Prostitute e tangenti russe, le informazioni esplosive su Trump che lui nega

Nessuno, nemmeno l'intelligence Usa che lo avrebbe informato, ha saputo confermare la veriditicità di un dossier curato da una ex spia britannica per conto dei critici del miliardario. L'Fbi indaga. Lui attacca: "Notizie false - caccia alle streghe"

Video di incontri sessuali con prostitute risalenti al 2013 e suggellati in un hotel di Mosca. Tangenti mascherate in proposte di affari assai redditizi fatte da funzionari russi. Incontri tra suoi rappresentanti e uomini del Cremlino avvenuti nel 2016 per discutere di interessi comuni, incluso l'hackeraggio a danno del partito democratico e del presidente della campagna di Hillary Clinton; John Podesta. Sono queste le informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma non confermate da nessuno - che hanno travolto Donald Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America. Mentre a Washington non si parlava di altro, i democratici chiedevano un'inchiesta e l'Fbi indagava. Dalla Trump Tower di New York il diretto interessato - a soli 10 giorni dal suo giuramento come 45esimo Commander in chief e alla vigilia della sua prima conferenza da quando ha vinto le elezioni l'8 novembre scorso - negava la bomba ossia che la Russia ha cercato non solo di coltivare rapporti con lui ma anche di rastrellare materiale con cui potenzialmente ricattarlo.

"Notizie false", ha tuonato il presidente eletto su Twitter a caratteri cubitali. "Una caccia alle streghe totalmente politica", ha aggiunto ricorrendo a un'espressione non nuova.

Secondo Cnn, i vertici dell'intelligence Usa venerdì 6 gennaio hanno presentato a Trump non solo documenti per dimostrare l'interferenza russa ordinata da Vladimir Putin nelle elezioni presidenziali ma anche, alla fine di quei documenti, due pagine che riassumevano quelle informazioni esplosive. Non è dato sapere se nel loro incontro - allora definito "costruttivo" da Trump - abbiano parlato di quelle due pagine. Kellyanne Conway, l'ex manager della campagna Trump e prossima sua consulente senior alla Casa Bianca, ha negato tutto: durante lo show "Late Night" con Seth Meyers ha sottolineato che "nulla è stato confermato" e che Trump "non ne sapeva nulla".

Quelle pagine comunque cruciali si basano su un dossier di 35 pagine pubblicato da BuzzFeed ma di cui WikiLeaks non ha voluto fare l'endorsement evidentemente dubitandone l'accuratezza, una caratteristica che il sito fondato da Julian Assange ha invece sempre vantato per il materiale pubblicato dall'organizzazione stessa e che ha travolto appunto il partito democratico e Podesta. Quel dossier è composto da memo scritti durante almeno l'ultimo anno elettorale; a crearli è stata una spia britannica ormai in pensione per conto di una società di ricerca di Washington, a sua volta pagata prima dai repubblicani contro Trump e poi dai sostenitori della sua rivale, la candidata democratica Clinton. L'autore è considerato dai funzionari americani come un agente affidabile con molta esperienza in Russia ma quanto da lui riferito pare essere quanto sentito da informatori russi e che l'intelligence Usa non ha ancora saputo verificare.

Sono comunque quei memo a suggerire come per anni il governo russo abbia cercato modi per influenzare il miliardario di New York, che ha viaggiato ripetutamente a Mosca per sondare il terreno in campo immobiliare e per supervisionare la competizione di Miss Universo che per anni ha posseduto. Alla fine, scrive il New York Times, Trump non ha mai completato alcun accordo in quella nazione.

Visto il loro carattere esplosivo e considerato il rischio che il mondo ne venisse a conoscenza prima del diretto interessato, l'intelligence Usa ha deciso di informare Trump ma anche Obama e gli otto leader sia repubblicani sia democratici al Congresso, una decisione giudicata particolarmente insolita. Secondo il Financial Times, lo scorso agosto o settembre all'Fbi fu consegnato quel dossier. Sale la pressione sul capo dell'Fbi, quel James Comey che ha forse mandato all'aria la vittoria di Clinton a pochi giorni dall'Election Day e a cui mesi fa un senatore ormai in pensione, Harry Reid, aveva chiesto la pubblicazione di informazioni esplosive. Ora l'America chiede chiarezza. E il tempo stringe.

Altri Servizi

Wall Street, attesa per le minute della Fed

La pubblicazione è prevista, come sempre, alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Accesso a informazioni top secret, scontro tra Kelly e Kushner

Il nuovo provvedimento del capo di gabinetto, voluto dopo il caso Porter, esclude il genero di Trump

Il capo di gabinetto della Casa Bianca, John Kelly, non sembra godere più della totale fiducia e considerazione di Donald Trump e la situazione sembra destinata solo a peggiorare, visto che ora il generale in pensione si sta scontrando con il genero del presidente statunitense, Jared Kushner, su chi possa accedere alle informazioni top secret.

Armi, Trump si schiera contro i bump stock e pensa ad alzare l'età minima per acquistare fucili

Il dispositivo che trasforma armi semiautomatiche in automatiche è da tempo al centro del dibattito ed è stato usato per la strage di Las Vegas. L'arma usata da Cruz, 19 anni, in Florida potrebbe essere vietata agli under 21

Dopo l'ultima strage in Florida, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto ai suoi consiglieri di non credere che un ragazzo che va a scuola debba poter acquistare armi e sarebbe pronto a considerare l'idea di imporre un'età minima di 21 anni per acquistare un fucile come quello usato in una high school di Parkland, dove sono morte 17 persone.

Trump appoggia Romney, candidato al Senato

Vecchie ruggini tra loro, ma il voto di Mitt sarebbe fondamentale in Aula. L'ex governatore ha ringraziato il presidente

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha manifestato su Twitter il proprio appoggio a Mitt Romney, candidato a prendere il seggio in Senato che sarà lasciato da Orrin Hatch, che rappresenta lo Utah in Aula dal 1977. Secondo il presidente, che aveva cercato di convincere Hatch, suo grande sostenitore, a ricandidarsi, Romney "sarà un grande senatore e un degno successore di Hatch. Ha il mio pieno sostegno e appoggio!".

La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Lei è la senatrice più votata nella storia degli Stati Uniti, loro sono tra i leader più importanti della Silicon Valley, il motore tech della California. Alle prossime primarie democratiche in vista delle elezioni di metà mandato, si troveranno l'una contro gli altri.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

La legalizzazione delle scommesse sportive divide gli Stati Uniti

Entro giugno, è attesa una sentenza della Corte Suprema che potrebbe dare il via libera in tutto il Paese, mentre per ora sono consentite solo in quattro Stati. A guidare i contrari è la Ncaa: l'integrità dello sport universitario sarebbe a rischio

In Italia e in molti Paesi d'Europa, le scommesse sportive non sono più un tabù e siamo ormai abituati a vedere le persone scommettere su ogni evento, dalla finale di Champions League alle partite di badminton in Indonesia. Negli Stati Uniti, invece, non è così. Ma le cose potrebbero presto cambiare.

Amazon punta sui prestiti, sigla alleanza con Bank of America

Secondo fonti di Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma.

Dopo i supermercati, le farmacie e gli ospedali, Amazon punta anche sulla concessione di prestiti. Secondo fonti della Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma di prestiti.