Prostitute e tangenti russe, le informazioni esplosive su Trump che lui nega

Nessuno, nemmeno l'intelligence Usa che lo avrebbe informato, ha saputo confermare la veriditicità di un dossier curato da una ex spia britannica per conto dei critici del miliardario. L'Fbi indaga. Lui attacca: "Notizie false - caccia alle streghe"

Video di incontri sessuali con prostitute risalenti al 2013 e suggellati in un hotel di Mosca. Tangenti mascherate in proposte di affari assai redditizi fatte da funzionari russi. Incontri tra suoi rappresentanti e uomini del Cremlino avvenuti nel 2016 per discutere di interessi comuni, incluso l'hackeraggio a danno del partito democratico e del presidente della campagna di Hillary Clinton; John Podesta. Sono queste le informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma non confermate da nessuno - che hanno travolto Donald Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America. Mentre a Washington non si parlava di altro, i democratici chiedevano un'inchiesta e l'Fbi indagava. Dalla Trump Tower di New York il diretto interessato - a soli 10 giorni dal suo giuramento come 45esimo Commander in chief e alla vigilia della sua prima conferenza da quando ha vinto le elezioni l'8 novembre scorso - negava la bomba ossia che la Russia ha cercato non solo di coltivare rapporti con lui ma anche di rastrellare materiale con cui potenzialmente ricattarlo.

"Notizie false", ha tuonato il presidente eletto su Twitter a caratteri cubitali. "Una caccia alle streghe totalmente politica", ha aggiunto ricorrendo a un'espressione non nuova.

Secondo Cnn, i vertici dell'intelligence Usa venerdì 6 gennaio hanno presentato a Trump non solo documenti per dimostrare l'interferenza russa ordinata da Vladimir Putin nelle elezioni presidenziali ma anche, alla fine di quei documenti, due pagine che riassumevano quelle informazioni esplosive. Non è dato sapere se nel loro incontro - allora definito "costruttivo" da Trump - abbiano parlato di quelle due pagine. Kellyanne Conway, l'ex manager della campagna Trump e prossima sua consulente senior alla Casa Bianca, ha negato tutto: durante lo show "Late Night" con Seth Meyers ha sottolineato che "nulla è stato confermato" e che Trump "non ne sapeva nulla".

Quelle pagine comunque cruciali si basano su un dossier di 35 pagine pubblicato da BuzzFeed ma di cui WikiLeaks non ha voluto fare l'endorsement evidentemente dubitandone l'accuratezza, una caratteristica che il sito fondato da Julian Assange ha invece sempre vantato per il materiale pubblicato dall'organizzazione stessa e che ha travolto appunto il partito democratico e Podesta. Quel dossier è composto da memo scritti durante almeno l'ultimo anno elettorale; a crearli è stata una spia britannica ormai in pensione per conto di una società di ricerca di Washington, a sua volta pagata prima dai repubblicani contro Trump e poi dai sostenitori della sua rivale, la candidata democratica Clinton. L'autore è considerato dai funzionari americani come un agente affidabile con molta esperienza in Russia ma quanto da lui riferito pare essere quanto sentito da informatori russi e che l'intelligence Usa non ha ancora saputo verificare.

Sono comunque quei memo a suggerire come per anni il governo russo abbia cercato modi per influenzare il miliardario di New York, che ha viaggiato ripetutamente a Mosca per sondare il terreno in campo immobiliare e per supervisionare la competizione di Miss Universo che per anni ha posseduto. Alla fine, scrive il New York Times, Trump non ha mai completato alcun accordo in quella nazione.

Visto il loro carattere esplosivo e considerato il rischio che il mondo ne venisse a conoscenza prima del diretto interessato, l'intelligence Usa ha deciso di informare Trump ma anche Obama e gli otto leader sia repubblicani sia democratici al Congresso, una decisione giudicata particolarmente insolita. Secondo il Financial Times, lo scorso agosto o settembre all'Fbi fu consegnato quel dossier. Sale la pressione sul capo dell'Fbi, quel James Comey che ha forse mandato all'aria la vittoria di Clinton a pochi giorni dall'Election Day e a cui mesi fa un senatore ormai in pensione, Harry Reid, aveva chiesto la pubblicazione di informazioni esplosive. Ora l'America chiede chiarezza. E il tempo stringe.

Altri Servizi

21st Century Fox: all'assemblea dei soci confermato il potere dei Murdoch

Bocciata la proposta di abolire l'esistenza di due classi di azioni. No comment sui negoziati con Disney. Fiducia per il completamento della scalata di Sky nel 2018
AP

E' rimasto deluso chi si aspettava che dall'assemblea annuale degli azionisti di 21st Century Fox emergessero conferme di presunti negaziati avuti con Walt Disney per la cessione di asset dell'impero di Rupert Murdoch.

