Prosegue la guerra di Trump all'Fbi: licenziato l'ex numero 2, a un passo dalla pensione

Andrew McCabe paga il suo legame con Comey e il suo ruolo nelle indagini contro il presidente e contro Clinton: "Mi hanno licenziato per colpire la credibilità dell'inchiesta di Mueller"
AP

Andrew McCabe, ex vicedirettore dell'Fbi, è stato licenziato venerdì sera, a poco più di un giorno dal pensionamento. McCabe si era dimesso alla fine di gennaio da numero 2 del Bureau - viste le enormi pressioni subite dall'amministrazione - ma era restato a libro paga dell'Fbi utilizzando l'aspettativa per arrivare a maturare il diritto alla pensione, il 18 marzo, dopo 21 anni di servizio.

Il licenziamento è solo l'ultimo capitolo di una guerra contro l'Fbi dell'amministrazione Trump, che così sarà ricordata per aver fatto fuori, nel giro di 10 mesi, il direttore (James Comey) e il vicedirettore del Bureau. Una mossa vendicativa, a poche ore dal pensionamento di un veterano dell'Fbi, decisa anche per minare la credibilità dell'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali e sulla possibile collusione tra Mosca e lo staff del presidente Donald Trump, che ha in McCabe un importante testimone.

McCabe, uno dei 'fedelissimi' di James Comey, è stato spesso al centro degli attacchi, pubblici e privati, della Casa Bianca, che lo considera parte di quella macchina governativa, definita il Deep State, che combatterebbe Trump. A luglio, il presidente Donald Trump aveva criticato il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, colpevole di non aver sostituito McCabe, allora direttore pro tempore dell'Fbi: "Perché il segretario Sessions non ha sostituito McCabe, un amico di Comey che era responsabile delle indagini su Clinton (in realtà, aveva il ruolo di supervisore, ndr), ma che ha ricevuto tanti soldi (700.000 dollari) per la candidatura della moglie da Hillary Clinton e dai suoi alleati? Prosciuga la palude!". McCabe, in quanto vicedirettore, era divenuto automaticamente direttore con il licenziamento di Comey. La candidatura al Senato della Virginia di Jill McCabe, nel 2015, fu sostenuta da un comitato di azione politica di Terry McAuliffe, allora governatore democratico della Virginia, molto legato alla famiglia Clinton, con oltre 675.000 dollari.

McCabe è finito in un'indagine interna, non ancora resa pubblica, che ha valutato anche la sua decisione di fornire informazioni ai giornalisti sulle indagini relative alla Fondazione Clinton, nel 2016. L'ispettore generale del dipartimento di Giustizia ha concluso che McCabe non è stato collaborativo durante l'indagine e che ha "mancato di onestà", dando il via a un processo disciplinare che ha raccomandato il suo licenziamento; il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha quindi deciso di accettare la raccomandazione, dando il via libera al licenziamento.

Formalmente, Trump non aveva autorità sulla decisione, visto che McCabe era un agente in carriera e non un dirigente nominato dalla politica, ma la sua opinione era ben chiara a tutti, prima ancora del suo tweet nella notte tra venerd" e sabato: "Andrew McCabe LICENZIATO, un grande giorno per gli uomini e le donne che lavorano duramente per l'Fbi, un grande giorno per la democrazia. Il moralizzatore James Comey era il suo capo, che lo ha fatto sembrare un ragazzo del coro. Sapeva tutto delle bugie e della corruzione che avveniva ai più alti livelli dell'Fbi!".

In un'intervista al New York Times, McCabe ha commentato: "L'idea che sia stato disonesto è semplicemente scorretta. Questo fa parte del tentativo di screditarmi come testimone". McCabe infatti era tra i primi all'Fbi ad aver lavorato ai possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia; inoltre, è un potenziale testimone nelle indagini sulla possibilità che Trump abbia tentato di ostruire la giustizia. Come testimone, McCabe sarebbe nella posizione di corroborare la testimonianza dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey, secondo cui il presidente lo avrebbe invitato a sostenere pubblicamente che lui non aveva avuto alcun ruolo nelle interferenze russe nelle elezioni; inoltre, Trump avrebbe invitato Comey a chiudere le indagini su Michael Flynn, allora consigliere per la sicurezza nazionale, poi costretto alle dimissioni per aver mentito sui suoi rapporti con l'ambasciatore russo.

In un comunicato pubblicato dagli avvocati di McCabe, l'ex vicedirettore ha affermato di essere stato licenziato come parte di una "guerra in corso contro l'Fbi" e Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe e le collusioni tra Mosca e lo staff di Trump. "Sono stato isolato e trattato in questo modo per il ruolo che ho ricoperto, le azioni che ho intrapreso e gli eventi di cui sono stato testimone in seguito al licenziamento di Comey". Il licenziamento a poche ore dal pensionamento impedirà a McCabe di godere pienamente dei benefit previsti dalla pensione, ma ancora non è chiaro quanto questo provvedimento inciderà sulla pensione che percepirà.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.