Prosegue la guerra di Trump all'Fbi: licenziato l'ex numero 2, a un passo dalla pensione

Andrew McCabe paga il suo legame con Comey e il suo ruolo nelle indagini contro il presidente e contro Clinton: "Mi hanno licenziato per colpire la credibilità dell'inchiesta di Mueller"
AP

Andrew McCabe, ex vicedirettore dell'Fbi, è stato licenziato venerdì sera, a poco più di un giorno dal pensionamento. McCabe si era dimesso alla fine di gennaio da numero 2 del Bureau - viste le enormi pressioni subite dall'amministrazione - ma era restato a libro paga dell'Fbi utilizzando l'aspettativa per arrivare a maturare il diritto alla pensione, il 18 marzo, dopo 21 anni di servizio.

Il licenziamento è solo l'ultimo capitolo di una guerra contro l'Fbi dell'amministrazione Trump, che così sarà ricordata per aver fatto fuori, nel giro di 10 mesi, il direttore (James Comey) e il vicedirettore del Bureau. Una mossa vendicativa, a poche ore dal pensionamento di un veterano dell'Fbi, decisa anche per minare la credibilità dell'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali e sulla possibile collusione tra Mosca e lo staff del presidente Donald Trump, che ha in McCabe un importante testimone.

McCabe, uno dei 'fedelissimi' di James Comey, è stato spesso al centro degli attacchi, pubblici e privati, della Casa Bianca, che lo considera parte di quella macchina governativa, definita il Deep State, che combatterebbe Trump. A luglio, il presidente Donald Trump aveva criticato il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, colpevole di non aver sostituito McCabe, allora direttore pro tempore dell'Fbi: "Perché il segretario Sessions non ha sostituito McCabe, un amico di Comey che era responsabile delle indagini su Clinton (in realtà, aveva il ruolo di supervisore, ndr), ma che ha ricevuto tanti soldi (700.000 dollari) per la candidatura della moglie da Hillary Clinton e dai suoi alleati? Prosciuga la palude!". McCabe, in quanto vicedirettore, era divenuto automaticamente direttore con il licenziamento di Comey. La candidatura al Senato della Virginia di Jill McCabe, nel 2015, fu sostenuta da un comitato di azione politica di Terry McAuliffe, allora governatore democratico della Virginia, molto legato alla famiglia Clinton, con oltre 675.000 dollari.

McCabe è finito in un'indagine interna, non ancora resa pubblica, che ha valutato anche la sua decisione di fornire informazioni ai giornalisti sulle indagini relative alla Fondazione Clinton, nel 2016. L'ispettore generale del dipartimento di Giustizia ha concluso che McCabe non è stato collaborativo durante l'indagine e che ha "mancato di onestà", dando il via a un processo disciplinare che ha raccomandato il suo licenziamento; il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha quindi deciso di accettare la raccomandazione, dando il via libera al licenziamento.

Formalmente, Trump non aveva autorità sulla decisione, visto che McCabe era un agente in carriera e non un dirigente nominato dalla politica, ma la sua opinione era ben chiara a tutti, prima ancora del suo tweet nella notte tra venerd" e sabato: "Andrew McCabe LICENZIATO, un grande giorno per gli uomini e le donne che lavorano duramente per l'Fbi, un grande giorno per la democrazia. Il moralizzatore James Comey era il suo capo, che lo ha fatto sembrare un ragazzo del coro. Sapeva tutto delle bugie e della corruzione che avveniva ai più alti livelli dell'Fbi!".

In un'intervista al New York Times, McCabe ha commentato: "L'idea che sia stato disonesto è semplicemente scorretta. Questo fa parte del tentativo di screditarmi come testimone". McCabe infatti era tra i primi all'Fbi ad aver lavorato ai possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia; inoltre, è un potenziale testimone nelle indagini sulla possibilità che Trump abbia tentato di ostruire la giustizia. Come testimone, McCabe sarebbe nella posizione di corroborare la testimonianza dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey, secondo cui il presidente lo avrebbe invitato a sostenere pubblicamente che lui non aveva avuto alcun ruolo nelle interferenze russe nelle elezioni; inoltre, Trump avrebbe invitato Comey a chiudere le indagini su Michael Flynn, allora consigliere per la sicurezza nazionale, poi costretto alle dimissioni per aver mentito sui suoi rapporti con l'ambasciatore russo.

In un comunicato pubblicato dagli avvocati di McCabe, l'ex vicedirettore ha affermato di essere stato licenziato come parte di una "guerra in corso contro l'Fbi" e Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe e le collusioni tra Mosca e lo staff di Trump. "Sono stato isolato e trattato in questo modo per il ruolo che ho ricoperto, le azioni che ho intrapreso e gli eventi di cui sono stato testimone in seguito al licenziamento di Comey". Il licenziamento a poche ore dal pensionamento impedirà a McCabe di godere pienamente dei benefit previsti dalla pensione, ma ancora non è chiaro quanto questo provvedimento inciderà sulla pensione che percepirà.

Altri Servizi

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Crisi nordcoreana, per Trump "C’è ancora molta strada da fare"

Tweet del presidente americano secondo cui gli Stati Uniti non hanno ceduto su nulla

A distanza di poche ore dall’annuncio della Corea del Nord di mettere fine ai test nucleari, ai test con i missili intercontinentali e alla chiusura di alcuni siti per i test atomici, Donald Trump è intervenuto sostenendo che "c’è ancora molta strada da fare" per risolvere la crisi nordcoreana. Il presidente americano ha twittato spiegando agli americani che "noi non abbiamo ceduto su nulla" nei negoziati sul programma nucleare di Pyongyang.  

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.

Nashville, uomo seminudo spara in un locale: 4 morti e due feriti

Il killer, ancora in fuga, è stato identificato dalle autorità

Un uomo seminudo è entrato in un locale della catena Waffle House alla periferia di Nashville, in Tennessee, aprendo il fuoco sui presenti con un fucile d’assalto AR-15. Il bilancio è di 4 morti e due feriti. Il killer, ancora in fuga è stato identificato dalla polizia che ha lanciato un appello per individuarlo e catturarlo: si tratterebbe di Travis Reinking, 29enne di Morton, in Illinois.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.