Prostitute e tangenti russe, le informazioni esplosive su Trump che lui nega

Nessuno, nemmeno l'intelligence Usa che lo avrebbe informato, ha saputo confermare la veriditicità di un dossier curato da una ex spia britannica per conto dei critici del miliardario. L'Fbi indaga. Lui attacca: "Notizie false - caccia alle streghe"

Video di incontri sessuali con prostitute risalenti al 2013 e suggellati in un hotel di Mosca. Tangenti mascherate in proposte di affari assai redditizi fatte da funzionari russi. Incontri tra suoi rappresentanti e uomini del Cremlino avvenuti nel 2016 per discutere di interessi comuni, incluso l'hackeraggio a danno del partito democratico e del presidente della campagna di Hillary Clinton; John Podesta. Sono queste le informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma non confermate da nessuno - che hanno travolto Donald Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America. Mentre a Washington non si parlava di altro, i democratici chiedevano un'inchiesta e l'Fbi indagava. Dalla Trump Tower di New York il diretto interessato - a soli 10 giorni dal suo giuramento come 45esimo Commander in chief e alla vigilia della sua prima conferenza da quando ha vinto le elezioni l'8 novembre scorso - negava la bomba ossia che la Russia ha cercato non solo di coltivare rapporti con lui ma anche di rastrellare materiale con cui potenzialmente ricattarlo.

"Notizie false", ha tuonato il presidente eletto su Twitter a caratteri cubitali. "Una caccia alle streghe totalmente politica", ha aggiunto ricorrendo a un'espressione non nuova.

Secondo Cnn, i vertici dell'intelligence Usa venerdì 6 gennaio hanno presentato a Trump non solo documenti per dimostrare l'interferenza russa ordinata da Vladimir Putin nelle elezioni presidenziali ma anche, alla fine di quei documenti, due pagine che riassumevano quelle informazioni esplosive. Non è dato sapere se nel loro incontro - allora definito "costruttivo" da Trump - abbiano parlato di quelle due pagine. Kellyanne Conway, l'ex manager della campagna Trump e prossima sua consulente senior alla Casa Bianca, ha negato tutto: durante lo show "Late Night" con Seth Meyers ha sottolineato che "nulla è stato confermato" e che Trump "non ne sapeva nulla".

Quelle pagine comunque cruciali si basano su un dossier di 35 pagine pubblicato da BuzzFeed ma di cui WikiLeaks non ha voluto fare l'endorsement evidentemente dubitandone l'accuratezza, una caratteristica che il sito fondato da Julian Assange ha invece sempre vantato per il materiale pubblicato dall'organizzazione stessa e che ha travolto appunto il partito democratico e Podesta. Quel dossier è composto da memo scritti durante almeno l'ultimo anno elettorale; a crearli è stata una spia britannica ormai in pensione per conto di una società di ricerca di Washington, a sua volta pagata prima dai repubblicani contro Trump e poi dai sostenitori della sua rivale, la candidata democratica Clinton. L'autore è considerato dai funzionari americani come un agente affidabile con molta esperienza in Russia ma quanto da lui riferito pare essere quanto sentito da informatori russi e che l'intelligence Usa non ha ancora saputo verificare.

Sono comunque quei memo a suggerire come per anni il governo russo abbia cercato modi per influenzare il miliardario di New York, che ha viaggiato ripetutamente a Mosca per sondare il terreno in campo immobiliare e per supervisionare la competizione di Miss Universo che per anni ha posseduto. Alla fine, scrive il New York Times, Trump non ha mai completato alcun accordo in quella nazione.

Visto il loro carattere esplosivo e considerato il rischio che il mondo ne venisse a conoscenza prima del diretto interessato, l'intelligence Usa ha deciso di informare Trump ma anche Obama e gli otto leader sia repubblicani sia democratici al Congresso, una decisione giudicata particolarmente insolita. Secondo il Financial Times, lo scorso agosto o settembre all'Fbi fu consegnato quel dossier. Sale la pressione sul capo dell'Fbi, quel James Comey che ha forse mandato all'aria la vittoria di Clinton a pochi giorni dall'Election Day e a cui mesi fa un senatore ormai in pensione, Harry Reid, aveva chiesto la pubblicazione di informazioni esplosive. Ora l'America chiede chiarezza. E il tempo stringe.

Altri Servizi

Wall Street, si allentano le tensioni sulla Corea del Nord

Oggi al via la settimana dell'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
AP

Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

Apple: il Senato Usa vuole spiegazioni su sicurezza Face ID nell'iPhone X

Il gruppo chiamato a rispondere a una serie di domande entro il 13 ottobre. Promette, per esempio, di non cedere i dati biometrici a scopi commerciali? E come ha catturato un miliardo di facce per lo sviluppo della funzione?
Apple

Il presidente della sottocommissione Giudiziaria del Senato dedicata a privacy e tecnologia ha scritto una lettera al Ceo di Apple chiedendo informazioni su Face ID, la funzione di riconoscimento facciale inclusa nel nuovo iPhone X da mille dollari.

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise in vendita per connettere i fan alle squadre

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).

Il 65% della Florida senza elettricità ma Irma fa meno paura, Dow sopra i 22mila punti

Si stimano costi inferiori legati all'uragano. Per Moody's spaziano dai 150 ai 200 miliardi di dollari includendo anche Harvey
AP

Per la prima volta dal 16 agosto, il Dow Jones Industrial Average ha chiuso una seduta a Wall Street sopra la soglia dei 22mila punti e l'S&P 500 ha messo a segno il suo 31esimo record del 2017. E' successo all'indomani dell'arrivo dell'uragano Irma in Florida, dove oltre 6,5 milioni di persone sono rimaste senza elettrocità; questo significa che il 65% dello Stato è al buio.

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.