Processo Trump, tre 'superstar' del diritto difenderanno il presidente

Kenneth Starr e Robert Ray sono gli ex procuratori dell'impeachment contro Clinton; Dershowitz difese O.J. Simpson, assolto dall'accusa di duplice omicidio
ap

Il collegio difensivo del presidente statunitense, Donald Trump, si arricchisce di tre 'superstar' del diritto, segno della sua volontà di arrivare a una piena assoluzione: non solo in Senato, dove appare scontata, ma anche davanti al 'tribunale del popolo', quello costituito dai talk show televisivi e radiofonici.

Il loro ingresso non è ancora ufficiale, ma per i media statunitensi non ci sono dubbi: a difendere Trump dalle accuse di abuso di potere e intralcio alla giustizia saranno anche Kenneth Starr e Robert Ray, il cui lavoro da procuratori portò all'impeachment contro l'allora presidente Bill Clinton, e il professore di Harvard Alan Dershowitz, noto avvocato costituzionalista che ha difeso, tra gli altri, la star O.J. Simpson, assolto dall'accusa di aver ucciso la moglie e un suo amico.

I primi due potranno mettere a disposizione della Casa Bianca l'esperienza maturata due decenni fa, mentre il compito di Dershowitz sarà quello di mettere in dubbio la costituzionalità del procedimento. Dershowitz, secondo i media, è particolarmente apprezzato da Trump per i suoi interventi televisivi considerati molto efficaci; nell'entourage presidenziale, però, c'è chi teme che il fatto che l'avvocato abbia difeso Jeffrey Epstein, il finanziere condannato per abusi sessuali e sfruttamento della prostituzione, morto suicida in carcere ad agosto, possa incidere negativamente. Anche Starr, in passato, difese Epstein.

Il team legale di Trump sarà guidato da Pat Cipollone, consigliere della Casa Bianca, e ne farà parte anche l'avvocato personale del presidente, Jay Sekulow. Martedì prossimo il processo entrerà nel vivo: il presidente è accusato di aver abusato del suo potere per spingere l'Ucraina a perseguire i suoi rivali politici e di aver intralciato il lavoro del Congresso, bloccando la testimonianza di alcuni membri del governo e rifiutandosi di consegnare i documenti richiesti dalla Camera nell'ambito delle indagini.

Trump, secondo l'accusa, ha abusato del suo potere trattenendo quasi 400 milioni di dollari in aiuti destinati all'Ucraina e promettendo un incontro alla Casa Bianca per convincere Kiev a indagare sull'ex vicepresidente Joe Biden. Trump è il terzo presidente statunitense a subire un processo, dopo Andrew Johnson (1868) e Bill Clinton (1999); entrambi i presidenti furono assolti. Richard Nixon, nel 1974, si dimise - primo e unico presidente a farlo - prima che la Camera votasse il suo impeachment.

La Costituzione richiede la maggioranza semplice alla Camera per la messa in stato d'accusa - alla Camera, i democratici detengono la maggioranza - e una maggioranza di due terzi in Senato per la condanna e la rimozione - in questo caso - del presidente (l'impeachment può riguardare qualsiasi "funzionario civile degli Stati Uniti"). In Senato, 53 seggi su 100 sono in mano al partito repubblicano: questo significa che servirebbe il voto di almeno 20 repubblicani per rimuovere Trump.

Altri Servizi

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Il presidente della Fed, Jerome Powell, atteso da un'altra giornata di testimonianza in Congresso
AP

Usa 2020, primarie in New Hampshire: sorpresa Klobuchar?

Salita al terzo posto nei sondaggi, da lei i 'delusi' di Biden
AP

Amy Klobuchar potrebbe essere la sorpresa delle primarie in New Hampshire, e non solo. La senatrice del Minnesota, sempre convincente nei dibattiti, sta cominciando a riempire i luoghi dei suoi comizi e molti analisti credono che possa togliere molti voti all'ex vicepresidente Joe Biden, in caduta libera in New Hampshire e superato per la prima volta dal senatore Bernie Sanders in un sondaggio nazionale. Potrebbe essere lei, insomma, la candidata dei moderati.

Usa 2020, caucus Iowa: Sanders chiederà il riconteggio

Assegnati 14 delegati a Buttigieg, 12 al senatore del Vermont
Ap

Lo staff elettorale del senatore statunitense Bernie Sanders ha detto che chiederà il 'riconteggio' dei voti ai caucus dell'Iowa, dopo che il partito democratico ha comunicato l'assegnazione dei delegati statali equivalenti (SDE) e del corrispondente numero di delegati alla convention nazionale. L'ex sindaco Pete Buttigieg ha ottenuto 14 delegati "impegnati" (a rispettare il voto popolare), mentre il senatore Bernie Sanders, che è stato il più votato, ne ha ottenuti 12. La senatrice Elizabeth Warren ne ha conquistati otto, l'ex vicepresidente Joe Biden sei e la senatrice Amy Klobuchar uno.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi