Ron Paul in pillole

Il più anziano dei candidati repubblicani, beniamino dei libertari. Forte in Iowa, ma le chance di vincere la nomination sono poche

Ronald Ernest "Ron" Paul è nato il 20 agosto 1935 a Pittsburgh in Pennsylvania da famiglia di origine tedesca e irlandese.

La laurea:
Biologia, poi in medicina alla prestigiosa Duke University. Specializzato in ginecologia e ostetricia.

Servizio militare:
Oltre a Rick Perry è l'unico candidato ad aver fatto il militare: ufficiale medico in aeronautica dal 1963 al 1968, si congeda col grado di capitano. A differenza di Perry non era volontario ma chiamato alle armi.

Religione:
Un percorso attraverso tre diversi protestantesimi. Nato da devoti luterani, da ragazzo pensava di fare il sacerdote. Sposato con rito episcopale, ma poi si converte con la moglie alla religione battista perché deluso dagli episcopali. Va in chiesa regolarmente ma non ama parlare di fede in pubblico.

Matrimonio:
Sposato a 21 anni con Carolyn “Carol” Wells. Hanno cinque figli: Ronald junior, Lori, Randal (detto Rand, oggi senatore), Robert e Joy. Più 17 nipotini.

Carriera:
Quest'elezione è la terza volta che ci prova: nel 1988 fu candidato del Libertarian Party (0,5% del voto) e nel 2008 repubblicano (ritirato in giugno ma dopo aver raccolto ben 28 milioni). Lunga carriera di deputato cominciata nel 1976: rappresenta un collegio nei sobborghi di Houston dove ha sede parecchia industria petrolifera.

Aborto:
Contrario all'aborto ideologicamente, ma pensa che debbano decidere i singoli stati, non il governo federale. Fatto curioso: ha fatto nascere 4.000 bambini nella sua carriera medica.

Ricerca su cellule staminali embrionali:
Non è contrario, ma non vuole che la finanzi lo stato.

Pena di morte:
Rappresenta lo stato che giustizia più persone di tutta l'America, ma è contrario alla pena capitale e ha lodato papa Giovanni Paolo II per esservisi opposto.

Lavoro:
Vota sistematicamente contro qualunque misura di spesa pubblica per sostenere alcunché ivi compresa l'occupazione. Influenzato dagli economisti Friedrich Hayek e Ludwig von Mises oltre che da Ayn Rand, autrice del romanzo-feticcio dei libertari The Fountainhead in cui i capitalisti scioperano contro le masse.

Unioni gay:
Laissez faire anche qui. Contrario a che i singoli stati vengano costretti ad accettarle, ma anche alla loro proibizione. "Il creatore ci fa individui con dei diritti, ogni individuo deve essere trattato allo stesso modo".

Sanità:
Contrario alla riforma Obama perché non vuole alcun intervento del governo nel mercato della salute. Da medico, spesso non si faceva pagare dai pazienti bisognosi e rifiutava i rimborsi dei programmi federali per la sanità.

Tasse:
Ha giurato che non le alzerà mai. Vuole abolire le imposte sul reddito, riducendo la spesa pubblica a livelli del 2000 e finanziando il governo con accise e tariffe purché non protezioniste.

Deficit:
Li odia anche più delle tasse: non ha mai votato un bilancio che li prevedesse.

Guantanamo:
Da chiudere: "Non ci serve"

Corea del Nord:
Non gli interessa: ha detto che se mai è un problema delle potenze regionali, non degli Stati Uniti.

Iran:
Contrario all'intervento militare.

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

La Cina fa guerra alla Nba: colpa di un tweet su Hong Kong

Il general manager degli Houston Rockets ha espresso sostegno ai manifestanti per la democrazia
Ap

La televisione di Stato CCTV ha deciso di sospendere la trasmissione in Cina delle partite della preseason della Nba. La decisione è frutto di uno scontro iniziato venerd" scorso, quando Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets, squadra della Nba molto seguita in Cina, ha scritto un tweet di sostegno per le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong; il tweet è stato poi cancellato, quando ormai era tardi per evitare l'ira di Pechino.

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Gli Stati Uniti invieranno nuove truppe in Arabia Saudita nonostante i proclami del presidente americano Donald Trump che vorrebbe un minore coinvolgimento militare statunitense in Medio Oriente.

a24

Il tiramisù di Tolmezzo sarà l’ospite d’onore all’Eataly di Chicago domani 9 ottobre. Il celebre dolce sarà utilizzato per promuovere l’enogastronomia regionale del Friuli Venezia Giulia. A raccontare la ricetta del celebre dolce e la sua storia sarà Daniele Macuglia, tolmezzino e Visiting Research Fellow presso il Neubauer Collegium for Culture and Society presso l'Università di Chicago. All’evento saranno presenti anche Sergio Emidio Bini, Consigliere per gli Affari Economici della Regione Friuli Venezia Giulia, e Giovanni Da Pozzo, Presidente della Camera di Commercio di Pordenone – Udine e Promos Italia (Agenzia italiana per l'internazionalizzazione).