Molestie alle Olimpiadi: oltre 290 coach e dirigenti americani accusati di condotta sessuale inappropriata

Un'inchiesta del Washington Post mette in luce un problema sistemico che va avanti dal 1982: otto molestie l'anno, una ogni sei settimane
Ap

Continua ad allargarsi lo scandalo sessuale nel mondo dello sport olimpico americano. Ci sono state infatti oltre 290 persone, tra allenatori e dirigenti sportivi legati a organizzazioni olimpiche, accusate pubblicamente di molestie o di condotte sessuali inappropriate. È questo il risultato dell’inchiesta del Washington Post che prende in considerazione il periodo che va dal 1982 ad oggi.

Usa: si dimette il direttore dell'agenzia per la protezione dei consumatori

Richard Cordray lascia in anticipo. Fu nomina da Barack Obama alla guida di un'ente creato dopo la crisi finanziaria del 2008. Ne è stato l'unico numero uno. L'addio spiana la strada alla deregulation di Trump
Consumer Financial Protection Bureau

Richard Cordray, direttore del Consumer Financial Protection Bureau (l'agenzia preposta alla protezione dei consumatori nel settore finanziario), ha annunciato che intende lasciare il suo ruolo alla fine di novembre. Cordray mette così fine a un incarico durato sei anni e creato dalla riforma finanziaria post crisi, la Dodd-Frank.

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Dopo l'Expo, 'Orgoglio Brescia' va a Chicago con l'opera Leosphere

Il consorzio confindustriale che ha piantato l'Albero della vita all'esposizione universale a Rho festeggia il 45esimo anniversario del gemellaggio tra Milano e la Windy City con la creazione di Florian Boje

Dopo avere piantato l’Albero della Vita all'Expo 2015 di Milano, il consorzio confindustriale “Orgoglio Brescia” dimostra le sue ambizioni internazionali con una nuova opera: Leosphere.  Si tratta di una sfera in legno alta 45 metri ispirata agli studi di Leonardo da Vinci, che la cordata composta da 18 aziende bresciane ad alta specializzazione porterà al centro di Chicago nel 2018 per celebrare il 45esimo anniversario del gemellaggio tra la città dell'Illinois e Milano. L'opera, creata da Florian Boje, è pensata per rappresentare l'incontro, la contaminazione, il dialogo tra l'ingegno italiano e tecnologia americana.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Cristiana Pegoraro: l'arte di suonare per promuovere (e raccontare) la musica classica

La pianista e compositrice italiana è tornata a Carnegie Hall. Di origini ternane, vuole svecchiare un genere musicale che secondo lei sopravviverà. Il suo messaggio: aprire il cuore all'arte

 

Il Mondiale delle escluse, l'idea che arriva dagli Usa

Molte nazionali di rilievo non andranno in Russia. Perché, allora, non organizzare un torneo tra loro, sull'esempio del basket universitario statunitense?
Ap

L'idea nasce negli Stati Uniti, dove il precedente - nel basket - esiste già: perché non organizzare un Mondiale di calcio con le nazionali escluse? A proporlo è il giornalista statunitense Andrew Joseph su Usa Today, ma l'idea era già da ore in circolo sui social network. Italia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Cile sono solo alcune delle grandi escluse dal Mondiale del prossimo anno in Russia, che hanno fatto sprofondare nella tristezza i fan e provocato danni enormi anche a chi aveva investito sulla loro qualificazione, come le televisioni. Perché, allora, non organizzare un Mondiale a inviti, come succede per il basket universitario negli Stati Uniti con il Nit? Nit sta per National Invitational Tournament, sarcasticamente ribattezzato 'Not in Tournament', corrispondente peraltro alla verità: nata prima del campionato Ncaa, è poi diventata la competizione di consolazione per le squadre escluse dal grande torneo.

Trump vuole nuove misure per difendere Usa da Nordcorea

Il presidente americano ha suggerito al Congresso di approvare lo stanziamento di 4 miliardi di dollari: serviranno per costruire sistemi informatici in grado di fermare le testate di Pyongyang prima che escano dai confini dello Stato.
AP

Nonostante gli Stati Uniti abbiano un sistema di difesa sicuro e costato più di 100 miliardi di dollari, l'amministrazione Trump si prepara ad aumentare le precauzioni per difendersi dagli attacchi missilistici della Corea del Nord.

L'amministrazione Trump conferma: riforma fiscale entro Natale

Resta da vedere se la promessa del presidente Usa verrà mantenuta. La Camera ha approvato la bozza ma l'iter al Senato sembra più complicato. Mnuchin: siamo fiduciosi

L'amministrazione Trump continua a essere convinta che una riforma fiscale verrà sottoscritta dal presidente in carica entro Natale. Per Donald Trump sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca il 20 gennaio 2016. A confermare la tempistica promessa dal governo è il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin.