre sono stati creati nuovi occupati nella sanità (+23.000), nelle attività finanziarie (+10.000) e nei trasporti (+22.000).

Includendo anche i 5,1 milioni di americani che si accontentano di un lavoro part-time (in calo dai 5,3 milioni precedenti) e i 421.000 scoraggiati (132.000 in meno dal mese precedente) il tasso disoccupazione si è attestato all'8,3%, contro l'8,6% del mese precedente. I disoccupati di lungo termine (quelli senza lavoro da almeno 27 settimane) erano circa 1,7 milioni, come il mese precedente, e rappresentano il 25,5% del totale, meno del 25,9% del mese precedente.

Altri Servizi

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.