Procter & Gamble migliora l'outlook dopo trimestre con vendite forti

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Nei tre mesi al 31 dicembre scorso, il produttore di rasoi a marchio Gillette, di pannolini Pampers e, tra gli altri prodotti, di shampoo Pantene ha registrato 3,19 miliardi di dollari di utili, in rialzo del 28% sullo stesso periodo dell'anno precedente. Al netto di voci straordinarie, i profitti sono stati di 1,25 dollari ad azione, sopra le attese degli analisti per 1,21 dollari.

I ricavi sono rimasti intorno a 17,44 miliardi di dollari, colpa di fluttuazioni valutarie sfavorevoli che hanno pesato per il 4%; gli analisti tuttavia si aspettavano un fatturato in calo a 17,15 miliardi. Gli investitori, inoltre, sono concentrati su un'altra misura delle vendite, quelle organiche, da cui sono esclusi gli effetti dei cambi, dei disinvestimenti e delle acquisizioni: in questo caso il dato è cresciuto del 4% in quello che per l'azienda è il secondo trimestre dell'anno fiscale 2019. Il merito va a un aumento dell'1% dei prezzi, che non ha avuto un impatto sui consumi.

P&G ha alzato la parte alta delle sue previsioni di crescita per le vendite organiche, viste salire tra il 2% e il 4% e non più tra il 2% e il 3%. Per l'intero esercizio fiscale, il fatturato è visto tra un calo dell'1% e un rialzo dell'1% contro la precedente attesa per una flessione del 2%. P&G ha confermato le attese per utili per azione core in aumento del 3-9% nel 2019. L'outlook include l'impatto da 1,4 miliardi di dollari di cambi valutari sfavorevoli, di un aumento dei costi delle materie prime e di quelli dei trasporti.

Il titolo al Nyse vola di oltre il 4% nel pre-mercato. Da inizio anno ha perso l'1,6% e negli ultimi 12 mesi ha ceduto l'1,58%.

Altri Servizi

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Wall Street, investitori concentrati sui rapporti Usa-Cina

Giornata priva di spunti macroeconomici
AP

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP